La questione delle pensioni è legata a quella del lavoro

Citazione

Di recente il governo Draghi ha inserito nella legge di Bilancio una riforma delle aliquote IRPEF  con 4 fasce di reddito che di fatto aggrava il peso fiscale su lavoratori dipendenti e pensionati. A breve,non si sa ancora se con questo o un  nuovo governo ,verranno ripresi gli incontri con CGIL-CISL-UIL sulle pensioni escludendo tutti gli altri sindacati. Questo fatto è stato denunciato da vari sindacati di base tra cui il ‘Sindacato Autonomo dei Pensionati (SAPENS-0RSA),di cui riportiamo un recente comunicato.

ASSISTENZA E PREVIDENZA, CONTRORIFORMA

È iniziata la controriforma delle pensioni. Nel clima delle “festività”, dalla pandemia all’epidemia; dagli esaltatori del PNRR (del quale ogni giorno vengono celebrati i fasti) alle mosse segrete nell’elezione del nuovo Capo dello Stato; dalla crisi ambientale al catastrofismo climatico; fino all’approvazione della finanziaria, nel corrente mese di gennaio riprenderanno i tavoli di confronto tra il Governo e i sindacati in materia di pensioni. Nel mentre ancora una volta denunciamo che a questo tavolo sono state invitate soltanto CGIL-CISL-UIL – escludendo tutte le altre Confederazioni autonome e di base – evidenziamo gli illusori abbagli dei suddetti circa le presunte aperture di Mario Draghi a proposito del superamento della riforma Monti/Fornero.

La prova provata sta nel rapporto di 70 pagine – ancora segretato – che conclude il lavoro della Commissione tecnica (della quale ignoriamo la composizione) che definisce non praticabile la distinzione netta delle voci assistenziali da quelle previdenziali.Da notizie apparse sulla stampa (Sole 24 Ore del 30 dicembre 2021), si apprende che detta Commissione “considera l’implementazione del regime contributivo una valida risposta al rischio di insostenibilità del sistema previdenziale nel medio-lungo periodo.”

Una conclusione che non ci meraviglia. Da tempo il SAPENS denuncia la volontà politica di estendere il sistema contributivo a tutti (comprese le pensioni in essere) per affrontare gli squilibri di bilancio dell’INPS. Detta Commissione, nell’affermare che previdenza e assistenza non sono scorporabili, sancisce che pensioni e reddito di cittadinanza, integrazioni al minimo,maggiorazioni sociali, assegni sociali, 14esima dei pensionati, devono rimanere collocati all’interno della spesa previdenziale. Non solo, secondo la stessa, non si può neppure guardare alla spesa previdenziale al netto della tassazione (ricordiamo che il gettito IRPEF sulle pensioni ha ormai superato i 50 miliardi annui).Pertanto, lo Stato italiano continuerà a fornire dati forvianti a Commissione europea e Ocse mischiando assistenza e previdenza, con il risultato che nelle comparazioni internazionali l’Italia sembra spendere per le pensioni più di quanto effettivamente fa. Ossia il 16% del Pil, mentre tolta l’assistenza arriva a spendere intorno al 12% del Pil in perfetta media a livello europeo.Poiché, come da Costituzione, “ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale”, finanziando le diverse forme di tutela attraverso la fiscalità generale, non si capisce perché in Italia non sia possibile scindere l’assistenza (appunto a carico dello stato) dalla previdenza, legata invece ai contributi individuali versati per tutta la vita lavorativa.

Il SAPENS continuerà la sua battaglia per la separazione della spesa previdenziale dalle spese assistenziali, richiamando la necessità che detto documento sia reso pubblico e sia sottoposto al parere del CNEL, quale organo costituzionale preposto.Il SAPENS, unito alla Confederazione ORSA, ancor più determinato rilancerà gli obiettivi politici atti a proteggere le pensioni e la previdenza pubblica, già individuati nell’aumento dell’occupazione. L’Italia sta morendo non per l’eccesso di spesa pensionistica ma per l’aumento della disoccupazione e la riduzione dei salari. Non è pensabile che il Italia continuino ad esserci 37 milioni di persone in età da lavoro, ma quelli che lavorano sono soltanto 23 milioni (appena il 58% delle persone tra 16 e 64 anni ha un lavoro retribuito,tra le donne la percentuale non arriva al 49%). Unito alla piena occupazione è irrimandabile un riequilibrio demografico con reali politiche di sostegno alla natalità, ai giovani, all’eliminazione del lavoro nero.

Sciopero generale indetto da CGIL e UIL sarà vera svolta ?

Citazione

Le confederazioni CGIL e Uil hanno proclamato per il giorno 16 dicembre uno sciopero generale di 8 ore che coinvolge la gran parte dei settori del lavoro e dei servizi nel nostro paese. Sarà vera svolta a favore dei lavoratori ?

Alla TV e sui giornali il segretario generale della CGIL, Maurizio Landini, a fronte delle contestazioni che alle sue decisioni sono venute da più parti del governo, della Confindustria e di altre confederazioni (CISL), ha risposto mettendo in evidenza che nel nostro paese non c’è solo una emergenza sanitaria ma anche una, parimenti grave,emergenza salariale, occupazionale e sociale.

Ha aggiunto che con questa mobilitazione la sua organizzazione vuole dare risposta alla esigenza dei lavoratori di non rimanere inerti a fronte di ciò che accade nel paese ed in particolare alle caratteristiche della manovra finanziaria ritenuta “insufficiente” e che non ha tenuto conto delle indicazioni che venivano dai sindacati.

Non vi è dubbio che i lavoratori sono molto preoccupati ed in moltissime situazioni le loro preoccupazioni si sono trasformate nella certezza di perdita del lavoro e di un futuro di precarietà per loro e per i loro figli; per questi ultimi la prospettiva è di avere pensioni da fame o di dover lasciare il nostro paese per cercare altrove un destino migliore.

I segretari Landini e Bombardieri affermano che siamo di fronte ad una pandemia sociale, ad una emergenza, ma i problemi che abbiamo da affrontare non sono una emergenza ma una malattia cronica che ha le sue radici nelle scelte politiche fatte dai nostri governanti, di centrosinistra e di centrodestra, negli ultimi trenta anni, gli anni della globalizzazione e nelle scelte  delle stesse CGIL-CISL-UIL che hanno avallato molte scelte padronali a partire dalla “politica dei sacrifici “ di fine anni 70 del secolo scorso.

I nostri governanti e i gruppi dirigenti dei partiti che avrebbero dovuto difendere i lavoratori si sono accodati ai dettami imposti dal grande capitale, a cominciare da quello nordamericano; hanno acconsentito di svendere molti dei patrimoni economici che il nostro paese poteva vantare, si sono fatte interpreti delle esigenze dei settori più parassitari del capitalismo italiano che vede il vantaggio nella subordinazione alle grandi potenze.

I sindacati confederali hanno reagito poco e male a che questo avvenisse e i lavoratori ora si vedono applicare la regola delle delocalizzazioni e dei licenziamenti.

Tutto il popolo italiano, salvo una minoranza di superricchi, soffre delle conseguenze di quelle scelte: ne soffrono gli operai, gli impiegati, le partite IVA, gli artigiani, la piccola e la media industria.

In questi 30 anni i nostri governanti non hanno soltanto colpito le masse popolari nelle loro condizioni economiche; esse hanno anche sottomesso il nostro paese a scelte politiche e militari che hanno visto i nostri soldati, il territorio e l’economia nazionale asservita alle guerre volute dagli USA nei Balcani, in Medio Oriente, in Africa, in Afghanistan con il coinvolgimento di alcuni governi europei aderenti alla NATO ,guerre che hanno diviso e indebolito l’Unione Europea.

Le decisioni prese sono state all’origine di disastri non solo per il nostro popolo; intere città e paesi sono stati distrutti e milioni di persone hanno dovuto lasciare le loro case.

In questa situazione è chiaramente troppo riduttivo proclamare lo sciopero generale solo per modificare la manovra fiscale e questo sciopero rischia di trasformarsi in uno sfogatoio che non fa maturare l’opinione pubblica e sembra fatto più che altro per salvare la faccia in un momento in cui sono in corso le manovre per l’elezione del Presidente della Repubblica.

Per i lavoratori italiani è’ necessario un momento di riflessione sulla necessità di una lotta più vasta perché sia cambiato l’intero indirizzo politico, per mettere al centro il tema della indipendenza nazionale anche sul piano economico all’interno di una Unione Europea rinnovata nelle sue strutture e nei suoi scopi che non possono essere quelli del grande capitale ma quelli dei giovani e dei lavoratori.

I nostri governanti hanno consentito la cessione delle eccellenze industriali del nostro paese (Nuovo Pignone,Irisbus, FIAT,) e le dirigenze dei confederali non si sono battute per fermarle , facendo proprie, di fatto, le teorie economiche liberiste.

Oggi assistiamo a una ondata di chiusure e di delocalizzazioni di industrie nel nostro paese ad opera di grandi multinazionali e di grandi fondi internazionali . A questo occorre rispondere con una politica comune e condivisa tra tutti i paesi europei. Non è accettabile che alcune nostre industrie chiudano per essere trasferite ad esempio in Polonia perchè là le industrie pagano meno tasse ,ma il lavoro deve essere distribuito equamente in tutti i paesi europei e la tassazione deve essere comune.Su cosa si basa altrimenti l’Europa unita se non c’è solidarietà per il lavoro?

Perciò dobbiamo con forza sostenere la lotta lavoratori della Whirlpool di Napoli,della GKN di Firenze, della Speedline di Santa Maria di Sala nel veneziano, dell’Alitalia, della TIM e di tutti quei lavoratori che si trovano ad affrontare un uso distorto del progresso scientifico e tecnologico e i cui interessi vitali, col pretesto di esigenze del mercato ,vengono sacrificati alle ambizioni di profitto e di potere del capitale finanziario.

La redazione di Pennabiro