Comunicato stampa

Citazione

Convegno sulle pensioni a Roma il 5 dicembre, in concomitanza della giornata di mobilitazione europea contro l’attacco alle pensioni.

Il sistema pensionistico attuale è profondamente ingiusto. Nega di fatto ai lavoratori ed ai giovani il diritto ad una pensione dignitosa. Praticamente con l’innalzamento dell’età pensionabile, si lavorerà di più e si percepirà di meno e non riconosce il lavori gravosi. Si costringono i lavoratori e i giovani a sottoscrivere pensioni private, con grande esultanza delle banche e del capitale finanziario. 

Il 5 dicembre a Roma, al convegno sulle pensioni, che si terrà al Villaggio Globale, Lungotevere Testaccio 1, ore 10.30/15.00, cercheremo di smascherare tutte le bugie che girano intorno al discorso pensionistico, per avviare così una mobilitazione e una campagna contro questo sistema pensionistico contributivo infame ed affamante. Ci aiuterà in questo percorso l’economista prof. Giuseppe Mazzetti.In allegato locandina e volantino.

Le organizzazioni promotrici:

Conup Nazionale, Conf. Cobas, Usi, Cosdip, CIL Pensionati, La rivista Le Lotte dei Pensionati, ACU, Pubblico impiego in movimento, Adl Varese, Stas Trasporti Lombardia, Cub scuola

Il 1° maggio è un giorno di lotta

Citazione

 

Il  1° Maggio è il giorno in cui i lavoratori ricordano a tutto il mondo che sono loro la forza principale della società.La questione del lavoro è oggi centrale nel nostro paese che ha una tra le più alte percentuali di disoccupazione tra i giovani.E le condizioni di lavoro per chi lo ha sono in continuo peggioramento come confermano  purtroppo i 1100 infortuni mortali sul lavoro nell’ultimo anno.Questa situazione è il frutto di una politica che in questi anni ha favorito gli interessi delle grandi multinazionali che dettano legge sui mercati mondiali con la riduzione dei salari e dei diritti dei lavoratori.Una politica che avrebbe dovuto vedere una forte opposizione dei maggiori sindacati  e della cosiddetta sinistra e che invece è stata da questi favorita.L’appello lanciato per l'”unità sindacale” da CGIL-CISL-UIL ai cortei per il 1° maggio suona perciò come un tentativo di coprire le loro responsabilità.

Vi sono state iniziative per il 1° maggio che hanno voluto ribadire che questo è un giorno di festa ma anche di lotta.Una di queste iniziative è stata promossa dalla Confederazione Unitaria di Base di Padova e Treviso che  ha organizzato un’iniziativa aperta ai lavoratori con  tema la sicurezza e gli incidenti sul lavoro con uno  spettacolo della compagnia ” la Baracca” di Prato molto interessante e che ha coinvolto i presenti in un dibattito di grande attualità.L’iniziativa ha voluto tenere vivo il primo maggio come giornata di festa in ricordo dell’approvazione nel lontano 1867 delle 8 ore negli Stati Uniti d’America,cui seguì nel 1° maggio del 1886 a Chicago un attentato di cui furono accusati e impiccati 8 operai innocenti  .Nel 1889 venne poi deciso dall’insieme del movimento operaio di organizzare per il primo maggio dimostrazioni in tutti i paesi per ridurre la giornata lavorativa a 8 ore.Una giornata dunque di festa ma anche di conflitto nello spirito della continuazione della lotta di classe del movimento dei lavoratori.