Preparare l’alternativa

Citazione

Il sistema politico degli ultimi 25 anni si può dire sia andato in frantumi. I due partiti su cui si era retto,Forza Italia e Partito Democratico sono in un declino inesorabile. La cosiddetta fusione a freddo tra quanto restava dell’ex PCI,PdS,Ds e quanto restava di una corrente della Democrazia Cristiana,non ha resistito alle trasformazioni della società e ha prodotto un partito completamente staccato dalle masse popolari. Il lungo processo iniziato dagli anni 50 che ha portato il PCI da espressione politica dei lavoratori a portavoce del capitale si sta concludendo sotto i nostri occhi.

La società,le classi,sono cambiate,si sono modificate, la contraddizione tra capitale e lavoro ha preso forme nuove,in Europa e nel mondo,la protesta delle masse popolari si esprime attraverso nuovi o relativamente nuovi movimenti politici.

Tra alcune forze che si richiamano al marxismo come metodo di analisi aggiornato ai tempi nostri ,si è aperto un dibattito,un confronto,una volontà di bilancio,dai quali possono nascere sviluppi politici nuovi nel panorama italiano. Una iniziativa che si colloca in questa discussione, che i promotori hanno voluto chiamare “caminetto rosso” per la presenza di un antico camino nella sala,è quella che si è tenuta di recente al circolo Concetto Marchesi a Milano di cui pubblichiamo la presentazione e,di seguito,l’intervento di Osvaldo Pesce.

CAMINETTO  ROSSO: DUE PAROLE SU COSA VOGLIAMO

Il lavoro è centrale nell’economia e nella società: quali beni materiali, quali servizi alla persona e alle comunità (famiglia, scuola, aziende), quale sviluppo scientifico, tecnologico e culturale sarà in grado di produrre un paese dipende dalla quantità e qualità del lavoro che è in grado di sviluppare e di retribuire dignitosamente.

L’Italia ha dolorosamente subìto una crisi decennale che ha costretto a chiudere circa un quarto delle imprese, ha fatto fallire varie banche regionali e mantiene una disoccupazione e sottoccupazione molto alta, soprattutto quella giovanile. Questo non preoccupa granché il grande capitale, che è intento a continuare la sua politica nel controllo sulle grandi banche, o utilizzando i fondi speculativi in grado di condizionare il futuro economico del paese (Alitalia, Italo, e ora TIM in mano a Elliott Management Corp. di Paul Singer, che ha provocato un disastro finanziario in Argentina).

Terreno di lotta importante è l’Unione Europea, da cui dipende ormai la politica economica del nostro paese: i regolamenti sui prodotti, l’orientamento all’innovazione, l’attività della banca centrale, la gestione del bilancio pubblico e del relativo debito. Queste scelte creano spesso difficoltà ai nostri produttori e consumatori, e obbligano a una restrizione dei servizi e degli investimenti pubblici (istruzione, sanità, edilizia pubblica e popolare, infrastrutture), che sono considerati un passivo di bilancio senza valutarne i possibili effetti di stimolo, innovazione e creazione di benessere che sviluppano nel tempo.

 E’ necessario che la risposta popolare alla politica neoliberista di tagli ai bilanci e di privatizzazione del welfare si sviluppi per affrontare adeguatamente due sfide al lavoro e alle tutele sociali: la globalizzazione e l’innovazione tecnologica.

La globalizzazione provoca i rialzi e ribassi delle materie prime, le speculazioni sulle monete e i titoli di stato, la corsa agli acquisti e alle svendite di aziende da parte delle multinazionali, l’afflusso ingente di prodotti a basso prezzo e spesso bassa qualità.

Nei prossimi anni si prospetta un balzo dell’innovazione, che introdurrà in modo sempre più massiccio automazione, internet delle cose (cioè interazione delle macchine tra loro), stampanti 3d, intelligenza artificiale progressivamente in grado di affinarsi autonomamente. Se ne vedono già gli effetti nel terziario (commercio elettronico) e in parte dell’industria, ma il cambiamento sarà veloce e inevitabile in tutti i settori, con pesanti ripercussioni sull’occupazione in termini sia numerici sia di precarietà.

Continua a leggere

Spunti per l’oggi dai 50 anni dal 68

Citazione

Dal convegno che si è tenuto sabato 12 maggio nella sede del circolo Concetto Marchesi numerosi sono gli spunti politici emersi per approfondire e mettere a confronto tra loro i fatti di allora e quelli di oggi.

La relazione introduttiva del presidente del circolo Bruno Casati , ripercorrendo i principali fatti che avevano anticipato il 68 , dalla lotta di liberazione in Vietnam e dalle manifestazioni studentesche contro questa guerra soprattutto negli USA, al maggio in Francia,ha messo in luce come il malcontento tra i giovani ed i lavoratori fosse generale,trasversale,oltrepassando le appartenenze politiche. Questo per comprendere perchè le prime occupazioni avvenissero nelle Università cattoliche come Sociologia a Trento e la Cattolica di Milano.

Gli interventi a seguire,di Renzo Baricelli delegato alla Pirelli, Alfredo Novarini delegato alla Sit-Siemens, Paola D’Angiolini rappresentante degli studenti alla Statale,hanno messo in luce due aspetti fondamentali delle lotte operaie e studentesche .

Uno ,nelle fabbriche,era quello di un movimento di lotta che doveva per forza di cose inventare nuove forme di lotta e nuove soluzioni organizzative di fronte ad una struttura sindacale legata alle vecchie commissioni interne e di fronte alle trasformazioni produttive soprattutto nelle industrie di punta..

L’altro,nelle scuole e Università ,dopo le trasformazioni sociali che avevano portato alla scuola media unica ed all’ingresso all’Università anche dei figli delle classi sociali popolari,consisteva ,come avviene anche oggi, dalla necessità di collegarsi al mondo del lavoro e quindi al movimento operaio.

Ciò che è venuto fuori da questi interventi era che esistevano  grandi difficoltà politiche ed organizzative del movimento  ma nello stesso tempo una grande volontà di lotta e fantasia per trovare nuove forme di lotta.

Gli interventi conclusivi,di Antonio Carbonelli e di Osvaldo Pesce,hanno cercato non tanto di tirare le conclusioni,ma di individuare gli insegnamenti da trarre da quel periodo di lotte .

Riassumendo,la capacità di analizzare da un punto di vista di classe,scientifico,marxista,gli avvenimenti ed i mutamenti sociali; l’atteggiamento corretto,di comprensione reale verso i movimenti di massa e non di sufficienza o di vero e proprio boicottaggio tenuto allora dal gruppo dirigente del PCI .Per poter unire il movimento studentesco che da solo non poteva riuscire a cambiare il sistema ,occorreva  una forte direzione politica in grado di unire studenti e operai in una unica lotta contro la borghesia.

La risposta della borghesia,com’è noto,non si fece attendere e la reazione padronale sfociò nelle bombe alla Banca dell’Agricoltura e proseguita negli anni successivi così come era accaduto dopo le lotte operaie dei primi anni 60 con i morti di Reggio Emilia e i fattia di Avola e Battipaglia.

Proprio perché siamo di fronte oggi come nel 68 a nuovi cambiamenti importanti nella struttura produttiva,a cambiamenti mondiali legati ai risultati della globalizzazione recente a partire dal paese capofila del capitalismo,proprio perché siamo di fronte ad un malessere sociale forte che esiste nel nostro paese così come negli altri paesi europei con cui esiste una interdipendenza economica e politica e con cui occorre rinsaldare i legami,si rende necessario preparare in tempo un’alternativa politica che sappia indirizzare questo malessere per cambiare il sistema sociale.