Citazione

 

 

RIFLESSIONI SU “SARDINE E 5 STELLE “

 

Il Centro Culturale Concetto Marchesi e  il Blog Pennabiro

promuovono un Seminario/dibattito  Lunedì 17 febbraio, ore 18/21

 

INTRODUCE IL PROF. ALDO GIANNULI

CONTRIBUTI DI OSVALDO PESCE E DI BRUNO CASATI

A seguire dibattito con i presenti

 

Presso il Centro Culturale Concetto Marchesi, via Spallanzani 6, MILANO  (a 50 mt dalla fermata MM1 e Passante ferroviario di Porta Venezia)

 

L’antifascismo pedagogico,le sardine e una certa idea di Europa

Citazione

Anche quest’anno, in occasioni di anniversari che ricordano i crimini nazisti e fascisti, sono stati indette e si terranno giornate di memoria di quei fatti disumani.

Si mobilitano le scuole, si fanno viaggi nei luoghi dove si svolsero quegli eventi, la TV e la stampa dedicano lunghi servizi che rievocano quegli avvenimenti.

La ricerca storica, condotta con serietà e la sua divulgazione, per mettere in luce l’asservimento di Hitler e di Mussolini al capitale finanziario del loro tempo e le loro mire imperialiste, non è mai sprecata.

Quello, però, a cui stiamo assistendo in questi giorni e in questi anni è qualcosa di diverso.

L’antifascismo che riempie i mezzi di informazione e che viene riutilizzato dai partiti del centro-sinistra,è un’antifascismo di maniera,astratto,pedagogico basato su un concetto generico di solidarietà e di un’altrettanta generica accoglienza per gli immigrati.

Non si dice la cosa principale e cioè che il fascismo fu una forma violenta di dittatura da parte della grande borghesia agraria e industriale nei confronti delle masse popolari. Dittatura che utilizzò gli apparati statali,polizia,esercito,magistratura e come personale politico tutti quegli appartenenti al ceto medio che avevano costituito i quadri dell’esercito nella prima guerra mondiale. Ceto medio che, al ritorno  ,si era ribellato al peggioramento delle proprie condizioni sociali ed al non riconoscimento dell’impegno in guerra dando vita al movimento dei fasci che agli inizi si contrapponeva al potere della grande borghesia ed al governo che la rappresentava.

E’ evidente a tutti che attualmente la borghesia,il grande capitale finanziario,non esercita il proprio potere nel modo di allora,anche se non è detto che un regime autoritario e violento verso le masse popolari non possa verificarsi di nuovo gettando indipendentemente dalla costituzione. Non va dimenticato che nel 1950,pochi anni dopo la fine della seconda guerra mondiale,la polizia uccise a Modena dei lavoratori,e così a Reggio Emilia 10 anni dopo e che nel 1969 ed in anni successivi gruppi fascisti protetti da apparati dello stato condussero una serie sanguinosa di attentati.

Oggi il grande capitale esercita il proprio potere in un altra forma e si serve di altri partiti,ma il vero antifascismo è quello che non guarda solo alla forma dei rapporti sociali e del governo,ma guarda a cosa c’è dietro quella forma.

Un movimento costituitosi di recente,le sardine,ha indicato nell’antifascismo uno dei motivi fondanti oltre alla partecipazione ed all’innovazione. Ha poi indicato in Salvini il nemico da battere e in effetti ha contribuito alla vittoria di Bonaccini in Emilia-Romagna.

In questo modo il movimento delle sardine accredita l’idea che oggi essere antifascisti significa essere contro Salvini . A nostro avviso questo è un grave errore ,per i motivi che abbiamo espresso prima. Quali sono le classi che esercitano il potere nel nostro paese?Quali sono i gruppi ristretti che le rappresentano opprimendo le altre classi sociali,dal piccolo imprenditore alla partita IVA ai lavoratori dipendenti? E quali sono i partiti che rappresentano quei gruppi ristretti o quelli che li potrebbero rappresentare in un vicino futuro?

Senza andare a fondo di questi aspetti l’antifascismo diventa lo scherma ideologico dietro al quale nascondere l’attuale sistema di potere politico, economico e culturale, il sepolcro imbiancato che nasconde i reali rapporti di sfruttamento dei lavoratori e dei giovani italiani ed europei; per non parlare della rapina delle risorse umane e materiali dei popoli nel mondo.

Senza avere una chiara visione dei rapporti di classe può poi succedere che,andando alla semplice cronaca ,i promotori delle sardine vadano ad un incontro sull’innovazione alla fondazione Benetton e compaiano nella foto di gruppo assieme a Benetton suscitando la giusta protesta di aderenti al movimento.

+++++++++++++

Il nostro paese è attraversato da una grave crisi economica,sociale,politica ,crisi che riguarda in vario modo gli altri i paesi industrializzati. Basta guardare alla spaccatura in due parti del popolo inglese sull’uscita dalla UE, allo scontro sociale in atto in Francia,alla cosiddetta America First con cui gli USA cercano di correre ai ripari dai danni che la globalizzazione finanziaria ha prodotto sulla loro stessa economia reale. La sostanziale scomparsa dei partiti che avevano governato l’Italia negli ultimi 25 anni,Forza Italia e PD,e l’andata al governo di un movimento di protesta come i 5Stelle è l’espressione politica tutta italiana di questa crisi.

Il cosiddetto sovranismo e populismo portato avanti dai 5 S, cioè il ritorno alle monete nazionali,alle politiche nazionali,alla chiusura dei confini,all’uscita dall’Europa,oltre al reddito di cittadinanza e al taglio dei parlamentari,era la base politica del governo giallo-verde. Lo stesso Conte 1 si era dichiarato populista. Il sovranismo, portato avanti adesso principalmente dalla Lega di Salvini e da Fratelli d’Italia di Meloni, non risolve alla radice le cause della crisi attuale ma li peggiora, quindi è una risposta sbagliata a problemi reali e come tale va criticata .

Continua a leggere