L’importanza della Cina oggi nel mondo

Intervista a Osvaldo Pesce

Negli ultimi decenni la Repubblica Popolare Cinese ha assunto un’importanza sempre maggiore, sia per la sua crescente presenza politica, sia per il suo rapido sviluppo economico che l’ha portata ai primi posti nel mondo. Nell’intervista che pubblichiamo, rilasciata alla facoltà di Scienze Politiche della Sapienza collegata con la facoltà analoga della Taiwan National University, Osvaldo Pesce racconta brevemente alcune sue esperienze e impressioni sulla realtà cinese – da lui conosciuta lungo molti anni di rapporti col Partito Comunista Cinese, compreso un importante colloquio col presidente Mao Zedong (13 agosto 1968) – che rivestono un particolare interesse non solo storico ma politico. Vanno sottolineati alcuni punti importanti: La netta contrapposizione al revisionismo moderno (che non è pura e semplice socialdemocrazia) espressa da Pesce fin dal 1962, da lui ricordata all’inizio stesso dell’intervista (Tito) e alla fine (Berlinguer e la fine del PCI); L’approccio solidale e allo stesso tempo critico alla realtà … Continua a leggere…

I perchè della sconfitta del candidato sindaco PD a Livorno

La difficile situazione economica in Toscana

  La redazione del periodico livornese www.senzasoste.it (reperibile anche in formato cartaceo in alcune edicole della città di Livorno) all’indomani dell’esito delle elezioni amministrative, che ha visto l’affermarsi al secondo turno della lista del Movimento Cinque Stelle, con l’elezione a nuovo sindaco della città di Livorno di Filippo Nogarin, si era soffermata su un tema caldo – la sanità – simbolo delle problematiche, assieme al lavoro, non solo della città ma di tutta la Toscana, titolando: “Sanità: l’Enrico furioso per lo sgarbo di Livorno“.   La nuova amministrazione ha infatti resa nota la volontà di non procedere nella costruzione di un nuovo ospedale a Montenero, non perché le cose vadano bene così come sono attualmente, infatti la nuova amministrazione punta a proseguire la ristrutturazione dell’attuale ospedale cittadino, con ulteriori interventi di ammodernamento, ampliamento e potenziamento dell’esistente struttura ospedaliera. Tanto più che l’aggiudicazione definitiva della gara per il nuovo ospedale, non … Continua a leggere…

La INDESIT è stata ceduta alla WHIRLPOOL ,il governo Renzi è d’accordo?

Si può ancora impedire

di Iglis Restani

  La famiglia Merloni ha ceduto a Whirlpool il 60,4% del capitale della società che controlla Indesit,l’ultimo produttore italiano di elettrodomestici rimasto,che era il secondo produttore europeo negli anni 90.Whirlpool è una multinazionale con sede nel Michigan,USA,primo produttore mondiale,in accanita concorrenza con la multinazionale Electrolux per il primato in Europa. Abbiamo visto come è andata a finire la vertenza nei 4 stabilimenti italiani di Electrolux:aumento dei carichi di lavoro,una quota di esuberi da eliminare,garanzia del lavoro solo per altri 3 anni. L’intervento del governo Renzi,con il presidente della regione speciale Friuli Venezia Giulia Serracchiani in prima fila,non è andato oltre a questa soluzione penalizzante per i lavoratori e con scarse garanzie per il futuro.Il governo non ha affatto preso le misure tempestive necessarie per varare velocemente un piano industriale strategico per mettere in sicurezza quanto ancora rimasto in mani italiane del tuttora secondo comparto industriale italiano,quello degli elettrodomestici,ovvero gli stabilimenti … Continua a leggere…

Il futuro dell’Europa e quello dell’Italia

Il ballottaggio alle amministrative conferma la voglia di cambiamento nel paese

Se qualcuno si aspettava un chiarimento nella politica europea dalle ultime elezioni,in un senso o nell’altro,è rimasto sicuramente deluso.I partiti contrari alla unificazione europea e all’euro hanno avuto successo sicuramente in Inghilterra ,paese che non si può dire veramente inserito in Europa,e in Francia ma non quel successo travolgente che questi speravano perchè la loro è solo una proposta distruttiva ma non dà prospettive .Gli altri partiti che vanno per la maggiore,popolari e socialisti,con la loro visione statica dell’Europa e legata agli interessi delle banche,o hanno perso seccamente come i socialisti francesi o arretrano come il partito della Merkel.La lista per l’altra Europa di Tsipras,anche se in in Italia nelle città ha ottenuto un risultato apprezzabile,non ha in definitiva scaldato i cuori. L’incertezza sulle scelte che l’Unione Europea dovrà fare a breve è totale.Il fatto che sia circolato il nome di Cristine Lagarde,attualmente a capo del Fondo Monetario Internazionale,come nuovo … Continua a leggere…

Breve nota sulle elezioni europee

  La posizione sull’Europa tenuta dal nostro blog,che compie tra poco il 6° compleanno e che ringrazia quanti ci hanno seguito e ci seguono, è molto semplice. L’unificazione europea,oltre a superare le divisioni tra i diversi paesi europei e le guerre succedute nel secolo scorso,è un processo necessario per dare al vecchio continente un ruolo politico oltrechè economico di equilibrio nel contesto internazionale. La campagna elettorale in generale un po’ in tutta Europa non ha affrontato questa questione centrale dimostrando una miopia ed una superficialità sui temi europei . Si possono contare sulle dita di una mano le forze politiche che,indipendentemente dagli schieramenti cui appartengono, hanno cercato di entrare nel merito di cosa vuol essere l’Unione Europea e dei problemi che il neoeletto parlamento europeo dovrà affrontare,a partire dall’organizzazione stessa della struttura politica della UE e dal rafforzamento della democrazia interna in modo che tutti i paesi,piccoli o grandi che … Continua a leggere…

Milano,riemerge il malaffare

   A pochi giorni dalle elezioni europee, a un anno scarso dall’apertura dell’Expo milanese, chi e perché svolge un’inchiesta giudiziaria arrestando Angelo Paris (direttore pianificazione e acquisti di Expo 2015 S.p.A.), Luigi Grillo (ex senatore FI) e altri, tra cui due protagonisti di Tangentopoli (1992), Primo Greganti (PDS poi PD) e Gianstefano Frigerio (DC poi FI)? Titolari dell’inchiesta i pubblici ministeri Gittardi, del pool Boccassini (Direzione distrettuale antimafia) e poi anche D’Alessio, del pool Robledo (reati contro la pubblica amministrazione), le due “squadre” da tempo in polemica tra loro al Palazzo di Giustizia di Milano (per es. sull’assegnazione alla Boccassini del caso Berlusconi-Ruby, o sul ritardo nell’indagine su Formigoni-S. Raffaele) . Si era partiti dalla ‘ndrangheta nella sanità lombarda (ASL di Pavia e ospedale S. Paolo di Milano) , e anche ora si tratta di corruzione per aggiudicarsi sia gli appalti per Expo sia le opere per la Città della … Continua a leggere…

In Ucraina gli USA vogliono una tensione permanente

La situazione rischia di andare fuori controllo

di Osvaldo Pesce

  La situazione ucraina è pericolosa e in continuo sviluppo, è un conflitto che provoca qualche morto e feriti in varie località ma resta in un equilibrio precario che potrebbe durare a lungo o saltare improvvisamente. I governanti USA, che sono stati dietro al colpo di stato contro Janukovic strumentalizzando le proteste di  piazza, vogliono mantenere nel paese una tensione permanente. L’attacco è diretto ovviamente contro la Russia, contro i suoi interessi militari (la base di Sebastopoli) ed economici (i gasdotti verso l’Europa); la crisi ucraina è scoppiata durante le olimpiadi di Sochi, rovinando un po’ la vetrina della Russia di Putin. In realtà, meno ovviamente, questo attacco è diretto anche contro l’Europa, ma non tutta; è in particolare contro la Germania. L’Europa dei 28 esiste sulla carta geografica ma non ha consistenza reale, ha una politica estera comune talmente flebile da essere inudibile e nessuna politica militare comune se … Continua a leggere…

Il ricatto della multinazionale Electrolux e la democrazia in fabbrica

L'azienda propone un accordo che peggiora le condizioni di lavoro e che ridurrà i posti di lavoro

Avevamo scritto tempo fa :Elecrolux,un’altra FIAT? Dopo l’incontro ai primi di aprile al Ministero dello sviluppo economico in cui sembrava tutto o quasi a posto,con l’intervento del governo per ridurre i carichi fiscali per i contratti di solidarietà e a cofinanziare alcuni investimenti ,ecco infine la multinazionale che arriva a ciò che era normale aspettarsi da una multinazionale cioè alle richieste di riduzione dei premi salariali,di pause più brevi per i bisogni corporali,di aumento delle velocità nelle catene di montaggio,già aumentate in precedenza,da un frigorifero ogni 45 secondi a uno ogni 39,più un ridimensionamento delle ore retribuite di assemblea e dei permessi sindacali.In più l’azienda ha ribadito che entro il 2018 dovranno andarsene 1200 esuberi ,a questo servono in definitiva i “contratti di solidarietà”. Marchionne insegna insomma.Ci si poteva aspettare qualcosa di diverso?Evidentemente chi,da qualche posizione politica di rilievo e da qualche segreteria sindacale aveva parlato di “prospettive positive di soluzione … Continua a leggere…