Elezioni 2018:tante promesse,nessun progetto

Citazione

  La caccia al voto

di  Iglis Restani

Non va sicuramente sottovalutata l’importanza di queste elezioni politiche vista anche l’incertezza dei risultati .Vi sono molti problemi che richiederebbero una presa di posizione chiara da parte dei partiti politici che si presentano.La riorganizzazione dell’economia nei paesi industrializzati ,i nuovi processi industriali legati all’introduzione dell’intelligenza artificiale nella produzione ed in altri settori,la necessità di creare nuovi posti di lavoro , i processi migratori che non si arrestano,la posizione dell’Italia nell’Europa,le incognite date dall’attuale politica americana,per citarne i principali.

Sono problemi che richiedono governi lungimiranti,con un legame solido con le masse popolari e con un personale politico all’altezza della situazione.

Come hanno capito da tempo i due paesi più importanti d’Europa,Francia e Germania,che si apprestano a rinnovare il loro trattato di collaborazione risalente al 1963 ,la risposta ai problemi indicati non può venire che da un rafforzamento economico e politico dell’Unione Europea .

L’Italia,tuttora secondo paese manifatturiero in Europa,deve avere un ruolo paritario in questo rafforzamento.

La discussione presente in questa campagna elettorale è molto lontana da questi temi e si presenta piuttosto come una caccia al voto con le più svariate promesse .Chi propone di abolire la tassa sul canone RAI dopo averla messa nella bolletta dell’energia elettrica,chi pensa che esista la ricetta magica di un unica tassazione al 25% ,chi pensa di risolvere la questione del lavoro e del salario con il cosiddetto reddito di cittadinanza, chi promette di abolire la riforma Fornero chi il cosiddetto job’s act e via discorrendo .Nessuno però che,come è necessario, presenti un progetto che indichi la direzione che deve prendere il paese e le priorità da perseguire.

Tutti i partiti sono stati comunque costretti dalla realtà a indicare la questione del lavoro che manca come questione principale e allora abbiamo preso alcuni esempi per vedere in concreto le proposte.

L’ILVA,come tutti sanno,è il più grosso centro industriale europeo di produzione di acciaio. Per importanti ragioni ambientali deve avviare un processo di ristrutturazione che mantenga e sviluppi la produzione e che però abbatta in modo drastico l’inquinamento.

Ebbene  l’imprenditoria italiana dell’acciaio e lo Stato non sono stati finora in grado di mettere insieme una proposta che mantenga in Italia se non tutta almeno una parte importante della proprietà,che è il vero obiettivo da conseguire. Oltre a ciò, i contrasti tra lo stato e la regione Puglia stanno mettendo a rischio la cessione degli impianti con il relativo piano ambientale alla multinazionale indiana Arcelor-Mittal con sede in Lussemburgo.

Per inciso i contrasti sono favoriti dalla confusione sull’attribuzione dei poteri tra Stato ed Enti locali presenti nella Costituzione dopo la riforma attuata dal centro-sinistra nel 2001.

Nel frattempo ,tra una carta bollata e l’altra,sono aumentate le importazioni di acciaio proprio dalle multinazionali concorrenti dell’ILVA e ,si badi bene,il prossimo incontro tra governo,sindacati e enti locali per trovare un accordo è stato fissato il 6 marzo,due giorni dopo le elezioni.

Qualche partito che va per la maggiore ha preso una posizione chiara sulla vicenda,in particolare sulla necessità di mantenere l’ILVA in mani italiane ?

L’Alitalia che,occorre dire grazie al commissariamento,ha migliorato negli ultimi tempi i conti,è nuovamente in cerca di un acquirente. Ma,viene da chiedersi,se siamo il paese con i maggiori tesori artistici e culturali al mondo,se la gente di tutto il mondo vuole visitare questi tesori, se il turismo è stato definito il nostro petrolio,una compagnia aerea di bandiera è o no uno strumento per sostenere il turismo?

L’obiettivo minimo,la linea per così dire del Piave,dovrebbe essere perciò almeno il mantenimento del 51% delle azioni in una nuova società formata con altre compagnie.

Qualche partito ha presentato una proposta valida in proposito?

Riguardo al problema dei cambiamenti nei sistemi produttivi per cui si parla della quarta rivoluzione industriale ,c’è un piano del governo uscente definito industria 4.0 che ha gravi limiti di prospettiva ma che se non altro si pone nell’ottica di intervenire nella questione della politica industriale. Questo piano,per essere messo in pratica,prevede oltre agli incentivi per il rinnovo degli impianti e del macchinario, la nascita dei “Competence center”, centri di competenza ad alta specializzazione con la collaborazione di privati e Università. Questi centri dovrebbero orientare le imprese nelle nuove produzioni digitalizzate ,formare i tecnici,avviare progetti di ricerca.

Un giornale economico nei giorni scorsi rilevava che il decreto attuativo di questi centri è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale, a causa di prolungati scambi tra il ministero dello sviluppo economico,Consigliodi Stato e Corte dei Conti,con 8 mesi di ritardo e che ne occorreranno molti altri ,tra bandi di gara e selezione delle Università, prima di arrivare alla costituzione del primo centro. Questi centri sono già operanti da tempo in Germania ,paese dove gli iscritti agli Istituti Tecnici Superiori sono 800.000 quando in Italia sono soltanto 9.000.

Come si fa allora a diventare come ipotizza il presidente di Confindustria il primo paese manifatturiero d’Europa scalzando la Germania? Di questo passo ,se non si inverte la rotta è più probabile slittare al terzo posto dopo la Francia che continua a premere sulle nostre aziende.

Sul problema centrale della disoccupazione e della creazione di nuovi posti di lavoro prosegue una polemica stucchevole sulla validità o meno del job’s act introdotto da l governo Renzi. Perchè diciamo polemica stucchevole?

Perchè i posti di lavoro fondamentalmente non nascono dalle agevolazioni e dalle decontribuzioni,nascono dagli investimenti pubblici e privati. Nel nostro paese si continua ad affrontare il problema del lavoro a valle,cioè sempre e soltanto sul costo del lavoro lasciando poi al cosiddetto mercato ,cioè le scelte del grande capitale, le decisioni che contano .Con questa logica,fatta propria nel corso dei decenni che abbiamo alle spalle dai sindacati e dai partiti cosiddetti di sinistra, ci ritroviamo con la più alta disoccupazione giovanile d’Europa,bassi salari e una base industriale indebolita. Inoltre bisogna tenere ben presente che il sistema pubblico di sostegno alla ricerca di lavoro è ben poca cosa. I centri per l’impiego in Italia hanno 7500 dipendenti più 3.400 contratti a tempo determinato quando in Germania sono 110.000,in Gran Bretagna 60.000,in Francia 50.000.Come è pensabile che le assunzioni di giovani avvengano in base all’effettiva qualità e merito e non ,come di prassi, in base alle raccomandazioni?

Per affrontare in modo serio il problema del lavoro che manca ,c’è un solo modo,dare l’avvio ad un grande piano di investimenti pubblici-privati che poggi su un altrettanto grande fondo di risparmio nazionale in cui confluiscano tutte le risorse possibili comprese anche quelle da un vero tagli degli sprechi e dei privilegi e non disperdendo il denaro pubblico come è stato fatto di recente con i vari bonus.

Qualcuno dei partiti che si presenta agli elettori ha posto il problema in questi termini?

A noi non sembra,a noi sembra che si sia aperta una caccia al voto fatta di promesse con poca sostanza,per fortuna una caccia di breve durata perché il 4 marzo è vicino.Se poi dovesse verificarsi una elevata astensione dal voto questa non sarebbe altro che una più che comprensibile sfiducia nei confronti di questa politica.

Gli esempi citati riguardano problemi di fondo che richiedono una soluzione positiva .Non dobbiamo aspettarci questa soluzione dai partiti che hanno governato in questi anni e in generale da quanti non mettano in seria discussione la politica del grande capitale che è la vera causa del generale impoverimento del paese.La  soluzione positiva non potrà che venire da un impegno diretto dei lavoratori e dalla costruzione di momenti politici autonomi ed alternativi di cui il blog si è occupato come nel caso del recente convegno sul lavoro a Milano.Ciò che occorre al paese sono  nuove lotte e  nuove energie politiche rispetto agli attuali partiti.

Le lotte intestine nel PD e il governo del paese.

Citazione

di Iglis Restani

La cosiddetta scissione avvenuta nel PD ha lasciato parecchi punti in sospeso. Innanzitutto: è vera scissione o è una manovra per creare una forza di disturbo esterna al PD in attesa che Renzi non riesca a ritornare segretario del PD con una larga maggioranza? La formula adottata dai fuoriusciti,Movimento Democratici Progressisti,è infatti abbastanza vaga ma,soprattutto,su quali punti precisi di linea politica c’è il dissenso?

Si è detto che Renzi ha snaturato il PD e lo ha portato a destra. Ma perché forse prima della segreteria dell’ex sindaco di Firenze la linea e le proposte del PD erano di sinistra?

Qualcuno ricorda per caso vi siano state scelte importanti del gruppo dirigente prima e dopo la nascita del PD nel 2007,sia in politica interna che in politica estera, che siano andate a scontrarsi con la politica del grande capitale?A noi francamente non ne viene in mente nessuna.

In realtà il PD è stato fin dall’inizio un grosso equivoco. Un equivoco che risale molto indietro nel tempo,ben prima del suo anno di nascita nel 2007,e che affonda le sue radici in un periodo ancora da chiarire storicamente. Ci riferiamo al periodo prima e dopo la caduta del muro di Berlino ed in particolare ai primi anni 90 in cui partiti politici storici tra cui alcuni nati all’inizio del secolo scorso di colpo vennero spazzati via da inchieste giudiziarie sulla corruzione nella politica. In altri momenti storici in Italia le inchieste giudiziarie su uomini politici si erano risolte o con l’abbandono di questi della politica o insabbiando le inchieste condannando pesci piccoli ma mai con lo scioglimento dei partiti avvenuto solo durante il fascismo. Il perchè di questo fatto ed i legami con pressioni internazionali è una questione che la politica italiana è ben lontana dall’aver chiarito .

Ma sia il 2007 cioè la nascita del PD sia i primi anni 90 si possono comprendere se si inquadrano nella linea di destra abbracciata dal gruppo dirigente del PCI già agli inizi degli anni 60 del secolo scorso,linea che negava la lotta di classe e che accettava di fatto il sistema capitalista .

Con il cosiddetto Ulivo prima e con il PD poi il gruppo dirigente dell’ex PCI e una parte dei dirigenti della disciolta Democrazia Cristiana tentarono una operazione di riciclaggio con il beneplacito del tutore internazionale che ci accompagna ormai da parecchi decenni ovvero l’amministrazione statunitense. E’ un dato di fatto che le amministrazioni americane hanno avuto una forte influenza sulla politica italiana fin dal dopoguerra e la hanno tuttora. Occorreva un peso elettorale da contrapporre all’inaspettato concorrente rappresentato dal centro-destra messo insieme da Berlusconi e questa fu poi la ragione fondamentale per la nascita del Partito Democratico . Purtroppo per il nostro paese,dietro questa fusione non c’era un progetto politico di indipendenza e di rilancio del paese e ,dopo dieci anni ,non si può che affermare che il bilancio del PD è fallimentare.

***************

Purtroppo però stiamo parlando del partito di maggioranza,il partito cioè che forma il governo , che dovrebbe dare l’indirizzo e che ha il compito di portare il paese fuori dalle secche della crisi.

Gli ultimi fatti sono particolarmente preoccupanti. Ci riferiamo all’inchiesta che coinvolge il padre di Renzi,alle tessere gonfiate nel PD in Campania nonché alla condanna del senatore Verdini il cui appoggio è stato determinante durante il governo Renzi. L’impressione ormai è di una lotta senza esclusioni di colpi il cui risultato potrebbe essere l’esclusione dell’ex sindaco di Firenze dalla segreteria del partito e di conseguenza la definitiva chiusura delle possibilità di tornare a capo del governo. Lotta senza quartiere presentata all’esterno come la “ricerca delle radici storiche della sinistra”che Renzi avrebbe cancellato. Non vogliamo per nulla fare una difesa di Renzi. Renzi e il suo gruppo ha fatto una lettura sbagliata della realtà,è andato avanti per tentativi e alla fine,come aveva fatto in precedenza Berlusconi,ha pensato che cambiando la Costituzione e la legge elettorale potesse garantirsi altri anni di governo La risposta del paese è stata chiara,non era la modifica della Costituzione il primo problema degli italiani,bensì il lavoro .

Ascoltando poi le sue recenti dichiarazioni si ha l’impressione che insista sulla ricerca di ricette miracolose che prima erano gli 80 euro e il job’s act e adesso verrebbero dalla Silicon Valley da lui visitata di recente o dal cosiddetto lavoro di cittadinanza .Lavoro di cittadinanza che sarebbe l’alternativa al reddito di cittadinanza proposto dai 5 stelle che come si sa, basta fare un po’ di conti, richiederebbe qualcosa come 400 miliardi.

Ma se Renzi non dimostra di avere idee chiare sul futuro,la cosiddetta minoranza nel PD che oggi sembra voler dar vita ad un altro raggruppamento politico non è certo credibile.

Certi dirigenti del PD provenienti dall’ex PCI continuano a menare il can per l’aia senza tentare di fare un minimo di bilancio storico né di autocritica . Quali sarebbero infatti quelle radici di sinistra declamate?Senza andare troppo indietro nel tempo guardiamo a come si sono comportati i dirigenti che hanno preceduto Renzi.Nel 2011 fu datol’incarico di formare un nuovo governo dopo le dimissioni di Berlusconi a Monti.Quel governo come è noto introdusse in Costituzione il pareggio di bilancio e massacrò i pensionati .

Era o non era una svolta a destra,una delle tante,nella politica italiana?Chi aveva nel frattempo eletto senatore a vita Monti qualche mese prima ?Il volutamente a tutti i costi rieletto Napolitano. E perchè allora anche il PD diede il suo appoggio esterno al governo Monti?

E perché due anni dopo Bersani,anche se,parole sue,” aveva non vinto le lezioni”,non portò avanti fino in fondo il suo progetto di costituire un governo di svolta popolare e su pressione sempre di Napolitano lasciò il posto a Letta,altro uomo vicino al grande capitale finanziario? E dove finirono le promesse accennate dall’allora segretario del PD di ridiscutere con Obama la questione degli F30 qualora fosse divenuto capo del governo?Nel nulla. Dobbiamo ancora dare credito a queste persone?

*************

E’ evidente che chi ha a cuore il futuro del paese non può assistere allo sfacelo della politica italiana cui stiamo assistendo e che occorre trovare dei punti fermi su cui unire i giovani,i lavoratori,il popolo.

Un programma politico serio non può che partire da questo punto,il lavoro,ben sapendo che è solo dal lavoro che può uscire un reddito reale e stabile.

Oggi,per forza di cose,il problema del lavoro viene ,almeno a parole,citato da più parti.Reddito minimo,reddito di di cittadinanza,lavoro di cittadinanza eccetera.Tutte soluzioni di ripiego che mascherano la reale disoccupazione e che alla lunga non sono economicamente e socialmente sostenibili ma che possono momentaneamente spostare più in là il problema e soprattutto portare voti.

Anzi,queste proposte tendono a nascondere il vero grave problema della disoccupazione giovanile ,i circoli dominanti sanno benissimo che non sono in grado di avviare una ripresa economica in grado di inserire nel mondo del lavoro i milioni di giovani disoccupati e che bisogna fargli accettare un futuro di precarietà e di sussidi.

Occorre rifiutare questa deriva che sta trasformando quello che era un paese vitale in un paese di vecchi perché i giovani emigrano. Questo lo si può fare lavorando attivamente per dare vita ad una nuova fase di lotte nel paese che veda i giovani in prima fila .

Il problema principale che il nostro paese si trascina da decenni è la debolezza della struttura economica,debolezza che la crisi mondiale ha accentuato .Per superare questa debolezza ci vogliono investimenti,ci vogliono capitali .Perciò bisogna lavorare per creare una forza politica che sappia mettere assieme tutte le forze sane del paese per togliere il controllo del capitale ,dei risparmi delle famiglie, ai magnati della finanza e che lo utilizzi per grandi investimenti nei settori principali e nel recupero del nostro patrimonio ambientale e culturale. Tutto questo avendo ben chiaro che non sono soltanto problemi del popolo italiano ma di tutti i popoli europei con cui dobbiamo rafforzare i legami nella lotta comune contro il grande capitale e per una Europa forte , democratica , indipendente.