Renzi, “L’Italia può diventare in 10 anni (ops !) tra 20 (ops !) tra 20/30 anni il paese guida dell’Europa”.

Annche se lo scritto inviatoci è un po’ troppo pessimista sulle possibilità future dell’Italia pubblichiamo volentieri. ” I nostri politici, la stampa e la TV tentano di convincerci che tutto va bene con il solito metodo del principio della rana bollita fino a quando la gente si abitua ad averla nell’orecchio e alla fine accettarla. Da notare come Renzi, ma questo vale anche per molti suoi predecessori e personalità addetti ai lavori, con i vari interventi rimpasta a dire che l’Italia diventerà leader in Europa prima tra dieci anni e poi tra 20 e 30 anni ! Previsioni da rincorrere nel tempo che purtroppo s’infrangono con la realtà che peggiora giorno dopo giorno (disoccupazione, svendita di patrimonio pubblico, tagli al reddito da lavoro, costo del denaro, perdita di sovranità del popolo, tagli dei diritti e Welfare). Ma andiamo alle dichiarazioni vedi : Ballarò 10/12/2013 intervista a Matteo Renzi, nuovo segretario … Continua a leggere…

Da Togliatti a Renzi

Dalla via parlamentare al socialismo,al compromesso storico,alle attuali riforme costituzionali

di Osvaldo Pesce

Sulla necessità di ricostruire in Italia il partito comunista ultimamente alcune forze politiche hanno fatto riferimento alla “grande e oscurata figura” di Palmiro Togliatti. E’ innegabile l’importanza politica di colui che fino alla morte fu il segretario generale del partito comunista più forte, organizzato – e inizialmente più armato – in Occidente dopo la seconda guerra mondiale. Dobbiamo però considerare il suo operato alla luce del presente, valutare quanto l’impronta da lui data alla linea di quel partito abbia pesato sullo sfascio politico e organizzativo cui è stato condotto il movimento operaio e popolare in Italia. Togliatti nell’aprile 1944 attuò la ‘svolta di Salerno’ – alleanza antifascista senza pregiudiziali – concordata con Stalin perché sapeva che l’Italia a seguito degli accordi di Jalta era nella sfera d’influenza anglosassone e che l’URSS non sarebbe intervenuta dove l’Armata Rossa non era arrivata. La guerra civile in Grecia avrebbe tragicamente dimostrato questa realtà … Continua a leggere…

La Grecia ha detto no,quindi?

Alcune riflessioni sul referendum in Grecia

Il referendum greco è stato vinto dal NO. Cosa accadrà adesso? L’economista Varoufakis  ha dato le dimissioni da ministro.  Perché ? Una cosa è certa, Varoufakis  spingeva per uscire dall’Euro. All’improvviso lascia il governo. Sembra voglia andare a fare conferenze negli USA, scrivere libri, ma questo non ci interessa.  Rimane qualche perplessità sulla sua uscita dal governo proprio nel momento della grande vittoria del NO e della manifestazione oceanica, forse ha ultimato il compito assegnatogli ? Noi italiani siamo abituati a queste manifestazioni oceaniche, importante rendersi conto che cosa succederà in futuro. A chi andrà a vantaggio la situazione  creatasi, al capitale di Wall Street ?. In questo modo al caos dell’Africa, del Medio Oriente, dell’Ucraina, si aggiungerà anche quello della Grecia e domani di altri paesi europei.   Ma veniamo al dunque. Qual’è la linea del Governo greco domani mattina, riapriranno le banche ? I dipendenti pubblici, i pensionati … Continua a leggere…

Lo zampino del Fondo Monetario Internazionale nella crisi greca

di Iglis Restani

Quello cui stiamo assistendo sulla questione greca è un fallimento politico della Unione Europea. Facciamo finta che una qualsiasi regione dell’Italia vada in fallimento,cioè non sia più in grado di garantire i servizi,pagare le aziende di trasporto,pagare gli stipendi ai dipendenti degli enti locali. Cosa dovrebbe fare a quel punto lo stato,escludere quella regione dalla comunità nazionale? Certamente no,perchè questo sarebbe contrario al patto stabilito tra lo stato e tutti i cittadini italiani e in contraddizione con il principio della solidarietà e stabilità interna al paese. Perchè allora l’Unione Europea non ha trovato in tutto questo tempo una soluzione equa dall’una all’altra parte al problema ?Perchè la questione era in mano alle banche,soprattutto le banche tedesche e francesi erano esposte verso la Grecia ma anche altri grandi creditori internazionali e quindi si è data la precedenza a questo e non a rimettere in piedi l’economia di quel paese. Gran parte … Continua a leggere…

Dietro il fenomeno dell’immigrazione e gli sbarchi sulle nostre coste

Il discorso all'Unione Africana nel 1987 del presidente del Burkina Faso

Se c’era un paese che aveva tutto l’interesse a costruire una politica pacifica di scambi commerciali e culturali con i paesi del Nord Africa e del Medio Oriente,questo è l’Italia. Ma poiché siamo alla fine in politica estera una colonia americana e si è mantenuta anche una risibile rivalità coloniale con Francia e Inghilterra e poiché nessun partito politico,di destra o di sinistra,ha avuto ed ha la volontà di rompere questo stato di cose e di prevedere quanto sta succedendo,adesso siamo in braghe di tela. Non solo non si è fatto niente per costruire un rapporto costruttivo con quei paesi cercando una strada autonoma ed europea,ma addirittura i nostri governanti di ieri e di oggi hanno collaborato e collaborano ad azioni politiche e militari che hanno portato allo sfascio la situazione politica in tutta quell’area. Se il governo poi pensa che le cose in futuro potranno migliorare con la presenza … Continua a leggere…

Il lavoro,la scuola e le opposizioni al governo Renzi

Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad una disputa tra governo,sindacati,ISTAT e altri ancora sui dati relativi alle nuove assunzioni da parte delle imprese. Sono nuovi posti di lavoro come sostenuto da Renzi e dal ministro Poletti o sono posti di lavoro che da tempo determinato sono passati a tempo indeterminato in modo da permettere alle aziende di usufruire delle agevolazioni previste? E se davvero c’è una ripresa delle assunzioni è merito della legge sul lavoro,il jobs act, della precedente legge finanziaria che aveva ridotto la tassa regionale sulle attività produttive o della ripresa economica ? E,a proposito di quest’ultima,c’è o non c’è? Ognuno dice la sua,secondo Camusso e Landini non ci sono posti di lavoro nuovi bensì nuovi precari perché con il jobs act dopo 3 anni le aziende possono licenziare,secondo Renzi Marchionne ha vinto la battaglia perché la FCA sta assumendo dimenticando che in precedenza aveva chiuso buona parte … Continua a leggere…

Politiche economiche e previdenziali:ancora sacrifici per lavoratori e pensionati

A proposito della sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni

di Pasquale Felice

“La nomina di Tito Boeri alla presidenza dell’INPS nasce dalle parti di «Repubblica». A cacciarsi nei guai è stato Pittibimbo, che voleva da Sorgenio De Benedetti una mano a coprirsi a sinistra, nel pieno della dura battaglia con la Camusso sul Jobs Act. L’ingegnere ha chiesto a Renzi «qualcosa di sinistra». Qualcosa per i lavoratori? No, una bella poltrona per il fido Boeri all’INPS. Una cosa molto di sinistra. Pittibimbo da neo-democristiano ha chiesto che Boeri desse «un segno di affidabilità», visto che in passato non ha perso mai un’occasione per attaccarlo. Il 20 dicembre, il segno arriva. In un editoriale per «Repubblica» Boeri appoggia il Jobs Act, ne chiede la rapida implementazione, attacca i sindacati e chiude dicendo che «ora il nostro Paese può farcela a ripartire». Intanto è ripartito lui!”1 La ricostruzione del sito DAGOSPIA bollettino di informazioneonline della nomina di Boeri all’INPS, nello stile di DAGOREPORT, è … Continua a leggere…

Lettera al presidente INPS

di Pasquale Felice ex dipendente delle Ferrovie dello Stato,autore assieme ad altri di "La liberizzazione dei trasporti ferroviari" edizione Il Mulino 2011

“Caro Professor Boeri, mi permetto di richiamare la sua attenzione sul fatto che l’informazione riguardo alle pensioni è in gran parte incompleta, fuorviante o addirittura falsa. È superfluo ricordare che qualunque informazione venga diffusa in merito alla previdenza pubblica tocca milioni di persone che sperano di arrivare quanto prima a percepire una pensione, e altri milioni che una pensione già riscuotono. Penso che tutti loro abbiano un ragionevole diritto a che l’informazione pubblica sul sistema pensionistico sia possibilmente completa e corretta.”1 Potrebbe iniziare così la lettera di un qualsiasi pensionato italiano, condividendo quanto un illustre professore le scriveva pubblicamente, a pochi giorni dalla sua nomina a Presidente dell’Istituto previdenziale italiano, elencando nel testo una serie di dati del sistema previdenziale che sono o scorretti o scorrettamente usati, utilizzati strumentalmente per gridare alla prossima rovina dell’Inps, senza considerare la reale posizione economica dei pensionati né i reali conti del sistema previdenziale … Continua a leggere…