Il Jobs act e la strategia di Renzi

All’inizio del 2014,ancor prima dello sgambetto fatto a Lettastaisereno,Renzi aveva già presentato la bozza del suo “jobs act” ovvero soprattutto le nuove regole sul lavoro dipendente. Non entriamo al momento nei punti del decreto legislativo deciso dal Consiglio dei ministri che verrà inviato per l’approvazione alle camere né alle voci contrarie compresa quella della Presidente della camera né dei propositi di referendum abrogativo avanzati dalla CGIL né della cosiddetta opposizione della sinistra del PD. L’intervento della Boldrini ha messo comunque in luce un problema vero per la democrazia nel nostro paese e cioè che un governo non prodotto da normali elezioni,così come i precedenti Monti e Letta,e quindi anomalo,si permette di non tenere in alcun conto i pareri espressi da strumenti legittimi del Parlamento quali le commissioni parlamentari in questo caso quelle sul lavoro. Ci interessa porre un paio di domande e sottolineare alcuni aspetti .La prima domanda è questa:Renzi … Continua a leggere…

Gli accordi di Minsk,la guerra in Libia,il futuro dell’Europa

di Iglis Restani

L’accordo raggiunto a Minsk per il cessate il fuoco tra l’attuale presidente dell’Ucraina Poroshenko,Putin,Hollande e la Merkel,anche se dovesse naufragare,può aprire a nostro avviso una fase nuova nella politica europea. E’ stato riportato dai media che il presidente ucraino durante le trattative a quattro si assentava in continuazione per parlare al telefono con il convitato di pietra,il presidente Obama, ma a discutere il problema questa volta il governo americano non era direttamente presente. C’era un accordo tacito con gli USA perchè la Merkel facesse da mediatrice?La Germania rivendica un ruolo primario nella gestione dei rapporti con la Russia che si rifà alla visione storica dell’espansione verso est? Sono interrogativi legittimi che occorre porsi perchè la questione dei rapporti tra Europa e Russia non può essere demandata né ad un paese extra-europeo come gli USA né ad uno o due paesi europei ma deve essere un punto fondante e condiviso da … Continua a leggere…

La guerra in Europa

di Pasquale Felice

Il rapporto americano uscito in questi giorni con l’inquietante titolo: “Conservare l’indipendenza dell’Ucraina, resistere all’aggressione russa: cosa devono fare gli Stati Uniti e la Nato”, che “suona come una dichiarazione di guerra” (ilfoglio.it), propone e raccomanda “di dare all’Ucraina tre miliardi di dollari di equipaggiamento militare «anche letale», un miliardo di dollari subito come risposta d’emergenza e altri due nei prossimi due anni.” Con un avvertimento: “America e Nato devono agire prima che i separatisti uniscano via terra il confine russo con la penisola di Crimea”, e una considerazione, che riguarda il rischio di un’escalation con Mosca: “ma non c’è un rischio, sta già succedendo”. Il cinismo e la spregiudicatezza della dirigenza degli Stati Uniti, rappresentato in questo rapporto, firmato anche da personalità che hanno fatto parte del governo americano, spesso descritto nei grandiosi film hollywoodiani, va sicuramente riferito alla storia della potenza della nazione americana, figlia di una sanguinosa … Continua a leggere…

Il nuovo inquilino del Quirinale

Avevamo auspicato che il nuovo presidente della Repubblica dovesse difendere l’indipendenza dell’Italia, il neo presidente Sergio Mattarella rappresenta questo requisito? Il Quirinale rappresenta da sempre il luogo di scontro di quanti vogliono controllare la politica del nostro Paese e i vari presidenti succedutisi hanno sempre agito all’interno di questo scontro, a volte anche drammaticamente, pensiamo alle dimissioni di Antonio Segni, alla elezione di Giuseppe Saragat, fino al doppio mandato per Giorgio Napolitano. Tutti in qualche modo sono comunque stati espressione delle indicazioni provenienti da oltre Atlantico. Anche se l’attività del Capo dello Stato è spesso di carattere protocollare, di “notaio” tra governo e Parlamento entrambi sovrani, in determinate situazioni assume ed ha assunto un ruolo preponderante, ma soprattutto sempre in sintonia con il governo che si trova a Palazzo Chigi. Inoltre, in virtù delle nuove riforme elettorale e istituzionali, assumerà un nuovo ruolo di contrappeso del Presidente del Consiglio. Le … Continua a leggere…

Riflessioni sui fatti di Parigi,intervista al prof. Giuseppe Sacco

I recenti fatti di Parigi pongono un problema di sicurezza per i cittadini europei ma si vuol nascondere il rapporto tra questi fatti e la politica che alcuni paesi facenti parte dell’Unione Europea conducono verso i paesi dove è predominante la religione islamica. Più in generale la questione è :l’Europa come si pone nei confronti di questi paesi,con uno spirito di collaborazione e abbandonando ogni ingerenza e ogni azione neocoloniale o invece volendo imporre un certo tipo di governi e di sudditanza? Senza parlare dei casi recenti della Libia e della Siria,prendiamo il caso dell’Iraq che già di per sè è un paese artificiale disegnato a tavolino dagli inglesi dopo la prima guerra mondiale ed il crollo dell’impero ottomano. Dopo che gli USA ed altri paesi avevano spinto questo paese,con armamenti e dollari,ad una guerra contro l’Iran costata centinaia di migliaia,centinaia di migliaia!,di vittime,dopo aver eliminato Saddam e i suoi … Continua a leggere…

Prescrizione per la strage ferroviaria di Viareggio del 29 giugno 2009?

di Andrea Acierno

L’ipotesi della prescrizione sembra più che concreta perché sta per scadere il termine dei 6 anni da quella maledetta notte del 29 giugno 2009, in cui 32 persone morirono bruciate a seguito dell’incendio che si sviluppò con l’incidente ferroviario nella stazione di Viareggio. Se ciò malauguratamente avvenisse non ci sarebbero più colpevoli da condannare e/o “mandanti”, diciamo così, che si fanno scudo dietro di loro. Questo non può essere accettabile, di fronte alle 32 vittime, per il senso comune e di civile convivenza degli uomini, che richiede una spiegazione non solo dell’accaduto ma anche delle responsabilità materiali, affinché non si ripetano gli incidenti ferroviari, e che non si può fermare con barriere burocratiche politico/giudiziarie. Per la strage di Viareggio, come in ogni delitto, bisognerebbe individuare “l’esecutore materiale” (riguardante, in primo luogo, la gestione del trasporto ferroviario) o se eventualmente agisse, diciamo così anche qui, “su commissione”, cioè con direttive emanate … Continua a leggere…

IL COMPAGNO EKUBAI GHEBREMARIAM RIMARRA’ SEMPRE NEL RICORDO!

Il 1 gennaio 2015 dopo un breve periodo di malattia, il compagno Ekubai Ghebremariam è deceduto improvvisamente. La sua prematura morte ha lasciato un vuoto incolmabile alla sua cara famiglia, a molti suoi compagni e amici i quali lo rimpiangono. Il compagno Ekubai (per molti conosciuto col nome Giacobbe) nacque ad Asmara, in Eritrea, il 22 giugno 1946 da suo padre Ghebremariam Ghebresellasie e sua madre Abrehet Habtezion. Durante la sua infanzia frequentò le scuole elementari e quelle medie presso l’Istituto Daniele Comboni di Asmara. Proseguì poi gli studi superiori prima a Kombolchà in Etiopia e di seguito presso il Politecnico Bahir Dar, sempre in Etiopia. Giacobbe arrivò in Italia quando aveva 25 anni, nel lontano maggio 1971, per proseguire li studi. Inizialmente abitò a Faenza ma pochi tempo dopo si trasferì a Milano dove lavorò e visse per tutti questi lunghi anni. Agli inizi del 1973, in un momento … Continua a leggere…

Il nuovo presidente della Repubblica deve difendere l’indipendenza dell’Italia

Mentre,dopo i fatti di Parigi,l'instabilità politica indebolisce l'idea dell'unificazione europea

Ci sono tre fattori che influenzeranno l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Il primo è la collocazione in campo internazionale. Napolitano ha garantito principalmente l’osservanza delle scelte in politica estera dell’amministrazione americana,sulla base di accordi già stabiliti in passato e ancor prima garantiti dalla Democrazia Cristiana,ed ha anche garantito,in campo economico,il rispetto delle direttive della Banca Centrale Europea e della Merkel,basti pensare agli incarichi di governo prima a Monti,uomo legato alla finanza internazionale e poi a Letta. Gli “auguri” di Obama al presidente uscente ci paiono in realtà un esplicito richiamo a scegliere il prossimo inquilino o inquilina del Quirinale che mantenga la linea del predecessore . Il secondo è la sua collocazione in Europa. In tempi di crisi economica e con una guerra ormai stabile alle sue porte in Ucraina questo punto ha aumentato la sua importanza perchè c’è un collegamento con il futuro politico dell’Unione Europea. La Germania … Continua a leggere…