Ricordo del prof. Risaliti

Citazione

Venerdì 24 settembre, alle ore 21, presso il Circolo La Scintilla di San Michele – Agliana, si è svolto un incontro pubblico in ricordo del professor Renato Risaliti ad un anno dalla sua scomparsa.

Sono state due associazioni a farsi promotrici dell’evento:

  1. Lo storico Circolo “La Scintilla” di San Michele – Agliana , da decenni una realtà consolidata nella provincia di Pistoia, centro propulsivo di attività culturali, sportive, di intrattenimento e di solidarietà e luogo di incontro e di socializzazione fra le generazioni e di integrazione.
  2. La Associazione politico- culturale “La Sinistra” di Quarrata che già da diversi anni promuove incontri e conferenze sugli argomenti di maggiore interesse storico, filosofico, politico e scientifico che ha sede presso la Casa del Popolo di Quarrata, via Galilei, n. 13.

Oltre che sindaco di Agliana il professor Risaliti era stato docente di lingua e letteratura russa presso l’università di Pisa e poi di storia dell’Europa orientale nell’ateneo fiorentino.

In varie occasioni di incontro nelle due città, Agliana e Quarrata, i soci delle due associazioni hanno avuto modo di apprezzare la sua profonda cultura storica e letteraria, la sua umanità e passione per le vicende politiche anche della provincia di Pistoia.

Nella sua straordinaria attività di scrittore e saggista Renato Risaliti ha affrontato gli argomenti più vari tra i quali spiccano quelli relativi alla storia del movimento operaio a Pistoia e della Resistenza, le vicende legate a Licio Gelli, la storia della letteratura russa, la storia della Russia, la storia dei rapporti fra l’Italia e la Russia fino dal Rinascimento.

Il ricordo è iniziato con il saluto e il ringraziamento alle due associazioni da parte del sindaco del comune di Agliana e si è articolato nella proposizione delle memorie di quanti hanno conosciuto il professore come scrittore, come insegnante, come amministratore, come amico.

I presenti all’incontro, relativamente numerosi se si tiene conto della situazione pandemica, hanno seguito con vivo interesse gli interventi che si sono succeduti.

Da segnalare il ricordo proposto da Marco Giunti che per tanti anni, dopo il 1980, è stato primo cittadino di Agliana, ed era stato assessore nella giunta guidata da Risaliti nel periodo 1975-1980.

All’incontro ha preso parte anche Roberto Bertini che oltre a far parte della redazione di questo blog – Pennabiro – è anche socio dell’associazione politico-culturale “La Sinistra” di Quarrata.

Il compagno Roberto, dopo aver raccontato di come aveva incontrato il professore nel 2017 alla biblioteca San Giorgio di Pistoia, è intervenuto per mettere in luce una parte della attività di saggista di Renato Risaliti: quella dedicata alla sua conoscenza diretta della agonia e della fine dell’Unione Sovietica.

Il professore, nella sua ricostruzione “Storia della Russia nel secolo XX°” del 1997 – centro stampa Toscana Nuova via degli Alfani 103/r – Firenze, ha messo in luce come dopo la seconda guerra mondiale si andò consolidando in URSS un complesso militare industriale che prese il sopravvento sugli altri settori dell’economia sovietica.

Il suo affetto per la Russia ed il suo popolo non gli hanno impedito di testimoniare le enormi contraddizioni sociali e nazionali di quel paese.

Si crearono nel dopoguerra in URSS situazioni di assoluto privilegio da parte di alcuni gruppi dirigenti del partito e dello stato.

Sul piano internazionale fu intrapresa una politica avventurista e non rispettosa della autodeterminazione dei popoli E si arrivò alla formulazione della teoria della sovranità limitata per giustificare l’invasione della Cecoslovacchia e via di seguito.

Il compagno Roberto ha tenuto a sottolineare che le dure critiche svolte da Renato Risaliti ai dirigenti del PCUS, e anche del PCI in Italia, non lo hanno mai portato ad abbandonare gli ideali del socialismo e a vedere nel marxismo uno strumento importante di interpretazione del mondo odierno.

Pertanto si sbagliano quanti vorrebbero usare il lavoro di Risaliti in funzione anticomunista.

Nel suo libro ha scritto che alla base di una società socialista ci stanno uguaglianza e democrazia (pag. 76).

Bertini ha concluso che per capire come questo sia vero basta guardare cosa è accaduto nei paesi dell’ex URSS e in quelli che essa controllava: la mancanza di un vero potere dei lavoratori dell’economia e della politica e l’esistenza di fatto di un capitalismo di stato gestito dai dirigenti del PCUS, ha fatto sì che dopo il il crollo di quei regimi ha preso piede un capitalismo privato senza regole che certamente non ha portato la felicità e la libertà a quei popoli,ma al contrario ha portato guerre e povertà.

Per la costruzione di una società nuova non è affatto sufficiente la statalizzazione dei mezzi di produzione e delle banche sotto la direzione del partito dei lavoratori, ma occorre la direzione reale della classe operaia sulla produzione e una anche più difficile battaglia culturale per sconfiggere le mentalità individualista, familista e borghese che hanno radici profonde.

R. B.

Climate Strike, sciopero per il clima

Citazione

Anche a Pistoia, oggi, è tornato in piazza il movimento Fridays for Future, dopo oltre un anno dalla manifestazione del 28 settembre del 2019. Lo ha fatto in occasione dello Sciopero Nazionale per il clima del 9 ottobre.

In piazza della Spirito Santo c’erano più di cento studenti delle scuole superiori e dei licei della città.C’erano anche alcune persone adulte.

I ragazzi hanno partecipato con entusiasmo all’iniziativa; hanno cantato; si sono seduti sul lastricato della piazza per dare maggior effetto visivo all’iniziativa-

La partecipazione è stata notevole se anche si considera i tempi di coronavirus che viviamo e la necessità per tutti di indossare la mascherina.

Gli interventi dal palco improvvisato dei giovani promotori aderenti a F.f.F. (Pistoia) sono stati molto interessanti per i loro contenuti; in particolare hanno denunciato che parole come “ambiente” o “salvare il pianeta” vengono usate in modo strumentale da gruppi industriali e finanziari che sono promotori di inquinamento; hanno denunciato che i cambiamenti climatici colpiscono soprattutto le persone più povere; hanno detto che per ottenere dei risultati apprezzabili non basta cambiare i comportamenti individuali ma che occorre una lotta politica per costringere gli stati e le grandi aziende a modificare le loro politiche:

Uno dei ragazzi che hanno preso la parola ha detto che per lottare contro i cambiamenti climatici bisogna cambiare sistema.

Roberto, un compagno della redazione di Pistoia di pennabiro.it, è intervenuto all’incontro; ha dato la propria solidarietà e quella del blog all’iniziativa ed ha anche ricordato ai ragazzi che 50 anni prima, in quella stessa piazza, c’erano lui ed altri che prendevano parte ad un altro movimento, quello del “68, che per i suoi contenuti di lotta per un mondo migliore era simile a quello al quale loro adesso davano vita.

Roberto ha concluso il suo intervento augurando “buona lotta”.

Il movimento di lotta contro i cambiamenti climatici presenta aspetti di grande interesse ed è una promessa per il futuro, la promessa che le politiche criminali messe in piedi dal grande capitale e dai politici che sono asserviti ad esso non rimarrà senza risposta; per salvare il nostro pianeta legando la lotta dei lavoratori, degli sfruttati e di tutti i diseredati a quella per la difesa dell’ambiente naturale.

E’ di fondamentale importanza che questo movimento non si faccia coinvolgere e intrappolare in logiche elettoralistiche; la storia ha dimostrato che quelle logiche sono la morte dei movimenti e che questi devono svilupparsi per conseguire i loro scopi originari.

Questo non significa che si debba essere critici verso i sistemi elettorali in generale; siamo critici perché il nostro, l’Italia, è un paese capitalistico dove il potere di condizionamento di chi possiede i grandi capitali è immenso; chi ha in mano molti soldi compra e possiede direttamente o indirettamente i mezzi di informazione; giornali, cinema, TV, internet, oltre al potere di ricatto che gli deriva dalla possibilità di concedere o meno un lavoro e/o un reddito.

In queste condizioni parlare di democrazia in rapporto con le scadenze elettorali è una beffa per i lavoratori, i giovani e i pensionati.

Solo la lotta di massa può dare dei risultati veri e duraturi.

La Redazione di pennabiro.it