Società tra Alitalia e Ferrovie dello Stato occasione di rilancio del paese e di nuovi posti di lavoro?

Citazione

Sulla proposta del ministro Di Maio di creare una nuova società attorno ad Alitalia con il concorso delle Ferrovie dello stato e l’ingresso di una compagnia straniera ancora da trovare,si stanno scontrando le più diverse opinioni.

Partendo dalla triste vicenda del crollo del ponte Morandi a Genova il 14 agosto il governo aveva parlato di rinazionalizzazione delle autostrade che, come tutti sanno, sono state costruite con i soldi pubblici e di riconsiderare l’intervento dello Stato su quanto si possa valutare di interesse pubblico .

Un cambio di rotta dopo le politiche di privatizzazione dei governi scorsi perseguite in particolare da quelli di centro-sinistra? Non va dimenticato che uno degli elementi che ha portato la cosiddetta sinistra all’attuale sfacelo è stato appunto “aver sposato la linea delle privatizzazioni e aver flirtato più o meno apertamente con grossi gruppi imprenditoriali e bancari,così diventando parte integrante di una rete politico-economica di potere”come ha scritto il giornalista Gilioli de L’Espresso.

Non è ancora stato definito come si procederà ma è certo che, nell’Italia delle privatizzazioni, tutto ciò che è di interesse pubblico, dall’industria, ai trasporti, alle telecomunicazioni, ai beni artistici e culturali, per citarne alcuni dei più visibili, sono nell’occhio dei grandi fondi speculativi.

Basta guardare,restando nel campo dei trasporti a quanto accaduto poco prima delle elezioni con il treno Italo, rilevato dal fondo speculativo americano GIP: immediatamente il fondo GIP si è prefissato di sconfiggere non solo la concorrenza pubblica nazionale di Trenitalia, ma anche quella di tutta l’Europa sull’alta velocità.

Con ciò, dopo le dichiarazioni di Di Maio, non si può dire che siamo di fronte ad un ribaltamento della logica delle privatizzazioni (infatti, in questi giorni, la Magneti Marelli è stata venduta ai giapponesi di Calsonic Kansei Corporation controllato dal fondo speculativo americano KKR) ma se non altro non si grida più ai quattro venti, come successo negli anni ’90 dell’ultimo secolo, “meno Stato più mercato”!

La scelta di creare una nuova società attorno ad Alitalia si colloca in un panorama in cui c’è una grande attenzione agli investimenti nel settore dei trasporti in tutta Europa che sono legati agli sviluppi futuri delle linee commerciali che vedono l’Europa al centro con particolare riguardo all’Italia. Anche in questo senso i lavoratori hanno tutto l’interesse a prendere una posizione in cui le scelte che investono il futuro dei trasporti in Europa siano scelte condivise e non a favore del singolo paese . E’ del tutto evidente quindi che se il partner internazionale di Alitalia sarà europeo o extra-europeo l’intero progetto penderà da una parte o dall’altra.

Contro questa operazione si sono levate voci contrarie ma non sempre disinteressate di economisti che hanno messo in evidenza che Alitalia,oggi Compagnia Aerea Italiana,continua ad essere in passivo.

E’ vero che sono stati spesi molti soldi dei contribuenti per mantenere la compagnia aerea di bandiera senza che questa sia stata risanata e diventata competitiva sia per il trasporto di persone che per il trasporto di merci. Perciò è comprensibile lo scetticismo del semplice cittadino cui interessa viaggiare in modo confortevole ed a prezzi sostenibili garantiti meglio negli ultimi anni da altre compagnie aeree come lo scetticismo di aziende per il loro spostamento di personale e di prodotti.

Ancora più comprensibile è la preoccupazione che i lavoratori delle ferrovie possono avere da una partecipazione economica del gruppo F.S.I. in Alitalia,ovvero che,dopo i pesanti sacrifici sopportati in tutti questi anni con perdite di posti di lavoro,si annuncino altri tagli per far fronte a questi nuovi impegni finanziari della società ferroviaria.

Due punti deve perciò devono essere chiari:il primo che il risultato finale della nuova società deve essere positivo per il viaggiatore ,di qualunque nazionalità,nonchè per il contribuente italiano; il secondo che sia i lavoratori delle Ferrovie che quelli di Alitalia abbiano benefici da questa operazione.

Stabilito questo dobbiamo allora chiederci: quali possono essere i concreti interessi del paese di avere una compagnia di bandiera?

Uno è presto detto,è sotto gli occhi di tutti. Qual’è il paese al mondo che ha il maggior patrimonio artistico e culturale? L’Italia. L’Italia che oltre a questo patrimonio invidiabile ha anche tra le più belle risorse paesaggistiche naturali e di costruzioni urbane. E questo spiega il perché ci sia questo interesse ad acquisire l’Alitalia da parte di altre compagnie.

Abbiamo sempre su questo blog evidenziato che nessun paese può vivere solo sul turismo,occorre una solida base industriale. Possiamo però dire che siamo oggi in grado di sfruttare in modo intelligente questo potenziale ? E’ sufficiente guardare alla magra lunghezza del periodo pieno di villeggiatura nel sud dell’Italia dove il clima e le risorse paesaggistiche sono più favorevoli che al nord per renderci conto che il cosiddetto “petrolio” italiano,il turismo,non è affatto sfruttato.

Perciò è del tutto evidente che se la questione Alitalia venisse inserita in un piano integrato dei trasporti che dia al settore del turismo il posto che merita ecco che la redditività singola del trasporto aereo messa accanto ad un rilancio del turismo, ad un miglioramento del trasporto ferroviario ,ad una aumentata ricezione del commercio dei nostri porti,porterebbe sicuramente il bilancio totale finale in attivo.

Al contrario non inserire l’Alitalia in un progetto paese darebbe ragione a tutti quegli variamente interessati che sostengono la cessione totale di Alitalia a compagnie straniere proprio perché non la collegano ad un progetto generale.

E’ una questione di visione lunga,di strategia e su questo un ruolo importante ,decisivo,possono e debbono averlo i lavoratori dei settori interessati.

Sia i lavoratori di Alitalia,di cui ancora circa 1500 in cassa integrazione,sia quelli di F.S.I. su cui pesano le conseguenze della riforma delle ferrovie (la 210/85 come madre di tutte le privatizzazioni) passata di forza sulla loro testa nonostante si fossero opposti ad essa con scioperi con il 90% di adesioni ,hanno problemi contrattuali ed un problema generale di sicurezza dell’occupazione.

La soluzione positiva dei rispettivi i problemi non sta nel vedere solo il proprio settore ma di guardare all’insieme ,scongiurando il pericolo di una visione corporativa e costruire una piattaforma comune tra i lavoratori di Alitalia e di F.S.I. .

Non solo,accanto a loro dobbiamo vedere tutti quei settori ,tutti quei giovani ad esempio che escono dalle scuole alberghiere per andare a fare i lavapiatti a Londra,che troverebbero vantaggi e occupazione se il turista arrivato in un aeroporto del Meridione trova poi un comodo collegamento ferroviario che lo porta alla destinazione finale.

La nuova società Alitalia-F.S.I. può essere quindi l’occasione per i lavoratori interessati per avanzare una proposta autonoma che affronti i problemi annosi del trasporto ferroviario ,in particolare nel centro-sud e dal Tirreno all’Adriatico, i problemi di un raccordo effettivo tra aeroporti e rete ferroviaria e tra aeroporti e porti,il tutto nell’ambito di un miglioramento generale dei contratti di lavoro.

E’ evidente che gli investimenti necessari per questo rinnovamento globale dei sistemi di trasporto collegati a quelli necessari per il rilancio del turismo sulla base delle richieste combinate delle regioni ed a quelli per valorizzare le produzioni locali,porterebbero alla creazione di molti posti di lavoro ,che è il problema principe del nostro paese. Problema che non è risolvibile né dal reddito di cittadinanza né dalle ipotetiche concessioni di terreni demaniali alle coppie che fanno il terzo figlio ventilate dal ministro per l’agricoltura ed il turismo.

                                                                               A.Acierno-I.Restani

Contro le riforme ferroviarie del governo Macron

Citazione

COMUNICATO STAMPA del 20.06.18

In data odierna, a Milano, una delegazione sindacale di SUD RAIL in lotta in Francia contro le riforme ferroviarie di Macron ha partecipato all’incontro promosso da:

Rivista dei Macchinisti «Ancora in Marcia!», ORSA Lombardia, ADL- Associazione Difesa Lavoratrici Lavoratori Varese, CONUP- Coordinamento Nazionale Unitario Pensionati di oggi e di domani, Medicina Democratica, Coordinamento Milanese di Solidarietà “DALLA PARTE DEI LAVORATORI”, CCCM (Centro Culturale Concetto Marchesi), Blog PENNABIRO, Casa Editrice Aurora, Pubblico Impiego in movimento, Rete per il diritto alla salute di Milano e Lombardia, ACU- Associazione Consumatori Utenti, CUB Lombardia, CUB Rail, Sindacato Trasporti STAS, SIAL Cobas, il Sindacato è un’altra cosa – Opposizione Cgil, Rivista «Le Lotte dei Pensionati».

Il dibattito ha avuto al centro il confronto sui temi della vertenza in corso in Francia, che mira a bloccare la riforma di liberalizzazione dei trasporti ferroviari e che ha avuto l’adesione dell’oltre il 95% dei 91068 lavoratori coinvolti.

La fase attuale della lotta sta attraversando un momento difficile e pertanto le OS Francesi chiedono la solidarietà di tutte le OS europee che condividono tale lotta.

Le OS oggi presenti al dibattito manifestano la propria solidarietà e condividendo i temi della lotta, propongono di iniziare un percorso di opposizione a livello europeo che unisca i lavoratori e i cittadini contro le liberalizzazioni e le privatizzazioni nei trasporti, nei servizi pubblici, contro le limitazioni al diritto di sciopero e contro le riforme pensionistiche che mirano a peggiorare le condizioni dei futuri pensionati.

Pertanto, dopo un ampio dibattito, le OS presenti approvano l’avvio di un percorso comune coinvolgendo altre O.S. sia italiane sia di altri paesi europei, finalizzato ad una azione di sciopero, per i primi mesi del 2019.

Milano, 20.06.2018