Dibattito nell’ANPI sull’aggressione all’Ucraina

Citazione

di Paola D’ Angiolini

L’aggressione militare scatenata dalla Federazione Russa contro l’Ucraina ha sconcertato e diviso non poco chi si schiera per l’antiimperialismo, l’antifascismo e il pacifismo.

Ciò si deve in parte alla giusta avversione contro la NATO, che non è affatto un’organizzazione difensiva e lo ha dimostrato ampiamente in Afghanistan, Iraq e nell’Europa stessa, contro la ex Jugoslavia (1995 e 1999). La NATO è apparentemente democratica, ogni paese membro ha diritto di parola, ma alla fine le decisioni le prendono solo gli Stati Uniti.

C’è però il fatto del tutto evidente e incontrovertibile dell’invasione armata da parte di una superpotenza nucleare contro un paese vicino, per impedirgli di sottrarsi alla sua influenza politica, economica e militare.

Nel 2014 c‘erano stati l’occupazione militare russa della Crimea (quasi passata sotto silenzio) e lo scontro armato di formazioni nazionaliste russe e ucraine nelle province orientali di Donetsk e Lugansk. Già tutto questo avrebbe dovuto allarmare di più noi europei, ma altra cosa, di ben altra gravità e gravida di conseguenze internazionali, è circondare e bombardare le più importanti città ucraine, intrappolandovi la popolazione civile e colpendo colonne di profughi, ospedali e depositi di cibo e carburante.

Di fronte a questa realtà quasi nessuno in Italia ha accettato la posizione ufficiale di Mosca sulla necessità di “denazificare” l’Ucraina e quasi nessuno obietta sull’aiuto umanitario alla popolazione e ai rifugiati. Ma come aiutare la resistenza del popolo ucraino?

I pacifisti puri si appellano alla nonviolenza (digiuno di Alex Zanotelli), coloro che si rifanno alla tradizione dei partiti di sinistra orfani del 1991 riconoscono e condannano l’aggressione ma si rifugiano nel ‘né né’, né con Putin né con la NATO.

Chi invece la Resistenza l’ha fatta, contro i nazisti veri e i loro alleati fascisti, e ne tramanda il significato politico, si schiera per l’appoggio concreto.

Gianfranco Pagliarulo (classe 1949), ex senatore cossuttiano e attuale presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI), è contrario alla decisione del governo italiano di inviare non solo aiuti umanitari ma anche armi all’esercito e ai volontari ucraini, “perché si può interpretare da parte dello stato invasore come un atto di cobelligeranza che comunque alza ulteriormente il livello della tensione internazionale”. Il presidente onorario dell’ANPI stessa, Carlo Smuraglia (classe 1923), ex partigiano ed ex senatore, si è pronunciato invece per l’invio di armi e ha equiparato la resistenza ucraina a quella italiana del 1943-45.

Occorre arrivare al più presto al cessate il fuoco e all’apertura di serie trattative tra i governi dell’Ucraina e della Federazione Russa, e l’Unione Europea collabori attivamente a queste trattative.

E’ necessario giungere a un arretramento reciproco delle basi militari NATO a ovest e di quelle russe a est, in modo da garantire la sicurezza reciproca tra Unione Europea e Federazione Russa e chiudere davvero la fase storica della guerra fredda.

Salvare Kiev, salvare la pace in Europa

Citazione

Mentre proseguono incessanti i bombardamenti e i lanci di missili sulle città ucraine,senza nessuna volontà di cessate il fuoco e di aprire serie trattative da parte del governo russo,mentre continuano i combattimenti tra l’esercito russo che ha invaso l’Ucraina e la strenua resistenza dell’esercito e del popolo ucraino,si levano sempre più voci nell’ Europa e nel mondo contro l’aggressione e l’invasione voluta da Putin. Tra queste voci il comunicato del Partito Comunista Unificato d’Italia che pubblichiamo di seguito.

L’assemblea dei militanti del Partito Comunista Unificato d’Italia,riunitasi il 10 marzo,denuncia l’aggressione imperialista condotta dalla Federazione Russa contro l’Ucraina e il suo popolo.

Siamo a fianco del popolo ucraino cui occorre dare pieno sostegno per la salvaguardia della sua indipendenza e della sua integrità territoriale.

Chiediamo l’intervento dell’ONU per l’invio di una forza di interposizione attorno alla capitale Kiev e alle principali città che impedisca il massacro della popolazione civile,per bombe o per fame, garantisca cordoni umanitari assieme alla Croce Rossa Internazionale e verifichi il rispetto delle Convenzioni di Ginevra di tutte le parti in conflitto.

L’ONU deve intervenire per concretizzare la volontà dell’Assemblea Generale (141 voti a favore ,35 astensioni e 5 a favore ) contro la violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina, per ottenere la cessazione immediata delle ostilità.

 Chiediamo una riforma dell’ONU che abolisca il diritto di veto  dei 5 paesi nel Consiglio di Sicurezza che oggi impedisce di dare voce ai paesi più piccoli.

Chiediamo il ritiro immediato delle truppe russe dal territorio ucraino e l’apertura di una trattativa tra Unione Europea,Ucraina e Federazione Russa.

Il nostro desiderio  è che la trattativa ottenga da un lato la garanzia della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina nonché la sua difesa internazionale in caso di futuri attacchi esterni,dall’altro un arretramento degli insediamenti militari della NATO verso ovest e degli insediamenti russi verso est per una sicurezza reciproca tra UE e Federazione Russa.

Chiediamo che la richiesta di adesione dell’Ucraina alla casa comune europea ,alla Unione Europea venga sancita da un referendum popolare con la presenza di osservatori neutrali internazionali per la regolarità del voto.

Chiediamo che l’Unione Europea affronti il nodo della propria dipendenza energetica con un programma comune di distribuzione delle risorse e di progresso verso fonti rinnovabili e una redistribuzione dei profitti dei grandi gruppi energetici a favore dei cittadini europei contro il rincaro delle bollette.

Il nodo della sicurezza europea va risolto dai popoli europei,il confronto di potenza nucleare tra Stati Uniti e Federazione russa non deve coinvolgere i paesi europei.

Auspichiamo che l’Unione Europea possa dotarsi di un vero esercito comune, senza la presenza degli USA, basato esclusivamente sul concetto di difesa che possa garantire l’autonomia politica dei paesi europei e tutelare le popolazioni da ogni  aggressore.

La lotta del popolo ucraino per l’unità del loro paese e per l’indipendenza sia un importante stimolo per rafforzare l’unità di tutti i popoli europei .

        Partito Comunista Unificato d’Italia