Il petrolio e la crisi prossima ventura

Ci è pervenuta una interessante intervista al prof.Giuseppe Sacco,Ordinario di Relazioni e Sistemi economici Internazionali,sul tema del petrolio,in particolare sui motivi che stanno alla base della fortissima discesa del costo del barile.L’intervista si trova sul sito “Critique of the new century”.

Giambattista Pepi intervista Giuseppe Sacco

 

Q – Le quotazioni del petrolio sono in caduta libera. Per la prima volta dal 2004, ha rotto la soglia psicologica dei 30 dollari. Perché declina?

Giuseppe Sacco – Il prezzo del petrolio scende per un forte calo della domanda, dovuto soprattutto al rallentamento dell’economia cinese.

Nel 2006-08, alla crisi della domanda Usa, che aveva creato milioni di disoccupati in Cina, Pechino aveva reagito, per creare occupazione, spostando il ruolo di motore dell’economia dal settore manifatturiero orientato alle esportazioni a quello dei lavori pubblici, grande divoratore di cemento e di acciaio, per cui si richiedono enormi quantità di energia. Anni di crescita che hanno sostenuto la domanda mondiale ed i prezzi di tutte le materie prime. Oggi, la fine di questa fase – dato che l’utilità di questi investimenti è andata via via decrescendo – le spinge invece al ribasso, in primis il petrolio. Anche perché l’Arabia Saudita e gli altri produttori non hanno in alcuna modo ridotto l’offerta.

QSecondo le banche d’affari Morgan Stanley, Goldman Sachs e Citigroup, i prezzi potrebbero andare a 20 dollari, anche a causa del dollaro più forte e dell’offerta di shale gas, shale oil e alle estrazioni da acque profonde.

Giuseppe Sacco – E’ possibile. Con le nuove fonti di idrocarburi, i soli USA hanno quasi all’improvviso aggiunto alla produzione l’equivalente di un milione di barili di petrolio al giorno, e sono diventati esportatori. Basta pensare che nei giorni scorsi, in Louisiana, è entrato in funzione un impianto che inizialmente era stato previsto per la ri-gassificazione di gas liquefatto importato. Solo che, a metà della costruzione, si è dovuta cambiarne la destinazione facendone un impianto di liquefazione per l’esportazione.

Naturalmente, basterebbe che i Sauditi riducessero la loro produzione da 10 a 8 milioni di barili al giorno per avere benefici effetti sulle quotazioni. Ma non lo fanno, perché vogliono colpire da un lato l’industria dell shale gas proprio nel momento più delicato del suo sviluppo, e dall’altro la Russia. Non solo perché schierata sul fronte opposto nella guerra mediorientale, ma anche per mere ragioni di concorrenza. La Russia è l’unico Paese che allo stato attuale può estrarre più del regno Saudita, ad un costo di produzione, però, molto più caro. A prezzi molto bassi, il danno è per Mosca molto, ma molto, più grave che non quello subìto da Riyadh.

E non è tutto. I prezzi bassi possono far subire al petrolio russo anche un danno a lungo termine, e in parte irreversibile. I pozzi della Russia sono quasi tutti zone dove il sottosuolo è gelato in permanenza. Il petrolio fluisce comunque, perché esce caldo dalle profondità. Ma se il flusso si interrompe, gli impianti possono venire danneggiati. Mosca perciò deve continuare ad estrarre anche a prezzi stracciati, e già in passato è stato costretta a creare in superficie delle vere proprie discariche di greggio.

Oltretutto, a rendere verosimile l’ipotesi che il prezzo possa ancora scendere, c’è il fatto che, con una produzione mondiale che supera i consumi di circa due milioni di barili il giorno, non si sa più dove stoccare il petrolio in eccesso. E molte petroliere – rimaste inutilizzate per il calo dei traffici e parcheggiate in luoghi come i fiordi della Norvegia – vengono usate come serbatoi galleggianti.

QQuali sono le conseguenze per l’economia mondiale dall’erosione dei prezzi del petrolio? Potrebbe essere il petrolio a fare da innesco ad una crisi economica internazionale?

Giuseppe Sacco – In teoria, la caduta del prezzo del petrolio dovrebbe essere un fattore di crescita delle economie avanzate industriali, se portasse a prezzi più bassi per benzina ed elettricità. In pratica, quota 30 dollari è il segno di una crisi che è già in atto, e simile a quella del 2008.

Allora la crisi nasceva dal trasferimento verso paesi a basso costo del lavoro di moltissime attività manifatturiere, i cui prodotti venivano ri-esportati verso quegli stessi paesi dove questo trasferimento aveva distrutto milioni di posti di lavoro ben pagati. E’ vero che i bassi salari dei “nuovi operai” hanno garantito molti anni di crescita senza inflazione, ma hanno anche creato uno squilibrio che col passare del tempo si è rivelato insostenibile. Come potevano le famiglie dei “vecchi operai”, di quegli stessi che avevano perso il lavoro continuare a comprare i prodotti cinesi? Lo hanno fatto indebitandosi fino al punto da non poter più onorare le loro carte di credito e i mutui delle loro case, tanto da gettare le banche in una crisi così grave da minacciare il sistema finanziario globale.

Oggi il problema si ripropone, solo che a minacciare l’equilibrio sono le banche che hanno finanziato investimenti le cui prospettive apparivano eccellenti quando il petrolio era sopra i cento dollari. E ad esse si uniscono le banche cinesi che hanno finanziato le colossali opere pubbliche decise da Pechino per evitare la disoccupazione di massa.

QQuindi, allo stato attuale dei prezzi del petrolio, ci sono squilibri economici nei paesi produttori e ciò può ripercuotersi sulla crescita mondiale?

Giuseppe Sacco – Indubbiamente! E ad essere messi in crisi non sono solo i paesi produttori ex- “emergenti”. Ciò che tira già le Borse è che, soprattutto in America, molte aziende che hanno investito nei nuovi settori energetici, come il fracking, stanno fallendo e fragilizzando le banche che le hanno finanziate.

Tutto ciò si aggiunge ai problemi delle banche cinesi. Per fronteggiare la crisi culminata nel 2008, il Governo di Pechino impose allora alle banche – di proprietà statale – di finanziare qualsiasi progetto edilizio o infrastrutturale. Ora, alcuni di questi progetti – come le metropolitane o certe
ferrovie ad alta velocità – sono utilissimi, e produrranno ricchezza per decenni. Ma altri – proposti
da imprenditori improvvisati per sfruttare questa ghiotta occasione – erano campati per aria, e fanno tramare le banche.

Non c’è solo l’esempio di Ordos, nella Mongolia cinese: una città veramente bella, costruita per un milione di abitanti, che è completamente vuota. Persino nel centro di Shanghai, su Nanjing Lu, qualche lussuosissimo centro commerciale è parzialmente abbandonato, e neanche la parte utilizzata sembra produrre alcun reddito. Ma tutta la Cina è piena di cattedrali nel deserto: enormi stadi in città in cui non esiste le squadra, oppure giganteschi cantieri senza operai, dove la ruggine sui ferri che sporgono dal cemento mostra che i lavori sono interrotti da lungo tempo.

Q La prossima crisi potrebbe muovere dall’Oriente, dalla Cina?

Giuseppe Sacco – La Cina, anche se è un paese piuttosto ben governato, fa più paura per via delle sue dimensioni. Anche un piccolo errore può avere effetti giganteschi. Ma la minaccia viene da tutti i Paesi ex-emergenti, come il Brasile, verso cui le grandi banche internazionali hanno crediti molto pericolanti. Poi c’è il rischio Russia, nel cui export il petrolio ha una quota enorme, e che per questo motivo è già fallita in passato, quando il prezzo del greggio scese a 10 dollari.

 

– See more at: http://www.beyondgeopolitics.com/1671-2/#sthash.e6Rv4Rsk.dpuf

Come CGIL-CISL-UIL intendono riproporsi

Recentemente CGIL, CISL e UIL hanno predisposto un testo che s’intitola “Un moderno sistema di relazioni industriali,Per uno sviluppo economico fondato sull’innovazione e la qualità del lavoro.”
Si tratta di un titolo indubbiamente accattivante che rende doverosa una lettura attenta di questo documento.A detta degli autori si tratta di fondare “un nuovo progetto di relazioni industriali” che portino alla “tutela e al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro oltre che alla promozione della crescita economica e sociale del paese.”.
In più punti nel documento si sottolinea il carattere naturalmente propulsivo del sindacalismo (il loro) come elemento di spinta all’innovazione, al progresso tecnologico, economico, sociale e politico: “alla crescita democratica, politica e sociale dell’intera collettività nazionale.”.
Ed effettivamente questo è il compito più nobile che ha un sindacalismo correttamente inteso.
Ma se guardiamo alla pratica effettiva di CGIL, CISL e UIL questo non è quello che è accaduto negli ultimi decenni.
Si prenda il caso della lotta all’inquinamento. Nel nostro paese ci sono storie infinite di distruzioni ambientali come la Terra dei Fuochi, di siti industriali inquinanti, di migliaia di morti come nel caso dell’amianto, dell’ILVA di Taranto.
In tutti questi casi quale è stato il comportamento di CGIL, CISL e UIL, soprattutto dei loro vertici e poi via calando? Sono stati i primi a denunciare? NO! Neppure quando queste storie diventavano criminali.
Le denunce sono venute dai cittadini o da qualche pretore d’assalto con le loro prerogative limitate.
Nella pratica concreta, a livello dell’intero paese, queste confederazioni sindacali hanno puntato a nascondere più che a denunciare; questo è sicuramente più comodo, magari trincerandosi dietro la “difesa dei posti di lavoro” ma sicuramente non svolgono quel ruolo propulsivo del progresso di cui parlano.
Un progresso di cui tutti sentiamo la impellente necessità.
Al contrario essi si pongono come una rotella del meccanismo atroce del regresso, della povertà e dell’emarginazione.
Appunto una rotella e non la più importante. Non il motore.
Possono essere paragonati ad un paraurti; ci mettono la faccia.
Le responsabilità delle enormi difficoltà che stiamo vivendo in Italia ed in Europa stanno a monte; sono quelle politiche dei gruppi dirigenti legati al capitalismo. Le responsabilità delle loro scelte e delle loro non scelte consapevoli, che risalgono indietro di decenni. Ed è la mancanza di una vera opposizione a queste scelte,dai lontani tempi degli anni 70 del secolo scorso della “politica dei sacrifici”sostenuta dall’allora segretario della CGIL Lama,per arrivare ai giorni nostri con una serie di accordi peggiorativi ,che ha contraddistinto la politica dei tre sindacati maggioritari.La globalizzazione iniziata negli anni 80 e proseguita negli anni 90 con il libero ingresso in Europa del grande capitale finanziario nordamericano,i limiti enormi dell’unificazione europea per cui esiste una moneta unica ma regole diverse per ogni paese ad esempio per il fisco o per la stessa produzione di beni di consumo,ha aggravato i problemi dell’economia italiana .
E’ evidente che di tutto questo non sono responsabili principalmente CGIL,CISL e UIL.
Dire questo sarebbe come dare a Don Abbondio la responsabilità delle nozze andate a monte di Renzo e di Lucia. La responsabilità maggiore va data alla politica,alla cosiddetta classe dirigente che ha governato il paese, a quei partiti che avrebbero dovuto rappresentare conseguentemente gli interessi del mondo del lavoro
La loro responsabilità consiste nell’aver impostato male le relazioni industriali e nel documento che hanno predisposto non solo non mostrano un ripensamento ma al contrario si spingono ancora più a fondo sulla strada sbagliata. Leggendo il documento salta agli occhi che il vero obiettivo di questo non è avanzare una vera proposta alternativa di politica industriale e sul ruolo dei lavoratori.
E’ nelle righe finali che il vero obiettivo viene fuori,là dove si dice riguardo alle regole sulla rappresentanza sindacale “Un compiuto processo di riforma della rappresentanza dovrà necessariamente coinvolgere le stesse associazioni datoriali,per superare condizioni di monopolio o di arbitrio estranee ad un moderno sistema di relazioni industriali e per affermare il ruolo primario ed autonomo delle parti sociali in una materia sulla quale non sono condivisibili interventi esterni da parte del governo”.In altre parole viene detto che la materia contrattuale e quella di stabilire la rappresentanza sindacale sono cose che riguardano soltanto Confindustria da una parte e sindacati confederali dall’altra .
E’ nota invece  la posizione del governo Renzi sui cosiddetti “corpi intermedi” come i sindacati,il governo vuole trattare direttamente con Confindustria e padronato senza il vincolo di accordi generali tra questi e i sindacati confederali,la famosa concertazione.I sindacati confederali d’altro canto,come struttura nazionale hanno bisogno di mantenere questo ruolo per mantenere la loro attuale struttura ed ecco allora che il documento di cui stiamo parlando dà tutta una serie di concessioni agli imprenditori su contrattazione aziendale,ristrutturazione aziendale,welfare salariale,compartecipazione però sempre in percentuale minoritaria del lavoratore nelle aziende,tutto questo purchè venga mantenuto il ruolo di riferimento dei contratti nazionali anche se ridotti di numero e il ruolo delle direzioni sindacali nazionali come interlocutore politico che è l’oggetto di scontro con l’attuale governo.
In questo modo CGIL, CISL e UIL salverebbero sé stessi ma si appiattiscono sulla struttura contrattuale che fa più comodo ai padroni riducendo il ruolo del livello nazionale e privilegiando quello aziendale, territoriale, di distretto, di sito, di filiera. Teniamo conto che anche la stesura del nuovo statuto dei lavoratori di cui parla Camusso si inserisce in questo tentativo di CGIL-CISL-UIL di riproporsi  non solo come sindacati ma anche come soggetto politico.
Si rendono conto costoro di quali sono stati e ancor più saranno i costi umani, sociali ed economici di un sistema produttivo (e di una pubblica amministrazione corrotta) calibrata sulle esigenze del capitale e non invece su un piano industriale discusso con i lavoratori che tenga conto in primo luogo di quello che serve al nostro paese?
Si rendono conto che non opporsi, adeguarsi, per trarne dei vantaggi in termini di posti come sindacalisti,di soldi per i CAF, di fondi integrativi per le pensioni e per la sanità tolti in pratica dai salari già bassi, ecc. è un delitto imperdonabile a danno dei lavoratori?
CGIL, CISL e UIL qualificano se stessi come “corpi intermedi”. Certo i sindacalisti, quelli veri, non hanno niente da intermediare. Il loro è un lavoro difficile, ingrato; devono difendere in modo intransigente, piccato gli interessi e i diritti dei lavoratori.
Chi si dispone come “corpo intermedio” si prepara a diventare il ricettacolo degli opportunisti.
Il sindacato per costoro è un tornello, una porta girevole; ci si entra da lavoratori e ci si esce da padroni (per i ferrovieri Moretti insegna). E’ il sindacalismo corporativo che ha una lunga tradizione ed ha avuto sempre conseguenze nefaste per il movimento dei lavoratori.
In alternativa ad esso occorre un sindacato dei lavoratori con un programma immediato da discutere a livello di base ma con alcuni tratti che potrebbero essere indicati così:
1) un contratto unico a livello europeo per tutte le categorie di lavoratori che stabilisca un salario per standard omogenei di qualità della vita in qualunque paese vive il lavoratore. Poiché il lavoro si riduce sempre più a premere dei tasti sul computer le differenze di categoria non hanno più senso; si mantengono invece le differenze di qualifica per retribuire il diverso impegno richiesto sul lavoro;
2) un sistema previdenziale unico per tutta l’Europa che garantisca pensioni dignitose per tutti anche per chi a causa delle crisi non ha potuto lavorare o ha lavorato saltuariamente;
3) un sistema sanitario a servizio di lavoratori che hanno necessità di essere efficienti in azienda e il più possibile felici nella vita;
4) sul tema dell’immigrazione occorre guardare alle centinaia di migliaia di lavoratori che vengono in Europa come a forza lavoro che in quanto tale, se ben usata, può dare più ricchezza di quella che consuma. Piuttosto bisogna stare attenti a non rapinare i loro paesi di provenienza delle loro risorse, del loro più importante capitale umano. In questo senso bisognerebbe predisporre un sistema che permettesse, ed anzi incoraggiasse, su base volontaria, queste persone a tornare nei loro paesi.
5) Un piano industriale che da un lato impedisca l’assorbimento da parte delle multinazionali della nostra industria e dall’altro sviluppi e rafforzi economicamente le nuove attività che sorgono in Italia in modo da farle divenire trainanti per tutto il paese.

R.B.

Ci sarà Ia ripresa economica nel 2016?

di Iglis Restani

Sarà il 2016 l’anno buono per uscire dalla crisi scoppiata 8 anni fa?Crediamo sia la domanda che molti cittadini italiani si facciano anche perchè è dai tempi del governo Berlusconi passando per quello di Monti per arrivare a Renzi che sentiamo parlare della famosa luce in fondo al tunnel .
I dati economici si accavallano,chi parla di segnali positivi,chi negativi,chi sposta sempre più in avanti la ripresa economica,l’indecisione sul futuro regna sovrana e non solo in Italia.
Prendiamo il nostro paese.Dopo la pubblicazione dei dati Istat a inizio gennaio sull’occupazione Renzi dichiara subito via Twitter:”La disoccupazione continua a scendere,oggi 11,3%;è la dimostrazione che il job’s act funziona.L’Italia che riparte,riparte dal lavoro.”Pochi giorni prima il ministro dell’economia aveva invece parlato di crescita lenta paragonandola alla “stagnazione secolare”termine con cui gli economisti definirono il periodo di depressione economica seguito alla crisi del 1929, a chi credere?
Secondo questi dati i contratti di lavoro a tempo indeterminato sono aumentati di 141.000 unità e quelli a termine di 106.000.Sappiamo che il job’s act prevede forti sconti fiscali alle aziende che assumono a tempo indeterminato e quindi al momento è impossibile sapere quanti siano effettivamente i nuovi posti di lavoro e non invece le trasformazioni di contratti di persone già impiegate. La cosa migliore perciò è affidarsi al numero totale degli occupati che è di 22 milioni e 480.000 quando a metà 2013 era superiore ai 22 milioni e mezzo e nel 2007 ,sempre secondo i dati ISTAT erano 23.222.000.Come si può vedere  abbiamo recuperato ben poco di quel milione di posti di lavoro perduti dopo la crisi finanziaria.
***************
E’ comprensibile l’atteggiamento ottimista di Renzi,deve infatti mantenere una opinione pubblica a lui favorevole in vista delle elezioni comunali a Roma ,Milano e altre città importanti ma la realtà del paese non è quella che lui descrive ed è molto più saggio prenderne atto. La produzione industriale del nostro paese,considerando che la produzione industriale è il perno su cui poggia la società moderna,è al di sotto del 31% dei livelli precedenti il famoso fallimento della Lheman Brothers nel 2008 ovvero della grave crisi finanziaria partita da Wall Street e riversatasi a catena in Europa. Per fare una comparazione,di quel terzo perso di produzione industriale l’Italia ha recuperato appena il 3% mentre la Germania ha recuperato il 27,8% e nel complesso il nostro paese è quello che negli ultimi 20 anni è cresciuto meno degli altri paesi europei negli ultimi 20 anni,ovvero da quando la globalizzazione venne estesa al movimento dei capitali.
Perchè l’Italia fa così fatica a recuperare? E’ questa la domanda cui il governo è chiamato a rispondere soprattutto nel momento in cui non solo non si sono ancora riparati i danni della crisi di 8 anni fa ma nel mondo si sta assistendo a nuovi rivolgimenti dell’economia e della politica.
20 anni fa eravamo ancora un paese in cui esisteva l’IRI,la FIAT,c’era la possibilità di mantenere competitive le nostre esportazioni con la svalutazione della lira ma oggi,che non esiste più l’IRI,che la FIAT è diventata di fatto il cavallo di Troia dell’industria automobilistica americana in Europa,che al posto della lira c’è l’euro, cos’è l’Italia?E cosa è bene che diventi?
Ci si chiede allora:ha l’attuale governo,lasciando da parte la polemica di Renzi sui “gufi” presenti soprattutto nella minoranza PD, la consapevolezza che senza una visione d’insieme dei problemi che ha il nostro apparato produttivo il declino industriale del nostro paese è destinato ad aumentare? A noi sembra che vada avanti in modo confuso,oggi a braccetto con Marchionne,un altro giorno lamentandosi del raddoppio non concordato con gli altri paesi del gasdotto dalla Russia alla Germania e via di seguito,manca insomma una strategia di lungo respiro.
Renzi dice che abbandonerà la politica se non passerà il referendum sulla riforma costituzionale ma non è quello il problema dell’Italia,il problema è che occorre una strategia che rimetta in carreggiata l’economia del paese,strategia che non può certo essere indicarta da questo governo e dai partiti che lo sostengono,legati come sono al grande capitale. Occorre un piano che individui le priorità,le eccellenze da raggruppare e da sviluppare con economie di scala con un sostegno economico per gli investimenti anche da parte dell’Unione europea, prima che arrivino le multinazionali e i fondi internazionali con la loro potenza finanziaria.Un piano che coinvolga tutto il paese e che si rivolga apertamente ai lavoratori e a tutta la popolazione e questo piano non può che uscire dal mondo del lavoro,mondo del lavoro che comprende le generazioni di lavoratori e intellettuali che non hanno accettato in questi anni le politiche di riduzione dei diritti dei lavoratori e la concertazione dei sindacati confederali e le nuove generazioni che si trovano ad affrontare una situazione sociale e politica molto diversa rispetto a 10-20 anni fa
*******************
In altri articoli abbiamo esposto il nostro punto di vista sulla questione della crisi economica attuale e in generale sulla crisi economica come fattore ineliminabile del sistema produttivo capitalista. Tuttora il dibattito è aperto,nel nostro paese come in altri paesi dove partiti che si rifanno al movimento operaio come in Inghilterra si interrogano sulle possibili alternative politiche e sociali.
Nel contempo occorre guardare in concreto a come rispondere a questa che è una crisi globale .L’indecisione e la confusione regnano sovrane nel mondo,basti guardare alla altalena durata più di un anno da parte della Banca centrale americana sull’aumento di mezzo punto sui tassi del dollaro necessario per far riaffluire i capitali a Wall Street ma nello stesso tempo negativo per le esportazioni dei prodotti americani. Anche in questo caso,e si tratta pur sempre del paese al centro tuttora del sistema capitalistico mondiale,i dati sull’occupazione sono contradditori:il numero degli occupati è aumentato sotto la presidenza Obama ma gli analisti economici mettono in luce che si tratta per lo più di posti di lavoro a basso salario e quindicon basso potere d’acquisto e non in grado di generare nuova occupazione indotta.I grandi paesi cercano comunque di dare una risposta di insieme alla crisi.La crisi e la speculazione finanziaria hanno arrestato lo sviluppo dei BRICS,Brasile,Russia,India,Sudafrica.La Cina nonostante il rallentamento della crescita cerca di equilibrare lo sviluppo e di far fronte all’inquinamento,la Russia ha dimostrato di saper reggere alla diminuzione del prezzo del petrolio ed alle sanzioni,dal canto loro gli USA cercano di mantenere l’egemonia mondiale e attraverso i trattati commerciali intercontinentali di puntellare il proprio declino economico..E in Europa?
Dei tre paesi fondatori dell’Unione Europea uno,l’Italia,abbiamo visto brevemente.Francia e Germania sono stati negli ultimi decenni l’asse trainante,se questi due paesi dovessero scontrarsi la stessa Unione potrebbe finire.In Francia la crisi economica è pesante e quella politica ancora di più se consideriamo da un lato l’enorme successo elettorale delle signore Le Pen che hanno abbandonato le vecchie prospettive della destra portate avanti dal padre e dall’altro il permanere di una visione coloniale tuttora presente anche in altri paesi europei e che impedisce di fatto di avere una politica estera dell’Europa di tipo nuovo verso il Medio Oriente e l’Africa.
Anche la Germania comincerà ad avere problemi sia per la diminuzione delle importazioni dalla Cina conseguenti agli assestamenti dell’economia cinese sia per i costi che comporta l’immigrazione .Se i grandi paesi cercano di muoversi con una strategia,al contrario i paesi europei sembrano continuare a pensare ognuno per sé senza cercare invece una politica che rappresenti l’interesse comune europeo. Per trovare una strada di uscita dalla crisi o perlomeno che ne riduca i costi e dia una prospettiva occorre trovare quell’interesse comune e perseguirlo.
Basterebbe partire da un punto,quello della messa in comune dell’energia.La comunità economica del carbone e dell’acciaio costituita con il trattato di Parigi del 1951 e poi sciolta nel 2002 aveva il chiaro scopo di evitare nuove guerre nel continente mettendo a disposizione dei principali paesi europei le materie prime che erano state alla base della produzione bellica. Perchè non riprendere lo spirito di quel trattato e riscriverlo inserendo gas ,petrolio,energia atomica,energia solare,tutto quanto riguarda insomma l’approvvigionamento energetico creando una cassa comune europea dell’energia?Perchè non impegnare tutti i paesi europei che hanno compagnie petrolifere ad una collaborazione ed a un impegno a non usare l’intervento militare nei confronti dei paesi produttori di idrocarburi?Verrebbero così risolti due problemi:l’approvvigionamento energetico alle industrie ed alle famiglie europee a costi uniformi e la situazione di conflitto che esiste tra alcuni paesi europei e di conseguenza tra  l’Unione Europea e paesi produttori di gas e petrolio.
L’Italia ha quindi come abbiamo visto  i suoi problemi di riorganizzazione che vanno affrontati ma assieme agli altri paesi fondatori dell’Unione Europea ci si deve rendere conto che occorrono sempre più scelte concrete che mettano in comune le forze se si vogliono migliorare le cose. Siamo dell’avviso che occorra superare le polemiche con la Germania per le sanzioni alla Russia e il gasdotto sotto il mar Baltico in modo positivo e cioè facendo prevalere gli interessi globali che ha l’Europa in questo frangente storico .Tutto questo richiede un salto di qualità che gli attuali governanti europei non sono in grado di compiere e che quindi non può che venire da un ribaltamento delle vecchie politiche .Dalla crisi si può uscire creando un nuovo ordine mondiale basato sulla non ingerenza e sul reciproco vantaggio tra i paesi.

Dietro il crollo di Banca Etruria e delle altre banche c’è anche il disagio dei dipendenti e il non controllo dei sindacati

di Roberto Bertini

C’è un aspetto da sottolineare riguardo il fallimento delle 4 banche e cioè il raporto tra i dipendenti delle banche ed i clienti.Abbiamo letto ad esempio sulla cronaca di Firenze del quotidiano La Repubblica del 17 dicembre il dramma dei 400 dipendenti della Banca Etruria.
Essi sono disperati perché non solo hanno comprato ma hanno anche fatto comprare a parenti ed amici delle obbligazioni che poi sono diventate carta straccia.
Speravano di fare a loro un favore ed invece li hanno rovinati.
In realtà non sappiamo fino a qual punto i dipendenti delle banche crollate non avessero coscienza di che cosa andassero vendendo ai loro clienti.
Intanto la CGIL è scesa in campo per definire “di matrice fascista” iniziative e aggressioni contro dipendenti di Banca Etruria avvenute a Cortona, a Siena e in altre città.
Quando sorgono dei problemi, per la CGIL, riemerge sempre il fantasma del fascismo. Bisognerebbe avvertire i dirigenti di questo sindacato che non è questione di fascismo; ci sono migliaia di cittadini arrabbiati perché hanno perso, perché qualcuno ha rubato a loro anche tutti i risparmi di una vita di lavoro e di sacrifici.
A loro volta i segretari della CISL e della FIRST-CISL di Firenze e di Prato hanno detto che da anni i lavoratori bancari sono oggetto di pressioni commerciali (cioè dei loro capi) che rendono l’ambiente lavorativo invivibile per chi si rifiuta di eseguire pedissequamente le disposizioni aziendali (cioè per chi non vuole truffare i clienti della banca).
Hanno aggiunto che le pressioni commerciali sconfinano in minacce di trasferimento e di demansionamento e che in alcune banche i “signori della finanza” hanno ingannato per primi i propri lavoratori che sono pressati a vendere prodotti come le famigerate obbligazioni subordinate, senza avere la consapevolezza di ciò che stanno facendo.
Sul sito internet della CISL gli stessi dirigenti sostengono che ormai da anni il sistema creditizio privatizzato richiede politiche bancarie fondate sul rendimento economico a vantaggio degli azionisti, in tempi brevissimi; ciò determina, forzatamente (qui sta il punto), la vendita di prodotti fortemente remunerativi per le banche a scapito della clientela.
Essi sostengono che da anni vanno dicendo e denunciando queste cose.
Tutte queste affermazioni di questi “sindacalisti”, se non riguardassero fatti che hanno conseguenze drammatiche, farebbero ridere a crepapelle.
E’ universalmente saputo che questi “sindacati”, soprattutto la CISL, sono pappa e ciccia con quei signori della finanza, con i dirigenti di questo sistema bancario di cui vorrebbero denunciare il comportamento. Anzi, basta vedere il loro sito internet, di questo essere pappa e ciccia fanno il loro vanto e il loro punto di forza per aumentare il loro peso specifico nel comparto bancario.
Essi non sono veri sindacati ma delle cordate clientelari, amicali e familistiche che disonorano il nome del sindacato.
Quante volte CISL, CGIL, UIL e le altre sigle di settore, hanno chiamato alla lotta i lavoratori bancari perché si ponesse fine, da parte delle direzioni delle aziende, alle pratiche ricattatorie? Zero!
Quando mai le loro denunce, attraverso la televisione e i giornali, ai quali hanno un notevole accesso, hanno raggiunto i cittadini e i risparmiatori? Zero! Tutto è rimasto a livello di mal di pancia.
Non basta dire “l’avevo detto!”. Un sindacato di lavoratori non è il postino dei lamenti dalla base al vertice. Quando occorre organizza le lotte e le denunce a tutto campo.
Non è il destino che impone ai lavoratori del settore del credito di dare delle fregature ai cittadini, ai risparmiatori (forzatamente); essi possono e debbono organizzarsi, insieme ai lavoratori degli altri settori, per costruire un vero sindacato, uno scudo a propria difesa, perché il proprio lavoro possa svolgersi in un quadro di legalità e di lealtà e quindi anche a tutela dei risparmiatori comuni.
Questo può essere un primo punto fermo per arrestare il banditismo economico, e non solo, che fa da padrone in questo frangente storico.

 

Capire i piani di guerra per combatterli

Una situazione internazionale intricata e pericolosa
di Osvaldo Pesce
Le dichiarazioni di Putin sul possibile uso di armi atomiche in Siria sono la dimostrazione che la guerra che sta insanguinando quel paese da anni con decine di migliaia di morti è qualcosa di ben più grave di quanto ci raccontano i mezzi di informazione.
La situazione internazionale non è mai stata così pericolosa, coinvolge ormai tutte le aree del mondo ed è intricata, fatta di crisi e conflitti locali che si incancreniscono, di alleanze che si formano e si disfano, di innovazione tecnologica che provoca dolorosi cambiamenti sociali, di sporchi interessi mutevoli che si giocano sulla pelle dei popoli. Bisogna riuscire a interrompere questo processo: la rabbia popolare esiste, la protesta e la lotta non sono inutili, dobbiamo alimentarle e unirle con fondate analisi e obiettivi e strumenti adeguati.
Dobbiamo ragionare al di fuori della verità preconfezionata che ci offrono, per poter pensare a un’alternativa e a una strategia. In questa fase la guerra mediatica è più importante di quella guerreggiata – e infatti ci fanno vedere il bimbetto annegato in Turchia e non i morti e le distruzioni sotto i bombardamenti delle odierne guerre coloniali. Ciò comporta che dobbiamo avere flessibilità mentale per piegarci facendo passare la burrasca senza spezzarci, avere intelligenza per educare e preparare noi stessi e gli altri a nuove situazioni, perciò la prima cosa da chiederci è qual è la causa principale di questa instabilità mondiale,di questa sofferenza dei popoli.
Ci era stato detto che il crollo del muro di Berlino avrebbe dato vita ad un mondo di pace e di sviluppo ma in realtà è avvenuto il contrario e il motivo è che l’unica superpotenza rimasta, gli USA,non accetta il fatto che altri paesi avanzino e i grandi magnati che comandano quel paese e che mantengono le leve del capitale finanziario mondiale non sono disposti a fare un passo indietro. All’interno degli USA i problemi razziali sono ancora sul tappeto, sia riguardo ai neri che ai latinos. Obama non è stato per i neri degli USA l’uomo dell’emancipazione, si è dimostrato invece l’uomo dell’establishment, che ha gestito interessi industriali come quelli dell’auto e soprattutto ha finanziato le banche. L’uccisione dei neri è triplicata da quando lui è presidente, la costituzione autorizza i cittadini a detenere armi (si calcola abbiano 275 milioni di armi da fuoco) ma questo è più difficile per i neri e gli immigrati. Il popolo viene istigato ma in parte anche gestito. Sono le istituzioni che creano la tensione (un poliziotto spara perché si sente autorizzato dalle autorità e sostenuto dal razzismo che permane in parte della società).
La politica degli USA appare contraddittoria. Da un lato esiste un establishment che ha i suoi piani per “risolvere” le tensioni da esso stesso create, in Medio Oriente come negli USA stessi,ma Il governo ha una sua politica, il Presidente un’altra, il Congresso un’altra ancora; in politica estera una lobby (che comprende quella ebraica filoisraeliana) vuole mantenere il centro della strategia mondiale degli USA in Medio Oriente, un’altra, rappresentata pubblicamente da Obama, vuole spostarlo verso l’area del Pacifico, un’altra ancora, quella dell’intelligence, per reggersi in piedi crea continuamente situazioni conflittuali – Balcani, Ucraina ecc.
In realtà ciò che accade non è per caso, segue una logica e una strategia. L’industria aerospaziale e delle armi (e quindi una parte cruciale dell’innovazione tecnologica) è gestita dai servizi segreti, e questi nelle analisi sono avanti a tutti, prevedono cosa succederà nel 2020, 2030. E le multinazionali sfruttano queste analisi, finanziano centri di ricerca che sono l’anello di congiunzione con i servizi, i quali a loro volta non fanno solo spionaggio militare e politico ma soprattutto economico, a esclusivo beneficio delle corporation e della grande finanza che decidono sul crollo o la ripresa di settori produttivi, strati sociali e interi paesi, influenzando l’andamento dell’economia mondiale.
Vedere Canada, USA e Messico come paesi ancora separati e con una politica indipendente non è corretto, ormai marciano insieme verso la stessa direzione tracciata dall’establishment finanziario industriale e militare che vuole tornare a controllare tutta l’America Latina, vedi Cuba; il Brasile sta andando anch’esso in quella direzione, e anche tutti gli altri stati del continente rischiano di non avere più una propria politica, intrappolati nella dollarizzazione e nei cali di prezzo delle materie prime, a partire dal petrolio. Tutto il continente americano deve diventare cosa sua, mentre le altre aree del mondo devono essere frammentate e messe in crisi, o ingabbiate al servizio della sua economia (Trattati Transatlantico e Transpacifico), per impedire lo sviluppo di un mondo multipolare senza una superpotenza egemone.
Oggi l’Europa è preoccupata per le crescenti ondate di profughi e migranti che approdano qui dal Medio Oriente e dall’Africa, ma occorre domandarsi come e perché si è creato questo fenomeno. L’emigrazione per es. dall’Eritrea (iniziata nel 1982 dopo la disfatta del Fronte di Liberazione Eritreo) non si è più fermata, ma inizialmente era diretta verso i paesi del petrolio dove c’era richiesta di lavoro: Arabia Saudita, Emirati, Libia. In seguito ha cominciato a essere provocata e gestita, cioè sono sorti intorno ad essa, come a tutta l’emigrazione da stati oppressivi o in crisi o in guerra, degli interessi rilevanti, che puntano a spostare i flussi verso l’Europa.
Con questa immigrazione si è cominciato a parlare di fondamentalismo, prima se ne parlava solo riguardo all’Afghanistan dei talebani. Il fondamentalismo è una degenerazione delle religioni, coinvolge piccole minoranze dei credenti e non compare solo nell’islam: ne abbiamo esempi anche nell’ebraismo che rivendica la Grande Israele e lo stato confessionale, nei protestanti che odiano i neri e gli immigrati, negano la teoria dell’evoluzione naturale, vogliono la pena di morte e ammazzano i medici abortisti, nei cattolici che non concepiscono il divorzio e la contraccezione, parlano di strage degli innocenti riguardo all’aborto e hanno nostalgia dei papi e dei riti di secoli passati.
Esiste certo anche il fondamentalismo islamico, per il quale tutto il mondo opprime i fedeli e va combattuto – e il susseguirsi di guerre dall’Afghanistan all’Iraq alla Libia alla Siria dà ad esso un serio motivo di polemica (contro l’Occidente crociato per es.) e di proselitismo – ma l’aspetto importante è che una piccola parte di esso è orchestrata, finanziata, organizzata, armata per atti terroristici e di guerra e fa il gioco di assai grossi interessi, quegli stessi interessi che hanno provocato quelle guerre e che se e quando volessero potrebbero assai facilmente distruggere per es. il sedicente califfato.
In Africa le multinazionali fanno contratti non coi governi ma coi ribelli, per garantirsi tranquillità nello sfruttamento delle risorse. Il caos creato dagli USA (e alleati europei) in Medio Oriente genera altro caos: gli oligarchi russi, per es., hanno grossi interessi in Siria (non solo militari ma economici) per i quali possono anche accordarsi con altri interessi, cercando di tirare dalla propria parte sia il papa che gli USA. Forse si profila una spartizione del paese, in Siria come in Iraq: là ormai decidono solo le potenze interventiste esautorando i popoli e i governi.
Ora Hollande gira l’Europa per raccattare alleati, dalla Merkel a Putin, contro l’ISIS: non gli basta il disastro che Sarkozy e lui stesso hanno combinato in Libia e nel centro Africa francofono, in particolare nel Mali, su mandato degli USA, colpendo quei popoli e l’Europa stessa, invasa da crescenti ondate di profughi e migranti in fuga da guerre, caos e miseria. A sua volta Cameron, che due anni fa chiese invano al parlamento di intervenire contro Assad, oggi fa passare i bombardamenti contro l’Isis; questi contorcimenti rispecchiano i ripensamenti statunitensi di questa primavera, quando il segretario di stato Kerry e il capo della CIA Brennan non volevano più il crollo di Assad ma una soluzione politica, cioè un compromesso con altri interessi potenti perché non avevano più il controllo dei loro strumenti sul campo.
Si direbbe che Hollande e Cameron agiscano così per essere presenti alla trattativa finale con USA e Russia; queste potenze ex coloniali si arrogano tuttora una facoltà di ingerenza sui loro ex territori (la Siria era francese, l’Iraq inglese). I governi tedesco e italiano restano prudenti, mandano ricognitori e non bombardieri. Occorre che sia i francesi e gli inglesi, così coinvolti dai loro governi, sia gli altri popoli europei comprendano a fondo i danni che provoca loro questa politica fallimentare e si oppongano all’ingerenza economica, politica e militare europea nel Mediterraneo, in Medio Oriente e in Africa.
Dove vogliono arrivare tutti costoro? Bisogna far venire allo scoperto quelli che programmano il futuro nei prossimi 50 anni, comprendere i loro piani e sfruttare le contraddizioni che provocano. La terza guerra mondiale è possibile, non scoppierà domani, ma se ne sviluppano delle premesse – come furono le guerre balcaniche prima della prima guerra mondiale e l’attacco all’Etiopia e la guerra civile spagnola prima della seconda. Nel 1914 sembrò che tutto si risolvesse in una lezione impartita alla Serbia dall’impero austroungarico; nel 1939, nonostante l’invasione della Polonia, la guerra a ovest fu una sitzkrieg, guerra seduta, drôle de guerre, guerra strana, phoney war, guerra per finta, fino all’aprile-giugno 1940 con le invasioni naziste di Danimarca, Francia e Norvegia.
Si direbbe che ora i governanti USA guardino gli sviluppi in Medio Oriente con un certo distacco, del resto nelle guerre mondiali sono sempre intervenuti dopo. Intanto però nella NATO accolgono il Montenegro, e questa è una palese provocazione nei confronti della Russia, che ne era un’alleata storica; prosegue così l’isolamento della Russia da parte della NATO: dal 1990 – quando la Germania Est vi entrò con l’unificazione – al 2004 l’Alleanza Atlantica ha incorporato l’Europa orientale, nel 1999 con l’ingresso della Polonia è giunta a confinare con la Russia, nel 2004 ha incluso tre repubbliche ex sovietiche (Lituania, Lettonia, Estonia), e lavora alla pre-adesione di altre due repubbliche ex sovietiche: dal 2005 dell’Ucraina, bloccata dalla guerra, dal 2006 della Georgia.
Mai come in questo momento si pone il problema di una politica di pace e di indipendenza dell’Europa,di un rifiuto della politica di potenza da parte di qualunque paese e quindi anche di paesi europei,della costruzione di un movimento popolare europeo che ottenga come primo obiettivo politico da parte dell’Unione Europea la richiesta esplicita a tutti i governi che ne fanno parte di un ritiro immediato delle forze armate dalla Siria e dagli altri paesi del Medio Oriente e del nord Africa.
L’Europa non può e non deve seguire l’amministrazione americana in questa sua ostinata ricerca della supremazia mondiale. La politica di alcune ex potenze coloniali come Francia e Inghilterra – pensare di trarre vantaggio dalla politica americana andando a bombardare al posto loro o al loro seguito – prospetta un nero futuro per l’Europa. Prima di trovarci coinvolti in un conflitto militare che può degenerare in una nuova guerra mondiale, è necessario porre un deciso altolà agli USA e a tutti coloro che stanno pescando nel torbido della situazione internazionale.

Pensionati: paghiamo sempre noi!

Negli ultimi quattro anni per effetto del blocco 2012/13 le pensioni hanno subito una perdita media pro-capite di €1.700 circa , complessivamente circa 10 miliardi di euro, per gli anni avvenire 2014/16 (legge Letta) e 2017/18 (legge Renzi), per i nuovi meccanismi parziali di rivalutazione, ai pensionati dovrebbero essere sottratti altri 5 miliardi di euro circa, un salasso destinato a peggiorare ulteriormente le condizioni di vita dei pensionati italiani e delle loro famiglie. Una situazione creata da tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi anni nel nostro paese, di destra, tecnici o di sinistra, per l’incapacità di chi ci Sgoverna di attuare una vera e seria politica fiscale, venendo a pescare dove è più facile, ovvero nelle tasche dei pensionati, con continui interventi legislativi in materia pensionistica.
Lo Stato, invece di colpire vitalizi e pensioni privilegiate, invece di intervenire con una tassazione equa su patrimoni e profitti finanziari, si accanisce sempre più sui redditi da pensione e sui redditi da lavoro. Lo stesso Istituto previdenziale italiano, anziché ricercare la separazione nel bilancio Inps tra assistenza e previdenza propone l’ennesima “ultima” riforma delle pensioni, mentre sembra non interessarsi affatto alla continua evasione contributiva pensionistica, alla vigilanza che gli compete, ad una gestione diversa che si adatti ai nuovi compiti di istituto, magari con quelle necessarie nuove assunzioni di specialisti, professionalmente adatti.
Al peggio non c’è mai fine, infatti, nel mentre avanza in Parlamento la nuova Legge di Stabilità, contenente maxi emendamenti misconosciuti, apprendiamo che nei giorni scorsi sono passate misure che estendono l’esenzione delle tasse sulle prestazioni di welfare aziendali. Ovvero, sulle somme erogate dai datori di lavoro a dipendenti e familiari, frutto di accordi o regolamenti aziendali, per servizi di istruzione, salute, mensa, assistenza a disabili, etc. non si opererà la tassabilità, ossia tali somme non concorrono a determinare il reddito da lavoro dipendente. Tali welfare aziendali, previsti in quasi tutti i contratti di lavoro, sia nazionali che aziendali, portandosi dietro forti ambiguità e ingiustizie – infatti gli stessi non sono estensibili alla stragrande maggioranza del mondo del lavoro delle piccole imprese, del lavoro precario, delle partite iva – sono strumento “inconsapevole” delle politiche di privatizzazione dei servizi, in modo evidente della sanità.
Insomma, nel mentre si estende l’esclusione ai fini Irpef di quelle misure concesse per finalità specifiche di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria concesse in forza di contratti di lavoro di secondo livello, con una perdita di gettito fiscale nelle casse dello Stato quantificata in decine di milioni di euro, di pari passo, secondo l’Ufficio parlamentare di Bilancio, sono in vista altri tagli sulla Sanità. Un “divide et impera”, che divide ancor più i lavoratori attivi da quelli a riposo, ormai in pensione, infatti i primi, in forza dei welfare aziendali possono accedere all’assistenza privata e/o in intramoenia a pagamento, mentre i secondi sono costretti a fare i conti sia con i costi che con un servizio sanitario sempre più ridotto e in riduzione. Infatti, secondo i dati del governo la spesa sanitaria scenderà dal 6,8% al 6,5% del prodotto interno lordo tra il 2015 e il 2019. In cifre sono almeno otto miliardi di tagli sulla spesa per la salute, che si sommano a quelli già previsti in passato.
Tagli da morire, questa è la cura di Renzi per la Sanità! Infatti, il governo nel mentre rinunciava all’incremento del fondo sanitario di due miliardi previsto dal decreto enti locali, approvava il decreto sull’appropriatezza che riduce le prestazioni del sistema sanitario nazionale.
Il Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva, nel 18° rapporto “Sanità pubblica, accesso privato”, presentato a Roma lo scorso mese di novembre, ci informa che la sanità sarà tagliata per 2,35 miliardi di euro quest’anno, 1,33 miliardi saranno i tagli sull’acquisto di beni e servizi e dispositivi medici. Il resto delle risorse dovrebbero derivare sui tagli a 180 prestazioni specialistiche ambulatoriali – quali tac, risonanze magnetiche, test, medicina nucleare, dialisi, odontoiatria, etc… Lo stesso rapporto denuncia che dal 2013 è aumentata la difficoltà di accedere alle prestazioni sanitarie, con tempi di attesa insostenibili anche per esami molto delicati. Al Tribunale per i diritti del malato sono aumentate le segnalazioni sui tempi delle liste di attesa ma anche sull’aumento consistente dei ticket, un grosso ostacolo all’accesso alle prestazioni sanitarie, un peso insostenibile per i redditi delle famiglie, in particolare pensionati.
Tra i cittadini, chi può, sempre più si indirizza verso il privato o l’intramoenia, non solo per costi o per attese, ma anche per le possibilità che vengono offerte, come sopra riportato, dai nuovi accordi di welfare aziendale, che allargano ancor più le disuguaglianze, nonché la forbice tra redditi da lavoro e redditi da pensione ancor più in sofferenza. Mentre appare sempre più critica la situazione degli ospedali alle prese con riduzioni di servizi nonché di personale – tutto questo a causa di tagli sull’acquisto dei macchinari e dalla mancanza di fondi per il personale – ciò provocando chiusura di reparti, mancanza di posti letto, oltreché accorpamenti di presidi e di Asl. Una fotografia drammatica, quella del rapporto citato, che mostra chiaramente le responsabilità del governo che non riesce a garantire a tutti il diritto alla salute, frutto di una chiara e evidente scelta politica. Così l’8% degli italiani rinuncia alle cure perché costano troppo, mentre un’altra parte di tasca propria spende per la salute 33 miliardi di euro.
Lo stato sociale, implementato in particolare nei paesi europei, ha sicuramente generato i cosiddetti diritti sociali che noi conosciamo – dal lavoro alla previdenza, dalla salute all’assistenza, dall’istruzione alla casa – ciò al fine di limitare i danni del liberismo e i rischi di mercato, esistenti in particolare nei paesi anglosassoni. Ma, con la fine del mondo bipolare e le conseguenti trasformazioni politiche e economiche (dette globalizzazione), sono state disarticolate e scardinate le strutture sociali, in particolare per ciò che attiene le pensioni e la sanità; infatti, a dire del pensiero unico dominante, che inneggia all’economia globale di mercato, lo Stato sociale ostacolerebbe la crescita economica.
Dunque, le varie cause economiche dell’attuale crisi non sono di facile soluzione, proprio perché la crisi non è prevalentemente finanziaria e/o economica, la crisi colpisce l’economia reale ed è conseguenza delle enormi trasformazione che stanno investendo il mondo, dei nuovi equilibri globali e nuovi rivolgimenti sociali, che si vanno affermando. Purtroppo, il nostro Paese è al momento sprovvisto di nuclei dirigenti capaci di attrezzarsi per cogliere le opportunità che l’avanzante mondo multipolare offre; chiudendosi nella conservazione dell’esistente, pensano alla Svendita degli asset di stato per rimpinguare e rivuotare le casse pubbliche e non pensano affatto a conquistarsi un ben che minimo di autonomia nazionale, fluttuando a continue pressioni straniere.
Occorrono delle prospettive, una visione futura, degli obiettivi da raggiungere, i cittadini, i lavoratori dipendenti, i pensionati, devono manifestare sempre più energicamente il loro vivo malcontento. Come pensionati, dopo avere sostenuto i nostri figli, ci ritroviamo oggi ad aiutare anche i nostri nipoti, ma fino a quando?

P.F.

Metalmeccanici a congresso

di Paola D’Angiolini

Si è svolto a Milano il 14 e 15 novembre il 5° congresso nazionale del sindacato di base di Flmuniti – Cub, nato nel 1991 tra i metalmeccanici , nel 1992 si è poi costituita la Confederazione Unitaria di Base, per i lavoratori dell’industria, dei servizi, del pubblico impiego, i pensionati, gli inquilini, gli immigrati ,come risposta alla politica di regime e di concertazione dei sindacati confederali, per la difesa dei bisogni primari di tutti: salute, lavoro, reddito, casa, studio.Ecco una sintesi della relazione del dibattito che i nostri compagni presenti come ospiti ci hanno inviato.

Prioritario è rifiutare la subordinazione della salute di lavoratori e cittadini al profitto, contrabbandata come difesa dell’occupazione: le multinazionali non investono nelle misure per la salute e la sicurezza quando hanno già deciso di delocalizzare (esempio tragico la Thyssen Krupp di Torino). Coerentemente, la Flmuniti si è costituita parte civile nei processi contro la Thyssen Krupp, e sui morti di cancro per l’amianto e altri veleni (Eternit di Casale Monferrato, Montedison di Marghera e Manfredonia, FIAT di Arese, Franco Tosi di Legnano, Olivetti di Ivrea, ILVA di Taranto, Fibronit di Voghera). I morti per amianto continueranno per decenni, 5 mila l’anno, così come ogni anno sono un migliaio gli infortuni mortali sul lavoro. Le aziende sono responsabili dell’inquinamento che producono, devono essere responsabili del corretto smaltimento dei loro rifiuti. Il governo sta cancellando la cura della salute, i comuni hanno l’obbligo di tenere il bilancio sulla salute dei cittadini nel loro territorio ma non lo fanno. Solo la vigilanza organizzata dei lavoratori può tutelare loro stessi, la popolazione e l’ambiente.

La democrazia nei luoghi di lavoro è essenziale, significa il rifiuto di ogni discriminazione, il diritto di riunione, l’elezione democratica dei propri rappresentanti e della delegazione trattante, la titolarità nella decisione sulle rivendicazioni, il diritto di sciopero. La CUB ha rifiutato di firmare l’intesa Confindustria-sindacati del 10 gennaio 2014, che è la linea di demarcazione rispetto agli altri sindacati (che l’hanno firmato – anche quelli di base, tranne l’USI e il CAT per garantirsi rappresentanti, permessi, sedi) in quanto toglie ogni valore alla rappresentatività reale e alla capacità di lotta dei lavoratori.

Il governo Renzi ha cancellato le residue tutele del lavoro e aumentato la precarietà; va rivendicato il ripristino del lavoro a tempo indeterminato, no al pagamento coi voucher senza contratto. La disoccupazione resterà alta, in particolare quella giovanile, perché è in crisi il modello di sviluppo capitalista e gli investimenti sono in caduta libera. Le guerre in Medio Oriente sono ormai fuori dal controllo dei governi occidentali che le hanno volute, l’immigrazione muove milioni di persone e questo cambierà la situazione sociale europea. Dobbiamo creare uguaglianza tra lavoratori italiani e stranieri, uscire dalla schiavitù del lavoro nero altrimenti i lavoratori saranno portati alla rovina.

Per un lavoro tutelato e non precario, per un reddito dignitoso per tutti, servono ingenti risorse pubbliche, che per la CUB possono essere trovate se si sospende il pagamento degli interessi sul debito pubblico a banche e assicurazioni per 2 anni, si impone una patrimoniale sulle grandi ricchezze, si eliminano spese militari e grandi opere inutili (per Expo si sono spesi 4 miliardi).

Gli obiettivi rivendicati dalla CUB sono: bonifica dei siti inquinati, messa in sicurezza del territorio, risparmio energetico; riduzione di 4 ore dell’orario settimanale, per creare un milione di posti di lavoro; aumento di salari e pensioni, reddito garantito di 1000 euro al mese; diritto di tutti alla salute e alle cure senza ticket, all’abitazione e allo studio.

Il settore metalmeccanico è centrale nell’economia del paese – in quanto produce macchine utensili per gli altri settori – e nelle lotte operaie.

La Fiom è in forte declino, Landini si agita per nasconderne l’inattività; già ai tempi di Trentin il PCI non voleva un forte sindacato dei lavoratori. Landini parla di condivisione delle politiche industriali, questo significa che i soldi devono andare alle aziende e non ai lavoratori. Fiom e Fim parlano di modelli ma non di contenuti, se si vuole parlare di modello tedesco si rivendichi parità di salario tra metalmeccanici italiani e tedeschi. No al fondo pensioni col TFR dei metalmeccanici.

Al congresso Flmuniti sono stati rilevati anche aspetti critici per l’organizzazione: ai precongressi la partecipazione non è stata elevata; bisogna puntare molto a costruire l’organizzazione alla Fiat e nel settore elettrodomestici; no a licenziamenti discriminatori di chi lotta per il lavoro e la salute (Electrolux). Non si deve temere di indire sciopero da soli: il 13 settembre si è riusciti a fermare la circolazione ferroviaria; va fatto un lavoro capillare sul territorio, nei quartieri, nelle scuole e università, per la questione della democrazia nei luoghi di lavoro e per il successo del prossimo sciopero generale. Occorre valutare le iniziative e i contenuti delle manifestazioni: bisogna essere in grado di gestirle, non andare a rimorchio, ripensare il Mayday .

Vi è stata poi anche una critica ad altri sindacati di base,in particolare l’USB ,che sottoscrivono accordi negativi con la motivazione sbagliata che altrimenti non verrebbero riconosciuti dalla controparte.

Il congresso ha approvato all’unanimità l’analisi e gli obiettivi proposti, e impegna l’organizzazione a radicarsi sempre più nei luoghi di lavoro e sul territorio e preparare lo sciopero generale.

 

Contro il saccheggio delle pensioni

di Pasquale Felice

 

Secondo dati Istat del 2014, negli ultimi cinque anni quasi 100mila giovani hanno lasciato l’Italia in cerca di lavoro. È l’immagine di un paese che non riesce ad offrire opportunità alle nuove generazioni. Uno sperpero di risorse investite, uno spreco di enormi sacrifici per le famiglie. Le famiglie dove nessuno lavora e che potrebbero essere in difficoltà sono 3 milioni, mentre ci sono 6,3 milioni di persone senza posto di lavoro.
Secondo fonti Inps, dal 2010 al 2014, sono stati 16.420 i pensionati emigrati nei cinque continenti, con un incremento del 109,4 per cento. L’Italia sembra non essere neppure un paese per vecchi. Il costo della vita è troppo alto, gli assegni previdenziali sono sempre più bassi, l’Irpef e le tasse da pagare sono insostenibili. L’emigrazione dei pensionati italiani privilegia, infatti, i paesi che offrono generose agevolazioni fiscali.
Due notizie che dovrebbero fare riflettere e attivare immediatamente le politiche necessarie. Dati e numeri che ben documentano – se c’è né fosse bisogno – il lento declino del nostro Paese, non soltanto drammaticamente demografico, se a questi si aggiunge anche il calo delle nascite, con un tasso di natalità tra i più bassi del mondo, ma anche economico, politico. Tutto ciò nel silenzio più assordante della “casta” politica che Sgoverna l’Italia.
Il Governo appare preoccupato soltanto di attirare “investimenti” stranieri in Italia, abbassando il costo del lavoro e mettendo in vendita i “gioielli di famiglia” rappresentati dalle imprese strategiche italiane, provvedimenti che ancor più inaridiscono la manifattura e la produzione nel Paese, costringendo i giovani a cercare fortuna altrove e i pensionati nella scelta di abbandonare il Paese per poter vedere lievitare la pensione, alleggerita dalle tasse e dai tagli.
Il Presidente dell’Inps Tito Boeri ha lanciato l’allarme sulla fuga dei pensionati dall’Italia, affermando che “è un fenomeno che erode la base imponibile, queste persone sono solo ottengono l’esenzione della tassazione diretta ma non consumano in Italia, creando problemi aggiuntivi per le entrate”. Detto fatto! L’Inps ha subito minacciato di non pagare la parte non contributiva della pensione, in linea con il “pensiero” del suo Presidente.

Nella legge di stabilità 2016 proposta dal Governo Renzi – una manovra di circa 30 miliardi sostanzialmente basata sul debito -, ancora una volta in riferimento al sistema previdenziale, continuano a riproporsi gravi ingiustizie e iniquità. Si lascia inalterata la legge Monti-Fornero, evitando di introdurre necessarie flessibilità di accesso alla pensione, ciò al fine di sbloccare il turn-over nel mondo del lavoro, fortemente penalizzante sia per i lavoratori che per i giovani; si evita di risolvere e si aggravano le problematiche dei lavori usuranti; si limitano le uscite dell’opzione donna e non si risolve definitivamente il problema dei cosiddetti esodati.
Ma soprattutto si proroga il blocco parziale della perequazione fino al 2018, cioè si taglierà ancora per tre anni l’adeguamento all’andamento del costo della vita, per le pensioni superiori a tre volte il minimo, già in vigore nel triennio 2014-2016. Questo per coprire i costi di altre misure in materia pensionistica contenute nella manovra; le risorse distolte dalla mancata perequazione delle pensioni “medio-alte”, verrebbe utilizzata per finanziare l’opzione donna, il part-time in uscita e la no tax area per i pensionati (cioè l’innalzamento della soglia sotto la quale non si pagano le tasse per i pensionati, che però entrerà in vigore dal 2017).
Soluzioni offerte al Governo dalla stessa sentenza della Corte Costituzionale n°70/2015 che ha dichiarato incostituzionale il blocco totale della perequazione automatica delle pensioni, infatti i giudici hanno altresì indicato che i risparmi previsti da tagli alle pensioni devono rimanere all’interno del sistema previdenziale. Da qui le decisioni – sopra elencate – che ora saltano fuori dalla legge di stabilità, che renderanno probabilmente ancora più difficili i ricorsi legali e le cause pilota già attivate per ripristinare i diritti dei pensionati, fortemente discriminati e penalizzati da questi continui tagli governativi.
Non solo tagli sulla perequazione, ma molto probabilmente sulla pensione 2016 i pensionati dovranno restituire uno 0,1% dell’aumento percepito sugli assegni del 2015 a causa del costo della vita negativo; infatti allo 0,3% accordato ad inizio anno come adeguamento al costo della vita, visto che l’andamento dei prezzi risulta dello 0,2%, i pensionati dovranno restituire quello 0,1% percepito in più (in soldoni, su mille euro se ne restituiscono tredici).

Una bene orchestrata campagna propagandista sta facendo credere agli italiani che nella legge di stabilità si tagliano le tasse e si concedono risorse ai più deboli (handicap), alle donne (opzione), ai bambini (povertà), alla salvaguardia di chi è rimasto senza lavoro e senza pensione (esodati), etc. etc… Come abbiamo visto non è proprio così, le problematiche citate non si risolveranno affatto e il ridotto incremento al fondo sanitario nazionale sta lì a dimostrarlo (solo 1 miliardo invece dei tre previsti), così come l’incremento e la proroga delle spese per le missioni di guerra all’estero, comprese inutili manovre Nato che evidenziano soltanto spreco di risorse pubbliche.
La finanziaria nuovamente taglia l’indicizzazione delle pensioni attualmente in essere per “prelevare” risorse da destinare all’assistenza, un’esigenza che deve essere coperta dalla fiscalità generale e non dai pensionati con 1.503 euro lordi/mese in su! Ecco dove sta l’incostituzionalità. Non si può continuare a tenere insieme l’assistenza con la previdenza, i conti dell’Inps sono falsati da questa mescolanza. Ecco dove occorre fare chiarezza sui bilanci “in debito” dell’Inps! Le misure assistenziali – più o meno condivisibili – non possono e non devono essere coperte da tagli pensionistici. I pensionati sono stufi di vedersi decurtare la pensione definitivamente e perpetuamente per tutta la vita con continui e reiterati blocchi della rivalutazione, le pensioni non ci sono state regalate da alcuno, ma sono, al contrario, frutto di decenni di lavoro e del pagamento dei contributi versati. Le pensioni al minimo, le pensioni basse possono essere considerate coperte da altrettanti contributi? Non è nostro interesse l’idea di scatenare una guerra tra poveri, al contrario si desidera unire il fronte dei pensionati, ma la realtà è questa, non è più possibile sopportare tagli o imposte mascherate e denominate “contributi di solidarietà”.

Ai provvedimenti del governo di aggiunga il “pensiero” di Tito Boeri, l’Istituto di previdenza ha pubblicato sul suo sito il documento che contiene le proposte normative consegnate al Governo nel giugno scorso, dal suggestivo titolo: “Non per cassa ma per equità”. Una vera e propria proposta di legge di 69 pagine con tabelle che dettagliano e considerano costi, risparmi, soluzioni e progetti di riforma che creano tra i pensionati forti preoccupazioni e grave disorientamento.
L’Istituto, soprattutto il suo Presidente, il Professor Boeri, ha sconfinato in ambiti politici che non gli appartengono, per lo meno non di sua competenza, al contrario invece dei compiti cui dovrebbe essere richiamato a svolgere, compiti di carattere amministrativo, organizzativo e di controllo cui si riferiscono le leggi preposte in materia.
In linea con la filosofia di un sistema previdenziale fondato sui contributi versati, il documento precisa e propone: il taglio delle pensioni troppo alte (superiori a 5000 euro lordi al mese) in rapporto con i contributi versati, grazie a regole pensionistiche precedentemente vigenti; il blocco delle pensioni con importi medio-alti (tra i 3500 e i 5000 euro lordi al mese) non in linea con i contributi versati, fino a quando l’assegno non sia in linea con i contributi realmente versati; il ricalcolo delle pensioni anticipate prima dei 66/67 anni, solo sulla base di 42 anni di contributi; tagli ai pensionati appartenenti a gestioni speciali (quali dipendenti dello stato, personale di volo, università, sicurezza, energia, postelegrafonici, telefonia, trasporto aereo, autoferrotranvieri, ferrovieri), oggetto delle recenti operazioni denominate “porte aperte”, che in realtà hanno soltanto significato l’esposizione alla gogna mediatica di intere categorie di lavoratori e pensionati; per finire tagli dei vitalizi dei politici e alle pensioni dei sindacalisti privilegiati nei confronti dei lavoratori.
Ciò allo scopo di reperire risorse da destinare contro la povertà che colpisce chi ha più di 55 anni e non ha maturato i requisiti per la pensione, attraverso l’istituzione del sostegno di inclusione attiva, un reddito minimo garantito pari a 500 euro al mese; di garantire un’uscita flessibile, una transizione più flessibile dal lavoro al non lavoro e viceversa.
Il ricalcolo delle pensioni, proposto da Boeri illustrato nel documento dell’Inps, viene presentato, appunto per “equità”, una proposta atta a risolvere definitivamente le ingiustizie dei vitalizi dei politici, delle pensioni dei sindacalisti, di tutti i pensionati che ricevono delle pensioni d’oro!
Secondo alcuni, un tentativo per attirare l’attenzione per far sì che alcune delle sue proposte si trasformino in emendamenti durante il dibattito parlamentare della Legge di stabilità, uno specchietto per le allodole nel quale qualcuno ci cascherà; ad esempio quasi nessuno accederà ad cosiddetto reddito minimo garantito over 55 anni a meno che non sia nullatenente, infatti basta avere una piccola casa adibita ad abitazione principale con un valore catastale superiore a 150.000€ per essere automaticamente escluso (!?!?).
Il documento Boeri dimentica che la stragrande maggioranza di pensionati ha già pagato e continua a pagare, vita natural durante, gli effetti negativi dei ripetuti blocchi perequativi, nonché di contributi detti di solidarietà, un effetto negativo sulle pensioni, sulle quali si calcola la perdita di una quota stimata intorno al 15/20% del loro potere di acquisto.

Occorre mettere fine a questa gogna mediatica che colpisce i lavoratori in pensione, che paga onestamente le tasse – partecipando enormemente al gettito Irpef -, che ha pagato nel corso degli anni i contributi, anche onerosi, che gli permette oggi di godere la pensione che gli spetta.
La solidarietà, l’equità, l’assistenza non possono essere perseguiti a carico della previdenza, attraverso i tagli delle pensioni attualmente in pagamento, detti valori devono essere generati dalla risorse introitate dalla fiscalità generale, dalla lotta all’evasione fiscale, al lavoro sommerso, dalla lotta alla corruzione, ad un reale taglio degli sprechi e della politica, intendendo in questi tagli anche i vitalizi dei politici (parlamentari e non) nonché quelli dei sindacalisti, vere e proprie pensioni, sottratte alle riforme previdenziali che invece hanno colpito e colpiscono duramente tutti i cittadini italiani, lavoratori e pensionati.

La crisi iniziata nel 2008 – presumibilmente ancora lunga e strisciante – è stata trattata mettendo l’accento sulle crisi di Borsa, sulla crisi delle Banche, del cosiddetto spread, dunque limitatamente alla sfera economica, senza evidenziare ciò che invece attiene alla politica. Infatti, la crisi, vista con gli occhi della politica ci fa capire che questa è conseguenza dei grandi cambiamenti globali che si vanno giorno giorno sempre più delineando e che ci indicano che si sta entrando in una nuova epoca multipolare, dove più paesi si confrontano e si scontrano nel campo economico, politico e bellico.
In questo scontro è inevitabile che i diversi raggruppamenti sociali siano chiamati a farne le spese, e tra questi anche i pensionati italiani; ingannati da promesse elettoralistiche vagano da uno schieramento all’altro pensando che l’attuale crisi prima o poi terminerà e così la smetteranno di pagarne le spese. Purtroppo non è così e la crisi sembra continuare nelle attuali forme depressive, coinvolgendo tutti i diversi gruppi sociali, in particolare quelli dei cosiddetti “ceti medi”.
È in questo contesto che vanno ricercate ampie alleanze, superando le divisioni che possono esserci, al fine di non soccombere in un conflitto ben più generale di quello previdenziale.