La INDESIT è stata ceduta alla WHIRLPOOL ,il governo Renzi è d’accordo?

 

La famiglia Merloni ha ceduto a Whirlpool il 60,4% del capitale della società che controlla Indesit,l’ultimo produttore italiano di elettrodomestici rimasto,che era il secondo produttore europeo negli anni 90.Whirlpool è una multinazionale con sede nel Michigan,USA,primo produttore mondiale,in accanita concorrenza con la multinazionale Electrolux per il primato in Europa.

Abbiamo visto come è andata a finire la vertenza nei 4 stabilimenti italiani di Electrolux:aumento dei carichi di lavoro,una quota di esuberi da eliminare,garanzia del lavoro solo per altri 3 anni.

L’intervento del governo Renzi,con il presidente della regione speciale Friuli Venezia Giulia Serracchiani in prima fila,non è andato oltre a questa soluzione penalizzante per i lavoratori e con scarse garanzie per il futuro.Il governo non ha affatto preso le misure tempestive necessarie per varare velocemente un piano industriale strategico per mettere in sicurezza quanto ancora rimasto in mani italiane del tuttora secondo comparto industriale italiano,quello degli elettrodomestici,ovvero gli stabilimenti Indesit ed altri pezzi sparsi nel paese.

In tutte altre cose affaccendato e legate al controllo del potere politico,cioè le riforme antidemocratiche elettorale e del Senato,ma non certo ai problemi reali del paese,impegnato a piazzare con le nuove nomine i suoi uomini nei principali monopoli di stato,dall’ENI a Finmeccanica,Renzi ed il suo staff non si sono affatto premurati di impedire che la multinazionale americana,contando sui problemi economici degli eredi Merloni e sull’influenza politica,ci sfilasse la Indesit.Marc Bitzer,presidente dell’area Nord America ed Europa,Medio Oriente e Africa di Whirlpool ha dichiarato :”Questa operazione ci permetterà di creare una società più efficiente in Europa”.Ci domandiamo :gli interessi rappresentati dal signor Bitzer coincidono con quelli dei lavoratori e dei paesi europei ? Risposta:no! Già le multinazionali di per sé sono in contraddizione con gli interessi dei paesi in cui hanno sede,se poi queste multinazionali hanno sede,come in questo caso che è poi anche quello della FIAT, in paesi extra-europei,da un lato condurranno una lotta per battere la concorrenza europea e,se un domani troveranno più conveniente trasferirsi in un altro continente,lo faranno chiudendo gli stabilimenti e licenziando i lavoratori dopo avere messo questi ed i governi dei paesi europei sotto ricatto per tutto il periodo precedente di permanenza.

Si può fare ancora qualcosa?

Certo. L’operazione di Offerta di Pubblico Acquisto che Whirlpool intende fare entro il 2014 per detenere l’intero pacchetto di azioni è in attesa del via libera dell’Antitrust e del tribunale di Ancona quindi il governo ha tutta la possiblità di intervenire per garantire almeno il mantenimento di una quota importante delle azioni in mano italiane. Nello stesso tempo,essendo intervenuto economicamente con riduzioni fiscali a favore di Electrolux nella recente vertenza ,a questo punto ha il compito ed il dovere di mettere assieme le due vertenze,Indesit ed Electrolux per trovare una unica soluzione che tuteli l’intero settore nell’interesse del paese e dei lavoratori italiani .Lo farà  ?

Su L’Unità del 12 luglio abbiamo letto in prima pagina:”Un altro pezzo dell’industria italiana se ne va:l’Indesit è stata ceduta dal gruppo Merloni agli americani della Whirlpool.Lavoratori in allarme”.

Renzi,segretario del PD,afferma che vuole che l’Italia diventi trainante in Europa.Bene,ha l’occasione per passare dalle parole ai fatti:intervenga decisamente per bloccare l’operazione Whirlpool ,prenda l’impegno di varare un piano industriale a sostegno del settore degli elettrodomestici,ponga in Europa il problema di stabilire delle quote strategiche invalicabili nella direzione della produzione e nei posti di lavoro da mantenere in Europa in tutte le industrie importanti,bloccando le acquisizioni e facendo investimenti per migliorare i prodotti. Dopo le parole ci vogliono i fatti. Da parte loro,i lavoratori continuino la lotta condotta in questi anni per difendere il posto di lavoro ed il mantenimento in Italia dei siti produttivi e rafforzino quella che è decisivo per l’efficacia della lotta cioè il coordinamento di tutte le fabbriche che producono elettrodomestici e di quelle dell’indotto in una unica vertenza nazionale.

 

 

UNA STORIA ITALIANA, MA NON È UN RACCONTO DI NATALE!

Per uscire dalla  crisi occorre prima di tutto investire in ricerca e istruzione. L’anno nuovo si è aperto con la parola lavoro un po’ dappertutto perchè è chiaro che un paese  che ha più del 40% di disoccupazione giovanile, un livello di istruzione che scende progressivamente in basso e la emigrazione dei giovani all’estero per trovare lavoro, non ha futuro. L’impoverimento del paese, le proteste di alcune categorie sociali negli ultimi tempi, nonchè la preoccupazione di una  possibile ribellione delle nuove generazioni a questo stato di cose, costringono l’attuale governo ed i partiti che lo sostengono a parlare di lavoro. In realtà sono impegnati soprattutto in una lotta sottotraccia per i nuovi equilibri di potere dopo l’elezione di Renzi a segretario del PD e la scissione del PdL e, visti i loro legami con il grande capitale finanziario, non sono in grado di spostare il capitale dalle banche alla produzione, basti vedere l’aumento della tassazione sugli immobili e sulla produzione che è alla fine il risultato dalla legge finanziaria, oltre allo scandalo delle slotmachines ed al decreto salvaRoma. Investire in ricerca e formazione, punto fondamentale per combattere la crisi economica, è impossibile senza una lotta contro l’organizzazione di questo sistema e senza provare a cambiare la politica nel nostro Paese e dell’Europa. Pieno di significati quanto accade a questo istituto di ricerca e ai suoi lavoratori.

Indire (Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa) è “il più antico Istituto di Ricerca del Ministero dell’Istruzione”, un Istituto che “sin dalla sua istituzione nel 1925 […] ha sempre accompagnato l’evoluzione del sistema scolastico italiano investendo in ricerca, sperimentazione e innovazione tecnologica. Oggi l’Istituto ha maturato un’eccezionale esperienza nell’utilizzo delle nuove tecnologie per la formazione in Rete e si pone come punto di riferimento per la ricerca educativa e i processi di innovazione nella scuola. Guarda all’Europa contribuendo allo sviluppo, anche attraverso il Lifelong Learning Programme (LLP), di una rete di contatti, scambi, flussi di informazioni ed esperienze fra scuole, studenti, aziende e istituzioni1.

Articolato in tre nuclei territoriali, l’Indire è un ente dotato di autonomia scientifica, finanziaria, patrimoniale, amministrativa e regolamentare. […] L’Istituto subentra  all’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica che era stata istituita con la L. 296/2006. Con decreto n. 5 del 21 dicembre 2012 del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Francesco Profumo, è stato approvato lo Statuto dell’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa. Lo Statuto è pubblicato integralmente sul sito dell’Istituto2.

Purtroppo questo importante Ente di ricerca “attualmente […] non dispone di alcuna unità di personale in pianta stabile essendo tuttora in corso le procedure di concorso pubblico per l’assunzione di personalea tempo indeterminato3. Insomma, al pari di tutti gli altri Enti Pubblici di Ricerca (EPR), pur essendo ricerca e innovazione essenziali per lo sviluppo del Paese, il personale che vi opera è precario: se in Italia, nei vari EPR, i precari rappresentano il 40% del personale addetto alla ricerca, in Indire l’attività lavorativa viene svolta quasi esclusivamente da personale precario, al quale non viene riconosciuta alcuna identità professionale, degli invisibili che non risultano in alcuna pianta stabile.

Ciò avviene regolarmente da quasi venti anni. Indire, infatti, non ha mai potuto utilizzare ed avere proprio personale, sebbene gli sia stata attribuita una pianta organica, in quanto non è stato mai dotato di un finanziamento e di un organico proprio; i lavoratori (circa 140) sono sempre stati “esterni” e le attività sono state garantite grazie a progetti finanziati tramite fondi europei o dei ministeri della Pubblica Istruzione e del Lavoro.

Tale precarietà storica si conferma con il susseguirsi delle varie scadenze dei contratti atipici in essere, di cui sono titolari i lavoratori precari, ad esempio ogni volta che si conclude il programma di azione comunitaria nel campo dell’apprendimento gestito dall’Ente.

La recente conclusione dell’ultimo programma dell’Unione Europea nel campo dell’istruzione e della formazione, riferito agli anni 2007-2013, è stata motivo di preoccupazione per i lavoratori di Indire, essendo l’Ente sede dell’Agenzia LLP (Lifelong Learning Programme) che ha gestito appunto questo programma, in particolare i programmi settoriali Erasmus, Comenius, Grundtvig, Twinning e Eurydice.

Nel gennaio 2014 ha preso il via ufficialmente il nuovo programma UE per istruzione, formazione, gioventù e sport. Programmi come Comenius, eTwinning, Erasmus, Erasmus Mundus, Leonardo da Vinci, Grundtvig e Youth in Action si trovano riuniti in un programma unico finanziato con 14 miliardi di euro in sette anni, che dovrebbe permettere a 5 milioni di giovani europei di studiare, fare tirocini e lavorare in un paese dell’Unione diverso dal loro. A Erasmus+, questo il nome del nuovo programma, aderiscono tutti i paesi UE più Islanda, Turchia, Macedonia, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera, con la possibilità di coinvolgere in talune aree anche paesi terzi.

In occasione di questa doppia scadenza – come appena detto, dei contratti di lavoro e del programma europeo – sono raddoppiate in primo luogo le preoccupazioni dei lavoratori precari in servizio presso l’agenzia LLP, nonché quelle delle migliaia di utenti, in particolare docenti, sparsi in tutta Italia, che hanno espresso attestati di solidarietà e sostegno ai dipendenti dell’Agenzia, così come degli addetti nei vari Uffici della Commissione Europea a Bruxelles, anch’essi ispiratori presso il Ministero della Pubblica Istruzione italiano di attestati di ringraziamento per l’ottimo e professionale lavoro svolto nell’implementazione dei programmi in Italia, già espressi durante le varie verifiche periodiche effettuate.

Con ritardo il MIUR, che è anche Ministero vigilante del nuovo Programma Erasmus+ per il settennato 2014-2020, a poco meno di due mesi dalla scadenza del vecchio programma, ha confermato il ruolo di Indire nella gestione di Erasmus+. Purtroppo a questa decisione non si è aggiunta la riconferma e il mantenimento dei lavoratori precari che lavoravano nell’agenzia LLP, infatti sono stati contestualmente indetti dall’Ente concorsi pubblici nazionali per titoli e colloquio per la formazione di graduatorie finalizzate al conferimento di contratti a tempo pieno e determinato per vari profili per il Programma Erasmus Plus 2014-2020.

Si è trattato di una decisione che poteva mettere a rischio un patrimonio professionale costruito in quasi venti anni da lavoratori sempre precari – e forse non più giovani – dovendo di fatto e quasi paradossalmente selezionare per il nuovo affidamento lo stesso personale già in servizio. I lavoratori, quindi, per poter continuare a fare le stesse attività, hanno dovuto superare nuovamente un concorso pubblico, magari dopo averlo già fatto per ben due o tre volte visto che parliamo di precari di lungo corso, alcuni con oltre 18 anni di esperienza. Eppure vi sono degli strumenti legislativi europei e italiani che potevano innescare il rinnovo e/o la proroga dei contratti a tempo determinato in essere all’Agenzia LLP (DLgs 368/2001); da detta proroga sarebbero invece rimasti esclusi i contratti dei collaboratori a progetto.

È difficile capire perché si fa un concorso quando già ci sono dei lavoratori che svolgono, e lo svolgono bene, quello stesso lavoro. Perché dunque? Sono diventati vecchi e incompetenti? Devono alternarsi ad altri precari? Vanno sostituiti dopo essere stati ben spremuti? Oppure magari riassunti ma con un altro contratto, meno costoso, più economico? Un concorso in tali circostanze sembra rappresentare piuttosto il trionfo dello sperpero, una mortificazione per chi tiene duro ed opera nonostante le condizioni difficili.

Evidentemente a niente sono servite le mobilitazioni e gli scioperi dei precari degli enti di ricerca, a niente sono serviti gli attestati di solidarietà, i documenti, i comunicati, le mozioni unanimi di interi Consigli Regionali, le interrogazioni parlamentari a risposta in Commissione al Ministro della Istruzione dell’Università e della Ricerca, gli ordini del giorno nel Senato della Repubblica, sottoscritti da parlamentari di tutti gli schieramenti politici di governo e di opposizione: all’ultimo tuffo il Ministro Carrozza ha provveduto a firmare l’assegnazione del programma ERASMUS PLUS a INDIRE, ma non sono stati riconfermati i lavoratori, con il rischio di azzerare o ridurre questo prezioso patrimonio di esperienze.

Nel corso degli anni infatti il personale dell’Agenzia nazionale è cresciuto allo scopo di rispondere in modo adeguato agli obiettivi del programma, maturando competenze e conoscenze specifiche – linguistiche, informatiche, gestionali –, sviluppando figure di alta professionalità che hanno saputo affiancare alle competenze di management anche capacità di ricerca e studio. Al dicembre 2013 nelle due sedi di Firenze e Roma lavoravano circa 80 persone di cui una sessantina assunte a tempo determinato, dopo aver sostenuto due volte concorsi pubblici passando dal comparto Ministeri (2003-2006) a quello della Ricerca (gennaio 2007 – gennaio 2013); nonostante ciò tali lavoratori, sono stati nuovamente sottoposti a procedure di selezione.

Ad oggi neanche gli ultimi decreti D’Alia (DL 101/13) e Carrozza (DL104/13) hanno risolto i gravi problemi che affliggono gli Enti Pubblici di Ricerca, non permettendo di uscire da una situazione di emergenza permanente, né tanto meno risolvono il problema del personale, non procedendo con la stabilizzazione e il reclutamento di quello attualmente precario. Detto personale infatti, ad ogni scadenza di contratto, dopo anni di lavoro, rischia sempre di trovarsi senza occupazione e senza i cosiddetti ammortizzatori sociali.

Così singolarmente o in piccoli gruppi, questi lavoratori precari, meno rappresentati, meno visibili, meno organizzati, si affannano a rincorrere quel politico, locale o parlamentare, quell’amministratore, quel sindacalista, per chiedere protezione, per poi avere la possibilità di andare al nuovo, ennesimo, concorso pubblico che gli permetta di andare avanti, di lavorare ancora qualche mese o nella migliore delle ipotesi qualche anno …

Il tempo determinato, con contratti di lavoro atipico, rappresenta oggi giorno l’ipotesi più comune per l’ingresso nel mondo del lavoro. In Italia negli ultimi anni quasi due contratti su tre stipulati sono a tempo determinato; le tipologie di contratti atipici sono riferiti soprattutto a giovani lavoratori ma in misura minima sono associati anche a lavoratori più anziani (con più di 50 anni di età), risultato della crisi e delle grandi ristrutturazioni aziendali con chiusura di molti stabilimenti. Di solito questi contratti di lavoro si definiscono atipici in quanto non garantiscono un’assicurazione previdenziale sicura.

Le conseguenze principali dei contratti atipici, secondo alcune ricerche4 condotte in Europa, sono: bassa retribuzione, maggiori rischi di problemi di salute mentali, maggiore insicurezza lavorativa, minore accesso ad opportunità di formazione e di carriera, impieghi di bassa qualità. Ciò nonostante il lavoro atipico non solo è in costante aumento ma anche in costante evoluzione, con nuove e sempre più sofisticate forme: i lavoratori sono più flessibili, meno protetti, costano meno. Inoltre, sempre secondo le ricerche citate, il lavoro atipico si concentra soprattutto nella pubblica amministrazione e riguarda più donne che uomini.

La European Labour Force Survey ha riscontrato che la proporzione dei lavoratori a tempo determinato sotto-occupati nell’UE a 27 nel 2012 è aumentata fino a raggiungere il 21,4%, superando i nove milioni di lavoratori5.

La ricerca Accessor6 (Atypical Contracts and Crossborder European Social Scurity Obligations and Rights), promossa da alcuni sindacati europei in otto paesi della UE, conferma la diffusione dei contratti atipici quale forma principale d’ingresso nel mondo del lavoro della giovane generazione – definita generazione precaria – pur chiarendo che il lavoro atipico è associato ad una condizione di precarietà e non è una scelta volontaria. La citata ricerca conferma che, “pur nella loro varietà, i contratti atipici in vigore nei diversi paesi europei hanno molte cose in comune: minore sicurezza del posto di lavoro, stipendi più bassi e discontinui, meno opportunità di formazione e di carriera, condizioni di salute peggiori, minori diritti sindacali. E per quanto riguarda la sicurezza sociale: scarsa copertura, soprattutto per quanto riguarda le indennità di disoccupazione, e forti difficoltà a costruire una pensione di vecchiaia decente. In poche parole impossibilità di fare progetti di vita7. I paesi europei sembrano aver rinunciato a qualsiasi forma di armonizzazione sociale, nonché a principi e regole che dovrebbero garantire la protezione sociale.

Tornando all’Agenzia nazionale LLP/Unità e Twinning e Unità Eurydice, a procedure di concorso terminate – le prove concorsuali si sono svolte il 16, 17 e 18 dicembre 2013 – il personale selezionato è stato invitato a presentarsi al lavoro il 2 gennaio u.s.: i lavoratori fortunatamente sono stati riconfermati nel proprio posto di lavoro, non senza prima aver subito il grave stress della roulette concorsuale. Come noto, i concorsi pubblici non sono assolutamente uno strumento idoneo a garantire il mantenimento del posto di lavoro perché condizionato da un numero troppo elevato di variabili … a meno che non siano una vera propria farsa, alla quale, loro malgrado, sono stati obbligati a prestarsi i lavoratori. Mentre lo Stato, attraverso la Pubblica Amministrazione, si conferma il primo responsabile degli abusi in tema di precariato le feste sono trascorse abbastanza serene nelle famiglie di questi lavoratori … fino alla prossima scadenza contrattuale e all’ennesima prova concorsuale.

 

P.F.

 

1 http://dueappunti.files.wordpress.com/2012/08/manuale-dellindire-ansas.pdf

 

2 http://www.indire.it/content/index.php?action=istituto

 

3 http://www.indire.it/content/index.php?action=amministrazione-trasparente&id=14316

 

4 Broughton (2010) http://www.eurofound.europa.eu/ewco/studies/tn0812019s/uk0812019q.htm

 

5 http://epp.eurostat.ec.europa.eu/cache/ITY_PUBLIC/3-19042023.BP/EN/3-BP-EN.PDF

 

6 La ricerca in italiano è reperibile sul sito: http://www.cgil.it/Archivio/politiche-lavoro%5CAccessor_ITA.pdf

 

7 Indem, pag. 29