La crisi di governo e il futuro del paese

Citazione

di Iglis Restani

 

                                       Sulla pelle dei cittadini

Qualunque sia la formazione che uscirà dall’attuale crisi di governo ,ci sono alcune domande da fare ai vari partiti .

Perchè i giovani italiani continuano ad emigrare? Perchè non trovano possibilità di impiego corrispondenti al titolo di studio conseguito e salari di un certo livello.

Perchè alcune aziende non trovano certe figure professionali da assumere? Perchè il sistema di istruzione e formazione professionale è slegato dalle prospettive industriali e queste a loro volta non hanno un punto di riferimento generale in una politica industriale di ampio respiro.

Perchè l’Italia è arretrata rispetto ai settori delle nuove tecnologie ? Perchè queste richiedono forti investimenti che sono fuori dalla portata delle piccole e medie industrie che costituiscono la grande maggioranza del sistema produttivo e che non vengono fatti da uno stato perennemente alle prese con i conti pubblici da rattoppare.

Ha un futuro un paese con queste caratteristiche? Può averlo forse solo quel 20% di aziende che,secondo i dati statistici,è riuscito a mantenersi competitivo nel quadro della globalizzazione. Ma il resto?

La previsione fatta da diverse parti per cui nel 2050 l’Italia sarà un paese composto in gran parte di anziani,con una economia subalterna ancora di più alle multinazionali e ad altri paesi, con una forza lavoro in occupazioni di fascia bassa e composta in buona misura da lavoratori immigrati è del tutto realistica .

Se l’attuale crisi di governo fosse nata da almeno una delle domande poste all’inizio sarebbe un fatto positivo. In realtà siamo di fronte al fatto che la base comune politica tra Lega e 5S si è modificata.

Qual’era la base comune su cui si reggeva il cosiddetto governo gialloverde? La volontà dichiarata di sforare le regole di bilancio comunitarie,di fare una manovra di bilancio in deficit,di ignorare la clausola dell’aumento dell’IVA per far quadrare i conti e in caso di ostilità della UE,presentarsi ai cittadini accusando l’Europa.

Alle elezioni europee la Lega, pur avendo avuto un successo elettorale , non ha visto quello sfondamento degli altri partiti cosiddetti sovranisti europei che si aspettava tanto è vero che anche Orban ,a capo di un paese che è nell’orbita economica della Germania,ha accettato la guida tedesca della Commissione Europea .Al contrario i 5S hanno modificato la loro tattica riguardo L’Europa e hanno votato per Ursula von der Leyen.

Il discorso d’insediamento della Leyen,che ha aperto uno spiraglio all’allentamento della politica di austerità anche in considerazione delle difficoltà della Germania, ha in realtà bagnato diverse cartucce alla Lega e ai cosiddetti sovranisti. Questa novità,concordata da Conte e compresa al volo dai 5S,ha spiazzato la Lega e questo spiega anche perché Di Battista,uno dei più contrari a Salvini adesso sia uno dei fautori di una ripresa dell’alleanza con lui.

Al riguardo delle elezioni europee va detto che i rinnovi del Parlamento ,della Commissione e della Banca centrale Europea non sono avvenuti sulla base di una discussione aperta e trasparente sulle grandi questioni da affrontare,dalla crisi economica mondiale,ai dazi imposti da Trump,all’uscita della Gran Bretagna,alle guerre in Medio Oriente,al problema del lavoro di fronte all’innovazione tecnologica,all’immigrazione. Le cose sono andate avanti invece sulla base di trattative sotterranee e sul maggior peso di alcuni paesi rispetto ad altri e questo è un aspetto negativo che non rafforza di sicuro il consenso popolare di cui ha grande bisogno l’Unione Europea .

Le contorsioni di Salvini si spiegano perciò soprattutto con il fatto che,nonostante un certo accordo raggiunto negli incontri con Confindustria,interessata alla flat tax ma soprattutto contraria al salario minimo garantito e con i sindacati,preoccupati dal loro ridotto peso politico qualora fosse adottato per legge il salario minimo, non si è più sentito sicuro di quella base comune che aveva in precedenza con i 5S.

Se poi ci mettiamo che anche lui come in precedenza aveva fatto Renzi ,nonostante la fotografia di questo messa sul tavolo dei leghisti, ha valutato i voti alle elezioni europee come fossero quelli delle elezioni politiche nazionali senza vedere la differenza e senza valutare la mobilità del voto nei tempi attuali, ecco che si può avere una spiegazione plausibile ad una apparentemente inspiegabile richiesta di crisi di governo e nuove elezioni.

Vogliamo far notare due aspetti. Il primo aspetto è la mancanza di senso di responsabilità delle due forze che componevano fino a pochi giorni fa il governo. Avevano detto urbi et orbi che avrebbero governato 5 anni nonostante le divergenze per il bene del popolo,creando aspettative tra la popolazione dopo i disastri fatti dai precedenti governi di centro-destra e di centro-sinistra,gli ultimi dei quali,dal 2011 al 2018 a guida diretta o indiretta PD. Adesso,invece di trovare la quadra,hanno ridato proprio al PD la possibilità di ripresentarsi.Accanto a questo vi è la mancanza di serietà da parte di quanti fino a pochi giorni fa sparavano cannonate contro i 5S e adesso intendono governare con loro.

Il secondo aspetto è la mancanza di una forza politica che riesca a trasmettere al paese una idea di interesse nazionale,di visione d’insieme,di difesa e valorizzazione della sua unità storica,economica ,politica.

Invece di guardare ai problemi di fondo,i partiti che hanno governato negli ultimi decenni hanno guardato soltanto al breve periodo,al successo elettorale,ai propri elettorati.

Adesso tutti questi partiti non hanno trovato di meglio che rifugiarsi nell’autorità del presidente della Repubblica ponendo chi il veto su questo nome chi su un altro senza mettere prima di tutto al centro la questione di un programma che risollevi un paese stanco e confuso.

Questi partiti hanno fallito,le loro linee politiche hanno fallito.

Occorre pensare ad una forza per un cambiamento reale,che sappia dare una prospettiva,che sappia ricostruire una unità,che sappia ridare all’Italia il ruolo che le spetta quale paese fondatore in una Europa forte ed indipendente. Una forza che abbia nei lavoratori la propria base.

I migranti muoiono nel mare delle menzogne e delle ipocrisie

Citazione

L’inutile polemica Salvini-Rackete

di Roberto Bertini

Le odierne vicende delle navi delle ong e delle loro sfide a Matteo Salvini mantengono in primo piano le storie delle migrazioni e delle tragedie che ad esse sono collegate non solo in Italia e non solo in Europa.

Le migrazioni di migliaia e di milioni di persone da un paese all’altro e da un continente all’altro hanno la loro origine nella politica neocoloniale perseguita dalle maggiori potenze che praticano la rapina e la distruzione sistematica del pianeta a vantaggio delle loro economie sottomesse a ristretti gruppi di privilegiati.

Con la loro politica economica e commerciale scaricano sulle periferie del mondo le conseguenze delle loro ambizioni di monopolisti che operano nel campo della finanza, dell’industria del commercio e dell’agricoltura.

Sono arrivati al punto di sconvolgere il clima e le stagioni.Per i loro scopi alimentano, con le esportazioni di armi, le guerre che sono in corso.Direttamente o indirettamente entrano in guerra e radono al suolo intere città e paesi: Afghanistan, ex Jugoslavia, Siria, Palestina, Libia, Ucraina, Iraq, Repubbliche dell’Asia centrale e via di seguito in ogni parte.

Gli Stati Uniti d’America sono alla testa al gruppo rissoso ma le altre potenze non vogliono restare a guardare.Anche la nostra Italia, anche i nostri capitalisti monopolisti, hanno sempre voluto e vogliono la loro parte; per questo abbiamo partecipato servilmente alle guerre promosse dagli USA e siamo al nono posto nel mondo in quanto esportatori di armi anche in paesi dove oggi sono in corso delle guerre come in Yemen.

Questo la dice lunga sulla natura dei personaggi che animano la scena politica italiana.Al di là delle divisioni tra destra, “sinistra” e centro, che gettano fumo negli occhi, nessuno dei politici che si sono succeduti da 50 anni fa per arrivare ai vari Salvini, Zingaretti, Berlusconi, di Maio ha mai preso una chiara posizione contro l’imperialismo .Non è mai successo che uno dei sindacati confederali, neppure la “solidale” CGIL, abbia mai promosso una forma di protesta contro l’esportazione di armi e non è mai successo che un qualche partito abbia preso iniziative serie contro questo turpe fenomeno.

Nel teatro politico quello che appare è la contrapposizione tra Matteo Salvini e le ong che prestano soccorso ai migranti.Matteo Salvini e il suo partito fanno uso strumentale, per avere voti, dei problemi sollevati dall’immigrazione.Questi certamente esistono, specie adesso con la crisi economica e con la disoccupazione,e in certe città e quartieri si sono create forti situazioni di disagio per gli abitanti. Dunque la gestione dell’immigrazione è un problema reale ed il consenso alla Lega nasce dal fatto che Salvini lo ha posto in modo netto mentre in precedenza il PD lo ha voluto camuffare.

Le ong con le loro barche di salvataggio e con le loro azioni provocatorie non aiutano nel complesso i migranti.Queste organizzazioni “non governative” non presentano i problemi in modo giusto, in termini di lotta di classe e di lotta contro la volontà di dominio delle grandi potenze; essi li presentano in termini di contrapposizione fra le persone buone e le persone cattive, fra altruisti ed egoisti,ma non è sollecitando i buoni sentimenti che si possono aiutare i migranti; quello che occorre è la denuncia dei crimini del neocolonialismo e di un capitalismo di rapina ai quali i nostri governanti sono sottomessi.

Il controllo ed finanziamenti di queste ong sono in molti casi oscuri e riconducibili a volte a quelle stesse multinazionali,a quello stesso capitale finanziario che ha tutto l’interesse ad importare manodopera giovane e a basso costo, a scaricare l’immigrazione sull’Europa in modo da indebolirla. Alcuni paesi giocano poi ad utilizzarla a danno dell’Italia.

Perciò a sua volta la politica dei “porti chiusi” di Salvini ,a parte i contrasti interni al governo,non può in definiva risolvere il problema perché non va alla radice ovvero andare ad una revisione totale delle politiche di sfruttamento delle risorse,petrolio innanzitutto e minerali,e di sostegno militare alle varie fazioni vedi Libia,che continuano a mantenere i popoli africani nel sottosviluppo.Ed è il sottosviluppo la prima causa dell’immigrazione.

Per ribaltare quelle politiche c’è bisogno di una Europa nuova, unita, democratica e solidale.cui occorre chiamare alla lotta i giovani, i lavoratori, le donne e i pensionati.L’Unione Europea ed in particolare alcuni paesi,hanno gravi responsabilità riguardo l’immigrazione ed hanno commesso gravi errori. Gli stessi governi recenti italiani hanno commesso errori.

Ciò che però caratterizza l’agire di Salvini non è la correzione degli errori per intraprendere strade nuove e più congeniali all’Europa unita ma la volontà di rompere tutto. Al contrario la difesa della propria identità,del territorio,non può venire da una rottura con l’Europa,ma da un suo rafforzamento perché l’Europa,e quindi tutte le sue identità nazionali, rischia di finire stritolata tra le grandi potenze mondiali. Dunque non si deve dividere ma unire.

La polemica Salvini-Rackete non porta da nessuna parte. Da un lato dà un pretesto a quella cosiddetta sinistra incapace di fare un serio bilancio del suo fallimento,dall’altro favorisce la propaganda antieuropea dei cosiddetti sovranisti. Di fatto nasconde le cose di cui l’Europa ha urgentemente bisogno e cioè una politica per il lavoro e lo sviluppo e una politica estera in grado di difendere gli interessi dei popoli europei .E’ soltanto dentro queste politiche che l’immigrazione potrebbe essere risolta e diventare un fattore positivo.