Citazione

 Incontro-dibattito

Il percorso per il lavoro,la dignità e in giovani”

15 novembre Ore

17:00-20:00

MILANO

PRESSO LA SALA DIAMANTE,

STAZIONE MILANO P.TA GARIBALDI,

MEZZANINO DEL PASSANTE

FERROVIARIO

INTRODUCONO :Raffaele SBARRA

PER LE ORGANIZZAZIONI PROMOTRICI

don Walter MAGNONI

RESPONSABILE SERVIZIO PER LA

PASTORALE SOCIALE E DEL LAVORO

MILANO

ORGANIZZAZIONI PROMOTRICI :

BLOG PENNA BIRO, CENTRO CULTURALE CONCETTO MARCHESI,CONUP (COORDINAMENTO NAZIONALE UNITARIO DEI PENSIONATI DI OGGI E DI DOMANI),MEDICINA DEMOCRATICA, PUBBLICO IMPIEGO IN MOVIMENTO, RETE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE DI MILANO E LOMBARDIA, ACU (ASSOCIAZIONE CONSUMATORI UTENTI),COORDINAMENTO MILANESE DI SOLIDARIETÀ “DALLA PARTE DEI LAVORATORI”,CUB LOMBARDIA, ORSA LOMBARDIA, SINDACATO TRASPORTI STAS, UNPIT,ADL- ASSOCIAZIONE DIFESA LAVORATRICI LAVORATORI VARESE, SIAL COBAS,CSA COMUNE DI MILANO, IL SINDACATO È UNALTRA COSA -OPPOSIZIONE CGIL,COMITATO PER LA DIFESA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO E NEL TERRITORIO SESTO S.GIOVANNI, LA RIVISTA “LE LOTTE DEI PENSIONATI”, LA RIVISTA DEI MACCHINISTI“ANCORA IN MARCIA

RELAZIONE PER L’INCONTRO – DIBATTITO CON LA PASTORALE (15.11.2018), Milano

Stiamo assistendo a un grande dibattito su alcune problematiche che l’attuale governo sta ponendo: reddito di cittadinanza, deficit al 2,4%, peso del debito pubblico, flat tax, legge Fornero, ecc. Nello stesso tempo stiamo assistendo a uno scontro fortissimo tra Commissione UE, FMI, agenzie di rating e governo italiano.

Siamo sotto attacco da parte del capitale finanziario, che distrugge sempre di più i servizi sociali, privatizzandoli e mettendo continuamente le mani sul risparmio e sulla ricchezza dei cittadini, alimentando volutamente l’austerity e peggiorando le condizioni di vita e di lavoro. Non a caso, grazie a queste politiche economiche, i ricchi sono diventati sempre più ricchi (solo nel 2017 un numero ristretto di miliardari pari a 2158 persone, hanno visto aumentare la loro ricchezza del 19%, accumulando di fatto una ricchezza pari a 8900 miliardi di dollari, cioè il PIL di Italia, Francia, Germania e Svizzera, “rapporto Ubs, pubblicato dal Sole 24 ore, ottobre 2018”).

Attraverso il ricatto e le falsità sul debito pubblico, il ruolo delle agenzie di rating e del FMI, l’azione speculativa della finanza e delle banche, il controllo delle Istituzioni e dei percorsi elettorali, la manipolazione della comunicazione, il capitale finanziario e le grandi multinazionali stanno concentrando e aumentando la propria ricchezza e il proprio potere, riducendo i redditi dei lavoratori, pensionati e ceti medi, incrementando la povertà, mettendo in difficoltà le medie e piccole imprese. L’indipendenza dei singoli paesi e dell’Europa stessa è messa sotto i piedi.

La crisi globale non è affatto finita, e questo pesa sul nostro futuro, in Italia e in Europa. Trump ha detto esplicitamente chi sono gli avversari economici degli USA, la Cina e la Germania, e la sua politica – se continuerà – mira a “recintare” il mercato interno, mentre si prevede una nuova recessione. Nonostante il protezionismo o il sovranismo, per il capitale NON è possibile un restringimento della globalizzazione, tuttora spinta dalla ricerca di manodopera sempre più a basso costo (e sufficientemente addestrata) e dalla lotta per mantenere i propri mercati di consumo e ottenere il massimo profitto.

In Italia la disoccupazione dilagante, la precarietà, la perdita di diritti e di dignità nel lavoro, la perdita di fiducia nel futuro, la mancanza di solidarietà, l’incertezza su cosa rappresenterà l’innovazione 4.0, mettono in difficoltà crescente i lavoratori, le loro famiglie e i pensionati, rendono i giovani senza prospettive, costretti ad emigrare o a dipendere dalla famiglia.

Il nostro paese, pur rappresentando ancora oggi la seconda industria manifatturiera in Europa per numero di occupati, perde giorno dopo giorno il controllo delle produzioni strategiche, non ha un progetto di sviluppo. Tra l’altro continua imperterrita la vendita di alcune importanti produzioni: segnaliamo a tal proposito alcune recentemente venute alla ribalta, la vendita della Candy, quella della Magneti Marelli e quella della Pernigotti, rispettivamente ad imprenditori cinesi, giapponesi e turchi.

Inoltre la delocalizzazione di aziende italiane e multinazionali costituisce un altro elemento di forte perdita occupazionale.

L’incognita è: quanto in fretta avanzerà l’innovazione tecnologica, destinata a cambiare profondamente il modo di vivere, di lavorare e di pensare? Basti pensare agli avanzamenti sull’intelligenza artificiale. In un programma televisivo in Cina, un giornalista presentatore è stato impersonato da un robot. La prospettiva di disoccupazione di massa e di occupazione in diminuzione, più qualificata e malpagata, è purtroppo realistica e va contrastata.

Continua a leggere

Dibattito sul lavoro a Bassano del Grappa

Citazione

La relazione presentata al dibattito di venedì 19 ottobre presso la sala Tolio da Osvaldo Pesce sul problema del lavoro oggi nel nostro paese ha voluto innanzitutto fare un quadro della situazione politica in generale. A partire da fatti su cui non si sono accesi i fari dei mezzi di comunicazione come l’incontro recente tra Trump e Putin.Hanno davvero discusso soltanto del Russiagate o hanno anche discusso di Ucraina,di Siria ,di armamenti?In realtà potrebbero averne discusso ma il contenuto della discussione è rimasto segreto per cui possiamo dire di essere oggi in una fase di diplomazia segreta. E cosa hanno voluto significare le recenti manovre militari russe in Siberia con grande dispiegamento di forze e con la partecipazione di alcuni contingenti della Mongolia e della Cina? Cosa si nasconde all’opinione pubblica dietro questi fatti?

Passando alla situazione interna,la confusione politica è grande nel nostro paese che patisce più di altri il perdurare e per certi aspetti l’aggravarsi della crisi economica.Il governo oggi afferma una cosa e domani cambia versione,con un Di Maio che non ha intenzione di andarsene perché non sarebbe più rieletto e con un Salvini che non realizza le promesse elettorali fatte alla piccola e media industria. Una confusione che è stata favorita dalla strategia profondamente errata della cosiddetta sinistra,quella del PD e di altre frange per intendersi ,che di fatto ha accettato supinamente la globalizzazione e tutte le direttive che provenivano dal grande capitale finanziario. Una strategia che ha le sue radici in quella del PCI degli anni 50 e 60 del secolo scorso che non aveva fondamentalmente l’obiettivo di fondo di rovesciare i rapporti di produzione comandati dal grande capitale.E questo quindi non da Berlinguer in poi come sostenuto da qualcuno ma molto prima. Se si prendono in esame ad esempio le lotte del 68,si può vedere come questa strategia errata portò il PCI a non sfruttare in modo positivo il movimento del 68.

Senza comprendere questo,senza fare un onesto bilancio storico,non è possibile comprendere perché siamo arrivati al momento attuale. Oggi la questione centrale è rispondere al bisogno di lavoro,di nuovi posti di lavoro che garantiscano reddito e dignità alle persone,e su questo obiettivo unire tutte le forze possibili comprese forze cattoliche come la Pastorale che affermano l’importanza fondamentale per ogni persona di avere un lavoro.

L’attuale rivoluzione industriale,l’automatizzazione,l’intelligenza artificiale applicata alle macchine,fanno parte dell’inevitabile progresso della scienza che ovviamente il capitale intende utilizzare a suo vantaggio e che al contrario i lavoratori devono utilizzare per migliori condizioni di lavoro. Il vero nodo in una società divisa in classi è quale classe gode i benefici di questo cambiamento. Occorre quindi un piano economico che corrisponda agli interessi del nostro paese e dei lavoratori. Esiste oggi questo piano? No, non esiste,e non possiamo pensare che qualcuno lo faccia per noi o che esista in Parlamento una forza politica che agisca per conto nostro.

Il dibattito seguito nella sala dove c’era una buona presenza di pubblico è stato vivace. Si è detto che per aprire un nuovo processo occorre che ritorni la centralità politica dei lavoratori che negli ultimi tempi è rimasta sottotraccia. Che occorre una politica che sappia far valere gli interessi del popolo italiano nel contesto europeo senza diventare succubi di altri paesi,che bisogna salvare il nostro patrimonio industriale e il risparmio degli italiani .Che è necessario dare un seguito politico ai dibattiti di questo tipo sia allargandoli ad altre forze che pongono il problema del lavoro come aspetto centrale ,sia creando un centro di direzione di questo lavoro staccato da ogni visione elettoralistica.

La redazione