Alcune considerazioni sul 4 Novembre

Quote

di Roberto Bertini

Anche quest’anno, in occasione del 4 novembre si sono svolte celebrazioni in tutta l’Italia, a cominciare da Roma presso il Vittoriano.

Queste si sono svolte come una festa al cospetto delle massime autorità politiche.Il 4 novembre è l’anniversario della vittoria dell’esercito italiano su quello austriaco, a conclusione della Prima Guerra Mondiale, con la firma dell’armistizio di Villa Giusti nel 1918 con la resa dell’esercito dell’impero austro-ungarico,divenuto in seguito Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.Anche quest’anno nella capitale ed in tante altre città italiane è stato suonato l’Inno di Mameli ed in questo modo si è voluto ricollegare la guerra sostenuta dall’Italia contro gli imperi centrali, nel 1915-1918, al Risorgimento.

Questo collegamento è storicamente illegittimo.Tutti gli storici sanno che, per l’Italia, il periodo risorgimentale è finito il 20 settembre 1870, quando, a seguito della Breccia di Porta Pia, Roma divenne capitale d’Italia.La prima guerra mondiale non fu, per l’Italia, una guerra di liberazione; fu una guerra imperialista condotta contro altre potenze imperialiste: l’Impero austroungarico e quello tedesco.Fino dal suo inizio, per i governanti italiani, gli obbiettivi di quella guerra non erano la liberazione di territori irredenti ma erano obiettivi di rapina; Trento e Trieste furono solo un pretesto per entrare nella guerra e strappare agli avversari il massimo del bottino.In particolare l’Italia avrebbe voluto conquistare la Dalmazia e i Balcani, l’Africa nord-orientale e l’Anatolia.All’inizio del 1915 il ministro degli esteri Sonnino inizio le le trattative con l’Intesa (Francia, Inghilterra, Russia) per concordare la spartizione postbellica quando erano ancora in corso colloqui con i rappresentanti degli imperi centrali; questi ultimi sarebbero stati disposti, per evitare che l’Italia entrasse in guerra contro di loro, a notevoli concessioni al nostro paese.(si veda in proposito: Massimo L. Salvadori, Storia dell’età moderna e contemporanea vol. II, pag.499).

Se guardiamo alla vicenda della Prima Guerra Mondiale senza retorica possiamo vedere che a spingere la gioventù italiana in quella orribile carneficina furono soprattutto le ambizioni della Monarchia e la sete di profitti del capitale finanziario e dell’industria legata alla guerra,con il sacrificio complessivamente, nel corso della guerra ,di 620.000 soldati e ufficiali italiani mentre i feriti, i mutilati e le vittime civili si contarono a milioni causate in seguito anche dalla diffusione della “Spagnuola”.Per tutto questo si può dire che la giornata del 4 novembre non dovrebbe essere un giorno di festa ,ma di riflessione sulla nostra storia.E non è l’Inno di Mameli che dovrebbe essere suonato nelle piazze d’Italia ma piuttosto “Oh Gorizia tu sei maledetta” per rendere in questo modo il dovuto omaggio alle vittime di quella guerra.

Questi sono gli insegnamenti che la società,a partire dalla scuola,dovrebbe trasmettere alle nuove generazioni, se la storia non viene insegnata secondo verità ma viene distorta per far apparire le cose per quello che non sono è inevitabile che succedano episodi in cui alcuni giovani inneggiano al fascismo ed al nazismo..Se non si chiarisce che l’esercito italiano, nella Prima e nella Seconda Guerra mondiale (invasione della Russia, attacco alla Francia, alla Grecia ecc. ) non fu al servizio della libertà degli italiani ma piuttosto di una ristretta cerchia di sfruttatori, è naturale che molti perdono la testa e si creano dei falsi eroi; se non si spiega che,ai tempi della prima guerra mondiale,Mussolini,allora direttore dell’Avanti, tradì gli ideali socialisti per i soldi che ricevette dalla Francia e dagli industriali dei cannoni per spingere l’Italia contro l’Austria, di cui era stata alleata fino a pochi mesi prima, è normale che qualcuno, in questo periodo di crisi economica e culturale, si attacchi al suo mito nella ricerca di un riscatto sociale.Perciò è pura ipocrisia quella di quei i politici che si scandalizzano degli episodi di rigurgito fascista e di razzismo perché sono loro stessi a far passare un malinteso senso del patriottismo continuando a celebrare il 4 novembre come il giorno dell’indipendenza.Fare chiarezza sul nostro passato storico ,in un momento di grave crisi economica e di necessaria unità tra i pasei europei, può essere perciò di fondamentale aiuto,specie per le nuove generazioni, per tracciare una prospettiva politica nuova per il paese.

Diritto allo studio e investimenti nell’istruzione:dov’è finita la “Buona scuola”?

Quote

I tagli previsti all’azienda al diritto allo studio della regione Toscana

Per reagire al declino economico del nostro paese occorrerebbe mettere al primo posto un massiccio piani di investimenti nell’istruzione oltre che nell’industria,nelll’agricoltura e nelle infrastrutture.Lo sviluppo del paese sul piano tecnologico così come su quello culturale ha bisogno di leve di giovani preparati,con buona cultura,con buona conoscenza delle lingue e con nuove idee per rilanciare il sistema produttivo.Investire nell’istruzione significa in primo luogo garantire quel diritto allo studio il solo che può permettere a giovani intelligenti e che hanno voglia di fare l’accesso anche ai livelli elevati di istruzione che ,come è noto,è ritornato ad essere privilegio delle classi più abbienti.

Il diritto allo studio era uno dei punti cardine della grandi lotte studentesche degli anni 60,70 e oltre,ma non pare essere un obiettivo né della cosiddetta “buona scuola” del governo Renzi,nè del governo attuale.Bene hanno fatto perciò gli studenti del complesso universitario di Novoli,a Firenze,che si sono riuniti in assemblea di recente per protestare contro i tagli del servizio mensa, di borse di studio, di alloggi per fuorisede, ecc. ,come conseguenza della richiesta dell’Agenzia delle Entrate di un rimborso di I.V.A. alla Azienda al Diritto allo Studio Universitario della regione Toscana.

Ora ,senza entrare nel merito tecnico specifico della questione,salta agli occhi che l’Agenzia delle Entrate,che è governativa e di conseguenza il governo non si pongono il problema delle conseguenze di una richiesta del genere sugli studenti,devono fare cassa punto e basta.Scrivono gli studenti in lotta per il diritto allo studio in un loro volantino :

“Noi,studenti e studentesse,a seguito dell’asemblea di giovedì 11,POSSIAMO e VOGLIAMO ribaltare la situazione !Non solo rifutiamo qualsiasi taglio agli studenti e ai lavoratori e ogni peggioramento dei servizi,ma pretendiamo l’estensione dei beneficiari e un miglioramento del diritto allo studio in toto(mensa,alloggi,borse di studio,trasporti..)a partire dalla formulazione del prossimo bando.Non è tollerabile che si continuino a subire le ingiustizie e i tagli portati avanti contro migliaia di studenti borsisti e non ,già colpiti dalle riforme universitarie e dai continui tagli al diritto allo studio,non ultima la riforma dell’ISEE del 2015 che ha cosretto più di 300 studenti solo a Firenze a lasciare il posto alloggio e a perdere la borsa di studio o il recente aumento della mensa…………….Ci siamo opposti alle riforme universitarie dei vari governi,alla chiusura natalizia delle residenze,alla riforma dell’ISEE,ai continui tagli ed ai criteri meritocratici,rivendicando un’università pubbica,gratuita e libera da logiche di profitto.In Toscana,dove ad esempio il governo negli ultimi anni ha regalato 20 miliardi al Monte dei Paschi di Siena,si rischia il fallimento dell’azienda per il diritto allo studio per poco meno di 50 milioni.

Respingiamo al mittente l’ennesimo attacco e rivendichiamo che il diritto allo studio debba essere garantito a tutti e tutte ,senza discriminazione su base etnica,di sesso e di merito”

La lotta di questi studenti è un esempio di come si possa uscire dallo stato di rassegnazione e di malessere senza sbocchi che si è venuto a creare nelle scuole e nelle Università così come del resto tra i lavoratori .Il nostro paese ha sempre fatto passi in avanti quando ci sono stati movimenti di massa ,perciò oggi rilanciare il diritto allo studio è una questione politica centrale.