Le poste sono un servizio pubblico o diventeranno un affare di privati?

Citazione

E’ attorno a questo tema,che investe milioni di cittadini,che è ruotato un interessante dibattito che si è tenuto di recente alla libreria Les mots a Milano

L’iniziativa ,organizzata dall’ACU, Associazione Consumatori Utenti, e presieduta da Osvaldo Pesce, ha deciso di appoggiare apertamente le ragioni dello sciopero nazionale del 3 giugno, proclamato dai sindacati della Base dei lavoratori e delle lavoratrici di Poste Italiane (Cobas Poste, Slg-Cub Poste, SI Cobas Poste, Cub Poste) .

Nel dibattito,che si può vedere per intero andando su

https://www.youtube.com/watch?v=t4B8p6UDJ1o  , si è voluto cogliere l’importanza per l’intera società del servizio postale,del diritto di sciopero come diritto universale che il grande capitale cerca di oscurare e come strumento di unità tra lavoratori e utenti.

 

8 marzo 2019: giornata di lotta

Citazione

Il movimento femminista “Non una di meno” e vari sindacati di base hanno indetto uno sciopero generale per l’8 marzo,la giornata internazionale della donna.

La domanda che va posta in vista  di questa ricorrenza è:qual’è la condizione delle donne,delle lavoratrici,delle studentesse,delle casalinghe in generale nel mondo e nel nostro paese in particolare?

Se guardiamo all’Italia dobbiamo rispondere che c’è stato,anche a causa della recente crisi economica,un evidente peggioramento. Sul piano del lavoro,con minori retribuzioni,maggiori licenziamenti e minori possibilità di carriera rispetto ai lavoratori maschi. Sul piano dei servizi sociali che sono necessari per eliminare il carico del lavoro di cura e familiare in gran parte sulle spalle delle donne. Sul piano della violenze subite ,da quelle sessuali alle uccisioni che ammontano purtroppo a circa duecento all’anno.

Il principio secondo il quale può essere valutato il grado di civiltà di una società guardando a qual’è la condizione delle donne mantiene intatto tutto il suo valore. Dunque la questione femminile, se così possiamo chiamarla,resta una delle grandi questioni da risolvere per cambiare la società attuale.

Nel corso dei decenni si è voluto da parte del potere politico offuscare i contenuti di classe che l’8 marzo rappresenta ,di trasformare questa giornata più come una festa che come una giornata di lotta. In realtà,fin dalle origini,all’inizio del secolo scorso,la giornata internazionale delle donne era legata allo sviluppo del movimento operaio ,dagli scioperi del 1909 delle camiciaie di New York,alle manifestazioni di piazza a San Pietroburgo nel 1917 in cui le donne chiesero la fine della guerra ,manifestazioni che caddero appunto l’8 marzo.

Anche la discussione all’interno del partito socialista americano sempre in quegli anni sulle differenze tra il cosiddetto femminismo borghese che richiedeva il diritto di voto femminile e quello cosiddetto proletario che puntava maggiormente sulle rivendicazioni sindacali , era parte integrante del movimento operaio dell’epoca. In quel periodo si discuteva del diritto delle donne al lavoro  e ad una retribuzione pari a quella degli uomini e la dirigente comunista tedesca Clara Zetkin affermava che “Lo scopo della sua lotta (della donna) non è libera concorrenza tra uomo e donna nel campo economico,ma l’avvento del socialismo liberatore”.

Il movimento femminile conobbe poi momenti di lotta importanti durante la seconda guerra mondiale e anche nel dopoguerra,ma progressivamente le celebrazioni dell’8 marzo in Italia vennero a perdere i contenuti iniziali e questo con una particolare responsabilità del gruppo dirigente del PCI già impegnato sulla strada del compromesso storico con la Democrazia Cristiana. Fu poi per merito del movimento femminista,sull’onda lunga delle lotte del 68 , con la manifestazione dell’8 marzo nel 1972 e le violente cariche della polizia contro le manifestanti,che la questione femminile e i problemi sociali legati a questa ritornarono di attualità.

Lo sciopero generale che è stato indetto per questo anno dal movimento femminista “Non una di meno” e da diversi sindacati di base ha il merito di mettere in evidenza che l’8 marzo non può quindi essere soltanto il giorno della festa della donna,ma è soprattutto la testimonianza della lotta delle donne per il lavoro,per i diritti,per la parità.

  Attorno a questa iniziativa, che toccherà vari settori lavorativi un po’ in tutto il paese, c’è sicuramente interesse,ad esempio il volantino diffuso dalla Confederazione Unitaria di Base ha incontrato il favore dei lavoratori della Electrolux di Susegana e di altre grandi fabbriche nel polo industriale di Vittorio Veneto.

La lotta delle donne è parte integrante della lotta complessiva dei lavoratori ,una lotta cui a cui occorre dare continuità unificando gli obiettivi per ottenere il lavoro , migliori condizioni di lavoro per uomini e donne e un cambiamento radicale della società.

La redazione