La vendita di Italo al fondo di investimento americano GIP

Citazione

di Andrea Acierno

La vendita della società Ntv-Italo,la concorrente privata di Trenitalia,al fondo di investimento americano Global Infrastructure Partners,alla vigilia delle elezioni politiche italiane,ha tutta l’aria di un colpo di mano .

Questa vendita,vista l’importanza del settore dei trasporti e degli interessi delle migliaia di lavoratori che ne fanno parte, merita alcune riflessioni ed anche alcune necessarie prese di posizioni.

Facciamo prima alcuni passi indietro.

Ifondo Gip è il maggior fondo infrastrutturale al mondo (gestisce porti, aeroporti, ferrovie e infrastrutture energetiche) con a disposizione 40 Miliardi di dollari e ,come viene riconosciuto dalla stampa,ha puntato su Italo non solo perché la società è stata risanata ed è profittevole (a spese degli italiani? ndr), ma anche perché a partire dal 2020 la liberalizzazione dell’alta velocità ferroviaria dovrà estendersi a tutta Europa e un vettore come Italo non solo farà concorrenza a FS sulle tratte interne come già in parte avviene, ma anche e soprattutto sul ricco business dei collegamenti internazionali

Bisogna considerare che la partecipazione azionaria in NTV ha visto, fin dalla sua nascita, gruppi bancari franco- lussemburghesi e con il 20% la SNCF 20% cioè le ferrovie pubbliche francesi accorse anch’esse a fare profitti sui binari dell’alta velocità italiani, mentre il loro governo, diciamo “nazionalista”, ha impedito a Freccia Rossa di circolare sui suoi binari.

Oggi però, dopo il nuovo cambio di proprietà di Italo, significa che invece sarà il fondo Gip, in nome del business promesso dalle liberalizzazioni ,a mettere in discussione prima in Italia poi,dal 2020 in tutta Europa ,il trasporto ad alta velocità, ma è presumibile che il business metterà gli occhi anche sul restante trasporto pubblico che, insieme all’A.V., è in espansione per tutto il continente. Per riassumere, quindi, se con l’alta velocità i francesi e i tedeschi erano finora riusciti a salvaguardarsi, diciamo così, dalla “penetrazione europea”, rappresentata dalla concorrenza nell’alta velocità di Trenitalia (cosa di cui si lamentava anche l’ex amministratore delegato Moretti davanti al parlamento italiano, in tema di reciprocità) con il senno di poi, di fronte all’ingresso del fondo Gip, pronto ad “espropriarli” in casa loro, sarebbe stato meglio per queste nazioni aver regolamentato in anticipo, questo tipo di traffico, a reciproco vantaggio: cioè trovare un accordo tra i paesi fondatori della UE secondo uno spirito che è sempre mancato nella U.E.!

Perciò c’è da chiedersi: ma siamo in Europa oppure no? In Italia, ad esempio, sembra che tutti parlino di Europa ma che nessuno se ne ricordi davanti a questi fatti, tanto da consentire a chiunque di minarne la stabilità, sia da dentro che da fuori, per i propri interessi economici.

Alcune fonti di stampa si sono chieste perché Italo sia finito in mani straniere visti gli sviluppi positivi nel mercato su rotaia in Italia e in Europa,perchè il rilancio dell’azienda non lo abbiano fatto gruppi nazionali permettendo così a un altro gioiello italiano di finire in mani straniere non lo abbiano fatto gruppi nazionali permettendo così a un altro gioiello italiano di finire in mani straniere.

Altri,come Il fatto quotidiano,hanno invece preso le difese dell’operazione,perchè ,sempre secondo questo quotidiano, “c’è stato Il goffo e inaudito tentativo di ingerenza del governo nelle decisioni di una società privata… (che preferiva quotarla in borsa, ndr) …. tanto più grave perché mostra una propensione a intervenire laddove il governo non solo non potrebbe (Italo è un vettore ferroviario privato che non possiede alcuna infrastruttura strategica,ndr), ma soprattutto non dovrebbe per l’evidente conflitto d’interessi che lo contrappone all’azienda privata….

La vendita di Italo ricorda tutto sommato anche quella della FIAT che come Italo ha avuto tante agevolazioni dallo Stato (cioè soldi degli italiani). Continua a leggere

Le olimpiadi invernali e la riunificazione della Corea

Citazione

E’ un fatto estremamente positivo che alle Olimpiadi invernali del 2018 che si tengono fino al 18 marzo nella Corea del Sud gli atleti dei due stati in cui tuttora è divisa la penisola coreana abbiano sfilato,tra il tripudio della folla, sotto una unica bandiera che raffigurava su sfondo bianco la Corea unita.

E’ un fatto il cui significato può essere uno solo,quello di un desiderio di riunificazione del popolo coreano dopo i decenni di una divisone forzosa che affonda le radici nella seconda guerra mondiale del secolo scorso .Un paese che a guerra finita avrebbe dovuto ottenere l’indipendenza dall’occupante giapponese e la propria sovranità,si trovò invece ad essere diviso in due parti e teatro di una sanguinosa guerra dal 1950 al 1953 costata centinaia di migliaia di caduti in battaglia e un milione e mezzo di morti tra la popolazione civile . Il massiccio intervento militare che gli USA condussero in quella guerra aveva il chiaro obiettivo di conquistare l’intero paese .

La giusta aspirazione del popolo coreano di riunirsi in una unica patria non può che essere vista con favore dall’opinione pubblica mondiale .La decisione dei due governi,quello del Sud e quello del Nord,di fare delle Olimpiadi invernali una occasione per riprendere un processo di distensione e i negoziati tra le due Coree,è una decisione saggia che favorisce non soltanto la loro riunificazione ma anche favorisce un clima di pace in tutta l’area.

C’è chi però chi rema contro questo processo e dimostra di non apprezzare questo fatto positivo costituito dai giochi invernali e cioè l’amministrazione americana che ,dopo avere incontrato il premier del Giappone,ha insistito per bocca del vicepresidente Pence sulle sanzioni economiche nei confronti della Corea del Nord. Da ricordare che tra il Giappone e il governo della Corea del Sud non è stato ancora risolta la controversia sui risarcimenti morali e materiali dovuti per l’imposizione della prostituzione alle donne coreane durante l’occupazione giapponese.

Con tutti i mezzi il governo americano conduce da tempo una politica ostile al governo di Pyongyang.non ultimo l’utilizzo dell’informatica. A questo proposito una nota recente dell’Agenzia Centrale di notizie della Corea del Nord riportava “ E’ notizia recente che un giovane britannico è stato accusato di aver violato la posta elettronica di capi dei servizi d’informazione USA e di oltre 20 mila impiegati dell’FBI, e di averla rivelata. Questo caso ha messo nell’imbarazzo gli USA e i loro vassalli, abituati a proclamare che gli attacchi informatici erano “attività nordcoreane” .La nota concludeva poi : “Quando la Sony Pictures Entertainments fu violata nel 2014, gli USA imposero sanzioni più dure alla Repubblica Popolare Democratica di Corea, per soffocarla, chiamandola criminale informatico, ma la verità dietro questo complotto fu rivelata da un’investigazione congiunta di aziende di fama mondiale per la sicurezza dell’informazione.Gli USA e i loro seguaci come la Gran Bretagna farebbero bene a badare ai propri affari invece di provocare altri paesi riguardo agli attacchi informatici.”

Ciò che occorre sottolineare in questo caso è che la volontà dell’amministrazione Trump. peraltro in linea con le amministrazioni precedenti,non solo continua sulla linea di voler imporre alla Corea del Nord un governo di proprio piacimento,ma si traduce anche nell’ingerenza nei confronti del governo della Corea del sud nel momento in cui gli USA pretenderebbero di dettare a questo la linea di comportamento nei confronti della Corea del Nord in occasione di una manifestazione sportiva che interessa tutti i paesi del mondo tra cui i paesi d’Europa e l’Italia.Essi sono stati platealmente delusi:alla cerimonia inaugurale sono giunti due teodofori,uno del nord e uno del sud,la bandiera con il profilo della penisola è stata portata da due portabandiera,una del nord e uno del sud,il presidente del sud ha stretto la mano alla sorella del presidente del nord ed il vicepresidente USA ha disertato la cena dell’inaugurazione per non dover fare altrettanto. Chi ama davvero la pace non può che augurarsi che queste olimpiadi invernali siano il preludio ad un riavvicinamento concreto fra due stati formalmente ancora in guerra,condannare ogni interferenza come quelle condotte dall’amministrazione americana e lasciare che sia il popolo coreano a decidere sul proprio futuro.

Non potremo perciò non seguire con particolare entusiasmo  ,oltre gli atleti azzurri,le partite di hockey su giaccio che disputerà la squadra congiunta femminile delle due Coree.

                                                               la redazione