Europa e Afghanistan

Citazione

Il ritiro degli americani, dopo 20 anni di occupazione militare, è stato disastroso sotto tutti i punti di vista. Ha causato altre vittime tra la popolazione civile compresa un’intera famiglia distrutta dai droni lanciati contro i presunti autori dell’ISIS nell’attentato all’aeroporto di Kabul che dove erano morte 200 persone compresi tredici marines; ha lasciato al loro destino decine di migliaia di giovani e donne in particolare nella capitale che oggi conta 4 milioni e mezzo di abitanti, che conducevano studi e attività simili a quelle dei paesi occidentali in un paese rimasto però in gran parte dedito a un’agricoltura arretrata e diviso tra le varie tribù ed etnie che compongono quel popolo; ha favorito una fazione politica, i talebani, rispetto alle altre e infine ha messo in serio pericolo di vita tutto il personale civile degli altri paesi che hanno partecipato a questa triste avventura imperialista durata 20 anni.

È un ritiro che ha una sua logica. Mentre in Afghanistan le truppe americane procedevano in fretta e furia al ritiro deciso dal presidente Biden senza alcuna consultazione con gli alleati della NATO, la vicepresidente Kemala Harris faceva tappa prima a Singapore poi a Saigon ,nel Vietnam del Sud, visite programmate da tempo, tanto è vero che negli ultimi mesi Washington aveva già inviato in visita ufficiale nella regione altri funzionari di alto livello, inclusi il segretario della Difesa, Lloyd Austin, e la vice segretaria di Stato Wendy Sherman. Visite che rientrano in un progetto di rafforzamento di tutti in rapporti degli USA nel Pacifico e in particolare nel mare cinese meridionale. Occorre dunque vedere che in Afghanistan c’è una grande sconfitta della politica americana ma contemporaneamente c’è una modifica sostanziale della loro strategia, a partire dalla soluzione di problemi aperti con il Pakistan e la Birmania e dalle alleanze già strette con le Filippine e l’Indonesia. Anche i rapporti tra USA e Russia , con cui non c’è mai stata una guerra, vanno rivisti in questa nuova strategia , la Russia è preoccupata dal fatto che la Siberia, nonostante la grande estensione, conta soltanto 35 milioni di abitanti e si trova ai confini con la Cina e dunque ha interesse a non rompere con Washington.

La ritirata dall’Afghanistan è stata paragonata a quella dal Vietnam nel 1975, dopo una guerra durata un ventennio, per la confusione generale che avvenne nel trasferire il personale militare e civile là con gli elicotteri dai tetti dell’ambasciata americana a Saigon qua con gli aerei dall’aeroporto di Kabul. In Vietnam gli USA, che avevano sostituito la Francia nel dominio coloniale dopo la sconfitta dei francesi a Dien Bine Phu nel 1954, avevano subito una cocente sconfitta militare di fronte alla guerra di liberazione e per l’unità nazionale condotta dal governo del Vietnam del nord e dai partigiani, i famosi vietcong , del Vietnam del Sud. Guerra in cui gli americani ebbero cinquantotto mila soldati uccisi, 300 mila i feriti, mentre i caduti del Nord e del Sud Vietnam furono circa 1 milione e mezzo e con un incalcolabile numero delle vittime civili, che sarebbe persino più elevato di quello dei combattenti.

Gli USA, a un certo momento di questa guerra, diedero per scontata la vittoria del governo del Vietnam del Nord e valutarono la possibilità di un accordo, accordo che fu firmato nel gennaio 1973 da Kissinger e in cui si poteva vedere il cambio di linea dell’amministrazione americana: ridurre i limiti della vittoria dei vietnamiti, un impegno degli USA alla ricostruzione economica, fare uscire il Vietnam dall’orbita dell’URSS e della Repubblica Popolare Cinese, favorire un ruolo di potenza regionale del Vietnam in tutto il sud-est asiatico . Se consideriamo anche il viaggio di Nixon a Pechino nel 1972, possiamo dire che eravamo di fronte ad un cambio totale di linea verso tutta l’Asia. I fatti successivi hanno poi portato agli attuali stretti rapporti commerciali e politici tra il Vietnam e gli USA, oggi un grande marchio nordamericano come Nike ha lì metà della produzione e la stessa tedesca Adidas vi ha delocalizzato un terzo della produzione.

Allora, nel 1975, a essere sacrificato, fu il governo del Vietnam del Sud, oggi è il governo fantoccio di Ghani e un esercito senza nessun legame con il popolo che una volta che non ha più ricevuto lo stipendio e che ha compreso che l’accordo con i talebani era cosa fatta, si è sciolto come neve al sole.

La presenza degli americani in Afghanistan e il loro rapporto con i talebani risale a ben prima della spedizione militare del 2001 dal momento che avevano sostenuto militarmente l’organizzazione dei mujaheddin contro l’invasione dell’Afghnistan da parte dell’URSS nel 1978 fino al loro ritiro nel 1989 e in seguito avevano fatto la stessa cosa con i talebani.

L’attentato alle torri gemelle venne considerato un attacco al territorio degli USA e l’Europa, tramite la NATO, si è trovata invischiata in questa occupazione in base all’articolo cinque del trattato che prevede che, in caso di attacco a uno dei paesi che la compongono, venga considerato come un attacco diretto a tutte le parti dell’alleanza transatlantica.

Dalla caccia e all’uccisione di Bin Laden che avvenne in territorio pachistano nel 2011, gli USA sono poi passati all’esportazione della “democrazia “ e alla “ costruzione di uno stato “ secondo una strategia che vedeva l’esistenza di stati da loro controllati e di loro basi militari dal Medio Oriente fino all’India. Oggi l’amministrazione americana cambia strategia, la Russia è stata ridimensionata, l’avversario è diventato la Cina e dunque l’Afghanistan non è più così importante e si può lasciare in mano ad una fazione con cui da tempo si è condotta una trattativa senza consultare gli stessi alleati con cui aveva organizzato l’occupazione di questo paese martoriato.

Si può dire che quando serve il consenso della Nato, gli americani lo usano, quando non serve, decidono da soli.

La fretta con cui gli americani si sono ritirati, può essere spiegata soltanto con l’obiettivo di evitare che potessero nel frattempo prendere forza nel paese gruppi politici tagliati fuori dall’accordo con i talebani

Oggi i talebani si trovano a disporre non solo di un arsenale lasciato dagli americani e di un addestramento militare rafforzato dal passaggio dalla loro parte dell’esercito del precedente governo, ma hanno anche il controllo dei rapporti diplomatici che li rende di fatto gli unici interlocutori nei rapporti internazionali.

Di fronte a questi fatti in Afghanistan, siamo allora di fronte ad un nuovo cambio di linea degli USA sotto la presidenza Biden come quello che avvenne dopo il ritiro dal Vietnam ? E cosa può comportare negli equilibri mondiali questo cambio di linea?

E’ una domanda che tutti i democratici e gli amanti della pace devono porsi per le conseguenze che la politica americana mantiene verso il resto del mondo e più che mai deve trovare una risposta chiara in Europa.

La superpotenza USA bada prima di tutto a se stessa. Oggi gli USA non hanno più la forza economica per sostenere 3-4 guerre nelle varie aree del mondo e il popolo americano è stanco di guerre e di perdere i propri giovani. Gli USA hanno grossi problemi interni che si riflettono anche nella loro politica estera.

Il viaggio nell’Asia meridionale del vicepresidente Harris in contemporanea al ritiro dall’Afghanistan e le stesse parole del presidente Biden nell’ultimo discorso alla nazione indicano chiaramente qual è oggi la direzione della politica americana: il Pacifico e dunque la Cina. Vi sono molti fatti che dimostrano come, non solo sul piano economico, ma anche militare, gli USA cerchino di accerchiare dall’oceano la Cina mentre al contempo perseguono la superiorità negli armamenti spaziali. L’imperialismo mantiene le sue leggi per la supremazia mondiale e non è disposto a cedere questa supremazia.

Si chiude una lunga fase durata circa 30 anni, seguita al crollo definitivo dell’URSS, in cui la superpotenza americana ha detenuto l’egemonia mondiale sul piano economico e con la conduzione di guerre in zone nevralgiche del mondo e se ne apre una nuova dagli esiti imprevedibili.

Se questa è la strategia decisa a Washington, occorre dire che questa strategia è contraria agli interessi dei popoli compreso il popolo americano

Europa e Afghanistan. L’Europa, i paesi e i popoli europei devono trarre i necessari avvenimenti dalla vicenda afgana.

Noi europei non possiamo più seguire gli USA nelle loro vicende, se consideriamo che la richiesta all’Unione Europea di seguirli nella loro nuova strategia è già stata avanzata.

E’ il momento in cui l’Europa, i popoli europei, possono e devono prendere in modo chiaro le distanze da Washington, da chi governa a Washington, rimarcare la loro diversità e pensare in modo concreto a una politica estera autonoma e indipendente dagli USA a partire da un sistema di difesa autonomo europeo.

L’Europa non può essere invischiata a causa del trattato transatlantico in avventure e strategie militari che corrispondono solo agli interessi americani, con il rischio concreto di essere coinvolti in uno scontro che un domani può diventare globale con la Repubblica Popolare Cinese.

Esiste nel mondo la necessità di un sistema di rapporti internazionali che abbia come base il mutuo e reciproco vantaggio dei popoli e che si contrapponga allo strapotere delle multinazionali da qualunque parte queste provengano, per uno sviluppo economico equilibrato di tutti i paesi di tutti i continenti. Un sistema mondiale dove i vari organismi che lo compongono, dall’ONU all’Organizzazione Mondiale per il Commercio, siano indirizzati a questo sviluppo economico e si oppongano a ogni azione economica e militare ostile, ai nuovi piani di egemonia dell’imperialismo che comportano il rischio di nuove guerre.

L’Unione Europea, sotto la spinta dei lavoratori europei, da terreno di scontro delle due guerre mondiali, può divenire il soggetto politico che porti avanti questo progetto.

Osvaldo Pesce – Iglis Restani