Il Presidente di una generazione perduta

                                                  di Giuseppe Sacco

                                                                                     seconda parte

L’epoca dell’insicurezza lavorativa

La vita tuttavia stava per deluderli, e distruggere tutto ciò che aveva promesso a questa generazione che diventerà dagli anni ’80 in poi una generazione persa. La migliore gioventù americana dell’epoca del dopoguerra, circa 8 milioni di uomini nel solo settore manifatturiero, si sarebbe trovata disoccupata proprio prima dell’età critica dei cinquant’anni. Pochi anni dopo avrebbe dovuto vedersela con le banche, che non avrebbero esitato a buttar fuori dalle loro case circa 10 milioni di famiglie che non erano più in grado di ripagare il loro mutuo.

Un parte veramente grande dell’opinione pubblica, che crede di poter essere informata da giornali e tv, non ha realmente capito i meccanismi economici e gli aspetti tecnici del collasso finanziario che l’economia mondiale ha attraversato nel 2008. La sequenza socio-economica che ha portato alla crisi non ha certo risparmiato la cosiddetta classe media americana; erano prima di tutto e soprattutto le delocalizzazioni sempre più frequenti di attività produttive, in Cina e altri paesi con bassi costi del lavoro, a provocare la disoccupazione per alcuni e l’inasprimento delle condizioni di lavoro per altri; e infine l’insicurezza lavorativa per tutti che, pochi anni dopo, Alan Greenspan considererà una grande vittoria .

[IMMAGINE U.S. Manufacturing: Output vs. Jobs, January 1972 to August 2010 – industria USA: produzione contro occupazione, dal gennaio 1972 all’agosto 2010]