L’Europa e il problema del gas

Elezioni europee banco di prova per chi sostiene l'autonomia dell'Europa

  La questione dell’Ucraina ha portato in primo piano,oltre a questioni internazionali più generali,un problema fondamentale per i paesi e i popoli europei e cioè quello dell’approvvigionamento delle materie prime,in particolare gas e petrolio,che l’Europa non possiede e che provengono in misura rilevante dalla Russia. E’ stato detto da più parti che una sinergia tra le capacità industriali,tecnolo-giche e finanziarie dell’Europa con le materie prime della Russia porterebbero ad una entità concorrenziale con gli USA e che quindi questi si oppongono a questa prospettiva e cercano invece di mantenere il loro controllo economico,politico e militare sul nostro continente. La scheda sui gasdotti che segue può essere utile per farsi una idea più precisa su questo problema cruciale per le nostre industrie e per le nostre famiglie.   GASDOTTI   Attualmente l’80% del gas che dalla Russia arriva in Europa passa attraverso l’Ucraina che beneficia di uno sconto del 30% di … Continua a leggere…

Le ombre sul governo Renzi

  Ha fatto scalpore la proposta del Presidente del consiglio Renzi di destinare 10 miliardi per una detrazione delle trattenute IRPEF di mille euro in un anno sulle buste paga di 10 milioni di lavoratori dipendenti .Da molti anni si è detto da più parti,noi compresi,che bisognava ridurre le aliquote IRPEF sulle buste paga dei lavoratori dipendenti e pensionati su cui grava notoriamente più dell’80% della tassazione e su questo punto per dovere di cronaca bisogna ricordare che i governi di centro-destra avevano fatto un insignificante ribasso mentre i governi di centro-sinistra avevano aumentato le aliquote. Tutto bene dunque ? Intanto bisogna precisare che gli 80 euro in più al mese saranno soltanto per chi riceve fino a 1500 euro al mese, ma poi si tratta di una riduzione stabile delle aliquote che si manterrà negli anni a seguire? In realtà si parla di una detrazione per quest’anno e per … Continua a leggere…

Piove, governo ladro!

Le condizioni di sicurezza della rete ferroviaria, con specifico riferimento all’assetto idrogeologico del territorio, alla luce dei recenti eventi che hanno colpito l’infrastruttura ferroviaria

di Pasquale Felice

  “Le linee guida per la valutazione del dissesto idrogeologico e la sua mitigazione attraverso misure e interventi in campo agricolo e forestale” (Manuale 85/2013), frutto di un’iniziativa congiunta promossa dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MiPAAF) e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) – grazie a ISPRA, AGEA-SIN, INEA, CRA -, rappresentano sicuramente un importante punto di riferimento per chiunque intenda affrontare l’argomento del dissesto idrogeologico, con proposte, analisi e dati. Oltretutto, nelle citate Linee guida è oggetto di analisi il territorio montano-collinare, che rappresenta il 75% dell’intero territorio nazionale. Nel Manuale gli obiettivi di protezione del territorio e riduzione del dissesto idrogeologico, conservazione della risorsa suolo, della naturalità e biodiversità del territorio e le conseguenti azioni previste sono riferiti a importanti benefici attesi, quali la riduzione delle emissioni di gas serra e la mitigazione dei cambiamenti climatici mediante l’incremento dell’assorbimento … Continua a leggere…

La grande manifestazione del 7 marzo dei lavoratori dell’Electrolux

  Venerdì 7 marzo si è tenuta una grande manifestazione dei lavoratori del gruppo Electrolux che si è conclusa con un comizio davanti allo stabilimento di Porcia in provincia di Pordenone,alla manifestazione erano presenti anche lavoratori degli altri stabilimenti di Susegana,Treviso, e di Solaro,Milano .Non è stato facile organizzare una manifestazione che unisse i lavoratori del gruppo che ha stabilimenti in quattro regioni italiane ma questo obiettivo è stato raggiunto ed anche il collegamento importante con le aziende dell’indotto che producono per la Electrolux anch’esse colpite dai piani dell’azienda si è rafforzato. Tutto questo ha un preciso significato e cioè che intanto si è vinta una battaglia,quella dell’unità dei lavoratori Electrolux e che la manovra della multinazionale svedese di dividere i lavoratori con il cosiddetto piano di verifica dei 4 stabilimenti che serve soltanto per far passare gli esuberi è fallita. In altre situazioni anche recenti di grandi gruppi industriali … Continua a leggere…

CHI SEMINA ZIZZANIA IN UCRAINA?

di Iglis Restani

  Cosa sta succedendo in Ucraina dove dalle manifestazioni di piazza si sta passando alle manovre militari? E’ stato detto finora che gli scontri a Kiev tra manifestanti e polizia erano dovuti alla volontà del popolo ucraino di aderire alla Unione Europea e alla contrarietà del governo del deposto presidente Yanukovich. Ma le cose stanno veramente così? Intanto bisogna far presente una cosa che molti dimenticano e cioè che alle ultime elezioni il Partito delle Regioni di Yanukovich aveva ottenuto il 35,6% dei voti contro il 21% della Opposizione Unita della Tymoshenko e il 12% di un altro partito di opposizione. Qualcuno ha già levato la voce contro la mancanza di vera democrazia e contro la legge elettorale vigente in quel paese ,abbiamo sentito ad esempio dire queste cose dall’europarlamentare del PD Pittella alla trasmissione radiofonica Radioanchio . Non spetta a noi giudicare sulle situazioni interne di altri paesi ma … Continua a leggere…

Ttip, Trattato Transatlantico ……a decidere il nostro futuro non saranno più gli Stati ma le multinazionali

di Carmine Curcio

  .L’articolo che pubblichiamo di seguito tocca il tema dell’accordo commerciale bilaterale tra Unione Europea e USA chiamato TTIP,Transatlantic Trade and Investment Partnership le cui trattative sono iniziate almeno ufficialmente nel 2013.L’accordo , che si sta preparando in tutta segretezza ,prevede che la legislazione commerciale e del lavoro in USA e in Europa si adegui alle regole del libero mercato utili alle grandi multinazionali e prevede sanzioni e rimborsi da parte di quegli stati che non dovessero rispettarle.Ad esempio una proibizione della vendita di un prodotto considerato nocivo in un paese o l’aumento del salario minimo in un altro che secondo questo accordo portasse un danno alle multinazionali costringerebbe quel paese a rimborsare le multinazionali.Un accordo del genere era stato tentato tra il 1995 ed il 1997 dalla Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico,O.C.S.E.,di cui ha fatto parte l’attuale ministro dell’Economia Padoan oltre ad aver fatto parte del FMI,ma … Continua a leggere…

Presidio a Palazzo Marino a Milano a difesa dei servizi pubblici

Il 20 febbraio, a Palazzo Marino in Milano, si è tenuto un presidio organizzato dal: Coordinamento Milanese di Solidarietà “Dalla Parte dei lavoratori”, congiuntamente a ” FAISA – CISAL; OrSA Lombardia; USB Lombardia; SAMA-FAISA-Conf.AIL; CUB Trasporti; CAT (Coordinamento Autorganizzato Trasporti); ADL (Associazione Difesa Lavoratrici Lavoratori); UNITÀ SINDACALE BNL; SIAL – Cobas Milano; ACU Lombardia (Associazione Consumatori Utenti); Comitato Pendolari Linea S6 Milano-Novara; Rivista «Ancora in Marcia!», Rivista «Le lotte dei Pensionati» Il presidio è servito a portare alla luce una serie di problemi che attanagliano lavoratori e cittadini dell’area milanese delle varie realtà produttive, come i trasporti, il comune, i servizi. Problematiche come la riduzioni dei servizi, le privatizzazioni, la cessione di rami di azienda,la precarizzazione dei lavoro, l’aumento delle tariffe, l’aumento degli appalti e il peggioramento del lavoro. Altra problematica come la  fusione societaria tra ATM (Azienda trasporti Milanese) e Trenord (società che gestisce il trasporto ferroviario in Lombardia) desta forte preoccupazione tra lavoratori … Continua a leggere…

Manifestazioni e proteste dei ferrovieri europei

Il 25 febbraio tutti a Strasburgo contro le politiche della Commissione Europea

di Pasquale Felice

      La Commissione europea non si è mai soffermata – neppure si è mai posta il problema – delle conseguenze dei pacchetti ferroviari che ha emanato in tutti questi anni, non ha mai fatto un bilancio se questi hanno risposto, o rispondono ai bisogni dei cittadini, ai diritti dei pendolari e dei passeggeri, alla qualità e allo sviluppo dei servizi ferroviari, con le conseguenti ricadute sull’assetto dei territori e dell’ambiente. L’obiettivo della Commissione, infatti, era ed è solo quello di portare a termine la creazione di un mercato ferroviario comune in Europa, senza problemi alle frontiere, un obiettivo che, come vedremo di seguito, È MISERAMENTE FALLITO!Appena fino a qualche anno fa, chiunque volesse andare in viaggio per l’Europa in treno, acquistava il Thomas Cook Europa Timetables, l’orario ferroviario per eccellenza, una completa guida agli orari dei treni di tutt’Europa. Sfogliandone le pagine si poteva anche immaginare di viaggiare. … Continua a leggere…