Pomigliano: serve un piano alternativo a quello della Fiat

Operai Fiat Pomigliano d'Arco

Operai Fiat Pomigliano d'Arco

L’accordo di Pomigliano tra la FIAT, CGIL, CISL, UIL, FISMIC e UGL, con la FIOM-CGIL in forte dissenso sulle modalità di raggiungimento degli obiettivi di quell’accordo, e la contrarietà degli altri sindacati come la CUB e lo SLAI- COBAS, va respinto per tre buoni motivi.
Il primo è che il nuovo metodo di lavoro, il cosiddetto World Class Manifacturing, comporta un controllo asfissiante di ogni singolo movimento del lavoratore, una turnazione di 8 ore per tre turni per 6 giorni compreso il sabato più 120 ore di straordinario obbligatorio, una riduzione al minimo delle pause e lo spostamento all’ultima mezz’ora della mensa.
Con il ricatto del posto di lavoro si è firmato un accordo che comporterebbe un netto peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita mentre i salari sono tenuti bassi senza nessun miglioramento. Occorre notare che questo metodo, il WCM, è già stato sperimentato nella fabbrica di Tychy in Polonia. Sarebbe molto utile conoscere il punto di vista dei lavoratori polacchi e un confronto con i colleghi italiani per trovare una linea comune che faccia fronte al ricatto occupazionale che tocca i lavoratori di entrambi i Paesi, messi in reciproca concorrenza tra di loro.
Continue reading