Dopo l’accordo sul “Recovery fund “

di  Iglis Restani

L’aggravamento della crisi economica già presente in Europa dovuto alla pandemia richiedeva un finanziamento a debito per intervenire a sostegno dei paesi più colpiti dal covid 19,Italia in testa ,pena il tracollo di questi paesi e la crisi dell’euro.

Con l’accordo raggiunto dal recente Consiglio europeo il finanziamento del Recovery fund,Fondo per la ripresa ,anche se tardivo , spostato in avanti e con possibili intralci futuri da parte di qualche governo , alla fine c’è stato.

La novità rispetto al passato è che per la prima volta viene emesso debito pubblico europeo e che sarà la Commissione europea a contrarre prestiti da qui al 2026 assumendo quindi almeno per questo periodo limitato un ruolo simile ad un governo federale.

Decisivo nella trattativa il ruolo dell’asse franco-tedesco . Sia la Germania che la Francia sono consapevoli che un’Europa senza l’Italia non ha senso. La Merkel in particolare si è mossa per smussare le posizioni di Olanda Austria Danimarca Svezia e Finlandia ,paesi influenzati dalla politica del Regno Unito in questi ultimi 70 anni poi uscito dalla UE che però sono riusciti,Olanda in testa,ad ottenere un ridimensionamento della parte a fondo perduto da 500 a 390 miliardi e quindi dell’aumento dei prestiti agevolati da250 a 360 miliardi .

Occorre però porsi una domanda : con quale strategia ,oltre al ricorso necessario al debito,esce l’Unione Europea dai 4 giorni di trattative a Bruxelles con i suoi 27 componenti di cui 19 aderenti all’euro? Da notare che due dei cosiddetti paesi frugali,Svezia e Danimarca non adottano l’euro così come i paesi dell’est più la Polonia.

La strategia ,una strategia comune, non c’è.

Una delle critiche mosse dal Parlamento Europeo al Recovery fund è stata quella che per mantenere il volume dei 750 miliardi per questo fondo si è però sacrificato il bilancio comunitario 2021-2027 che si è deciso in contemporanea..

Nella risoluzione approvata dal Parlamento qualche giorno dopo la firma dell’accordo ,si legge che “ i tagli proposti sull’istruzione,sulla trasformazione digitale e sull’innovazione cancellano il futuro della prossima generazione di europei “.

Il capogruppo del partito popolare,Manfred Weher , è stato esplicito : “ I 27 si sono accordati sui volumi,non su una visione dell’Europa:dobbiamo definire comuni progetti industriali.”

La stessa presidente della Commissione Europea Von der Leyen ha dovuto ammettere che i tagli nel bilancio 2021-2027 “sono una pillola difficile da ingoiare “. (Da Il Sole-24 ore del 24 luglio)

Ci sono almeno 6 grandi questioni da affrontare in Europa.

Innanzitutto la questione sanitaria. C’è un programma comune per produrre in autonomia il vaccino contro il covid 19? C’è un programma di ampio respiro per tutelare la popolazione europea dal problema pandemie che sembra essere uno dei problemi di questo secolo? Eppure avrebbe dovuto essere il primo problema da affrontare dopo le divisioni avvenute tra i paesi europei su come affrontare la pandemia.

La questione informatica. Gli USA sono in ritardo con il 5G,Quinta Generazione, l’insieme di tecnologie di telefonia mobile e cellulare che garantiscono prestazioni e velocità superiori a quelli della tecnologia 4G, mentre la Cina è in vantaggio con le sue due società Huawei e ZTE.

Gli USA pretendono che l’Europa non apra alle società cinesi. Abbiamo però due società europee che producono componentistica per il 5G,Ericsson in Svezia,Nokia in Finlandia. Perchè allora queste due società non operano all’interno di un progetto comune europeo che tolga l’Europa dalla morsa USA-Cina ? La Commissione Europea non può parlare di economia digitale in astratto senza dare indicazioni precise soprattutto sullo sviluppo delle tecnologie oggi fondamentali per l’economia.

La questione delle industrie cosiddette mature,dall’auto elettrica all’acciaio di nuova generazione,materiale indispensabile per tutta l’industria.Anche qui occorrono progetti comuni.

La questione di un sistema di istruzione generalizzato in tutta Europa che aiuti a ridurre le distanze e le diseguaglianze economiche e sociali tra i vari paesi europei.

La questione dei diritti e delle condizioni dei lavoratori europei per arrivare ad uno standard comune di garanzia dell’occupazione,di salario e di contratti europei di settore.

Infine la questione della difesa comune. L’autonomia e l’indipendenza dei paesi europei da un lato richiede che venga abbandonato una volta per tutte la politica imperialista che alcuni paesi europei mantengono. Dall’altro che la difesa dei popoli europei non sia delegata ad altri ma sia affidata ad un esercito europeo .

Sono questioni ,insieme ad altre che usciranno sicuramente dal mondo del lavoro ,che necessitano di risposte concrete,nell’immediato e in prospettiva,questioni che richiedono una “visione “ europea che non è uscita da questo vertice .

In Italia,dopo le esagerazioni dei partiti di maggioranza sulla “vittoria storica “ del governo italiano per la parte destinata al nostro paese dei fondi, dopo le altrettanto esagerazioni dei partiti di opposizione sulle “fregature “ dell’accordo firmato a Bruxelles , è il momento delle proposte che rilancino e l’Italia e l’Europa.

La confusione fatta prima con il piano Colao ,poi con i cosiddetti stati generali dell’economia voluti a tutti i costi dal Presidente del consiglio Conte, adesso con le richieste dei vari ministeri che si accavallano,dimostrano però che manca al governo Conte-PD-5S una visione delle cose principali da fare.

Fin da ora occorre prepararsi a rispondere alle richieste della Confindustria di azzerare i contratti nazionali di lavoro e di avere mano libera nei licenziamenti né pensare come sembra fare Landini in una intervista alla Stampa del 23 luglio che basti l’ingresso dello stato nelle aziende per creare sviluppo.

Le difficoltà inevitabili che si presenteranno in autunno quando il ricorso alla cassa integrazione verrà ridotto e così i sussidi per le perdite avute dai vari settori produttivi, potranno essere superate soltanto con un grande piano per il lavoro che non può essere demandato all’attuale governo ma che richiederà un grande movimento di lavoratori,di donne,di giovani.

Soltanto un forte movimento di massa che crei un saldo legame tra i lavoratori europei sarà in grado di sconfiggere le scelte sbagliate dei governi e di portare avanti una politica comune che garantisca un futuro ai popoli europei ed alle nuove generazioni .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *