Ci sarà lavoro per i giovani?

Citazione

Spunti interessanti da un convegno al Centro Pastorale di Seveso

Anche i cattolici si preoccupano per i cambiamenti sociali che investono il lavoro oggi e nel futuro. Il tema introduttivo a un convegno della Pastorale del lavoro tenutosi a Seveso lo scorso 20 gennaio “Ci sarà ancora lavoro per i giovani?”, riconosceva che il problema del lavoro è cruciale, che bisogna ascoltare i giovani e offrire loro una formazione legata all’esperienza pratica. Al convegno erano stati invitati ed hanno assistito alcuni tra i promotori del convegno sul lavoro alla luce dell’industria 4.0 tenutosi a Milano nell’ottobre scorso promosso dal nostro blog e da altre forze i cui lavori sono disponibili sul sito.

L’arcivescovo di Milano, Delpini, nel suo saluto,ha posto apertamente queste domande:

Ci sarà lavoro per i giovani? E giovani per il lavoro? Quale lavoro? Che rapporto ci sarà fra lavoro e salario, lavoro e doti personali, e dove sarà questo lavoro? Il lavoro è solidarietà, non individualismo, è benessere condiviso. L’art. 1 della Costituzione non enuncia un principio ma una responsabilità di tutti, soprattutto del potere, del governo, dei politici che ci chiedono il voto.

Per don Magnoni, responsabile della Pastorale che ha tenuto l’introduzione, ascoltare i giovani è una sfida decisiva per l’impatto sul lavoro: per i giovani per inserirsi, per gli adulti per formarli.

Sono poi seguiti alcuni interventi. Per la Confap (Confederazione nazionale formazione e aggiornamento professionale, istituita nel 1974 dalla CEI) il lavoro è essenziale per la vita dell’uomo, occorre ascoltare e orientare i giovani verso percorsi adatti alla loro formazione personale; va spostato l’asse dai centri di formazione scolastica a un approccio molto orientato a formarsi sul campo (alternanza rafforzata, apprendistato, contratto di lavoro) sviluppando non solo delle competenze professionali ma un comportamento responsabile nel lavoro di squadra.

La sociologa Lodigiani rileva che cresce la speranza di vita in presenza di bassa natalità e immigrazione, cambia la famiglia: questione decisiva è la capacità della nostra società di generare futuro e vita. Il lavoro arriva tardi, e tardi l’autonomia, domanda e offerta faticano a incontrarsi per il disallineamento fra le competenze dei giovani e le richieste delle imprese: cresce la domanda di profili elevati, ma continua anche per quelli intermedi e medio-bassi.

La fascia d’età che più soffre per la disoccupazione è tra i 15 e i 24 anni, oltre il 30%, ma molti studiano; più preoccupante la situazione nella fascia 24-29 anni, fino a 35, con contratti atipici, forte flessibilità che rende più facile l’accesso ma espone al rischio di non lavorare; gli scoraggiati (che non studiano e non cercano lavoro) sono un gruppo eterogeneo ma in gran parte sono giovani. I media enfatizzano nei giovani una polarizzazione tra scoraggiati e ‘cervelli in fuga’ per studio o lavoro all’estero, ma questi sono stereotipi da scardinare, occorre dare voce ai giovani che lavorano o che cercano lavoro.

Il lavoro ci forma come cittadini, è relazione, rispetto delle regole, progettarsi con altri; le imprese vanno portate a vedere l’importanza dell’innovazione di processo, le nuove tecnologie vanno coniugate con la gestione delle risorse umane. Per lo scollamento tra percorsi formativi e realtà lavorativa, da una parte mancano competenze, dall’altra sono in eccesso, anche in profili elevati; certo non ci prospettiamo un futuro alla Masi (sociologo del lavoro ), ma viviamo un passaggio epocale per cui l’occupazione cambia forma con percorsi discontinui (lavoro precario, volontariato, lavoro familiare).

Nel futuro quindi ci sarà ancora lavoro, ma potrebbe mancare l’occupazione salariata: con le grandi trasformazioni della quarta rivoluzione industriale(robotica, internet delle cose) cambiano il modo di lavorare e le competenze e anche il modo di vita (social network). Alcune professioni saranno soppiantate, altre se ne creeranno, la questione è come saranno la sicurezza, le tutele, gli orari, i contratti; si riduce la centralità del lavoro a tempo pieno per tutta la vita, ci sono altre forme di lavoro che vanno riconosciute e cui vanno dati regolazione e diritti. La crescita dell’Italia a paese industriale avvenne con l’occupazione

maschile salariata, quello che era lavoro ma non occupazione (della casalinga) va valorizzato perché fa funzionare la società. Dobbiamo difendere e promuovere tutto il lavoro, nelle diverse forme, dignitoso, in sicurezza e con remunerazione, perché significa promuovere la nostra umanità e società.

L’imprenditore Riva, impegnato nell’innovazione digitale, non riesce a trovare competenze in numero sufficiente (fra diplomati e laureati) per il mercato informatico in forte ascesa, e le trova soprattutto nelle università di Napoli e Bari perché i ragazzi del Sud sono più motivati, perché manca un tessuto imprenditoriale in grado di occuparli. Non si tratta tanto di competenze tecniche, occorre formarli – la formazione è un investimento continuo – si valutano le capacità di mettersi in gioco e relazionarsi.

il lavoro ha aspetti di sacrificio ma anche di realizzazione della vita piuttosto che di rapido guadagno, L’esperienza di volontariato sviluppa capacità di relazionarsi e prendersi delle responsabilità; gli oratori possono essere luoghi di formazione e di prospettive di lavoro.

Fabio Esposito, docente di fisiologia alla Statale, rileva che il modo di formazione non è più funzionale, occorre coinvolgere le aziende a livello di docenza, non solo con i workshop, ma c’è forte reticenza; da 10 anni entrano all’università giovani con sempre meno conoscenze. L’abbandono universitario è impressionante; anche nei colloqui per avviarsi a un tirocinio i ragazzi sono disorientati su quale strada prendere per arrivare al lavoro che si vuole fare manca un soggetto adulto che intercetti questo bisogno prima, dalle elementari alle superiori. Per collegarsi col mondo del lavoro l’università invita delle aziende a presentare le loro attività, offrono stage e dopo sei mesi il rapporto di lavoro. Non ci sono scuole infermieristiche né per le nanotecnologie, la nutriceutica, le biotecnologie, le attività motorie, ci sarà lavoro e anche occupazione per questi settori, ci sono già posti di lavoro presenti e richiesti mentre per altre situazioni non si troverà lavoro per 10 anni.

A conclusione, don Magnoni esorta a mostrare la complessità del nodo cruciale del lavoro e a fare la fatica di pensare insieme e confrontarsi, ascoltando i giovani.

Molti sono dunque gli spunti interessanti usciti da questo convegno e che si collegano con la discussione già avviata nel convegno di ottobre citato all’inizio. L’obiettivo praticabile diventa perciò mettere assieme tutti questi contributi per dare una risposta concreta e percorribile alla questione lavoro nel nostro paese.

La redazione

 

Il Governo vuole far morire le associazioni dei consumatori

Citazione

E’ con queste parole che inizia la lettera aperta che Gianni Cavinato, presidente dell’Associazione Consumatori Utenti, ha fatto conoscere prima di iniziare lo sciopero della fame in segno di protesta nei confronti del governo

Milano, lunedì 4 dicembre 2017

Ho deciso di intraprendere lo sciopero delle fame per cercare di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sul fatto che è in atto un chiaro disegno che punta a neutralizzare il ruolo delle associazioni dei consumatori in Italia.

E’ questa l’amara conclusione a cui sono giunto alla luce dei comportamenti del Governo che da tempo ignora le attese delle associazioni dei consumatori impedendo di fatto il loro ruolo attivo previsto dalla legge.

Quest’anno, ed è la prima volta che accade, non si è svolta la sessione programmatica con i rappresentanti delle Regioni e delle provincie autonome, momento fondamentale di confronto sulla situazione attuale e sulle politiche regionali in materia di tutela dei consumatori che annualmente deve essere organizzata ai sensi dell’articolo 136 del Codice del Consumo.

Da due anni non vengono pubblicati bandi per promuovere progetti a favore dei consumatori, impedendo la fruizione di una quota delle risorse derivanti dalle multe Antitrust che, secondo la legge, devono essere destinate ogni anno “alle priorità delle politiche consumeristiche del governo d’intesa con le associazioni dei consumatori”.

Il CNCU – Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti – presieduto dal Ministro dello Sviluppo Economico, ultimamente non viene più chiamato a svolgere il proprio ruolo per poter contribuire attivamente al miglioramento della posizione dei consumatori nel mercato.

Anche in questo caso il Governo è in netto contrasto con quanto previsto dall’articolo 137 del Codice del Consumo, nonostante nelle dichiarazioni finali del G7 di settembre a Torino “Industry 4.0” il Governo stesso abbia più volte richiamato il ruolo dei consumatori, dal momento che l’impatto di questo sviluppo innovativo coinvolgerà l’intera società per i prossimi decenni.

Proprio grazie all’intervento delle associazione dei consumatori in Italia, oggi, si può cambiare operatore telefonico in modo più semplice e senza costi. Le associazioni italiane hanno messo a punto soluzioni stragiudiziali paritetiche, innovative per l’Europa, che in 10 anni hanno risolto gratuitamente per i cittadini più di 200.000 controversie in materia di telefonia, energia, poste e banche.

Sono convinto che un coinvolgimento delle associazioni dei consumatori sulle fatturazioni a 28 giorni delle aziende di telefonia avrebbe ridotto i tempi di intervento. Ed ora che il governo si è accorto che i calcoli della tari dal 2014 erano sbagliati per i cittadini cosa accadrà? Non sarebbe stato utile un confronto serio con i rappresentanti degli interessi dei cittadini?

In sede europea opera da decenni un dicastero specifico per le politiche dei consumatori che tiene in alta considerazione il ruolo e i contributi delle associazioni. In Italia, invece, si punta verso la loro chiusura.

E’ per queste

– e per tante altre ragioni –

che non intendo star fermo a guardare.