L’ILVA e l’acciaio sono problemi italiani ma anche europei

Citazione

Sono tre i problemi da affrontare nella questione dell’ILVA di Taranto.

In primo luogo la salute dei lavoratori e della popolazione di Taranto. In secondo luogo la necessità per tutta l’industria italiana di mantenere nel nostro paese la produzione di acciaio. In terzo luogo togliere il monopolio della produzione dell’acciaio alla multinazionale Arcelor-Mittal per garantire gli interessi nazionali ed europei.

I primi due punti possono e devono essere risolti con una riconversione industriale che abbia come fine il mantenimento della produzione di acciaio ma con nuove tecnologie che non inquinano. Queste tecnologie esistono,sono già in fase di sperimentazione in Austria ed in Svezia sulla base di un progetto finanziato dalla UE. Se si fa in quei paesi perché non si può fare anche a Taranto?

L’obiezione alla riconversione è che i tempi per la trasformazione tecnologica dell’ILVA saranno lunghi ,in realtà si è perso tempo ed occorre accelerarla per garantire l’occupazione e la salute dei tarantini. Vorrà dire anche che durante la riconversione tecnologica ci sarà un impegno maggiore degli altri produttori nazionali e che la Commissione europea in accordo con il governo italiano si incaricherà di trovare i fornitori dell’acciaio necessario per tutto il periodo.

Le altre ipotesi sono la chiusura dello stabilimento o il dimezzamento della produzione e degli occupati .

La chiusura dello stabilimento ILVA sostituito da un cosiddetto parco tecnologico non risponde all’esigenza di avere l’acciaio necessario ai prezzi ed ai tempi garantiti dall’ILVA per tutto il settore metalmeccanico che è il fulcro della nostra industria e della nostra esportazione,non garantisce il mantenimento dei livelli di occupazione e lascerebbe un problema enorme rispetto all’ambiente per lo smaltimento degli impianti.

L’ipotesi del dimezzamento della produzione e degli addetti,che potrebbe uscire dalle trattative con il governo, farebbe soltanto il gioco di Arcelor-Mittal a tutto scapito dell’Italia.I lavoratori devono essere pronti a respingere questa ipotesi comunque camuffata .

*************

La questione ILVA,la decarbonizzazione,i dazi imposti da Trump e l’acciaio sotto costo prodotto con gli aiuti di stato in Asia , mettono in evidenza che l’acciaio non è soltanto un problema italiano,è un problema per tutta l’Europa ,è uno dei problemi su cui si gioca il futuro industriale nel mondo e che non può essere lasciato in mano alla proprietà privata di multinazionali che non rispondono né ai governi nazionali né all’Unione Europea.

E’ un settore strategico e come tale va affrontato sulla base dei criteri che erano i fondamenti della CECA,Comunità del carbone e dell’acciaio ,per un nuovo piano che garantisca a tutti i paesi europei la produzione di acciaio con un nuovo livello tecnologico non inquinante.

La UE deve difendere l’industria europea a sua volta con aiuti ai produttori europei di acciaio,in questo modo non saranno più considerati aiuti di stato ma utilizzo di fondi europei.

*******************

La questione ILVA mette una volta per tutte a nudo la mancanza di una politica industriale nel nostro paese che dura dagli anni 90 e le gravi responsabilità dei partiti politici italiani di  nessuno dei quali ha saputo in tutti questi anni farsi carico del problema.

Va detto che la cessione in affitto e la successiva vendita dell’Ilva pattuita alla multinazionale franco-indiana è stata una grave scelta di svendita dell’industria nazionale .Siamo ancora in tempo per annullarla.

Lo stabilimento siderurgico di Taranto fu inaugurato nel 1965 nel pieno del boom economico che vedeva nella siderurgia uno dei settori chiave dello sviluppo industriale. L’attenzione ai problemi dell’ambiente,della salute,della prevenzione degli infortuni erano certamente inferiori a quelle del giorno d’oggi e tuttavia anche adesso,nonostante esistano nuove tecnologie in grado di ridurre l’inquinamento e garantire migliori condizioni di sicurezza e di salute ai lavoratori ed agli abitanti vicino alle fabbriche,la logica del profitto continua a prevalere. Basta guardare ai dati sui morti sul lavoro e alle morti per inquinamento industriale.

Si è creato così spesso il contrasto tra salute e lavoro risolto normalmente non con l’introduzione delle nuove tecnologie ma con lo sfruttamento fino all’ultimo dei vecchi impianti ed in seguito con lo spostamento delle lavorazioni nocive in paesi in via di sviluppo.

Invece unire il lavoro alla salute è possibile.

I lavoratori e i cittadini di Taranto non sono soli,anche negli altri stabilimenti di ArcelorMittal in Francia,Spagna,Polonia ci sono problemi.

Occorre perciò costruire una piattaforma comune per sconfiggere le manovre ed i ricatti della multinazionale con l’obiettivo di ottenere una nuova industria europea dell’acciaio non inquinante, costituire una rappresentanza autonoma dei lavoratori degli stabilimenti che non può essere certo l’attuale comitato aziendale europeo Arcelor Mittal e mettere i governi nazionali e l’Unione Europea di fronte alle loro responsabilità.

Riguardo al futuro dell’ILVA, il nostro punto di vista ,rispondendo così al terzo problema posto all’inizio, è che la soluzione alle acciaierie di Taranto sia quella di creare una nuova società in cui la proprietà non sia più di ArcelorMittal ed in cui vi sia la presenza dello stato italiano,la presenza della Commissione Europea con gli aiuti alla riconversione, la presenza dei produttori italiani di acciaio e la presenza di una rappresentanza forte dei lavoratori ,dagli operai agli impiegati agli ingegneri.

Via la multinazionale ArcelorMittal,avanti la Nuova Società Ilva

 

I.R.

Trenta anni fa’ la Bolognina

Citazione

di    Roberto Bertini

30 anni or sono, 12 novembre 1989, alla Bolognina, Achille Occhetto, segretario del PCI, annunciava la famosa svolta che avrebbe portato, il 3 febbraio 1991, il suo partito a cambiare nome e simbolo, il PDS con la quercia grande e la falce e martello piccoli in basso.

Il rapporto con la crisi in corso in Unione Sovietica era del tutto evidente. Dopo i tentativi di Gorbacev di rimettere in piedi una economia disastrata con l’apertura al capitale straniero e il colpo di stato nell’agosto dello stesso anno che prima l’aveva detronizzato e poi rimesso a capo del PCUS,a dicembre l’URSS veniva sciolta definitivamente.

Anche di recente lo stesso Occhetto, ed altri che con lui dettero impulso a quell’evento, hanno descritto quel periodo come quello del più grande dibattito libero e democratico che si è svolto in Italia e addirittura in Occidente.

In effetti in quel periodo ci fu un’abbondanza di articoli e di lettere ai giornali, a cominciare da L’Unità, dove molti dicevano la loro opinione sugli argomenti di politica, storia, di filosofia per prendere posizione pro o contro le scelte indicate dal segretario.

Non dimentichiamo che 3 giorni prima era caduto il Muro di Berlino e le vicende internazionali avevano sollecitato quanti da tempo, di area socialista e liberale, chiedevano questo cambiamento.

Il dibattito non si fermò nelle redazioni ma coinvolse iscritti e simpatizzanti del PCI assumendo caratteri drammatici, melodrammatici e anche comici, comunque caotici.

Ma,fondamentalmente,questo dibattito non rispose alla domanda di fondo che andava fatta: si poteva definire socialismo quello esistente in URSS? Era questa la vera domanda che occorreva porsi ,che veniva posta nel movimento comunista internazionale e che veniva posta anche da alcune forze in Italia. La crisi dell’URSS,della sua politica da grande potenza militare ma di miseria per le masse popolari,avrebbe dovuto da tempo aprire un dibattito sulla vera natura del sistema sociale che si era venuto a creare dagli anni 50 in poi in quello che era stato il primo paese socialista. Ma il gruppo dirigente del PCI aveva sempre evitato di affrontare l’argomento.

La cosiddetta svolta della Bolognina,il cambio del nome,fu quindi da un lato un non volere fare un vero bilancio storico del movimento comunista,dall’altro l’accettazione del sistema borghese e l’accomodamento a questo con una sigla,democratici di sinistra,più accettabile in quel sistema.

Achille Occhetto, Walter Veltroni e gli altri dirigenti di quel periodo hanno fatto poi una notevole confusione sul loro progetto di voler fare un partito più democratico,contestando le regole del “centralismo democratico”.

Evidentemente nè loro nè i loro avversari hanno idea di cosa sia la democrazia.

Certamente la vita interna del PCI fino a tutta l’epoca di Berlinguer era governata da un rigido centralismo e il segretario decideva e comandava per tutti. Ma quello non era il centralismo democratico,sistema di discussione in cui tutti gli iscritti hanno il diritto di esprimere le proprie posizioni ed in cui al termine della discussione le decisioni vanno prese a larga maggioranza. Quello vigente nel PCI era piuttosto il centralismo burocratico in cui le decisioni venivano prese dal ristretto gruppo dirigente.

In un dibattito autentico e democratico si richiede che quanti vi partecipano posseggano un vocabolario comune, conoscano l’oggetto che è in discussione, una comunanza di esperienze e una comunanza di interessi e di propositi, e tutto questo non c’era negli scontri che seguirono alla svolta della Bolognina.

Successivamente e soprattutto nel periodo di transizione al PDS prevalse una Babilonia, un tutti contro tutti, che dura ancora oggi in quella che era lo schieramento di sinistra in parlamento,basta guardare oggi ai rapporti tra il PD di Zingaretti ed Italia viva di Renzi che è comunque una parte del PD .

Nel caso specifico prevalsero, e prevalgono anche oggi, fra gli eredi di quel partito, quelli che avevano e hanno più strumenti per finanziare la loro attività; quelli che avevano e hanno più legami con le redazioni di giornali e telegiornali, più legami clientelari con le categorie sociali più privilegiate e influenti e con gli apparati dello stato, a cominciare dalla magistratura, con le banche e le assicurazioni, con le coop, oltre ai soldi che venivano dall’estero.

La Bolognina fu dunque una tappa di quel lungo processo di trasformazione del partito comunista italiano da partito della classe operaia,del lavoro,con una sua visione ed un progetto di società alternativa e superiore al capitalismo,a partito di accettazione della società borghese fino a divenire partito di una parte di questa società borghese e come tale destinato a perdere progressivamente il rapporto con le masse popolari.Un processo di trasformazione che viene da lontano ,dai tempi di Togliatti e della teoria delle cosiddette riforme di struttura di Togliatti che avrebbero dovuto trasformare la società a favore dei lavoratori .

L’attrazione dei lavoratori verso altre organizzazioni o movimenti politici come la Lega o i 5S che non hanno una visione alternativa al capitalismo è quindi un fatto reale,spiegabile con la progressiva involuzione del PCI a PdS PD sempre più evidente a tutti,ma deve essere vista anche come un fatto temporaneo perché la lotta dei classe tra capitale e lavoro continua ad esistere e ,per forza di cose ,dovrà prendere nuove forme.