Trenta anni fa’ la Bolognina

Citazione

di    Roberto Bertini

30 anni or sono, 12 novembre 1989, alla Bolognina, Achille Occhetto, segretario del PCI, annunciava la famosa svolta che avrebbe portato, il 3 febbraio 1991, il suo partito a cambiare nome e simbolo, il PDS con la quercia grande e la falce e martello piccoli in basso.

Il rapporto con la crisi in corso in Unione Sovietica era del tutto evidente. Dopo i tentativi di Gorbacev di rimettere in piedi una economia disastrata con l’apertura al capitale straniero e il colpo di stato nell’agosto dello stesso anno che prima l’aveva detronizzato e poi rimesso a capo del PCUS,a dicembre l’URSS veniva sciolta definitivamente.

Anche di recente lo stesso Occhetto, ed altri che con lui dettero impulso a quell’evento, hanno descritto quel periodo come quello del più grande dibattito libero e democratico che si è svolto in Italia e addirittura in Occidente.

In effetti in quel periodo ci fu un’abbondanza di articoli e di lettere ai giornali, a cominciare da L’Unità, dove molti dicevano la loro opinione sugli argomenti di politica, storia, di filosofia per prendere posizione pro o contro le scelte indicate dal segretario.

Non dimentichiamo che 3 giorni prima era caduto il Muro di Berlino e le vicende internazionali avevano sollecitato quanti da tempo, di area socialista e liberale, chiedevano questo cambiamento.

Il dibattito non si fermò nelle redazioni ma coinvolse iscritti e simpatizzanti del PCI assumendo caratteri drammatici, melodrammatici e anche comici, comunque caotici.

Ma,fondamentalmente,questo dibattito non rispose alla domanda di fondo che andava fatta: si poteva definire socialismo quello esistente in URSS? Era questa la vera domanda che occorreva porsi ,che veniva posta nel movimento comunista internazionale e che veniva posta anche da alcune forze in Italia. La crisi dell’URSS,della sua politica da grande potenza militare ma di miseria per le masse popolari,avrebbe dovuto da tempo aprire un dibattito sulla vera natura del sistema sociale che si era venuto a creare dagli anni 50 in poi in quello che era stato il primo paese socialista. Ma il gruppo dirigente del PCI aveva sempre evitato di affrontare l’argomento.

La cosiddetta svolta della Bolognina,il cambio del nome,fu quindi da un lato un non volere fare un vero bilancio storico del movimento comunista,dall’altro l’accettazione del sistema borghese e l’accomodamento a questo con una sigla,democratici di sinistra,più accettabile in quel sistema.

Achille Occhetto, Walter Veltroni e gli altri dirigenti di quel periodo hanno fatto poi una notevole confusione sul loro progetto di voler fare un partito più democratico,contestando le regole del “centralismo democratico”.

Evidentemente nè loro nè i loro avversari hanno idea di cosa sia la democrazia.

Certamente la vita interna del PCI fino a tutta l’epoca di Berlinguer era governata da un rigido centralismo e il segretario decideva e comandava per tutti. Ma quello non era il centralismo democratico,sistema di discussione in cui tutti gli iscritti hanno il diritto di esprimere le proprie posizioni ed in cui al termine della discussione le decisioni vanno prese a larga maggioranza. Quello vigente nel PCI era piuttosto il centralismo burocratico in cui le decisioni venivano prese dal ristretto gruppo dirigente.

In un dibattito autentico e democratico si richiede che quanti vi partecipano posseggano un vocabolario comune, conoscano l’oggetto che è in discussione, una comunanza di esperienze e una comunanza di interessi e di propositi, e tutto questo non c’era negli scontri che seguirono alla svolta della Bolognina.

Successivamente e soprattutto nel periodo di transizione al PDS prevalse una Babilonia, un tutti contro tutti, che dura ancora oggi in quella che era lo schieramento di sinistra in parlamento,basta guardare oggi ai rapporti tra il PD di Zingaretti ed Italia viva di Renzi che è comunque una parte del PD .

Nel caso specifico prevalsero, e prevalgono anche oggi, fra gli eredi di quel partito, quelli che avevano e hanno più strumenti per finanziare la loro attività; quelli che avevano e hanno più legami con le redazioni di giornali e telegiornali, più legami clientelari con le categorie sociali più privilegiate e influenti e con gli apparati dello stato, a cominciare dalla magistratura, con le banche e le assicurazioni, con le coop, oltre ai soldi che venivano dall’estero.

La Bolognina fu dunque una tappa di quel lungo processo di trasformazione del partito comunista italiano da partito della classe operaia,del lavoro,con una sua visione ed un progetto di società alternativa e superiore al capitalismo,a partito di accettazione della società borghese fino a divenire partito di una parte di questa società borghese e come tale destinato a perdere progressivamente il rapporto con le masse popolari.Un processo di trasformazione che viene da lontano ,dai tempi di Togliatti e della teoria delle cosiddette riforme di struttura di Togliatti che avrebbero dovuto trasformare la società a favore dei lavoratori .

L’attrazione dei lavoratori verso altre organizzazioni o movimenti politici come la Lega o i 5S che non hanno una visione alternativa al capitalismo è quindi un fatto reale,spiegabile con la progressiva involuzione del PCI a PdS PD sempre più evidente a tutti,ma deve essere vista anche come un fatto temporaneo perché la lotta dei classe tra capitale e lavoro continua ad esistere e ,per forza di cose ,dovrà prendere nuove forme.

Proseguono in Francia le proteste dei “gilets” gialli.L’intervista al prof. Sacco che si trovava sul posto

Citazione

La protesta dei gilets gialli ha invaso le strade della capitale,Parigi,con interventi massicci delle forze dell’ordine ed uso di idranti e gas lacrimogeni .Si trovava nei giorni passati nella capitale francese il prof. Giuseppe Sacco che è già intervenuto sul nostro blog.Ecco l’intervista da lui rilasciata alla rivista “Il domani d’Itala”.

 

di

 Giancarlo Infante

 

novembre 28, 2018

 E’ necessario “ rileggere” la narrazione delle proteste dei cosiddetti “gilets” gialli che hanno tanto richiamato l’attenzione del mondo? A sentire il professor Giuseppe Sacco sì. Per pura combinazione egli si trovava a Parigi nel momento più acuto delle manifestazioni di strada e di piazza che hanno interessato anche la capitale francese. E’ interessante la definizione dei partecipanti a questo fenomeno che fa parlare di un “ grillismo” d’oltralpe o di strumentalizzazione da parte dell’ultra destra lepeniana. Invece, c’è qualcosa d’altro che non è stato colto dalla vulgata corrente e che chiama in ballo anche settori consistenti della realtà cattolica francese.

Giancarlo Infante – Professore, lei è appena rientrato da Parigi, ci può dire qualcosa che non abbiamo già letto sui giornali o visto in tv sul clima politico in queste giornate in cui la presidenza  Macron sembra aver subito un nuovo colpo?

Giuseppe Sacco – Vi posso dire nel clima che regnava alla riunione del Comitato direttivo di un’importante rivista liberale, e fortemente europeista: un senso di preoccupazione, in parte di delusione, ma anche di aspettativa di nuovi sviluppi politici.  E poi vi posso riferire quel che ho visto e sentito alla manifestazione dei gilets jaunes, sabato sugli Champs Elysées. Sono ovviamente due esperienze molto diverse tra di loro, ma secondo me entrambe piuttosto istruttive.

Inutile dire che il Comitato di redazione era un gruppo di intellettuali molto raffinati, e refrattari ai luoghi comuni; anzi, intellettualmente abituati a andare in controtendenza rispetto le mode. Basta ricordare che fondatore della rivista in questione è stato Raymond Aron,  che per un quarto di secolo è stato l’anti-Sartre per eccellenza. E’ cioè andato controcorrente rispetto alla schiacciante maggioranza dei radical chic di Francia e d’Europa.  Negli ultimi tempi, questo gruppo intellettuale molto autorevole aveva visto con grande interesse e simpatia la candidatura di Francois Fillon,  aveva considerato spregevole il modo in cui egli era stato eliminato dalla scena elettorale, e solo molto a malincuore aveva accettato l’idea che per i prossimi cinque anni la Francia si sarebbe identificata con Macron. Ma non aveva per niente gioito dell’affaire Benallah, che ha finito per danneggiare l’immagine del Presidente e quella delle stesse istituzioni repubblicane.

Giancarlo Infante – E di fronte alla rivolta dei gilets jaunes?

Giuseppe Sacco – Oggi come qualche mese fa, di fronte alla brusca caduta della fiducia della società francese nel suo Presidente, questo gruppo di intellettuali ha soprattutto cercato di riflettere, e di capire il senso profondo degli avvenimenti. E non si è nascosta la profondità del fenomeno e la gravità dell’ora. Né l’ipotesi che, per deviare da se la collera dei Francesi, Macron possa sciogliere l’Assemblea Nazionale.

La collera – ha scritto un settimanale assai poco critico degli errori di Macron – è la parola di cui più si parla in questo momento. Ma la collera è un “sentimento parossistico che può crescere molto, ma anche  diminuire, entrare in sonno, quando” – passato il week end delle manifestazioni di piazza – nelle civili e tranquille famiglie che costituiscono la Francia profonda “arriva il lunedì mattina, e bisogna riprendere la via del lavoro, portare i bambini a scuola, e riempire il frigo”.

Giancarlo Infante – Quale analisi emerge dalle riflessioni di questo gruppo? In  definitiva, si tratta di una rivolta che viene molto dal basso, da strati sociali molto diversi dagli accademici, alti funzionari, ed uomini politici che si raccolgono attorno in un gruppo come quello.

Giuseppe Sacco – Non c’è stato dubbio sul fatto che si trattasse di un fenomeno serio e fortemente insolito. La sollevazione popolare che si è vista in queste ultime settimana è radicalmente diversa dai fenomeni con cui i media hanno cercato di fare confronti.  Non si tratta di niente di simile alla rivolta delle banlieues dove vivono gli immigrati,  che nel 2005 si sollevarono contro de Villepins, e in definitiva provocarono l’eclissi di quest’uomo politico colto, raffinato, e dalle notevoli capacità. E non c’è stato dubbio sul fatto che, con i gilets jaunes, siamo addirittura all’opposto rispetto al maggio ‘68, di cui l’intera élite radical chic celebra ormai addirittura il cinquantenario.

Giancarlo Infante – E da un punto di vista politico?

Giuseppe Sacco – gilets jaunes sono Francesi  di norma poco visibili, ma  autentici; portatori di valori e di un’identità collettiva di tipo tradizionale, che si riaffacciano periodicamente ad una ribalta  politica dominata da un’élite internazionalista e laicista. Ma soprattutto sono gli stessi – o meglio una parte di quelli – che scesero nelle piazze contro il “matrimonio per tutti” (cioè contro la concessione ai gay di  sposarsi e di adottare bambini) in quella che si autodefinì una “manifestazione per tutti”. In altri termini sono la Francia profonda, maggioritariamente cattolica. Una Francia politicamente messa a tacere.

Giancarlo Infante – Ma quella fu a suo tempo una rivolta squisitamente politica, e che coinvolse molte più persone. Oggi, le fonti ufficiali – ed i media pro governativi – tendono piuttosto a fare un confronto con la crisi dei bonnets rouges, nell’autunno di cinque anni fa, più che con la “Manif pour tous”.

Giuseppe Sacco –  Perché quella dei bonnets rouges fu una protesta innescata da un aumento della fiscalità sulle macchine agricole e sui mezzi pesanti, e perché coinvolse molte meno persone che non la rivolta cattolica . Rivolta quest’ultima che è stata vittima – come ha scritto la rivista Société –  “di un vero delirio negazionista”. Un delirio che continua ancora oggi, quando il Ministero dell’Interno che aveva valutato ad oltre 300.000 persone i gilets jaunes  scesi in piazza lo scorso week-end, ora parla di poco più di 100.000.  E quando l’oscuro personaggio che lo regge dopo che il Ministro se ne andato sbattendo la porta, tenta di fare una pietosa speculazione politica dicendo che si tratta di una manifestazione organizzata dall’ex-Front National, oggi ribattezzato Rassemblement National.

Certo, non è quantitativamente comparabile al milione di manifestanti di allora, ma ha molti tratti in comune con quella protesta che vide scendere in piazza centinaia di migliaia di famiglie al completo, contro lo sconvolgimento dei valori cristiani implicito nel matrimonio gay, a seguito della legge cosiddetta “Mariage pour tous”. Ma la composizione della folla apparsa Sabato sugli Champs Elysées era molto simile. E del resto la Polizia lo sapeva benissimo, tanto è vero che ha evitato ogni scontro diretto.

Giancarlo Infante – E perché? La polizia francese non ha la fama di andarci piano con le manifestazioni non autorizzate, come era quella degli Champs Elysées.

Continua a leggere