Prescrizione per la strage ferroviaria di Viareggio del 29 giugno 2009?

di Andrea Acierno

L’ipotesi della prescrizione sembra più che concreta perché sta per scadere il termine dei 6 anni da quella maledetta notte del 29 giugno 2009, in cui 32 persone morirono bruciate a seguito dell’incendio che si sviluppò con l’incidente ferroviario nella stazione di Viareggio. Se ciò malauguratamente avvenisse non ci sarebbero più colpevoli da condannare e/o “mandanti”, diciamo così, che si fanno scudo dietro di loro. Questo non può essere accettabile, di fronte alle 32 vittime, per il senso comune e di civile convivenza degli uomini, che richiede una spiegazione non solo dell’accaduto ma anche delle responsabilità materiali, affinché non si ripetano gli incidenti ferroviari, e che non si può fermare con barriere burocratiche politico/giudiziarie. Per la strage di Viareggio, come in ogni delitto, bisognerebbe individuare “l’esecutore materiale” (riguardante, in primo luogo, la gestione del trasporto ferroviario) o se eventualmente agisse, diciamo così anche qui, “su commissione”, cioè con direttive emanate … Continua a leggere…

IL COMPAGNO EKUBAI GHEBREMARIAM RIMARRA’ SEMPRE NEL RICORDO!

Il 1 gennaio 2015 dopo un breve periodo di malattia, il compagno Ekubai Ghebremariam è deceduto improvvisamente. La sua prematura morte ha lasciato un vuoto incolmabile alla sua cara famiglia, a molti suoi compagni e amici i quali lo rimpiangono. Il compagno Ekubai (per molti conosciuto col nome Giacobbe) nacque ad Asmara, in Eritrea, il 22 giugno 1946 da suo padre Ghebremariam Ghebresellasie e sua madre Abrehet Habtezion. Durante la sua infanzia frequentò le scuole elementari e quelle medie presso l’Istituto Daniele Comboni di Asmara. Proseguì poi gli studi superiori prima a Kombolchà in Etiopia e di seguito presso il Politecnico Bahir Dar, sempre in Etiopia. Giacobbe arrivò in Italia quando aveva 25 anni, nel lontano maggio 1971, per proseguire li studi. Inizialmente abitò a Faenza ma pochi tempo dopo si trasferì a Milano dove lavorò e visse per tutti questi lunghi anni. Agli inizi del 1973, in un momento … Continua a leggere…

Il nuovo presidente della Repubblica deve difendere l’indipendenza dell’Italia

Mentre,dopo i fatti di Parigi,l'instabilità politica indebolisce l'idea dell'unificazione europea

Ci sono tre fattori che influenzeranno l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Il primo è la collocazione in campo internazionale. Napolitano ha garantito principalmente l’osservanza delle scelte in politica estera dell’amministrazione americana,sulla base di accordi già stabiliti in passato e ancor prima garantiti dalla Democrazia Cristiana,ed ha anche garantito,in campo economico,il rispetto delle direttive della Banca Centrale Europea e della Merkel,basti pensare agli incarichi di governo prima a Monti,uomo legato alla finanza internazionale e poi a Letta. Gli “auguri” di Obama al presidente uscente ci paiono in realtà un esplicito richiamo a scegliere il prossimo inquilino o inquilina del Quirinale che mantenga la linea del predecessore . Il secondo è la sua collocazione in Europa. In tempi di crisi economica e con una guerra ormai stabile alle sue porte in Ucraina questo punto ha aumentato la sua importanza perchè c’è un collegamento con il futuro politico dell’Unione Europea. La Germania … Continua a leggere…

Un buon vicinato con la Russia è utile ai paesi europei ed è un contributo alla pace

L'arresto e l'espulsione di Giulietto Chiesa dall'Estonia

Uno dei temi che ci lascia il 2014 e che i paesi europei dovranno necessariamente trattare  è quello dei rapporti con la Russia, che a nostro avviso devono essere tesi a quelli del buon vicinato e del reciproco interesse, pur nella reciproca non interferenza e non-intervento nei loro affari interni, con il pieno rispetto della loro sovranità. E’ diventato ormai politico il fatto che vede produttori e lavoratori del nostro paese, come di altri paesi europei, in difficoltà per le sanzioni alla Russia che impediscono di esportare merci verso quel paese così come le difficoltà che incontreremo nell’importare soprattutto gas. Ma qual’ è la motivazione di queste sanzioni? Che la Russia si sarebbe annessa la Crimea!Una motivazione falsa che vogliamo spiegare brevemente. Ai tempi dell’URSS, in particolare negli anni 70, i governanti di quel paese avevano sicuramente mire egemoniche verso l’Europa occidentale. Il grave errore dei partiti cosiddetti euro-comunisti, tra … Continua a leggere…

L’Europa e l’Ucraina

C’è voluto oltre un mese dallo svolgimento delle elezioni in Ucraina per varare un nuovo governo del Paese, il che la dice tutta sul caos e le lotte intestine che tutt’ora persistono, non solo nella maggioranza formata dai partiti filo occidentali, ma anche tra il presidente Petro Poroschenko e il nuovo capo del governo Arseni Yatseniuk. Sebbene nel nuovo governo al primo sia riuscito far inserire come ministro degli Esteri l’ex ambasciatore Pavlo Klimkin e come ministro della Difesa il generale Stepan Poltorak, di fatto il nuovo esecutivo ucraino, guidato dal secondo, è realmente in mano ad un paese terzo: nel caso specifico agli Stati Uniti d’America. Infatti tre dei suoi dicasteri fondamentali sono affidati a tre cittadini stranieri (che hanno ricevuto la cittadinanza ucraina alla vigilia della nomina): quello delle Finanze è infatti in mano all’americana Natalie Jaresko (già co-fondatrice della finanziaria Horizon Capital); quello dell’Economia è stato assegnato … Continua a leggere…

Guerra del petrolio e indipendenza energetica

Un interessante intervento su www.energiaricerca.eu

  La situazione internazionale non si può certo definire tranquilla.Vi sono numerosi conflitti e tensioni soprattutto là dove c’è gas e petrolio ed anche l’attuale ribasso del prezzo del petrolio  rientra in uno scontro complessivo a livello mondiale tra grandi potenze.Nella stessa Europa in cui viviamo abbiamo una guerra in Ucraina che è proprio il paese attraverso il cui territorio passa gran parte delle reti di trasporto di gas dalla Russia all’Europa. E’ evidente che la strada da percorrere per l’Italia e gli altri paesi aderenti all’Unione Europea per garantire un pacifico sviluppo ai propri popoli e per non essere nè coinvolti in guerre per l’egemonia mondiale nè ricattati da chi controlla le fonti energetiche è quella di puntare in prospettiva al raggiungimento della indipendenza energetica in modo duraturo. E’ QUELLO CHE STA FACENDO IL GOVERNO ITALIANO?E’  SU QUESTO CHE STA LAVORANDO L’UNIONE EUROPEA? I fatti recenti ,dalla aggressione militare … Continua a leggere…

PERIFERIE

di Pasquale Felice

Sono tutte simili le periferie e i quartieri popolari delle città europee: composte da enormi blocchi di cemento armato senza qualità, con la caratteristica di divenire immediatamente degradati, fatiscenti – caratteristica che spesso nessun intervento manutentivo, anche radicale, può renderli recuperabili a nuova vita; il più delle volte denominati “Vele”, “Torri”, “alveari” umani , quartieri “dormitori”, privi di spazi verdi, di parcheggi, di aree di socializzazione, di negozi, di piccoli insediamenti produttivi artigianali e/o commerciali, spesso percorsi da “arterie” stradali a grande traffico, con ingorghi e code che rendono impraticabile qualsiasi regolarità di trasporto pubblico oltreché un’aria inquinata e irrespirabile. Anche le strutture dei servizi quali asili, scuole, ambulatori, presidi sanitari, uffici pubblici – ove presenti, spesso insufficienti – sono degradate, prive di una benché minima manutenzione ordinaria, figuriamoci straordinaria, in completo stato di abbandono. Le “mani sulla città” e le speculazioni edilizie, che sono state spesso l’argomento o la … Continua a leggere…

Lavoratori in movimento

Venerdì 15 novembre è stata la giornata degli scioperi generali e di mobilitazioni che,al di là delle sigle sindacali che ancora una volta in ordine sparso hanno chiamato alla lotta i lavoratori italiani , hanno visto di fatto scendere in piazza un fronte di opposizione alle politiche del Governo Renzi con al centro il problema del lavoro. Apprezzabile lo sforzo che c’è stato da parte del sindacalismo di base nell’unificare sia la giornata di lotta che la mobilitazione, anche se non è ancora sufficiente ad orientare su una piattaforma condivisa e centrata sulla soluzione dei problemi che oggi hanno dinanzi i lavoratori e i cittadini. Così come non è ancora sufficientemente patrimonio comune la comprensione dell’importanza delle alleanze tra i vari strati sociali che oggi subiscono pesantemente la crisi. Intanto c’è da fare i conti con la demagogia della CGIL e della Camusso che cercano da un lato di utilizzare … Continua a leggere…