Il 1° maggio è un giorno di lotta

Citazione

 

Il  1° Maggio è il giorno in cui i lavoratori ricordano a tutto il mondo che sono loro la forza principale della società.La questione del lavoro è oggi centrale nel nostro paese che ha una tra le più alte percentuali di disoccupazione tra i giovani.E le condizioni di lavoro per chi lo ha sono in continuo peggioramento come confermano  purtroppo i 1100 infortuni mortali sul lavoro nell’ultimo anno.Questa situazione è il frutto di una politica che in questi anni ha favorito gli interessi delle grandi multinazionali che dettano legge sui mercati mondiali con la riduzione dei salari e dei diritti dei lavoratori.Una politica che avrebbe dovuto vedere una forte opposizione dei maggiori sindacati  e della cosiddetta sinistra e che invece è stata da questi favorita.L’appello lanciato per l'”unità sindacale” da CGIL-CISL-UIL ai cortei per il 1° maggio suona perciò come un tentativo di coprire le loro responsabilità.

Vi sono state iniziative per il 1° maggio che hanno voluto ribadire che questo è un giorno di festa ma anche di lotta.Una di queste iniziative è stata promossa dalla Confederazione Unitaria di Base di Padova e Treviso che  ha organizzato un’iniziativa aperta ai lavoratori con  tema la sicurezza e gli incidenti sul lavoro con uno  spettacolo della compagnia ” la Baracca” di Prato molto interessante e che ha coinvolto i presenti in un dibattito di grande attualità.L’iniziativa ha voluto tenere vivo il primo maggio come giornata di festa in ricordo dell’approvazione nel lontano 1867 delle 8 ore negli Stati Uniti d’America,cui seguì nel 1° maggio del 1886 a Chicago un attentato di cui furono accusati e impiccati 8 operai innocenti  .Nel 1889 venne poi deciso dall’insieme del movimento operaio di organizzare per il primo maggio dimostrazioni in tutti i paesi per ridurre la giornata lavorativa a 8 ore.Una giornata dunque di festa ma anche di conflitto nello spirito della continuazione della lotta di classe del movimento dei lavoratori.

 

Il lavoro,i giovani,il diritto alla pensione.

Citazione

Interessante convegno del Sindacato Autonomo dei Pensionati

 

Da tempo si cerca nel nostro paese di creare una spaccatura tra vecchie e nuove generazioni di lavoratori sul problema delle pensioni. La teoria che il padronato vuol far passare è che la colpa delle pensioni troppo basse per le nuove generazioni è delle pensioni troppo alte dei lavoratori anzini.

Una falsa contrapposizione che nasconde il vero problema: una diminuzione dei salari ed una precarizzazione del lavoro che mette a rischio l’accantonamento necessario del monte salario su cui si basa il sistema pensionistico se si considera che su questo pesa anche buona parte della previdenza sociale.

Stiamo parlando delle pensioni da lavoro dipendente dei lavoratori operai e impiegati e delle pensioni da lavoro autonomo non certo delle pensioni privilegiate dei funzionari statali o dei managers di grandi gruppi industriali e bancari.

Ci sono varie iniziative nel nostro paese sulla questione delle pensioni portate avanti da diverse associazioni sindacali,una di queste,organizzata dal sindacato autonomo pensionati,S.A.Pens, si è tenuta di recente a Milano a Palazzo Marino .

Riportiamo alcuni passi del comunicato finale del convegno che ci paiono particolarmente interessanti :

“nella sua relazione Roberto Alfieri, ha evidenziato che non c’è ragione per contrapporre il benessere dei vecchi con quello dei giovani, in particolare per quanto riguarda la salute. La salute dipende soprattutto dal modo in cui si nasce, si cresce, si studia,si lavora e si invecchia. In tal senso occorrono dunque politiche economiche e sociali che migliorino le condizioni di vita lungo tutta la traiettoria esistenziale, eliminando le disuguaglianze che si generano legate alle condizioni economiche.”

“Così, Angelo Marano, guardando ai limiti e alle contraddizioni dell’attuale sistema pensionistico – nel quale non vi è equità attuariale per i lavoratori a basso reddito –constatando che nel mondo del lavoro oggi i salari sono molto bassi e le carriere corte e discontinue, poneva alcune opzioni per superare tali limiti, a salvaguardia delle pensioni dei giovani di oggi che, dopo il 2040, riceveranno una pensione drasticamente ridotta.Criticando fortemente le riforme pensionistiche approvate negli ultimi venticinque anni,ispirate alla regressione e al taglio dei diritti previdenziali, Lorenzo Dorato, le metteva a confronto con le politiche di precarizzazione del mercato del lavoro, dei tassi della disoccupazione di massa, nonché della crisi demografica e del calo della natalità.Constatando, in tale dinamica, un sistema che spezza i legami di solidarietà che invece sussistono tra interessi della generazione lavoratrice ed interessi della generazione in pensione.”

“La platea, attenta e desiderosa di approfondire e di discutere, pur limitata dal breve tempo a disposizione, è però riuscita ad approfondire e allargare il dibattito ponendo sia nuove tematiche, come quelle legate alle nuove tecnologie, alla robotica e all’intelligenza artificiale nei luoghi di lavoro, dunque alle aspettative di riduzione dell’orario di lavoro per favorire l’occupazione, come pure in un nuovo intervento di Stato in opere pubbliche per ridurre la disoccupazione, senza tralasciare le spese pubbliche che salvaguardino i livelli di stato sociale.Per favorire tutto ciò, viene rimarcata l’esigenza di equità nella scelta di un sistema tributario improntato ai criteri di progressività, costituzionalmente tutelato, che inverta il modello sociale liberista che dà preminenza ad una visione individualistica della società. Un sistema più giusto, che avvantaggi i diritti della comunità, salvaguardando in particolare i redditi da pensione e da lavoro, e che riveda l’attuale tassazione privilegiata dei redditi derivanti da rendite finanziarie, immobiliari e profitti di redditi societari delle grandi imprese, che da decenni godono di deduzioni e decontribuzioni del costo del lavoro, senza peraltro favorire l’occupazione. “

Come si può vedere molti temi importanti in discussione che vengono affrontati anche da altre associazioni e che il blog pennabiro ha messo all’ordine del giorno in vari convegni.Occorre perciò approfondire i vari problemi,collegare tra di loro i momenti di discussione e puntare ad una piattaforma unitaria .

La redazione