Sul disastro ferroviario in Puglia

Quote

Un disastro ferroviario, nello scontro frontale tra due treni in Puglia, con un inutile sacrificio di morti e feriti tra viaggiatori pendolari, lavoratori e studenti, che poteva essere evitato.Sicuramente le indagini sulle responsabilità faranno il loro corso, ma può bastare?Alcuni familiari delle vittime del disastro hanno lasciato ben comprendere, nelle interviste che gli sono state fatte, di avere ben chiaro che i responsabili dell’accaduto vanno ricercati a livello più alto dei semplici dipendenti della società Ferrotramviaria di Bari. Infatti le carenze tecnologiche fanno sicuramente capo a chi faceva la gestione privata della linea ……e dei profitti, di cui buona parte provengono dai finanziamenti pubblici, ma anche dalle responsabilità delle istituzioni regionali e statali che a loro volta gestiscono questo denaro dei tartassati contribuenti italiani. Quelle carenze tecnologiche vanno a danno degli stessi dipendenti che di fatto le devono sostituire col loro operato quotidiano: per cui nel 2016, come hanno illustrato gli anzidetti familiari delle vittime, mentre si pensa di raggiungere Marte con satelliti e radar, si affida al lavoro “primitivo” dell’uomo, per lo più a carattere manuale di scrittura di fonogrammi, la sicurezza di viaggio dei pendolari! Se non si fosse in presenza di tecnologie all’avanguardia oggi in opera rete ferroviaria italiana(RFI) e adottate dalle società di trasporto che vi operano (delle quali Trenitalia è la più grande) si potrebbe parlare, con molta cautela, di errori umani, ma fare questa affermazione a piede libero, nelle condizioni date della linea privata pugliese e della conseguente opera richiesta, quasi a livello personale, a quei ferrovieri per garantire la sicurezza del trasporto, l’errore umano appare come quel velo utile a coprire le vere responsabilità gestionali e politiche. Perciò ai responsabili del disastro ferroviario in Puglia non si adatta neppure il detto popolare del “solo chi non fa niente non sbaglia mai”: in questo caso chi non ha fatto niente per la sicurezza dovrebbe essere responsabile di tutto!

I partiti e i sindacati regionali, presenti in Ferrotramviaria, avevano conoscenza della situazione precaria di quella linea ferroviaria? Qual’è stato il loro comportamento?In questo senso è molto significativo il titolo del comunicato stampa della rivista dei macchinisti ferroviari “Ancora in Marcia” in relazione a quest’ultimo incidente: “Ipocriti!! Tutti…….  giornali, televisioni, politici!”Rammarica che quei – Tutti….– non abbiano mai tenuto conto degli avvertimenti di questa rivista e che, senza essere troppo pessimisti, ma riflettendo su quanto accaduto nei precedenti e disastrosi incidenti ferroviari, le loro lacrime di coccodrillo si trasformeranno in quel “…..metodo tutto italiano di volontà di  risolvere  i problemi di sicurezza dei trasporti solo dopo che avvengono gravissimi incidenti come quello appena accaduto in Puglia dove due treni regionali si sono scontrati frontalmente causando la morte di 25 persone e il ferimento di oltre 50, tranne poi dimenticare tutto appena si spengono i riflettori.”Bisognerebbe aggiungere come mai quei –Tutti…- non abbiano mai posto seriamente un freno alle liberalizzazioni e alle privatizzazioni delle ferrovie pubbliche (e non solo), con tutto ciò che di negativo ne consegue per i lavoratori che vi operano e per i cittadini che ne usufruiscono.Per questo un’altra nota andrebbe aggiunta al contesto del disastro riguardante la sicurezza del trasporto ferroviario e della valorizzazione del trasporto pubblico: le lotte unitarie dei lavoratori.Infatti gli attuali livelli di sicurezza raggiunti nel gruppo FSI sono dovuti a queste lotte in cui i ferrovieri chiedevano proprio più sicurezza a seguito di incidenti ferroviari (uno fra tutti quello di Crevalcore) che hanno comportato più investimenti specifici in questo campo.Tutto ciò ci fa ricordare che un’accelerazione delle lotte per la sicurezza è andata di pari passo con le lotte contro la deregolamentazione normativa ed economica dei ferrovieri partita con la direttiva 210 del 1985 che provocò il cosiddetto spezzatino ferroviario delle ex FS a sua volta ampliato, oltre le norme previste dalla UE, con le direttive dei governi Prodi e D’Alema (mentre le liberalizzazioni dell’ex ministro dello sviluppo economico Bersani e poi quelle di Rutelli aprivano la strada alle attuali privatizzazioni): tutte queste trasformazioni furono seguite, per l’appunto, da lotte unitarie e maggioritarie dei ferrovieri, unici a porre un freno, a differenza di quei famosi –Tutti…- alla svendita del trasporto pubblico e alle loro condizioni di lavoro e di sicurezza.

Invece sulla linea dove è avvenuto l’incidente ferroviario si fanno circolare i treni “….in deroga alle più elementari norme di sicurezza”.

Appare così tanto giustificato il grido di allarme lanciato dalla rivista “Ancora in Marcia”: “Lo scorso anno affrontammo proprio tale incongruenza dalle pagine della nostra rivista lanciando l’allarme e chiedendo un intervento risolutivo dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria (ANSF), nulla è stato fatto da allora,  mentre continuiamo ad ascoltare  le solite frasi che parlano di “errore umano”.Ma le differenze, a tutt’oggi, tra le ex “Ferrovie dello Stato”, oggi gruppo FSI, e la “Ferrotramviaria SPA”, non si fermano al solo aspetto della sicurezza: il fatto di essere FSI ancora in mano pubblica fa apparire la società privata Ferrotramviaria come “…un vecchio esempio di business di famiglia. A fondarla fu Ugo di Pasquini, conte di Costafiorita, nel 1937, e in famiglia è rimasta. Il 61,36% del capitale sociale è, infatti, interamente nelle mani dei Pasquini: Gloria, Emanuele, Ughetta e Patrizia. Salvo un 12,7% intestato alla moglie di Enrico Maria, Clara Nasi (ramo collaterale della  famiglia Agnelli )………Per la gestione dei servizi…..la Ferrotramviaria ha stipulato, ad esempio in data 19 marzo 2001, con la Regione Puglia un contratto-ponte per il periodo gennaio 2001-dicembre 2003, con il quale è stato riconosciuto a favore della società concessionaria un corrispettivo annuo complessivo di € 21.436.576,51 soldi pubblici.”

Se queste sono le condizioni e poiché la logica dei profitti pervade anche le FSI, e i possibili futuri acquirenti, non si tratta qui di stabilire in una inutile ed estenuante diatriba se è più efficiente il trasporto privato o quello pubblico, riferendoci alle loro amministrazioni, ma di far si, anche per non far dimenticare questo incidente ferroviario, che prioritariamente i ferrovieri uniti, come già successo in passato, facciano della lotta comune con gli altri lavoratori, con gli studenti ecc. un fronte non solo per evitare che questi disastri non si ripetano più ma anche per potenziare e rendere sicuro e accessibile il trasporto pubblico, negli interessi economici della nazione intera, dell’ambiente e della sicurezza di tutti.                                                      A.A.

Stati Uniti,superpotenza in crisi.Dopo i tragici fatti di Dallas

Quote

 

di Osvaldo Pesce

I tragici fatti di Dallas sono avvenuti a pochi mesi dalle elezioni americane.Le elezioni presidenziali di novembre in USA sono particolarmente importanti, per i contenuti emersi nella campagna e il dibattito che hanno sollevato in una fase di grave crisi economica e sociale del paese. Il miliardario ‘politicamente scorretto’ Trump ha avuto facile successo nelle primarie contro dei candidati insulsi perché ha posto due temi chiave: il lavoro che manca e il deficit commerciale americano con la Cina, i paesi Opec e l’UE; gli avversari Sanders e Clinton hanno dovuto inseguirlo su questo terreno.

Wall Street è riuscita a trasferire la crisi finanziaria sull’Europa, mettendone a dura prova le banche e i debiti pubblici; ma la crisi è strutturale e globale e non si supera. Obama ha gestito gli interessi industriali (auto, shale oil and gas) e soprattutto ha finanziato le banche. Il loro salvataggio costò alla Fed dal 2007 al 2009 7.700 miliardi di dollari, metà del PIL, facendo guadagnare ad esse 13 miliardi, mentre quello della Chrysler, più o meno l’unico intervento pubblico nell’industria statunitense, costò solo 6 miliardi (Corriere 2.12.2011 e 30.3.2009). Quindi è chiaro che si butta denaro pubblico nelle banche molto più che nel salvare industrie, meno che mai nel sostenere i redditi dei lavoratori e delle minoranze.

La società americana è in declino: la povertà e la disoccupazione reale crescono, i conflitti sociali e razziali non sono affatto risolti (né coi lavoratori poveri, né con gli afroamericani né coi latinos), e questo è in drammatica evidenza dopo le uccisioni di neri, le proteste, il sanguinoso attacco di Dallas.

Interi quartieri sono abbandonati al degrado (e anche intere città, come New Orleans, devastata da Katrina, o Detroit dimezzata dalla crisi dell’auto). Dai dati di inizio 2015, il 39% dei lavoratori guadagna meno di 20.000 dollari (la soglia della povertà per una famiglia di 4 persone è 23.000 dollari): solo il 44% degli occupati lavora 30 o più ore settimanali; degli americani in età lavorativa 8,7milioni sono ufficialmente disoccupati e 92,9 milioni sono “non forza lavoro”(casalinghe, studenti, pensionati, militari, “forze di lavoro potenziali”, disoccupati da molto tempo).

Un quarto degli americani hanno più debiti del valore di quanto possiedono, il 47% della popolazione non può permettersi il pronto soccorso, 46 milioni di persone ricorrono ai banchi alimentari (ora proibiti in alcuni stati, Oklahoma, California ecc), un americano su sette rischia la fame. Chi vive nella precarietà economica abbandona l’auto non avendo 400 dollari per ripararla, perde la casa col mutuo che non riesce a pagare (e la sfascia prima di lasciarla alla banca); in California c’è gente che vive nelle aiole, a New York la polizia ha identificato 80 accampamenti di senzatetto ecc.

Lo 0,1% delle famiglie americane ha ricchezza pari a quella del 90%. Undici milioni di famiglie vivono e lavorano negli Stati Uniti illegalmente, un milione e mezzo vivono con meno di due dollari al giorno; nel 2015 un bambino su cinque usufruiva di buoni pasto e 2 milioni e mezzo vivevano in rifugi, per le strade, nelle macchine, o in campi senza alcuna tutela, a causa della povertà e delle violenze familiari. (lettera43, Avvenire 17.11.2014 ubiminor.org 27.11.2014)

La rabbia e l’opposizione crescono: secondo Pew Research per gli americani le misure del governo sono inefficaci per la classe media (72%) e le piccole imprese (68%), e hanno fatto fare “un grosso affare” alle grandi banche e alla finanza (52%).

Trump fa leva sulla mancanza di lavoro per propagandare il suo isolazionismo (“America first”) soprattutto verso i bianchi poveri e il ceto medio compresso verso il basso.Afferma che ci vuole più sicurezza, non si può lasciar entrare gli immigrati né dare la cittadinanza a chi nasce nel paese, va rafforzata la barriera col Messico;anche l’atto terroristico anti-gay a Orlando ha giovato alle sue sparate anti-islamici e a favore del libero commercio delle armi. Bisogna cambiare i rapporti con la Cina “anche a rischio di una guerra commerciale” e riportare a casa le industrie: “alle aziende che esportano la produzione in Messico dirò: metterò un dazio del 35% su ogni prodotto che venderete in America”. Ci si deve sganciare dagli impegni in Medio Oriente – “le nostre azioni in Iraq. Libia e Siria hanno aiutato l’Isis” – e sbarrare l’accesso ai musulmani. Ci vogliono più lavoro e salario con più esenzioni fiscali, tasse al 15% del reddito d’impresa grande o piccola che sia, più petrolio statunitense e niente tutela ambientale (” non si può distruggere la competitività delle fabbriche americane per prepararsi a un inesistente riscaldamento globale”), meno debito pubblico, niente tutele sanitarie e far contribuire gli alleati NATO ai costi della loro difesa.

Ai suoi comizi crescono le contestazioni degli avversari; è la prima volta che questo accade, finora avvenivano alle convention del proprio partito: si ricorda ancora quella alla convention democratica del 1968 a Chicago, dopo gli assassinii di Martin Luther King e di Robert Kennedy, contro Humphrey, la guerra nel Vietnam e il razzismo.

Hillary Clinton dichiara: “Nessuna banca è troppo grande per non fallire e nessun manager è troppo potente per non andare in prigione”, e si tira dietro ai comizi l’ex senatore Barney Frank, il coautore – dopo i disastri del 2008 – della riforma Dodd-Frank dei mercati finanziari (deregolamentati proprio da Bill Clinton); ma (su 120 milioni raccolti) alla fine di dicembre 2015 circa 21,4 milioni di dollari per la sua campagna elettorale provenivano da donazioni di hedge fund, banche, compagnie di assicurazione e altre società di servizi finanziari; in tutto, donatori di Wall Street e altre società finanziarie le hanno dato 44,1 milioni di dollari, più di un terzo del totale (gli speculatori George Soros e Donald Sussman le hanno versato rispettivamente 8 e 2,5 milioni, la sostiene anche il finanziere miliardario Warren Buffett).

Promette di opporsi a qualsiasi nuova tassa per le famiglie che guadagnano meno di 250 mila dollari l’anno, di volere un minimo salariale di 12 dollari l’ora, parità salariale tra uomini e donne, maggiori crediti d’imposta per le famiglie disagiate e diritto all’asilo nido per i figli dei lavoratori, di promuovere i diritti delle donne, delle minoranze, degli immigrati e dei gay, ma fatica a presentarsi come una donna comune, è troppo ricca e influente: ha incassato più di 3,7 milioni di dollari da discorsi a pagamento organizzati da banche e società finanziarie dal 2013 ad oggi (e il marito di Chelsea traffica in hedge fund, con clienti legati ai Rotschild e alla Goldman Sachs, la più potente banca d’affari).

L’anno scorso la stampa americana ha svelato che circa due milioni di dollari di fondi, raccolti dalla Fondazione Clinton sin dal 2001, venivano da donazioni di Arabia Saudita, Qatar, Kuwait e Oman, altri donatori erano Algeria, Brunei, gli Emirati; alla campagna di Hillary contribuiscono per 270 mila dollari lobbisti che da anni curano gli interessi di compagnie petrolifere, del gas e del carbone. Conseguentemente, è molto più interventista di Obama in Medio Oriente, e tace sul controverso oleodotto Keystone XL, che dovrebbe portare petrolio dal Canada verso le raffinerie americane: non intende abbandonare le fonti fossili (lo shale oil and gas) “ancora fondamentali per lo sviluppo, in particolare in alcune aree” né il nucleare.

Sanders invece promette pesanti tasse sulle attività finanziarie, una netta separazione tra banche commerciali e di investimento (cioè dedite alla speculazione), lo smantellamento delle assicurazioni sanitarie di Obama e l’abbassamento di prezzo dei farmaci per finanziare le cure mediche per tutti a carico dello Stato. Vuole salvaguardare il clima con una carbon tax e la moratoria nucleare. Il suo programma include la lotta alle diseguaglianze di reddito e ricchezza e un sistema di sicurezza sociale, la guerra come l’ultima opzione; l’istruzione universitaria gratuita, la creazione di lavoro pagato in proporzione alle necessità di una vita familiare dignitosa, alloggi a prezzi accessibili, sostegno all’economia rurale; una politica di immigrazione equa e una giustizia senza pregiudizi razziali, più potere ai nativi americani, tutela dei disabili e dei veterani, diritti ai gay e transessuali.

Ha detto: “prometto che sotto un’amministrazione Sanders non vedrete mai un ministro del Tesoro che viene dalla Goldman Sachs”, come fu Rubin sotto Bill Clinton. Non molla la campagna, sostenuto dai giovani, anche se ha metà dei delegati rispetto alla Clinton: ha rifiutato la richiesta di abbandonare fattagli da Obama e Hillary, vuole una convention divisa per combattere sul programma; è disposto a votare la Clinton solo per sbarrare la strada a Trump se diventasse davvero il candidato repubblicano per novembre. Si dichiara socialista, E’ stato eletto senatore da indipendente nelle liste democratiche, se gli sbarrano la strada, come è probabile, vorrebbe fare un partito nuovo della sinistra attraverso una ‘convenzione del popolo’.

La campagna è sempre più dura, con scontri fra i candidati e nelle piazze; fra i repubblicani Trump è a corto di fondi, e si troverà contro nuovi candidati che però dovranno affrontare i temi gettati in campo da lui; se sarà sconfitto potrebbe presentarsi come indipendente. Entrambe le convention saranno quindi combattute, chiunque sarà il vincitore dovrà esprimersi riguardo sia all’alta finanza, sia all’isolazionismo o meno, sia a politiche sociali, e chi infine sarà elettoPresidente dovrà tentare di rispondere al malcontento popolare emerso nelle piazze, ma di fatto il programma di governo sarà quello voluto dall’1% di straricchi e da Wall Street.

Da qui a novembre la strada è ancora lunga, potrebbero avvenire molti imprevedibili sviluppi, anche nelle relazioni internazionali: sono in gioco i rapporti con la Cina e il suo progetto di ‘nuova via della seta’; con i paesi del petrolio coinvolti dalle guerre e danneggiati dallo shale oil; i trattati economici con gli alleati in Europa e Asia sono in stallo (TTIP/TISA e TPP).Obama preme in tutti i modi sulla Unione Europea per la firma del TTIP prima delle elezioni della nuova presidenza.Negli Stati Uniti e qundi nel mondo niente sarà come prima.