Una critica ad alcune posizioni politiche di Ross@

di Raffaele Sbarra

Parlare di Europa senza tener conto dello scenario mondiale è impossibile, soprattutto in un mondo globalizzato. Questo vale per qualunque Paese che voglia definire una sua politica, che stia in Europa, in Asia, In America, ecc. Dopo la caduta del muro di Berlino e la fine dell’URSS, cioè la fine del bipolarismo delle due superpotenze, l’imperialismo USA cerca di mantenere l’egemonia sul mondo. Il quadro mondiale vede oggi un dominio del capitale, in particolare quello finanziario e delle grandi multinazionali, che hanno il loro centro operativo negli USA Tutto ciò avviene a colpi di iniziative militari nelle vari parti del mondo, di sconvolgimenti finanziari, ecc. Gli USA determinano il caos, nel tentativo di controllare il pianeta. Ciò si scontra con l’avanzare di economie emergenti BRICS, non tanto sulla visione di una società alternativa, ma dalla necessità di un mondo dove gli attori siano tutti (mondo multipolare). In questo quadro si … Continua a leggere…

Sui fatti di Tunisi

L’attacco condotto al museo Bardo di Tunisi in cui sono stati uccisi anche quattro turisti italiani ripropone in tutta la sua gravità la situazione che si è venuta a creare sull’altra sponda del Mediterraneo e nel Medio Oriente in generale. Vi sono due aspetti da considerare, uno è la storica oppressione coloniale cui questi paesi sono stati sottoposti e l’altro è il metodo del terrorismo usato dai gruppi che hanno rivendicato gli ultimi attentati. Sul metodo del terrorismo, compreso quello che il nostro paese ha vissuto negli anni ‘70 e ‘80, ribadiamo che non fa parte dell’esperienza nè delle lotte operaie e popolari nè dei movimenti di liberazione dei popoli oppressi. Bisogna intendersi su cosa significa terrorismo:bombe sui treni e attentati suicidi,che colpiscono a caso o attacchi a nemici in divisa e a collaborazionisti compiuti in città evitando il più possibile di colpire altri e inseriti in una lotta armata … Continua a leggere…

La guerra sul prezzo del petrolio,dal globale al locale e viceversa

di Pasquale Felice

Sono molti gli analisti e gli economiche in questi ultimi mesi stanno scrivendo articoli, trattati e quant’altro sui costi dei prodotti energetici, sulla caduta verticale del prezzo del petrolio, sulle sue origini e sulle conseguenze. Molti di loro concordano che nella guerra dei prezzi del petrolio vi sia contenuto un attacco in particolare verso la Russia, l’Iran e il Venezuela. Naturalmente come ogni guerra, anche questa fa “vittime” colpite da “fuoco amico”, ragion per cui ci sarebbero problemi anche per gli americani e/o canadesi che estraggono petrolio e gas di scisto proveniente dalla frantumazione delle rocce, oppure per i norvegesi o inglesi che estraggono petrolio nei fondali dei mari del nord, sistemi di estrazione, ambedue, molto cari e resi sconvenienti dagli attuali prezzi, che la guerra continua a far diminuire. Tra questi economisti, il direttore del Centro Internazionale per gli studi monetarti e bancari dell’Istituto Universitario di Ginevra, il francese … Continua a leggere…

Il Jobs act e la strategia di Renzi

All’inizio del 2014,ancor prima dello sgambetto fatto a Lettastaisereno,Renzi aveva già presentato la bozza del suo “jobs act” ovvero soprattutto le nuove regole sul lavoro dipendente. Non entriamo al momento nei punti del decreto legislativo deciso dal Consiglio dei ministri che verrà inviato per l’approvazione alle camere né alle voci contrarie compresa quella della Presidente della camera né dei propositi di referendum abrogativo avanzati dalla CGIL né della cosiddetta opposizione della sinistra del PD. L’intervento della Boldrini ha messo comunque in luce un problema vero per la democrazia nel nostro paese e cioè che un governo non prodotto da normali elezioni,così come i precedenti Monti e Letta,e quindi anomalo,si permette di non tenere in alcun conto i pareri espressi da strumenti legittimi del Parlamento quali le commissioni parlamentari in questo caso quelle sul lavoro. Ci interessa porre un paio di domande e sottolineare alcuni aspetti .La prima domanda è questa:Renzi … Continua a leggere…

Gli accordi di Minsk,la guerra in Libia,il futuro dell’Europa

di Iglis Restani

L’accordo raggiunto a Minsk per il cessate il fuoco tra l’attuale presidente dell’Ucraina Poroshenko,Putin,Hollande e la Merkel,anche se dovesse naufragare,può aprire a nostro avviso una fase nuova nella politica europea. E’ stato riportato dai media che il presidente ucraino durante le trattative a quattro si assentava in continuazione per parlare al telefono con il convitato di pietra,il presidente Obama, ma a discutere il problema questa volta il governo americano non era direttamente presente. C’era un accordo tacito con gli USA perchè la Merkel facesse da mediatrice?La Germania rivendica un ruolo primario nella gestione dei rapporti con la Russia che si rifà alla visione storica dell’espansione verso est? Sono interrogativi legittimi che occorre porsi perchè la questione dei rapporti tra Europa e Russia non può essere demandata né ad un paese extra-europeo come gli USA né ad uno o due paesi europei ma deve essere un punto fondante e condiviso da … Continua a leggere…

La guerra in Europa

di Pasquale Felice

Il rapporto americano uscito in questi giorni con l’inquietante titolo: “Conservare l’indipendenza dell’Ucraina, resistere all’aggressione russa: cosa devono fare gli Stati Uniti e la Nato”, che “suona come una dichiarazione di guerra” (ilfoglio.it), propone e raccomanda “di dare all’Ucraina tre miliardi di dollari di equipaggiamento militare «anche letale», un miliardo di dollari subito come risposta d’emergenza e altri due nei prossimi due anni.” Con un avvertimento: “America e Nato devono agire prima che i separatisti uniscano via terra il confine russo con la penisola di Crimea”, e una considerazione, che riguarda il rischio di un’escalation con Mosca: “ma non c’è un rischio, sta già succedendo”. Il cinismo e la spregiudicatezza della dirigenza degli Stati Uniti, rappresentato in questo rapporto, firmato anche da personalità che hanno fatto parte del governo americano, spesso descritto nei grandiosi film hollywoodiani, va sicuramente riferito alla storia della potenza della nazione americana, figlia di una sanguinosa … Continua a leggere…

Il nuovo inquilino del Quirinale

Avevamo auspicato che il nuovo presidente della Repubblica dovesse difendere l’indipendenza dell’Italia, il neo presidente Sergio Mattarella rappresenta questo requisito? Il Quirinale rappresenta da sempre il luogo di scontro di quanti vogliono controllare la politica del nostro Paese e i vari presidenti succedutisi hanno sempre agito all’interno di questo scontro, a volte anche drammaticamente, pensiamo alle dimissioni di Antonio Segni, alla elezione di Giuseppe Saragat, fino al doppio mandato per Giorgio Napolitano. Tutti in qualche modo sono comunque stati espressione delle indicazioni provenienti da oltre Atlantico. Anche se l’attività del Capo dello Stato è spesso di carattere protocollare, di “notaio” tra governo e Parlamento entrambi sovrani, in determinate situazioni assume ed ha assunto un ruolo preponderante, ma soprattutto sempre in sintonia con il governo che si trova a Palazzo Chigi. Inoltre, in virtù delle nuove riforme elettorale e istituzionali, assumerà un nuovo ruolo di contrappeso del Presidente del Consiglio. Le … Continua a leggere…

Riflessioni sui fatti di Parigi,intervista al prof. Giuseppe Sacco

I recenti fatti di Parigi pongono un problema di sicurezza per i cittadini europei ma si vuol nascondere il rapporto tra questi fatti e la politica che alcuni paesi facenti parte dell’Unione Europea conducono verso i paesi dove è predominante la religione islamica. Più in generale la questione è :l’Europa come si pone nei confronti di questi paesi,con uno spirito di collaborazione e abbandonando ogni ingerenza e ogni azione neocoloniale o invece volendo imporre un certo tipo di governi e di sudditanza? Senza parlare dei casi recenti della Libia e della Siria,prendiamo il caso dell’Iraq che già di per sè è un paese artificiale disegnato a tavolino dagli inglesi dopo la prima guerra mondiale ed il crollo dell’impero ottomano. Dopo che gli USA ed altri paesi avevano spinto questo paese,con armamenti e dollari,ad una guerra contro l’Iran costata centinaia di migliaia,centinaia di migliaia!,di vittime,dopo aver eliminato Saddam e i suoi … Continua a leggere…