No alla guerra in Mediterraneo e in Medio Oriente, sì ad un patto tra eguali tra Europa e paesi produttori di energia

Citazione

 

La guerra in Libia e l’eliminazione sul territorio dell’ Iraq del generale iraniano Soleimani diretta dall’amministrazione americana ,oltre alla guerra in corso da molto tempo in Siria e ad altri focolai di guerra in giro per il mondo,sono la dimostrazione evidente di un quadro internazionale che non ha affatto trovato un equilibrio pacifico .

Le conseguenze dirette di ciò che sta avvenendo a Tripoli, Baghdad e Teheran non riguardano soltanto i popoli di quei paesi che subiscono gravi perdite umane e non hanno modo autonomo di  utilizzare le loro risorse per lo sviluppo economico .

Riguardano anche i popoli ed i lavoratori europei ed il motivo è risaputo: i paesi europei e l’Italia in particolare si riforniscono di petrolio e gas oltre che dalla Russia proprio dai paesi del NordAfrica e del Medio Oriente.

La dimostrazione lampante di questo fatto c’è stata poco prima dell’inizio della conferenza di Berlino : le milizie di Haftar hanno operato la chiusura dei terminali petroliferi nel Golfo di Sirte dai quali parte circa il 70% della produzione petrolifera libica. Va ricordato che l’esportazione del petrolio è riconosciuto dall’ONU alla compagnia nazionale libica NOC i cui proventi vanno alla banca centrale libica e suddivisa poi tra i due governi attualmente presenti. Difficoltà dunque per i paesi importatori del petrolio ed anche per le condizioni di vita dei cittadini libici.

La conferenza di Berlino tenuta da poco non ha certo ottenuto le cose essenziali ,vale a dire il ritiro delle truppe straniere dalla Libia e una reale cessazione della fornitura di armi ai due contendenti. Nè ha tenuto conto della vera natura della società libica che è strutturata in tribù ,una cui rappresentanza non era stata invitata.

In una intervista rilasciata ad un quotidiano italiano l’ex ambasciatore libico in Spagna attualmente coordinatore delle decine di tribù che compongono la Libia, ha dichiarato che quallsiasi conferenza internazionale che non veda la presenza delle tribù non rappresenta la realtà del paese e non porterà ad una soluzione positiva,aggiungendo che i libici sono contrari a ogni presenza militare straniera e che intendono risolvere i problemi tra di loro.

Il grave errore commesso dai governi europei dopo la sostanziale sconfitta dei movimenti di liberazione in Africa ed in Medio Oriente negli anni 60 in cui hanno avuto gravi responsabilità oltre a quelle delle due superpotenze USA e URSS,è stato quello di aver voluto perpetuare una politica di sfruttamento neocoloniale delle risorse energetiche di quei paesi senza preoccuparsi di garantire un vantaggio reciproco che permettesse uno sviluppo autonomo di quei paesi .

Mancanza di sviluppo che è la causa delle recenti ondate migratorie che hanno messo in crisi l’intera politica europea sull’immigrazione.

Chi più chi meno ha voluto inseguire una velleità di potenza legato al passato coloniale. La vicenda ultima dello scontro tra Italia e Francia sulla Libia nel 2011 ,con lo zampino degli USA e del governo inglese ed il conseguente collasso politico di quel paese è lì a dimostrarlo. In quell’occasione l’allineamento alla politica USA dell’allora presidente della Repubblica Napolitano e la totale passività dell’allora Presidente del Consiglio Berlusconi indebolirono il ruolo dell’Italia e favorirono la vecchia politica coloniale.

E’ una politica fallimentare,che ha portato alla divisione dell’Unione Europea,ad aumentare la sua debolezza politica ,alla trasformazione del Mediterraneo in un punto di scontro tra problemi storici irrisolti nonchè all’inserimento di altri paesi extraeuropei oltre agli USA.

La situazione di guerra continua dalla Libia alla Siria all’Iraq lungo tutta la fascia che va dall’Africa centro-settentrionale al Medio Oriente ed all’Asia centrale è una spada di Damocle su tutta la rete di rifornimenti energetici e di scambi commerciali tra l’Europa e questi paesi nonché sui progetti legati alla nuova via della seta con la Cina . Se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente e venisse messa in difficoltà l’attività ed il commercio dell’estrazione del petrolio e del gas,le conseguenze sulla produzione nelle industrie dei paesi europei e quindi sulla vita di milioni di lavoratori con le loro famiglie sarebbero disastrose . Per l’Italia in particolare perché la sua dipendenza dall’importazione di energia è maggiore rispetto ad altri paesi europei.

Si può ricordare come precedente storico la crisi petrolifera del 1973 successiva alla guerra tra paesi arabi e Israele che portò ad un innalzamento fortissimo del prezzo del petrolio. In Italia,il governo allora presieduto da Rumor fu costretto a varare un piano nazionale di “austerity economica” per il risparmio energetico che prevedeva il divieto di circolare in auto la domenica, la fine anticipata dei programmi televisivi e la riduzione dell’illuminazione stradale e commerciale. Da notare che quel governo si pose il problema di guardare al futuro e di ridurre la dipendenza dal petrolio per cui impostò la costruzione di centrali nucleari da parte dell’ENEL.

La dipendenza dell’Europa dai prodotti energetici ,cioè la differenza tra produzione interna ed importazione,secondo i dati Eursostat non ancora aggiornati all’ultimo anno era per il petrolio greggio del 87,8 % , per il gas naturale del 70,4 %, mentre l’ultimo dato disponibile per i combustibili solidi era pari al 40,2 %,passando in complesso da una media del 40% del consumo lordo del 40% nel 1990 al 53,6% nel 2016.

Gli USA per conto loro hanno raggiunto l’autosufficienza energetica,sono diventati il primo produttore di petrolio e grazie anche al fatto che l’oro nero è valutato in dollari possono influenzarne il prezzo. Possono in questo modo pensare di controllare la produzione petrolifera che è e sarà ancora per diverso tempo essenziale per la produzione industriale ed in questo modo portare a loro vantaggio la sfida che si sta giocando per la supremazia economica mondiale tra USA e Cina e costringere quest’ultima a venire a patti.

Perciò non hanno non hanno alcuna vera intenzione di abbandonare l’Iraq perché da lì possono controllare il cuore della produzione petrolifera e mantenere anche sotto sorveglianza l’Arabia Saudita,nello stesso tempo non vogliono apparire in prima linea nelle varie situazioni calde e richiedono agli alleati un maggior impegno nel gestire situazioni regionali dal punto di vista politico, diplomatico e delle spese militari. Inoltre giocano sulle divisioni tra europei ,come si è visto appunto nel 2011 con il sostanziale appoggio a Sarkozy in Libia che tolse di mezzo un personaggio politico scomodo come Gheddafi e dove non solo l’ENI ebbe perdite ma anche la China National Petroleum Corporation fu costretta a rimpatriare i 30000 operai e tecnici cinesi che operavano in Libia. Nello stesso tempo intendono impedire che la Germania e con lei gli altri paesi europei conducano una politica energetica autonoma come dimostrano le sanzioni al gruppo svizzero olandese Allseas che ha interrotto perciò la posa dei tubi per il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania.

Ma se gli USA o altre potenze come la Russia sono autosufficienti per l’energia,l’Europa,l’Unione Europea lo è altrettanto? Possiamo dire come europei di avere una indipendenza energetica?La risposta è chiaramente no.

Molti anni ,nel 1950,fa alcuni governanti europei con una visione di lungo percorso avevano pensato a mettere in comune le materie prime fondamentali per l’industria ,il carbone e l’acciaio per due motivi fondamentali:porre fine alla contesa tra Francia e Germania sui giacimenti di queste materie prime e quindi ad un loro utilizzo per una nuova guerra e favorire la ripresa industriale ed economica dei paesi aderenti tra cui l’Italia,oltre a Belgio ,Lussemburgo e Olanda. Il trattato CECA fu firmato nel 1952 e rimase fino al 2002.

Oggi,in una situazione internazionale confusa e conflittuale,occorre in Europa una visione politica di pari livello,per creare,come obiettivo prioritario, una Comunità Europea per l’Indipendenza Energetica che metta in comune tutte le capacità energetiche utilizzabili,dagli idrocarburi al nucleare al solare alle rinnovabili, con il chiaro obiettivo di garantire il lavoro e l’indipendenza energetica dell’Europa. Una comunità economica con la funzione anche di controllare le attività delle compagnie petrolifere europee al servizio delle necessità dell’Europa nel suo complesso  . Oltretutto mettere assieme le capacità energetiche significa fin da ora  stroncare la una nuova corsa neocoloniale alle materie prime necessarie alla produzione di energia elettrica come litio e cobalto. Con la stessa visione l’Unione Europea deve rivedere completamente i rapporti economici e politici con i paesi produttori di idrocarburi,abbandonando una volta per tutte il neocolonialismo,e stabilire un patto duraturo per lo sviluppo reciproco,un piano di cooperazione vera con i paesi produttori che tagli i ponti una volta per tutte con l’epoca coloniale . Un rapporto diretto senza l’ingerenza o il patrocinio di altre potenze come si è visto anche alla Conferenza di Berlino.

E’ del tutto evidente che quando parliamo di un obiettivo quale una Comunità Europea per l’Indipendenza Energetica o di un futuro Forum per la collaborazione tra Unione europea e paesi dell’Africa e del Medio Oriente,stiamo parlando di qualcosa di nuovo che si deve costruire in Europa. Lo si può fare con un lavoro di lunga durata ma che è necessario intraprendere ,raccogliendo e unendo quelle lotte che sono per un vero cambiamento della società. Un lavoro che cerchi di dare risposte ai lavoratori delle industrie,alla classe media sempre più schiacciata verso il basso,ai giovani che non trovano sbocchi professionali e costretti ad emigrare,agli uomini di cultura che difendono la libertà di pensiero,al malessere dei cattolici verso la società attuale ,alla lotta contro la povertà.

Il principio che ci deve unire è che i popoli devono risolvere i propri problemi senza ingerenze dall’esterno e sulla base della collaborazione e del reciproco vantaggio. Da molte parti di quello che un tempo si chiamava terzo mondo provengono esigenze di indipendenza e di libertà,a queste i lavoratori europei,i cittadini europei, devono rispondere in modo positivo con le stesse aspirazioni .

                                                                                                                             I.R.

Il convegno sulle pensioni a Roma

Citazione

 

 

Come già ne era stata data notizia su questo blog , si è svolto il 5 dicembre, a Roma, presso il Villaggio Globale, l’incontro promosso da alcune organizzazioni di lavoratori e di pensionati in concomitanza della giornata europea di mobilitazione contro l’attacco alle pensioni.

L’iniziativa è stata molto partecipata sia numericamente che sul piano della adesione allo spirito propositivo dei promotori.Lo scopo dell’iniziativa è stato quello della apertura di una campagna contro il sistema pensionistico contributivo e contro l’innalzamento dell’età pensionabile, per ricostruire l’unità tra le generazioni e tra le lotte portate avanti in questo senso nei diversi paesi europei.

Particolare interesse ha suscitato l’intervento del professor Giovanni Mazzetti che ha sottolineato la necessità che le lotte siano sostenute ed abbiano un progetto da perseguire ed oltre a questo l’importanza di dotarsi di strumenti adeguati.”Bisogna tener presente, ha sottolineato il professore, che i “vecchi” di oggi non sono come quelli del passato perché sono diverse le loro aspettative di vita e dalla vita”.

Nella relazione introduttiva è stato sostenuto che la lotta non è semplicemente per un cambiamento del sistema di calcolo delle pensioni ma è per il lavoro che è e rimane il perno della società.Perciò è necessario e fondamentale sviluppare politiche per la piena occupazione, per la dignità, per salari giusti e per i diritti.

Due giovani lavoratori intervenuti nel dibattito hanno descritto le difficoltà della loro condizione e la necessità di comprendere, per loro e per i loro coetanei, che i responsabili delle loro condizioni non debbono essere cercati fra gli anziani pensionati.

                                              La redazione di Pennabiro