Sciopero nazionale indetto dai sindacati di base l’11 ottobre

Citazione

I sindacati di base hanno indetto uno sciopero nazionale con manifestazioni in varie città nella giornata di lunedì 11 ottobre.

Tra gli obiettivi messi in campo , al primo posto figura la ferma opposizione allo sblocco dei licenziamenti e la richiesta di una riduzione generalizzata dell’orario di lavoro a parità di salario al fine di contrastare l’attacco all’occupazione e ai salari.

L’adesione allo sciopero da parte dei lavoratori della GKN di Firenze ,con la loro richiesta di una legge da parte del Parlamento contro le delocalizzazioni, azienda che assieme ad altre rischia la chiusura per ordine di grandi multinazionali, ci permette di vedere meglio il contesto generale in cui inquadrare questa giornata di lotta.
I grandi fondi internazionali di investimento controllano le leve principali dell’economia e decidono la chiusura di fabbriche e la loro delocalizzazione senza tenere in alcun conto i bisogni dei lavoratori e delle loro famiglie.

A tutto questo dobbiamo opporci con una lotta unitaria nel nostro paese consapevoli
che le multinazionali possono essere sconfitte soltanto se si porteranno avanti gli stessi obiettivi assieme ai lavoratori di tutta Europa .
Con la lotta comune occorre ottenere che i fondi previsti dal piano europeo da 750 miliardi vengano utilizzati per il lavoro, in investimenti per modernizzare gli impianti, per addestrare i lavoratori con le nuove tecnologie, per la prevenzione degli infortuni che continuano nel nostro paese in maniera impressionante, per un servizio sanitario che tuteli la salute e garantisca l’ndipendenza nella lotta alle pandemie dalle grandi multinazionali farmaceutiche di oltreoceano.
Su questi punti il governo Draghi, nonché la Commissione Europea , non stanno dando le risposte che si attendono i lavoratori, al contrario vanno nella direzione di favorire il grande padronato.
E’ ora di alzare la testa e di mettere al primo posto la difesa del lavoro, il
miglioramento dei redditi popolari e l’estensione dei diritti sociali .

Difendere il lavoro e creare nuova occupazione.

la redazione

Grande partecipazione alla manifestazione di solidarietà ai lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio

Citazione

Nel pomeriggio di sabato 18 settembre si è svolta a Firenze una grande manifestazione di solidarietà con i lavoratori della GKN minacciati di licenziamento dalla società finanziaria inglese Melrose con più di 20.000 partecipanti.

La manifestazione stessa è stata promossa dal Collettivo di fabbrica della GKN che si è costituito dopo l’annuncio, tramite email, della chiusura dell’azienda.

E’ stata molto vivace e molto partecipata ed ha visto la presenza di lavoratori di Alitalia, della Whirlpool di Napoli, della Texprint di Prato, della Piaggio, della Sanac di Massa Carrara; erano presenti anche tanti studenti, nonostante l’orario non di scuola e tanti giovani lavoratori e disoccupati.

Da tempo non si vedevano così tante persone nelle lotte per il lavoro e gli altri diritti.

Ciò che per adesso manca è una precisa individuazione di un percorso vittorioso e anche una analisi delle ragioni delle difficoltà più approfondita.

Sono state dette parole d’ordine come quella di “Sciopero generale” che rivelano passione e determinazione alla lotta , ma occorre che il movimento dei lavoratori faccia un passo in avanti per mantenere i posti di lavoro e l’ attività dell’azienda. Qualsiasi piano di ricollocamento dei lavoratori comporterebbe comunque la chiusura della fabbrica che invece ,come hanno chiarito i lavoratori, è produttiva ed ha un mercato.

Occorre dunque colpire dove è necessario ,cioè il piano di chiusura della fabbrica della multinazionale e cambiarne la proprietà a vantaggio dei lavoratori.

Con la fusione della FCA e Peugeot in Stellantis, viene a mancare un produttore automobilistico italiano e dunque il futuro della componentistica italiana è del tutto incerto e dipendente da scelte delle multinazionali prese al di fuori del nostro paese. In un precedente articolo di pennabiro si era proposto come assolutamente necessario ,per garantire il lavoro a questo importante settore di cui fa parte lo stabilimento di Campi Bisenzio, la costruzione di un produttore nazionale nel settore automobilistico utilizzando anche i soldi del Recovery Plan .

L’industria automobilistica italiana deve essere sullo stesso piano di quella degli altri paesi europei e l’industria europea nel suo insieme deve eliminare il controllo del capitale speculativo.

Corrispondenza da Firenze