Uno spettro si aggira nel PD

Quote

= Sulle vicende interne al PD ci è pervenuto l’articolo che pubblichiamo di seguito=

Beh, veramente più di uno spettro, sembra ormai un finale di partita ineludibile.Comunque, a mio giudizio, il vero “ spettro”, il vero problema che ha questo partito è un altro.Partirei dalla constatazione di una contraddizione che ormai pare avere contorni drammatici.Se è vero che Renzi ha bisogno del PD è altrettanto vero che il PD ha bisogno di Renzi.Questa sensazione nasce da una duplice necessità.Da un lato c’è un sedicente premier che, dopo la batosta subita con il referendum, ha bisogno per la propria sopravvivenza, non solo politica, di essere in qualche modo legittimato per poter cercare quel ruolo che il voto referendario gli ha negato.

Dall’altro il PD è tutto proteso nel tentativo di risalire la corrente, sia del consenso che di quello di continuare a difendere le sue posizioni di potere, esiziali per la sua stessa sopravvivenza.Da questa duplice contraddizione nasce la gran parte dei problemi in quanto la sopravvivenza di Renzi e del Renzismo in quel partito ma soprattutto nella società, non sembra possa essere certa o comunque tacitamente accetta come nel recente passato.

Questa situazione però non nasce oggi ma è il portato di quello che, nel divenire, questo partito è stato fatto diventare.Non c’è dubbio che la scelta di far coincidere i destini di questo partito e del suo gruppo dirigente con quelli dall’intero Paese abbia dato i suoi frutti legandone le fortune e, oggi, la sopravvivenza, ai destini del nostro Paese.Questa operazione ne ha sì permesso la sopravvivenza ma ha avvolto in una tela di ragno l’Italia e soprattutto gli Italiani facendone coincidere il destino.

Un’operazione che alla lunga avrebbe dovuto far trionfare quella linea dell’efficientismo e del decisionismo, in politica come in economia, che però si è vista concretizzarsi solo in un’unica direzione, quella dell’attacco alle classi più deboli della nostra società.Troppe le contraddizioni, troppi i compromessi che si sono affastellati in una visione poco politica e molto legata al “ nuovo che avanza”, che hanno fatto precipitare la crisi di prospettiva politica e del conseguente salasso di credibilità e di voti.

L’impressione che siamo davanti al fallimento di un intero gruppo dirigente è tangibile ed è il vero motivo che ha accelerato la crisi di questo partito.Il fallimento del cosiddetto riformismo, di una sorta di terza via è il più grande smacco che questo partito deve registrare.L’essersi rifugiato, davanti ad una crisi enorme dai connotati sempre più classisti e ferocemente perseguiti dalla borghesia e dal grande capitale in un’ interpetrazione del capitalismo fatta a proprio uso e consumo, non poteva avere altro risultato che il fallimento di quella miopia politica secondo la quale si potesse tenere l’Italia fuori dalla bufera che imperversava ed imperversa in gran parte del mondo cercando, con una serie infinita di piccoli, grandi compromessi, di far passare la nottata e di aspettare tempi migliori.

Non si è ancora capito, e non si vuole ancora capire, che ormai siamo sempre più vicini al baratro e ad uno spartiacque decisivo per le stesse sorti dell’umanità.Il capitalismo sta portando il mondo su un terreno di contraddizioni sempre più spinte in cui la follia della mediazione è ormai morta e sepolta.

Ed è proprio qui, a mio parere, il nocciolo della crisi del PD del suo gruppo dirigente e delle classi che lo esprimono.L’incapacità, la non volontà di capire che ormai il tempo delle mediazioni, dei compromessi è finito.E’ finito da un lato perché il Capitalismo, sempre più agguerrito e tracotante, non ha bisogno di questi compromessi ma è finito anche perché ormai la scelta è una sola ed è chiaramente espressa:o si sta con loro, con tutto quello che ciò comporta per la sopravvivenza su questo Pianeta della stessa razza umana, o ci si allea contro di esso, facendo nascere un’alternativa che possa metterlo in difficoltà, acuendone le contraddizioni, per superarlo, costruendo una visione del mondo diversa e nuova, ribaltando così la logica del pensiero unico.

A ben vedere un compito che non spetta soltanto ad una forza politica ma che deve vedere la Sinistra, a cominciare da quella di Classe, all’avanguardia.

Nolli Francesco

Il governo Gentiloni ,Grillo ,il dissesto idrogeologico, l’Europa

Quote

di Iglis Restani

L’ultima crisi di governo,con il passaggio di consegne da Renzi a Gentiloni e la formazione del governo Gentiloni,ha lasciato in sospeso tutti i principali problemi del paese e messo a nudo l’estrema precarietà del sistema politico italiano.

Siamo in difficoltà , lo sciame sismico , il maltempo nell’Italia centrale e le tragedie susseguite le hanno aumentate.I campanelli di allarme sulla situazione sociale erano già suonati già da tempo. Con la riduzione progressiva prevista dei benefici fiscali per le nuove assunzioni,già all’inizio del 2016 non solo queste erano cessate ma era aumentata la già alta disoccupazione nella fascia d’età dai 18 ai 35 anni,cioè quella dei giovani. Senza una prospettiva economica sicura le famiglie avevano preferito usare gli 80 euro nei risparmi o nel pagamento dei debiti .Il fallimento delle 4 banche,Etruria,Marche,Chieti e Ferrara, ed i danni ingenti arrecati ai loro clienti avevano dimostrato la fragilità del sistema bancario italiano, emblematico quanto è poi successo al Monte dei Paschi di Siena .Qui il piano di Renzi era l’intervento congiunto della JPMorgan e di un fondo del Qatar che al momento decisivo si sono dilegutati,tanto è vero che la prima cosa che ha fatto Gentiloni è stata la nazionalizzazione di questa banca,la terza per importanza.

Invece di ascoltare attentamente quei campanelli,il governo ed i partiti che lo sostenevano hanno perso quasi un anno di tempo in un inutile referendum sulla riforma della Costituzione ,sottovalutando le nubi all’orizzonte che si andavano addensando ed il malessere sociale che poi si è espresso con l NO alla riforma costituzionale.

Un gruppo dirigente lungimirante,con la testa sulle spalle,avrebbe dovuto avere la saggezza di lasciar perdere il referendum e prendere di petto le quattro questioni più importanti:il lavoro,l’immigrazione,le banche,l’Europa.Al contrario il gruppo dirigente del partito di maggioranza relativa,il PD,ha proseguito sulla linea della riforma costituzionale decisa a tavolino qualche anno prima e con le stucchevoli lotte interne che nulla avevano a che fare con i problemi del paese. In questo modo abbiamo avuto la dimostrazione pratica che il PD non è un partito in grado di guidare il paese fuori dalla crisi,che il suo gruppo dirigente,minoranza compresa, non è all’altezza della situazione.Se si vuole ricorrere al classico paragone della costruzione di una casa prima si parte dalle fondamenta e poi si arriva al tetto e le fondamenta in ogni società sono costituite dal lavoro e dal buon andamento dell’economia.

Si spiega in questo modo un fatto altrimenti inspiegabile. I dirigenti del Movimento 5Stelle sono stati protagonisti in questi giorni di una clamorosa doppia giravolta politica che avrebbe dimezzato i consensi a chiunque.Invece ,nei sondaggi,il M5S non solo non perde ma addirittura è davanti al PD.La spiegazione può essere una soltanto e cioè che nonostante tutto,nonostante le giravolte,una parte consistente dell’elettorato considera questo partito sempre meglio degli altri.

I nodi stanno venendo al pettine anche sulla spinta della nuova situazione internazionale che si va profilando in particolare con i cambiamenti nella politica negli USA .Qualcosa si sta muovendo nei governi europei,Gentiloni ha incontrato la Merkel contemporaneamente all’incontro tra i presidenti delle rispettive Confindustrie e il ministro Calenda ha sollecitato un incontro a tre anche con la Francia.In un modo o in un altro è evidente che l’Unione Europea dovrà prendere alcune decisioni anche se la scelta di eleggere Tajani alla presidenza del Parlamento europeo sembra più dettata da una ricerca di mediazione in attesa delle elezioni tedesche e francesi.E’ quindi una situazione difficile e confusa in cui occorre avere alcuni punti fermi perché vengano fuori soluzioni positive contando in primo luogo sulle forze dei lavoratori e dei giovani.

Uno di questi punti fermi è come affrontare alla radice la crisi economica e la mancanza di posti di lavoro che colpisce innanzitutto le nuove generazioni. Ci sono varie ipotesi che circolano,dal salario minimo garantito cui starebbe lavorando il governo Gentiloni al salario di cittadinanza proposto in questi giorni in commissione lavoro alla Camera dal movimento 5S.Ma è risaputo che è soltanto il lavoro degnamente retribuito che produce ricchezza e reddito,i salari minimi o di cittadinanza ,a parte i costi e la loro ipotetica sostenibilità ,non modificherebbero per niente la reale disoccupazione e la mancanza di lavoro.

Dato che è in vista una ristrutturazione tecnologica che andrebbe a ridurre in alcuni settori i posti di lavoro ,queste ipotesi sembrano fatte apposta per bloccare in anticipo movimenti che rivendichino nuovi posti di lavoro e fare accettare una esclusione dal lavoro attivo a fette di popolazione.Occorre invece un piano di investimenti pubblici e privati di grandi dimensioni che non cali dall’alto dei consigli di amministrazione delle grandi multinazionali ma che passi attraverso il vaglio popolare. O andiamo ai referendum soltanto quando interessa ai governanti?

Un piano del genere ha però bisogno di grandi risorse e queste risorse si possono trovare mettendo assieme i paesi europei. Per fare un esempio pratico.Lo scontro commerciale tra le case automobilistiche ,in particolare tra quelle americane e tedesche,si è trasferito in Europa con la polemica sui motori diesel tra Germania e Italia.Sono decenni che le case automobilistiche europeee si fanno la guerra e invece la situazione,in vista delle nuove applicazioni tecnologiche che vedono coinvolti i grandi gruppi informatici nordamericani,richiede una strategia comune.Se oggi i lavoratori europei nell’industria automobilistica vogliono difendere i loro posti di lavoro e crearne di nuovi devono perciò necessariamente rivendicare una politica che metta assieme le risorse ,ingenti investimenti nonché l’istituzione immediata di una unica autorità europea che stabilisca regole uguali per tutti riguardo le emissioni.

Un altro punto è quello dell’immigrazione. La maggior parte degli immigrati sono giovani in cerca di fortuna,in cerca di lavoro,quel lavoro che però scarseggia anche da noi. E’ impensabile risolvere questo problema se non si imposta prima urgentemente un piano di cooperazione tra l’Europa ed i paesi da cui provengono gli immigrati,un Trattato vero e proprio tra la UE e questi paesi sulla base della reciprocità,della cancellazione del passato coloniale e con risorse messe in comune. Un piano di cooperazione con il chiaro obiettivo di creare occupazione in loco e bloccare l’immigrazione che l’Europa non è più in grado di assorbire. In questo senso occorre essere chiari:una volta stabilito il contingente che spetta all’Italia,non potranno essere accolte persone oltre quel numero e tutti i paesi aderenti alla UE dovranno rispettare gli accordi.Nello stesso tempo è giusto utilizzare in modo corretto e utile le persone che ormai sono sul nostro territorio. Sono decenni che non si dà avvio ad un piano nazionale di riassetto idrogeologico ,così come è necessario un piano per la tutela ambientale,il recupero delle zone inquinate,il recupero e rinnovo dell’edilizia pubblica e privata. Ecco che allora dare l’avvio a questo piano nazionale inserendo accanto ai giovani italiani anche una quota di immigrati con un contratto di qualche anno potrebbe essere una valida soluzione. Se consideriamo infatti i pesanti costi del dissesto ambientale che aggravano ogni anno il bilancio pubblico, nel giro di qualche anno andremmo sicuramente ad un notevole risparmio pubblico.

Ci sono poi altri punti cruciali come il conflitto all’interno del sistema bancario europeo che va risolto liberando il sistema del credito dai derivati e dall’ingerenza dei fondi anglosassoni o come le acquisizioni ostili di gruppi industriali e bancari che vanno assolutamente bloccate ,punti su cui torneremo.

E infine c’è il punto rappresentato dal quadro internazionale. I mutamenti internazionali,dalla nuova politica negli USA con la presidenza Trump,al ruolo assunto dalla Repubblica popolare cinese,allo scontro in atto in Siria e in Asia Centrale,richiedono un ruolo positivo dei paesi europei sia per garantire e migliorare le condizioni di vita raggiunte con la lotta di generazioni sia per favorire il metodo pacifico nei rapporti mondiali. Un ruolo che può essere svolto soltanto da una vera e democratica Unione Europea.

Sono tutti punti che il governo Renzi non ha saputo affrontare o quando l’ha fatto lo ha fatto in modo confuso e contradditorio .Per quanto riguarda i sindacati ,in particolare la CGIL,salta agli occhi che i referendum proposti sono fuori tempo massimo e sembrano piuttosto il tentativo di recuperare i giovani ed i lavoratori attivi poiché nella pratica i sindacati sono diventati espressione dei pensionati.Il problema oggi è:il governo Gentiloni e i partiti politici che lo sostengono son in grado di affrontare i punti che abbiamo provato a individuare ?E d’altra parte, gli altri partiti politici che posizione hanno e che proposte fanno su quei punti?

Il nostro blog ha avviato da tempo un lavoro ed un confronto con quanti si pongono il problema di dare al paese una linea alternativa e ai grandi gruppi finanziari e industriali e ai partiti che li rappresentano e a quanti individuano, sbagliando, la soluzione dei problemi con l’uscita dall’Europa. Un lavoro ed un confronto che debbono andare avanti in modo aperto e costruttivo.