Lavoratori in movimento

Venerdì 15 novembre è stata la giornata degli scioperi generali e di mobilitazioni che,al di là delle sigle sindacali che ancora una volta in ordine sparso hanno chiamato alla lotta i lavoratori italiani , hanno visto di fatto scendere in piazza un fronte di opposizione alle politiche del Governo Renzi con al centro il problema del lavoro. Apprezzabile lo sforzo che c’è stato da parte del sindacalismo di base nell’unificare sia la giornata di lotta che la mobilitazione, anche se non è ancora sufficiente ad orientare su una piattaforma condivisa e centrata sulla soluzione dei problemi che oggi hanno dinanzi i lavoratori e i cittadini. Così come non è ancora sufficientemente patrimonio comune la comprensione dell’importanza delle alleanze tra i vari strati sociali che oggi subiscono pesantemente la crisi. Intanto c’è da fare i conti con la demagogia della CGIL e della Camusso che cercano da un lato di utilizzare … Continua a leggere…

Cresce in Europa l’opposizione alle regole del trattato commerciale tra USA e UE che favorirebbero le grandi multinazionali

Occorre difendere la sovranità dei governi europei e gli interessi dei nostri produttori

Il vicecancelliere tedesco,sig. Gabriel,ha chiesto recentemente agli USA,secondo quanto riporta un quotidiano economico italiano,di togliere nelle trattative per il trattato commerciale tra USA e UE,noto come Ttip,la clausola che permetterebbe alle multinazionali di ricorrere ad un arbitrato internazionale contro gli stati che,sempre secondo le multinazionali,ostacolino la concorrenza. Ora non sappiamo quanto questa richiesta voglia tutelare la sovranità dei paesi europei o quanto tutelare le multinazionali del paese del vicecancelliere ovvero la Germania,vedi la Thyssen-Krupp in questi giorni alla ribalta per i licenziamenti a Terni e per il pestaggio dei lavoratori a Roma.  Sta di fatto che,se questa clausola fosse approvata,le multinazionali avrebbero potere di opporsi alle decisioni degli stati e dei governi eletti dai cittadini europei e che questi ultimi,attraverso referendum o altre azioni,non potrebbero nemmeno far cambiare decisioni ai rispettivi governi qualora questi cambiamenti voluti dal popolo fossero in contrasto con le multinazionali.    Ben venga dunque questa opposizione … Continua a leggere…

I mille giorni di Renzi e l’articolo 18

di Iglis Restani

  Dopo 7 mesi di governo è normale chiedersi cosa è stato fatto,che strada è stata intrapresa soprattutto per rispondere alla grave crisi economica particolarmente grave nel nostro paese. A gennaio,ancora prima di diventare primo ministro,Renzi aveva presentato una bozza di piattaforma sul job’s act,un piano del lavoro,con vari punti tra cui l’abbattimento del costo dell’energia per le aziende , diminuzione delle tasse sul lavoro da finanziare con un intervento sulle rendite finanziare e l’introduzione del concetto delle “tutele crescenti” nei contratti di assunzione con un periodo di prova di 3 anni. Dopodichè ,mentre la Confindustria si era astenuta dal dare giudizi e voci dissenzienti erano partite da CGIL e settori del PD,la bozza era finita nel cassetto ,la sua azione è stata finalizzata a consolidare la sua posizione politica.L’attacco portato a Confindustria,ai sindacati,alla magistratura,alla Merkel è teso a rompere gli equilibri su cui si reggevano i governi precedenti e … Continua a leggere…

Operazione Costa Concordia e sovranità dell’Italia

di Andrea Acierno

  Ormai si sono spenti i riflettori sull’operazione di traino della Costa Concordia nel mar Tirreno, dal Giglio a Genova per la sua demolizione, che nella sua “piccolezza” rappresenta un caso emblematico dell’atteggiamento politico italiano di servilismo verso le grandi potenze,in questo caso gli USA, comportamento sempre attuale e tutt’altro che terminato. La vicenda del trasferimento della Costa Concordia rappresenta un caso piccolo ma emblematico della dipendenza politica italiana dagli USA. Qui non si tratta di descrivere , come hanno fatto i media italiani (Sky in prima fila con riprese continuate ad es.), quella colossale opera (anche in termini di spesa e di giro di affari!) che tecnicamente ha consentito di rimettere il relitto della nave in condizioni di essere trainato, ma di comprendere, per le dimensioni dell’opera, se siano state rispettate di più gli interessi delle persone, dell’ambiente marino ecc., o solo di una parte di soggetti privati, quando … Continua a leggere…

L’importanza della Cina oggi nel mondo

Intervista a Osvaldo Pesce

Negli ultimi decenni la Repubblica Popolare Cinese ha assunto un’importanza sempre maggiore, sia per la sua crescente presenza politica, sia per il suo rapido sviluppo economico che l’ha portata ai primi posti nel mondo. Nell’intervista che pubblichiamo, rilasciata alla facoltà di Scienze Politiche della Sapienza collegata con la facoltà analoga della Taiwan National University, Osvaldo Pesce racconta brevemente alcune sue esperienze e impressioni sulla realtà cinese – da lui conosciuta lungo molti anni di rapporti col Partito Comunista Cinese, compreso un importante colloquio col presidente Mao Zedong (13 agosto 1968) – che rivestono un particolare interesse non solo storico ma politico. Vanno sottolineati alcuni punti importanti: La netta contrapposizione al revisionismo moderno (che non è pura e semplice socialdemocrazia) espressa da Pesce fin dal 1962, da lui ricordata all’inizio stesso dell’intervista (Tito) e alla fine (Berlinguer e la fine del PCI); L’approccio solidale e allo stesso tempo critico alla realtà … Continua a leggere…

I perchè della sconfitta del candidato sindaco PD a Livorno

La difficile situazione economica in Toscana

  La redazione del periodico livornese www.senzasoste.it (reperibile anche in formato cartaceo in alcune edicole della città di Livorno) all’indomani dell’esito delle elezioni amministrative, che ha visto l’affermarsi al secondo turno della lista del Movimento Cinque Stelle, con l’elezione a nuovo sindaco della città di Livorno di Filippo Nogarin, si era soffermata su un tema caldo – la sanità – simbolo delle problematiche, assieme al lavoro, non solo della città ma di tutta la Toscana, titolando: “Sanità: l’Enrico furioso per lo sgarbo di Livorno“.   La nuova amministrazione ha infatti resa nota la volontà di non procedere nella costruzione di un nuovo ospedale a Montenero, non perché le cose vadano bene così come sono attualmente, infatti la nuova amministrazione punta a proseguire la ristrutturazione dell’attuale ospedale cittadino, con ulteriori interventi di ammodernamento, ampliamento e potenziamento dell’esistente struttura ospedaliera. Tanto più che l’aggiudicazione definitiva della gara per il nuovo ospedale, non … Continua a leggere…

La INDESIT è stata ceduta alla WHIRLPOOL ,il governo Renzi è d’accordo?

Si può ancora impedire

di Iglis Restani

  La famiglia Merloni ha ceduto a Whirlpool il 60,4% del capitale della società che controlla Indesit,l’ultimo produttore italiano di elettrodomestici rimasto,che era il secondo produttore europeo negli anni 90.Whirlpool è una multinazionale con sede nel Michigan,USA,primo produttore mondiale,in accanita concorrenza con la multinazionale Electrolux per il primato in Europa. Abbiamo visto come è andata a finire la vertenza nei 4 stabilimenti italiani di Electrolux:aumento dei carichi di lavoro,una quota di esuberi da eliminare,garanzia del lavoro solo per altri 3 anni. L’intervento del governo Renzi,con il presidente della regione speciale Friuli Venezia Giulia Serracchiani in prima fila,non è andato oltre a questa soluzione penalizzante per i lavoratori e con scarse garanzie per il futuro.Il governo non ha affatto preso le misure tempestive necessarie per varare velocemente un piano industriale strategico per mettere in sicurezza quanto ancora rimasto in mani italiane del tuttora secondo comparto industriale italiano,quello degli elettrodomestici,ovvero gli stabilimenti … Continua a leggere…

Il futuro dell’Europa e quello dell’Italia

Il ballottaggio alle amministrative conferma la voglia di cambiamento nel paese

Se qualcuno si aspettava un chiarimento nella politica europea dalle ultime elezioni,in un senso o nell’altro,è rimasto sicuramente deluso.I partiti contrari alla unificazione europea e all’euro hanno avuto successo sicuramente in Inghilterra ,paese che non si può dire veramente inserito in Europa,e in Francia ma non quel successo travolgente che questi speravano perchè la loro è solo una proposta distruttiva ma non dà prospettive .Gli altri partiti che vanno per la maggiore,popolari e socialisti,con la loro visione statica dell’Europa e legata agli interessi delle banche,o hanno perso seccamente come i socialisti francesi o arretrano come il partito della Merkel.La lista per l’altra Europa di Tsipras,anche se in in Italia nelle città ha ottenuto un risultato apprezzabile,non ha in definitiva scaldato i cuori. L’incertezza sulle scelte che l’Unione Europea dovrà fare a breve è totale.Il fatto che sia circolato il nome di Cristine Lagarde,attualmente a capo del Fondo Monetario Internazionale,come nuovo … Continua a leggere…