La digitalizzazione europea passa per Gaia-X ?

Citazione

 

A novembre dell’anno scorso ,in occasione del summit digitale 2019 tenuto a Dortmund venne presentato il progetto franco-tedesco Gaia-X per un sistema europeo di raccolta informatica dei dati degli utenti, un magazzino europeo ,un cloud europeo.

E’ noto che con l’utilizzo sempre più frequente di Internet per comunicare,scaricare foto o video ,acquistare prodotti ,ogni volta insomma che facciamo un clic davanti al computer o utilizziamo il cellulare, trasmettiamo dei dati che poi vengono messi in grandi magazzini virtuali, detti in inglese cloud, a cui possono attingere le imprese,soprattutto le grandi, per indirizzare i loro investimenti  .Tutti questi dati vengono poi utilizzati per trasmettere pubblicità ed influenzare non solo gli acquisti ma anche i comportamenti sociali.

Questi magazzini virtuali,cloud appunto, acquistano quindi un valore notevole tanto è vero che ,secondo le stime della Commissione Europea,l’economia dei dati dei paesi europei potrà valere nel 2025 ben 829 miliardi di euro. Miliardi su cui hanno messo gli occhi da tempo i big del web, vale a dire Amazon,Google,Facebook,Apple, Alibaba.

Sorge però una domanda: è un progetto di piena autonomia dai colossi del web americani e cinesi oppure no ? L’interrogativo è d’obbligo, non avendo ancora l’Europa sviluppato una politica comune per il digitale pur essendo  tra i punti principali del piano di rilancio non ancora del tutto approvato del Recovery Fund . In altre parole le centinaia di miliardi previsti per la digitalizzazione verranno spesi bene per una vera autonomia digitale dell’Europa o permetteranno ai big mondiali di metterci lo zampino ?

Alcune riviste dedicate particolarmente al settore informatico hanno pubblicato articoli piuttosto scettici al riguardo. Wired,rivista mensile statunitense fondata a San Francisco conosciuta nel1993 come “La Bibbia di Internet” ed acquistata in seguito dall’editore di Vogue e Vanity fair, sottolinea come il progetto Gaia-X non sia una vera e propria piattaforma bensì un’alleanza commerciale basata su regole comuni sulla protezione dei dati che deve necessariamente passare da un accordo con i signori del web che infatti sono tutti saliti a bordo di Gaia. Il quotidiano online Key4biz.it a sua volta ,in un articolo di settembre ,sostiene che una cosa è Gaia altra cosa è la sovranità digitale degli europei e degli italiani, che Gaia-X non è sufficiente a tutelare i dati strategici e sensibili di un paese e in definitiva che se l’erogazione dei servizi attraverso la rete internet e quindi i cloud passasse nelle mani dei colossi del web,verrebbe meno il controllo sull’economia dei paesi europei.

Ci pare di capire dunque che il problema si presenti in questo modo: Internet è una struttura di reti informatiche in possesso dei big americani con l’ingresso di big di altri paesi sulla base di particolari accordi. L’Europa, checchè ne dicano la presidente della Comissione Europea nonché i ministri dell’economia tedesco e francese che hanno presentato il progetto, se vuole avere un posto a tavola nel business dei dati deve accettare l’attuale monopolio di chi ha in mano Internet (satelliti,server,cavi sottomarini ecc.).

Occorre inoltre precisare che le regole sulla tutela dei dati del Cloud Act americano ,che permette alle forze dell’ordine statunitensi di accedere ai dati di clienti stranieri e alle multinazionali di prelevare informazioni a prescindere dalla collocazione geografica dei server ,cozza contro le norme del regolamento europeo GDPR approvato nel 2018 che stabilisce che i dati sensibili dei cittadini comunitari debbano essere sottoposti alla giurisdizione di Bruxelles.

Il commissario europeo per il mercato interno, Thierry Breton,ha affermato di recente che “cloud e digitale sono vitali per la sovranità europea”.

Sarebbe stato forse più onesto da parte sua riconoscere che i ritardi della digitalizzazione, che il coronavirus ha accentuato, derivano dalle divisioni tra i governi europei che hanno impedito all’Europa di fare una sola voce e che la sovranità europea non può che derivare da questo, nel digitale come in tutti gli altri settori strategici industriali e scientifici.

Quella politica comune che è mancata tra gli Stati europei che invece più volte è stata richiesta dalle proteste popolari per il lavoro, tasse ed altro (ad esempio in Francia). Ogni stato ha pensato e continua a fare per sé, come finora hanno fatto Francia e Germania, su politica industriale, lavoro, difesa, politiche sociali e fiscali e tutto ciò che dovrebbe essere di interesse comune. Per questo motivo nel campo della digitalizzazione, settore importantissimo per lo sviluppo economico e sociale del continente, l’Europa non si è costruita un suo progetto ed è perciò dovuta stare al passo dei grandi colossi mondiali dei cloud statunitensi .

Tanto è vero che l’Europa non figura con nessun operatore nella top ten dei cloud digitali mondiali. La tedesca Sap, ad esempio, viaggia a rimorchio di multinazionali Usa come IBM, Dell,Oracle e Salesforce (Wired).

Il progetto Gaia-X non è però il frutto di un vero concerto tra i paesi aderenti all’Unione Europea,piuttosto di un accordo tra i due principali paesi europei e delle proprie aziende,Germania e Francia ,e questo dimostra ancora una volta che, in mancanza di una politica comune europea, il capitale e i capitalisti, pubblici o privati, si muovono al di fuori di qualsiasi regola per incrementare i loro utili, per l’appunto, indipendentemente  dai reali interessi dei popoli europei. .

Detto in un altro modo non si può che pensare  che, in Europa, i passi in avanti li fanno prima per i propri interessi le grandi imprese e poi, forse, a traino di queste , la politica per i cittadini europei e in questo caso  la lotta dei lavoratori è essenziale.Tutto ciò denota un carattere della costruzione  dell‘Europa ancora ben lontana da obiettivi sociali.

La pandemia sembrava aver cambiato in parte la visione di quella che dovrebbe essere una politica comune europea condivisa e i piani di investimento in alcuni settori previsti dal recovery fund tra cui appunto, oltre alla sanità, la digitalizzazione , sono stati presentati ai cittadini europei come un cambiamento nella politica europea.

In questo caso allora il progetto Gaia-X va a nostro avviso assolutamente rivisto.

Non solo la questione di costituire un cloud europeo va ridiscussa con tutti i paesi aderenti ,ma ,se si vuole arrivare ad una digitalizzazione dell’economia europea in piena autonomia , occorre andare alla radice del problema e comprendere che l’unica vera soluzione è quella per cui l’Europa deve costruirsi il suo sistema di rete autonomo,il suo Internet ,investendo bene tutti i soldi del Recovery Fund e quelli che mancano, costi quello che costi,consapevoli che questo è un investimento sul futuro ,sui giovani,sull’indipendenza dell’Europa. Altrimenti ,anche se qualcuno ci guadagnerà, saranno soldi buttati.

Se consideriamo che a Gaia-X, sicuramente attratti dalla spartizione degli utili tanto quanto incuranti delle conseguenze future sulla economia e sulla politica dell’Unione europea e cioè  diventare una colonia digitale dei five big ,hanno già aderito senza un vero dibattito pubblico 29 aziende italiane tra informatiche,TIM,Intesa SanPaolo e Poste Italiane, ci si può rendere conto dell’importanza della questione.

                                                                     Andrea Acierno-Iglis Restani

L’ILVA e l’acciaio sono problemi italiani ma anche europei

Citazione

Sono tre i problemi da affrontare nella questione dell’ILVA di Taranto.

In primo luogo la salute dei lavoratori e della popolazione di Taranto. In secondo luogo la necessità per tutta l’industria italiana di mantenere nel nostro paese la produzione di acciaio. In terzo luogo togliere il monopolio della produzione dell’acciaio alla multinazionale Arcelor-Mittal per garantire gli interessi nazionali ed europei.

I primi due punti possono e devono essere risolti con una riconversione industriale che abbia come fine il mantenimento della produzione di acciaio ma con nuove tecnologie che non inquinano. Queste tecnologie esistono,sono già in fase di sperimentazione in Austria ed in Svezia sulla base di un progetto finanziato dalla UE. Se si fa in quei paesi perché non si può fare anche a Taranto?

L’obiezione alla riconversione è che i tempi per la trasformazione tecnologica dell’ILVA saranno lunghi ,in realtà si è perso tempo ed occorre accelerarla per garantire l’occupazione e la salute dei tarantini. Vorrà dire anche che durante la riconversione tecnologica ci sarà un impegno maggiore degli altri produttori nazionali e che la Commissione europea in accordo con il governo italiano si incaricherà di trovare i fornitori dell’acciaio necessario per tutto il periodo.

Le altre ipotesi sono la chiusura dello stabilimento o il dimezzamento della produzione e degli occupati .

La chiusura dello stabilimento ILVA sostituito da un cosiddetto parco tecnologico non risponde all’esigenza di avere l’acciaio necessario ai prezzi ed ai tempi garantiti dall’ILVA per tutto il settore metalmeccanico che è il fulcro della nostra industria e della nostra esportazione,non garantisce il mantenimento dei livelli di occupazione e lascerebbe un problema enorme rispetto all’ambiente per lo smaltimento degli impianti.

L’ipotesi del dimezzamento della produzione e degli addetti,che potrebbe uscire dalle trattative con il governo, farebbe soltanto il gioco di Arcelor-Mittal a tutto scapito dell’Italia.I lavoratori devono essere pronti a respingere questa ipotesi comunque camuffata .

*************

La questione ILVA,la decarbonizzazione,i dazi imposti da Trump e l’acciaio sotto costo prodotto con gli aiuti di stato in Asia , mettono in evidenza che l’acciaio non è soltanto un problema italiano,è un problema per tutta l’Europa ,è uno dei problemi su cui si gioca il futuro industriale nel mondo e che non può essere lasciato in mano alla proprietà privata di multinazionali che non rispondono né ai governi nazionali né all’Unione Europea.

E’ un settore strategico e come tale va affrontato sulla base dei criteri che erano i fondamenti della CECA,Comunità del carbone e dell’acciaio ,per un nuovo piano che garantisca a tutti i paesi europei la produzione di acciaio con un nuovo livello tecnologico non inquinante.

La UE deve difendere l’industria europea a sua volta con aiuti ai produttori europei di acciaio,in questo modo non saranno più considerati aiuti di stato ma utilizzo di fondi europei.

*******************

La questione ILVA mette una volta per tutte a nudo la mancanza di una politica industriale nel nostro paese che dura dagli anni 90 e le gravi responsabilità dei partiti politici italiani di  nessuno dei quali ha saputo in tutti questi anni farsi carico del problema.

Va detto che la cessione in affitto e la successiva vendita dell’Ilva pattuita alla multinazionale franco-indiana è stata una grave scelta di svendita dell’industria nazionale .Siamo ancora in tempo per annullarla.

Lo stabilimento siderurgico di Taranto fu inaugurato nel 1965 nel pieno del boom economico che vedeva nella siderurgia uno dei settori chiave dello sviluppo industriale. L’attenzione ai problemi dell’ambiente,della salute,della prevenzione degli infortuni erano certamente inferiori a quelle del giorno d’oggi e tuttavia anche adesso,nonostante esistano nuove tecnologie in grado di ridurre l’inquinamento e garantire migliori condizioni di sicurezza e di salute ai lavoratori ed agli abitanti vicino alle fabbriche,la logica del profitto continua a prevalere. Basta guardare ai dati sui morti sul lavoro e alle morti per inquinamento industriale.

Si è creato così spesso il contrasto tra salute e lavoro risolto normalmente non con l’introduzione delle nuove tecnologie ma con lo sfruttamento fino all’ultimo dei vecchi impianti ed in seguito con lo spostamento delle lavorazioni nocive in paesi in via di sviluppo.

Invece unire il lavoro alla salute è possibile.

I lavoratori e i cittadini di Taranto non sono soli,anche negli altri stabilimenti di ArcelorMittal in Francia,Spagna,Polonia ci sono problemi.

Occorre perciò costruire una piattaforma comune per sconfiggere le manovre ed i ricatti della multinazionale con l’obiettivo di ottenere una nuova industria europea dell’acciaio non inquinante, costituire una rappresentanza autonoma dei lavoratori degli stabilimenti che non può essere certo l’attuale comitato aziendale europeo Arcelor Mittal e mettere i governi nazionali e l’Unione Europea di fronte alle loro responsabilità.

Riguardo al futuro dell’ILVA, il nostro punto di vista ,rispondendo così al terzo problema posto all’inizio, è che la soluzione alle acciaierie di Taranto sia quella di creare una nuova società in cui la proprietà non sia più di ArcelorMittal ed in cui vi sia la presenza dello stato italiano,la presenza della Commissione Europea con gli aiuti alla riconversione, la presenza dei produttori italiani di acciaio e la presenza di una rappresentanza forte dei lavoratori ,dagli operai agli impiegati agli ingegneri.

Via la multinazionale ArcelorMittal,avanti la Nuova Società Ilva

 

I.R.