FIAT: le ragioni e i torti della FIOM-CGIL

Le ragioni e i tori della FIOM

Le ragioni e i torti della FIOM

E così siamo arrivati al dunque , tra pochi giorni i lavoratori degli stabilimenti torinesi di Mirafiori decideranno con il referendum se accettare o meno le condizioni di Marchionne, perchè di questo si tratta .L’accordo siglato tra alcuni sindacati, Cisl , Uil, Ugl e Fismic e l’amministratore delegato della FIAT è del tutto simile a quello stipulato di recente per gli stabilimenti di Pomigliano d’Arco.
Riduzione delle pause , aumento dei turni , ipotesi di portare l’utilizzo della mensa al termine dell’orario di lavoro, 40 ore di base più gli straordinari, aumenti salariali collegati strettamente alla turnazione ed agli straordinari, impegni dei sindacati firmatari a non indire scioperi su quanto concordato, un accordo quindi peggiorativo per i lavoratori.
La contropartita di questo accordo è un piano di investimenti di 1 miliardo di euro per produrre a Mirafiori l’Alfa-Jeep utilizzando la piattaforma nata come base dell’Alfa Giulietta e perfezionata in seguito negli stabilimenti Chrysler negli USA.
Ma qual è allora, chiaramente, il piano complessivo di Marchionne, come verranno investiti i 20 miliardi di euro in 5 anni che sono stati promessi ? Nessuno ancora lo sa. Però qualcosa possiamo dedurre .
Prima di tutto che tutta la faccenda FIAT-Chrysler nasce sulla base della crisi sia dell’una che dell’altra e su un accordo che ha visto il governo ed i sindacati americani mettere i soldi per salvare la Chrysler e la FIAT mettere , almeno all’inizio , la tecnologia .Resterà a Torino e quindi in Italia la direzione della azienda o si trasferirà a Detroit ? Poi che Marchionne intende puntare sul mercato europeo su i SUV, i macchinoni che consumano molta benzina e che molti americani non possono più permettersi e , al contrario, su automobili di piccola cilindrata negli Stati Uniti. L’accordo su Mirafiori e quindi la produzione dei SUV sarebbe di fatto la prima vera produzione della unione FIAT-Chrysler e questo spiega perchè le condizioni dell’accordo abbiano come riferimento le pesanti condizioni a suo tempo accettate dai lavoratori americani.
Continua a leggere

Pomigliano: serve un piano alternativo a quello della Fiat

Operai Fiat Pomigliano d'Arco

Operai Fiat Pomigliano d'Arco

L’accordo di Pomigliano tra la FIAT, CGIL, CISL, UIL, FISMIC e UGL, con la FIOM-CGIL in forte dissenso sulle modalità di raggiungimento degli obiettivi di quell’accordo, e la contrarietà degli altri sindacati come la CUB e lo SLAI- COBAS, va respinto per tre buoni motivi.
Il primo è che il nuovo metodo di lavoro, il cosiddetto World Class Manifacturing, comporta un controllo asfissiante di ogni singolo movimento del lavoratore, una turnazione di 8 ore per tre turni per 6 giorni compreso il sabato più 120 ore di straordinario obbligatorio, una riduzione al minimo delle pause e lo spostamento all’ultima mezz’ora della mensa.
Con il ricatto del posto di lavoro si è firmato un accordo che comporterebbe un netto peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita mentre i salari sono tenuti bassi senza nessun miglioramento. Occorre notare che questo metodo, il WCM, è già stato sperimentato nella fabbrica di Tychy in Polonia. Sarebbe molto utile conoscere il punto di vista dei lavoratori polacchi e un confronto con i colleghi italiani per trovare una linea comune che faccia fronte al ricatto occupazionale che tocca i lavoratori di entrambi i Paesi, messi in reciproca concorrenza tra di loro.
Continue reading