Comunicato stampa

Citazione

Convegno sulle pensioni a Roma il 5 dicembre, in concomitanza della giornata di mobilitazione europea contro l’attacco alle pensioni.

Il sistema pensionistico attuale è profondamente ingiusto. Nega di fatto ai lavoratori ed ai giovani il diritto ad una pensione dignitosa. Praticamente con l’innalzamento dell’età pensionabile, si lavorerà di più e si percepirà di meno e non riconosce il lavori gravosi. Si costringono i lavoratori e i giovani a sottoscrivere pensioni private, con grande esultanza delle banche e del capitale finanziario. 

Il 5 dicembre a Roma, al convegno sulle pensioni, che si terrà al Villaggio Globale, Lungotevere Testaccio 1, ore 10.30/15.00, cercheremo di smascherare tutte le bugie che girano intorno al discorso pensionistico, per avviare così una mobilitazione e una campagna contro questo sistema pensionistico contributivo infame ed affamante. Ci aiuterà in questo percorso l’economista prof. Giuseppe Mazzetti.In allegato locandina e volantino.

Le organizzazioni promotrici:

Conup Nazionale, Conf. Cobas, Usi, Cosdip, CIL Pensionati, La rivista Le Lotte dei Pensionati, ACU, Pubblico impiego in movimento, Adl Varese, Stas Trasporti Lombardia, Cub scuola

Le radici storiche dei disastri italiani

Citazione

di Roberto Bertini

Il crollo sulla A26 e l’ulteriore isolamento nel quale è caduta Genova e la Liguria è l’ultimo dei disastri che ha colpito il nostro paese; esso si va ad aggiungere agli altri recenti: a Venezia sommersa dal mare, a Roma sommersa dai rifiuti, e potremmo continuare all’infinito.

A ben vedere tutti questi eventi hanno una radice comune che non è il cambiamento climatico come tanta parte della stampa e della TV vuole suggerire; il cambiamento climatico, che pure c’è ed è minaccioso, è solo il sottofondo.

La radice vera di questi disastri, di questi tormenti per il popolo italiano, fatto di alluvioni, di terremoti, di discariche abusive e di inquinamento, sta nella assenza di governo, nella mancanza di visione e programmazione politica strettamente legata al capitalismo.

Nel 1970 i partiti del cosiddetto “arco costituzionale” dettero vita alla istituzione delle regioni a statuto ordinario.

Lo scopo di quella decisione va ricercata nel tentativo dei capi di quei partiti di disperdere il conflitto sociale che in quel periodo si manifestava con forza nelle lotte degli operai e degli studenti.

Quel conflitto poteva essere disperso creando nuovi spazi al clientelismo e contemporaneamente dando vita al mito della regione come nuovo ente di governo più vicino ai cittadini e quindi più democratico.

Ciò si aggiungeva alla naturale spinta dei partiti politici che per scopi elettorali sono indotti a sollecitare le tendenze localistiche e campanilistiche.

La istituzione delle regioni, creando nuovi livelli di governo, non poteva non creare nuova burocrazia e quindi le difficoltà connesse alla gestione del territorio e delle infrastrutture.

Le riforme istituzionali successive, che dovevano essere risolutive dei problemi e in particolare la riforma del titolo V° del 2001, hanno ulteriormente aggravato questa situazione.

Il nostro paese è caduto in una ragnatela ed a pagarne le conseguenze sono le masse popolari con il degrado progressivo del territorio.

Occorre spezzare con le lotte questa ragnatela fatta dagli interessi dei ristretti gruppi dominanti. Non possiamo sperare in una ipotetica buona volontà o ragionevolezza degli attuali o futuri governanti per gli evidenti legami di questi ultimi con quegli stessi gruppi dominanti. Al contrario le ultime vicende, dall’ ILVA all’Alitalia, dall’acqua alta a Venezia al crollo dei viadotti,mettono ancora una volta in luce l’esigenza di una forza politica,un partito,che guardi agli interessi popolari e non ai suoi interessi clientelari e finanziari e che si ponga nell’ottica di un vero cambiamento di sistema.

E’ ora e tempo di dare vita ad un piano nazionale ventennale per il riassetto idrogeologico e per la manutenzione delle infrastrutture con compiti precisi e vincolanti a regioni e comuni. Il costo di questo piano ,calcoli alla mano, verrebbe a costare molto meno delle varie emergenze che si creano via via,dal crollo del ponte Morandi,alle inondazioni,al non funzionamento del Mose e farebbe risparmiare nel tempo grandi risorse al paese. Un obiettivo concreto in grado di rispondere ad una delle esigenze importanti del paese,di utilizzare la voglia di fare e le competenze dei giovani che chiedono una prospettiva di lavoro ed anche di unire il reddito di cittadinanza ad un lavoro utile per la collettività.