A proposito della fertilità.Il lavoro innanzitutto

Quote

di Pasquale Felice

Il 22 settembre 2016 si è celebrata la prima giornata nazionale dedicata all’informazione sulla fertilità (basta con gli anglicismi! parliamo e scriviamo in italiano), istituita con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri e promossa dal Ministro della salute, per aumentare in particolare tra i giovani la conoscenza sulla propria salute riproduttiva. Un Piano di 140 pagine prodotto da una commissione medica che, con un linguaggio molto tecnico/scientifico, ci ha descritto le cause dell’infertilità maschile e femminile, corredate da una serie di consigli sanitari e comportamentali per prevenire il problema.

La problematica è stata affrontata come se si trattasse di colmare una mancanza di informazione, attraverso un formulario di sanità, per eliminare “tecnicamente” le cause dell’infertilità, forse nella speranza di alzare la natalità.

In effetti, nel nostro Paese, non si ferma la diminuzione delle nascite. Secondo il bilancio demografico nazionale pubblicato dall’Istat nel giugno scorso, nel corso del 2015 sono state registrate 485.780 nascite e 647.571 decessi, con una differenza tra nati e morti negativa per 161.791 unità: bisogna risalire al biennio 1917-18 per trovare dei valori peggiori.

La strada giusta, se questo era l’obiettivo, non ci pare sicuramente questa, prestare attenzione ai comportamenti igienico-sanitari e sviluppare un programma di educazione alla sessualità, da soli, non può certo risolvere il calo demografico. Quello che manca sono delle vere politiche per la famiglia, da implementare con i servizi conseguenti, dopo una seria indagine sociale e culturale che risponda ai perché sono crollate le famiglie, si facciano meno matrimoni, siano aumentate le separazioni e i divorzi, siano aumentate le famiglie composte da una sola persona.

Statistiche e studi demografici dicono che in Europa, non solo in Italia, si fanno meno figli, un problema che interessa tutto il mondo “occidentale”, sicuramente frutto dell’emancipazione femminile e dunque anche della maternità consapevole; al contrario di quei paesi in via di sviluppo e/o dove l’economia sia arretrata e disastrata, dove la maternità è più alta ma la condizione femminile peggiore.

Uno studio comparato di varie ricerche europee, fatto nel 2012, dimostra che nei paesi dove le donne lavorano è più alto il numero delle nascite, mentre tra le donne che stanno a casa si fanno meno figli (al contrario degli anni settanta quando tra le donne che sono entrate nel mondo del lavoro è crollato l’indice di natalità); insomma c’è da ben chiedersi del perché questa tendenza si sia invertita. Oltre a richiedere una sanità migliore, degli asili nido più accessibili, una migliore conciliazione vita-lavoro, evidentemente c’è dell’altro.

Nei recenti cambiamenti demografici e nel calo delle nascite ha dunque influito la mancanza di servizi sociali; la crescente flessibilizzazione dei mercati del lavoro europei e la proliferazione di posizioni lavorative instabili; il calo dei matrimoni combinato con l’aumento delle separazioni, situazione, quest’ultima, che ha anche fatto aumentare le persone che vivono sole. Infatti, negli ultimi 25 anni, anche per questi motivi, si è ridotta notevolmente l’ampiezza dei nuclei familiari, e in tutti i paesi europei si sono dimezzate le famiglie composte da quattro o più persone.

I fenomeni demografici non sono dunque fini a se stessi ma discendono, come abbiamo visto, da ben altre problematiche, che ci conducono al rischio di povertà relativa (individui e famiglie sono considerati poveri quando non dispongono delle risorse necessarie per mantenere il livello di vita della comunità di appartenenza), sempre più evidente in tutta Europa. Non fare figli, infatti, spesso è visto come una barriera dei rischi di povertà. Inoltre, si consideri che le famiglie composte da un solo adulto che vive solo, essendo assai più esposto alle difficoltà economiche, in presenza di figli (per lo più madri) sarebbe ancora più a rischio di povertà.

Un’altra situazione di svantaggio, che influisce nel calo delle nascite, sono le famiglie con un solo reddito (infatti sopra abbiamo visto che le donne che non lavorano fanno meno figli di quelle donne che invece lavorano), ciò a motivo del rischio di entrare in povertà in concomitanza con la nascita di un figlio.

Si consideri inoltre un ultimo aspetto. In Italia, la deregolamentazione del mercato del lavoro portata avanti dai governi di centro-destra e centro-sinistra in questi anni,non ultimo il cosiddetto job’s act di Renzi,ha colpito soprattutto i giovani ,peggiorando le condizioni di lavoro e,con la crisi economica,riducendo le possibilità di impiego.Non è dunque questo un sistema che aumenta le povertà? Con conseguente e inevitabile diminuzione delle nascite?

Le politiche sul lavoro sono dunque le politiche giuste per fare aumentare la natalità.

Le politiche sul lavoro favoriscono la costituzione e l’aumento del numero delle famiglie a doppio reddito, dunque le politiche giuste che possono incrementare le nascite, legate naturalmente alle politiche di conferma e di espansione dei diritti sociali.

Elezioni comunali :voto di protesta e voto di proposta

Quote

Domenica si vota per le elezioni comunali nelle città principali d’Italia  che negli ultimi anni si sono concentrate sulla elezione dei sindaci.E’ indubbio che a queste elezioni venga dato un significato politico ,in particolare di sostegno o meno al governo in carico,anche se Renzi ha cercato di tenersi un po’ fuori. E’ altrettanto indubbio però che questa politicizzazione delle amministrative non è quello che risponde agli interessi dei cittadini,sono le proposte,i programmi invece che interessano.La litigiosità dei vari partiti tra di loro è proporzionale alla pochezza delle loro proposte.Del resto anche a livello nazionale esiste un partito che abbia presentato ai cittadini italiani un progetto globale e chiaro di rilancio del paese per i prossimi decenni?

Gli anni di crisi che abbiamo alle spalle e ancora prima sono stati anni in cui il voto è stato soprattutto di protesta e la protesta è sacrosanta.Oggi alla protesta occorre accompagnare la proposta ed è dalla combinazione di queste due cose che può nascere qualcosa di buono per il paese.

L’aumento dell’astensionismo che c’è stato negli ultimi tempi è il chiaro segnale che il popolo cerca delle risposte,cerca concretezza riguardo ai problemi principali che sono l’occupazione,i salari,la scuola,la sicurezza,i servizi sociali,la sicurezza del futuro.Ed è un segnale rivolto sia a chi ci governa e sia a chi sta all’opposizione.

E’ molto probabile che in alcune città come Roma o Napoli prevalga la protesta anche perché le alternative sono poco credibili,da altre parti il confronto sarà più pragmatico,a Milano ad esempio i programmi del centro-destra e del centro-sinistra sono più incentrati su aspetti legati a progetti economici.In tutta questa situazione diventa difficile per liste alternative che non hanno i mezzi di propaganda dei maggiori partiti riuscire a battere questi ultimi ma comunque è sempre utile avere anche un solo consigliere comunale per inserire un cuneo nella spartizione del potere che avviene poi tra quei partiti.L’importante è costruire proposte sulla base delle richieste dei giovani,dei lavoratori,dei pensionati,delle casalinghe,del popolo insomma,e portarle avanti con continuità consultando anche in seguito i cittadini che hanno votato con assemblee degli elettori.Non si deve infatti far credere ai cittadini che tutto si risolva per via elettorale ma invece costruendo piattaforme e movimenti di lotta organizzati.

Alcune liste che si muovono in questa direzione esistono e vanno appoggiate,respingendo i soliti discorsi che le piccole liste fanno il gioco della destra e cose di questo genere.E’ bene al riguardo tenere presente un aspetto che passa normalmente sotto silenzio:quanto costa presentare liste alle elezioni?Un sacco di soldi e solo certi possono permetterselo,finchè non si ottiene una pari opportunità per la presentazione delle liste,non è affatto vero nella pratica che tutti possono concorrere.Occorre però separare l’adesione al programma concreto in questo o quel comune da aspetti più generali come ad esempio il referendum sulle modifiche costituzionali di ottobre ,uno può essere d’accordo sul programma ma magari ha una idea diversa sul referendum.Questo legame che si è voluto stabilire tra elezioni comunali e referendum è una questione tutta interna al PD che lasciamo appunto a Renzi,D’Alema e Bersani,domenica sono in gioco gli interessi dei cittadini nelle città in cui si vota.

I.R.