Il “Decreto Rilancio” del governo e la regolarizzazione dei migranti della ministra Bellanova

Citazione

                                                                              di Andrea Acierno

La regolarizzazione dei migranti proposta della ministra per l’agricoltura Bellanova è sorta  dalla necessità di fare fronte alla desertificazione delle campagne dal lavoro dei braccianti a causa  dell’epidemia da coronavirus. La questione ha determinato l’abbandono dell’agricoltura e dei prodotti agricoli che rappresentano una perdita incalcolabile non solo per gli italiani ma anche per i produttori con la perdita dei loro investimenti. La ripercussione è immediata sull’aumento dei prezzi dei prodotti agricoli e per quelli che l’Italia sarebbe costretta a importare da altri paesi. Ci vuole poco per capire che ci guadagnerebbe la speculazione e anche la mafia. Proprio vero allora che il coronavirus sia riuscito a evidenziare, in un batter d’occhio, le politiche sbagliate e le debolezze dei governi che si sono succeduti negli anni, indifferenti allo sviluppo agricolo e industriale del paese. Tanto più questo discorso vale per l’Italia meridionale (meglio per “la questione meridionale”) abbandonata a se stessa, i cui abitanti purtroppo, già dal cosiddetto boom economico, hanno dovuto abbandonare e immigrare, per cercare fortuna, nelle Industrie del Nord così come in altri paesi europei ed extraeuropei. Così quello che valeva per i padri di ieri vale oggi, purtroppo, anche  per i figli, per i giovani, in cerca di lavoro con fuga di manodopera e di cervelli per l’assoluta mancanza della ricerca. Tutto questo ha potuto fare il coronavirus, in breve tempo, più di quanto non hanno distrutto il territorio le siccità o le alluvioni.

Sono  alcune considerazioni con lo scopo di dimostrare quanto i principali partiti politici, decisivi per la politica italiana, siano stati distanti dai problemi dell’economia reale (cioè dalla produzione delle merci nostrane) e dai problemi dei lavoratori. Le proteste per le quote latte degli allevatori degli anni 90, così come quelle più recenti dei pastori sardi, sono state represse/ostacolate con la forza dal governo Prodi dell’epoca e dal più recente governo Conte 1. Ciò è avvenuto senza poi esprimere, nei confronti degli altri paesi europei, una posizione che rappresentasse non solo autorevolezza del proprio Paese ma anche una capacità di trattare con pari dignità su tutti gli altri elementi della questione agricola, compreso lo  sviluppo dell’Italia meridionale.

La questione agricola e la questione del lavoro nero sono le due questioni che il governo si è trovato costretto ad affrontare perché è venuta a mancare la manodopera impiegata in questi anni nella raccolta stagionale dei prodotti agricoli a partire dai pomodori .Manodopera impiegata specie al sud dove la criminalità organizzata continua a gestire buona parte di queste attività.

Si pongono quindi due domande: l’articolo 103 ,”Emersione dei rapporti di lavoro “inserito dal ministro Bellanova nel “Decreto Rilancio ” del governo è una risposta efficace a questi due questioni di fondo ? E i sindacati confederali CGIL-CISL-UIL,di cui la ministra ha fatto parte essendo stata prima di diventare deputata del PD,segretaria provinciale CGIL dell’agroindustria , che lotta hanno condotto contro il caporalato e per lo sviluppo dell’agricoltura?

Sulla seconda domanda è presto detto e questo investe anche le responsabilità dell’attuale ministra quando era sindacalista : i sindacati confederali hanno condotto una denuncia soltanto di facciata così come i vari governi che si sono succeduti hanno di fatto permesso che sia i braccianti italiani cui si sono aggiunti negli anni i braccianti provenienti da altri paesi ,continuassero a lavorare in condizioni miserabili.

Alla seconda domanda la risposta è che l’emersione dei rapporti di lavoro è limitata ai settori dell’agricoltura,della pesca ed alle badanti ma non tocca altre categorie importanti di lavoratori come l’edilizia ad esempio ,è limitata ad un periodo di sei mesi senza indicare come poi sistemare questi lavoratori nel nostro paese o riaccompagnarli al loro paese d’origine e rinnovargli il rientro per il prossimo anno e inoltre ha normative talmente complesse per l’ottenimento dei permessi di soggiorno che è presumibile che molti lavoratori irregolari possano scegliere di restare come sono, degli “invisibili”.

Bisogna ricordare poi che a suo tempo era stato detto che con il Job’s act del governo Renzi ci sarebbe stata l’emersione dal lavoro nero , che doveva consentire questa emersione con varie formule di flessibilità lavorative,  togliendo lacci e lacciuoli onde favorire la produzione delle aziende piccole e grandi. Poiché però per i lavoratori, a perdere diritti si sa quando si comincia ma mai quando si finisce, con il Jobs act la ciliegina sulla torta è stata concessa, in modo concertato da governo, Confindustria e sindacati,  con l’abrogazione  dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, che impediva i licenziamenti senza giusta causa, al solo scopo di far aumentare i profitti del capitalista e della speculazione finanziaria. Tant’è che i padroni, a maggioranza, non hanno più recriminato mentre nelle campagne è continuato il caporalato che ancora viene denunciato.

Con il risultato che il lavoro nero e quello precario continua ad essere praticato in tutti i settori lavorativi, compreso nell’agricoltura, e questo vale sia per gli italiani che per i migranti senza contratto di lavoro.Non sarà certo il decreto della ministra Bellanova, a questo punto, a risolvere la questione altrimenti non ci sarebbe nemmeno bisogno di fare controlli nelle aziende (ricordiamo la Thyssen Krupp del passato) e negli attuali cantieri da parte dell’INAIL, dalla finanza o da denunce televisive se questo impegno fosse stato rispettato.

Questo è un aspetto, l’altro è la dirompente questione sanitaria: volete farci credere che regolarizzando gli immigrati sarà affrontato anche questo problema? Non vedremo più alla tv quelle baracche dove fino ad oggi hanno vissuto senza acqua, senza servizi igienici, nella sporcizia e in gruppo ammassati? Ci saranno guanti, mascherine, disinfettante, acqua per lavarsi e spogliatoi nelle campagne? Continua a leggere

Alcuni seri dubbi sulla fabbrica del futuro di Electrolux

Citazione

Dai sindacati confederali agli esponenti locali del PD per finire con il presidente della regione Veneto,il recente accordo sottoscritto all’Electrolux di Susegana è stato salutato come un successo per il mantenimento dell’occupazione nonché del rilancio industriale dello stabilimento un tempo fiore all’occhiello della Zanussi.

Ma è proprio così? A guardare i contenuti dell’accordo intanto si ha da un lato la riduzione di 60 addetti da qui al 2023 senza nessun impegno preciso,quantificato,di nuove assunzioni al posto di chi lascerà il lavoro. Ma soprattutto non c’è nessuna clausola riguardo alla delocalizzazione o allo spostamento di parte della produzione dopo che la multinazionale svedese ha pesantemente ricattato i lavoratori nel passato ,nel presente e quindi anche nel futuro.

L’esperienza di questi anni di ricatti avrebbe dovuto comportare un atteggiamento completamente diverso da parte e dei sindacati confederali e da parte dei recenti governi e dell’attuale mettendo paletti certi per impedire questi ricatti.

Non solo. La concentrazione della produzione sui frigoriferi ad incasso garantirà in futuro l’occupazione ? Puntare su un prodotto esclusivo non è mai una scelta di politica industriale in grado di garantirla.

C’è poi un altro aspetto,quello della modifica delle condizioni di lavoro ,con l’introduzione dei turni di 6 ore per 6 giorni per 3 turni con la scomparsa del sabato libero e in pratica della mensa spostata a termine o inizio turno, e l’aumento del numero numero di pezzi prodotti.

Secondo l’azienda la digitalizzazione,la robotizzazione,le nuove posizioni di lavoro dovrebbero migliorare queste condizioni. E se non fosse così? Perchè non fissare un periodo congruo di sperimentazione prima di vincolarsi,per non dire impiccarsi con un accordo firmato?

Sperimentazione tanto più giusta se si considera che Electrolux per la riqualificazione degli operatori che dovranno utilizzare le nuove tecnologie di produzione,non pagherà di tasca propria ma utilizzerà i fondi di Fondimpresa,fondo per la formazione professionale di Confindustria,CGIL,CISL,UIL,così come si è servita finora di sovvenzioni dello stato e delle regioni come il Veneto in cui ha stabilimenti.

Al contrario i sindacati firmatari si sono accontentati di una “Commissione cantiere” composta di 6 rappresentanti sindacali e di 6 rappresentanti dell’azienda che avrà però soltanto il compito di monitorare l’andamento ,sarà soltanto consultiva e,per evitare che in questa commissione possano entrare un domani delegati con una visione critica,della commissione potranno far parte soltanto componenti della RSU firmatari dell’accordo.

Bene dunque ha fatto la CUB a contestare l’accordo invitando i lavoratori a respingerlo e definendo in modo efficace il piano della Electrolux “ Lavorare più in fretta per lavorare in meno”.

La partecipazione al voto dei lavoratori sull’accordo va letta attentamente.

Su 1021 addetti,soltanto 551 hanno votato,appena il 55%.Non può essere stato soltanto il caldo a tenere lontani i lavoratori dalle urne come ha cercato di giustificare un delegato RSU,caldo di cui del resto Electrolux non tiene conto non tanto certo per gli uffici del consiglio di amministrazione ma piuttosto per i reparti di lavoro visti gli scioperi contro le temperature insopportabili cui sono costretti i lavoratori dei suoi vari stabilimenti .

E su quei 551 votanti i favorevoli sono stati 436 e 108 i contrari ,dunque il 42% ,meno della metà,ha votato a favore dell’accordo e questo significa che la maggioranza dei lavoratori giustamente non lo giudica positivo,con buona pace di quei sindacalisti che adesso dicono di voler “vigilare sull’applicazione dell’accordo”.

La turnazione su 6 giorni crea forti disagi ai lavoratori considerando che in gran parte provengono da paesi distanti decine di chilometri e quindi occorre mantenere l’orario a 8 ore giornaliere,va definito un numero congruo di nuove assunzioni,vanno firmati impegni precisi per impedire delocalizzazioni con il coinvolgimento della Regione Veneto che fin qui ha messo soldi ma non ha posto all’azienda paletti precisi a tutela dell’occupazione.

Portare avanti questi obiettivi richiede una organizzazione nuova dei lavoratori dello stabilimento di Susegana ,una organizzazione alternativa ai sindacati confederali che continuano ad accettare accordi negativi per i lavoratori in modo da togliere a questi ultimi la rappresentanza esclusiva dei lavoratori e la titolarità delle trattative con l’azienda.Ed occorre anche un coordinamento tra i lavoratori dei diversi stabilimenti Electrolux e con altre fabbriche in modo di ottenere maggior forza contrattuale.

La fabbrica 4.0,all’Electrolux come in altre aziende, non deve diventare il modo per aumentare i profitti dei grandi gruppi a scapito delle condizioni di lavoro e delle garanzie occupazionali,al contrario le nuove tecnologie devono essere utilizzate a favore dei lavoratori .

Occorre grande attenzione attorno a questi esperimenti di introduzione delle nuove tecnologie nella produzione ,impedire che i lavoratori delle singole aziende si sentano isolati e impotenti,creare una nuova unità nel mondo del lavoro.