L’Europa e l’Ucraina

C’è voluto oltre un mese dallo svolgimento delle elezioni in Ucraina per varare un nuovo governo del Paese, il che la dice tutta sul caos e le lotte intestine che tutt’ora persistono, non solo nella maggioranza formata dai partiti filo occidentali, ma anche tra il presidente Petro Poroschenko e il nuovo capo del governo Arseni Yatseniuk. Sebbene nel nuovo governo al primo sia riuscito far inserire come ministro degli Esteri l’ex ambasciatore Pavlo Klimkin e come ministro della Difesa il generale Stepan Poltorak, di fatto il nuovo esecutivo ucraino, guidato dal secondo, è realmente in mano ad un paese terzo: nel caso specifico agli Stati Uniti d’America. Infatti tre dei suoi dicasteri fondamentali sono affidati a tre cittadini stranieri (che hanno ricevuto la cittadinanza ucraina alla vigilia della nomina): quello delle Finanze è infatti in mano all’americana Natalie Jaresko (già co-fondatrice della finanziaria Horizon Capital); quello dell’Economia è stato assegnato … Continua a leggere…

Guerra del petrolio e indipendenza energetica

Un interessante intervento su www.energiaricerca.eu

  La situazione internazionale non si può certo definire tranquilla.Vi sono numerosi conflitti e tensioni soprattutto là dove c’è gas e petrolio ed anche l’attuale ribasso del prezzo del petrolio  rientra in uno scontro complessivo a livello mondiale tra grandi potenze.Nella stessa Europa in cui viviamo abbiamo una guerra in Ucraina che è proprio il paese attraverso il cui territorio passa gran parte delle reti di trasporto di gas dalla Russia all’Europa. E’ evidente che la strada da percorrere per l’Italia e gli altri paesi aderenti all’Unione Europea per garantire un pacifico sviluppo ai propri popoli e per non essere nè coinvolti in guerre per l’egemonia mondiale nè ricattati da chi controlla le fonti energetiche è quella di puntare in prospettiva al raggiungimento della indipendenza energetica in modo duraturo. E’ QUELLO CHE STA FACENDO IL GOVERNO ITALIANO?E’  SU QUESTO CHE STA LAVORANDO L’UNIONE EUROPEA? I fatti recenti ,dalla aggressione militare … Continua a leggere…

PERIFERIE

di Pasquale Felice

Sono tutte simili le periferie e i quartieri popolari delle città europee: composte da enormi blocchi di cemento armato senza qualità, con la caratteristica di divenire immediatamente degradati, fatiscenti – caratteristica che spesso nessun intervento manutentivo, anche radicale, può renderli recuperabili a nuova vita; il più delle volte denominati “Vele”, “Torri”, “alveari” umani , quartieri “dormitori”, privi di spazi verdi, di parcheggi, di aree di socializzazione, di negozi, di piccoli insediamenti produttivi artigianali e/o commerciali, spesso percorsi da “arterie” stradali a grande traffico, con ingorghi e code che rendono impraticabile qualsiasi regolarità di trasporto pubblico oltreché un’aria inquinata e irrespirabile. Anche le strutture dei servizi quali asili, scuole, ambulatori, presidi sanitari, uffici pubblici – ove presenti, spesso insufficienti – sono degradate, prive di una benché minima manutenzione ordinaria, figuriamoci straordinaria, in completo stato di abbandono. Le “mani sulla città” e le speculazioni edilizie, che sono state spesso l’argomento o la … Continua a leggere…

Lavoratori in movimento

Venerdì 15 novembre è stata la giornata degli scioperi generali e di mobilitazioni che,al di là delle sigle sindacali che ancora una volta in ordine sparso hanno chiamato alla lotta i lavoratori italiani , hanno visto di fatto scendere in piazza un fronte di opposizione alle politiche del Governo Renzi con al centro il problema del lavoro. Apprezzabile lo sforzo che c’è stato da parte del sindacalismo di base nell’unificare sia la giornata di lotta che la mobilitazione, anche se non è ancora sufficiente ad orientare su una piattaforma condivisa e centrata sulla soluzione dei problemi che oggi hanno dinanzi i lavoratori e i cittadini. Così come non è ancora sufficientemente patrimonio comune la comprensione dell’importanza delle alleanze tra i vari strati sociali che oggi subiscono pesantemente la crisi. Intanto c’è da fare i conti con la demagogia della CGIL e della Camusso che cercano da un lato di utilizzare … Continua a leggere…

Cresce in Europa l’opposizione alle regole del trattato commerciale tra USA e UE che favorirebbero le grandi multinazionali

Occorre difendere la sovranità dei governi europei e gli interessi dei nostri produttori

Il vicecancelliere tedesco,sig. Gabriel,ha chiesto recentemente agli USA,secondo quanto riporta un quotidiano economico italiano,di togliere nelle trattative per il trattato commerciale tra USA e UE,noto come Ttip,la clausola che permetterebbe alle multinazionali di ricorrere ad un arbitrato internazionale contro gli stati che,sempre secondo le multinazionali,ostacolino la concorrenza. Ora non sappiamo quanto questa richiesta voglia tutelare la sovranità dei paesi europei o quanto tutelare le multinazionali del paese del vicecancelliere ovvero la Germania,vedi la Thyssen-Krupp in questi giorni alla ribalta per i licenziamenti a Terni e per il pestaggio dei lavoratori a Roma.  Sta di fatto che,se questa clausola fosse approvata,le multinazionali avrebbero potere di opporsi alle decisioni degli stati e dei governi eletti dai cittadini europei e che questi ultimi,attraverso referendum o altre azioni,non potrebbero nemmeno far cambiare decisioni ai rispettivi governi qualora questi cambiamenti voluti dal popolo fossero in contrasto con le multinazionali.    Ben venga dunque questa opposizione … Continua a leggere…

I mille giorni di Renzi e l’articolo 18

di Iglis Restani

  Dopo 7 mesi di governo è normale chiedersi cosa è stato fatto,che strada è stata intrapresa soprattutto per rispondere alla grave crisi economica particolarmente grave nel nostro paese. A gennaio,ancora prima di diventare primo ministro,Renzi aveva presentato una bozza di piattaforma sul job’s act,un piano del lavoro,con vari punti tra cui l’abbattimento del costo dell’energia per le aziende , diminuzione delle tasse sul lavoro da finanziare con un intervento sulle rendite finanziare e l’introduzione del concetto delle “tutele crescenti” nei contratti di assunzione con un periodo di prova di 3 anni. Dopodichè ,mentre la Confindustria si era astenuta dal dare giudizi e voci dissenzienti erano partite da CGIL e settori del PD,la bozza era finita nel cassetto ,la sua azione è stata finalizzata a consolidare la sua posizione politica.L’attacco portato a Confindustria,ai sindacati,alla magistratura,alla Merkel è teso a rompere gli equilibri su cui si reggevano i governi precedenti e … Continua a leggere…

Operazione Costa Concordia e sovranità dell’Italia

di Andrea Acierno

  Ormai si sono spenti i riflettori sull’operazione di traino della Costa Concordia nel mar Tirreno, dal Giglio a Genova per la sua demolizione, che nella sua “piccolezza” rappresenta un caso emblematico dell’atteggiamento politico italiano di servilismo verso le grandi potenze,in questo caso gli USA, comportamento sempre attuale e tutt’altro che terminato. La vicenda del trasferimento della Costa Concordia rappresenta un caso piccolo ma emblematico della dipendenza politica italiana dagli USA. Qui non si tratta di descrivere , come hanno fatto i media italiani (Sky in prima fila con riprese continuate ad es.), quella colossale opera (anche in termini di spesa e di giro di affari!) che tecnicamente ha consentito di rimettere il relitto della nave in condizioni di essere trainato, ma di comprendere, per le dimensioni dell’opera, se siano state rispettate di più gli interessi delle persone, dell’ambiente marino ecc., o solo di una parte di soggetti privati, quando … Continua a leggere…

L’importanza della Cina oggi nel mondo

Intervista a Osvaldo Pesce

Negli ultimi decenni la Repubblica Popolare Cinese ha assunto un’importanza sempre maggiore, sia per la sua crescente presenza politica, sia per il suo rapido sviluppo economico che l’ha portata ai primi posti nel mondo. Nell’intervista che pubblichiamo, rilasciata alla facoltà di Scienze Politiche della Sapienza collegata con la facoltà analoga della Taiwan National University, Osvaldo Pesce racconta brevemente alcune sue esperienze e impressioni sulla realtà cinese – da lui conosciuta lungo molti anni di rapporti col Partito Comunista Cinese, compreso un importante colloquio col presidente Mao Zedong (13 agosto 1968) – che rivestono un particolare interesse non solo storico ma politico. Vanno sottolineati alcuni punti importanti: La netta contrapposizione al revisionismo moderno (che non è pura e semplice socialdemocrazia) espressa da Pesce fin dal 1962, da lui ricordata all’inizio stesso dell’intervista (Tito) e alla fine (Berlinguer e la fine del PCI); L’approccio solidale e allo stesso tempo critico alla realtà … Continua a leggere…