Libia : la compagnia francese Total riprende la produzione petrolifera

Il finanziamento italiano alla guerra in Libia scade il 30 settembre . Chi si oppone al rifinanziamento ?

Sul Sole – 24 ore del 24 settembre, a pag.15 , in una piccola nota, leggiamo una notizia che non ci sorprende affatto. La compagnia petrolifera francese Total, riprende la produzione petrolifera sulla piattaforma di Al Jurf al largo della Libia, gestita in cooperazione con la compagnia libica National Oil Corporation e la tedesca Wintershall. Dunque la precedenza alla Francia, il paese che più si è distinto, assieme all’azionista di maggioranza, gli USA e agli altri soci di minoranza come l’Inghilterra ed il Qatar in questa vergognosa guerra coloniale cui hanno partecipato anche i governanti del nostro paese concedendo le basi e partecipando ai bombardamenti. Guerra coloniale contro cui non solo non vi è stata opposizione ma che  ha visto proprio visto da parte della cosiddetta sinistra una spinta all’intervento militare .Il nostro blog , indipendentemente dagli esiti militari di questa guerra, continuerà ad occuparsi dell’argomento perchè ciò che accade in quel paese e nell’intero Nord Africa è legato ai rapporti tra questi popoli ed i popoli europei e  alla necessità di una nuova politica che sconfigga il colonialismo e faccia del Mediterraneo un mare di pace senza la presenza di navi con missioni aggressive. In questo senso ospiteremo articoli e prese di posizioni diverse ma con un comune intendimento : arrivare ad un cessate il fuoco; condannare la violazione del diritto internazionale ; favorire una soluzione pacifica che escluda le forze fantoccio delle potenze neo-coloniali ; creare un rapporto di collaborazione pacifica tra Unione europea e l’Organizzazione delle nazioni africane.           Ospitiamo di seguito stralci  di un articolo di Francesco Ravelli pubblicato sul n. 8 di Oltre il Ponte, periodico a cura dell’Assopace di Novara .

Brevi considerazioni a margine della criminale aggressione alla Libia

La recente criminale aggressione alla Libia porta con sé l’esigenza di trattare, seppur brevemente, alcuni problemi politici ormai non più procrastinabili. Ci sarebbe l’imbarazzo della scelta, ma per forza di cose ci dovremo soffermare soltanto su alcuni di essi. Quasi impossibile non cominciare dal tradimento della sinistra politica e culturale italiana. Se sull’ideologia interventista di personaggi filoamericani come D’Alema o la “star” Napolitano non c’erano più dubbi, forse un poco diverso ci sembrava il caso di elementi quali la Rossanda, Fo e Ingrao. Ci sbagliavamo, e di grosso. Costoro, non capendo evidentemente nulla della situazione internazionale, hanno appoggiato senza riserve l’attacco ad un paese sovrano voluto dal Premio Nobel per la Pace Obama e attuatosi principalmente per iniziativa dell’ignobile consorteria anglo-francese. La sinistra italiana, ivi compresa quella cosiddetta radicale, è una miserabile sentinella a tutela degli interessi di Washington, e il cui unico orizzonte di riferimento, l’antiberlusconismo militante, è ormai assurto al livello di un vero e proprio manto ideologico volto all’oscuramento delle reali criticità del nostro tempo, il capitalismo finanziario e una variante particolarmente sofisticata di colonialismo.

…..

L’altro “credo” che sull’affare Libia ha fatto pomposamente mostra di sé è stato l’astratto moralismo d’anima bella, subito pronto a rimarcare tutta la sua vuota equidistanza sia dall’impero americano sia da Gheddafi. Continue reading

Favorire una soluzione di pace in Libia ,impedire ogni forma di intervento militare che coinvolga l’Italia

 

Giunge notizia che il governo USA avrebbe dato ordine ad alcune unità navali di spostarsi davanti alle coste libiche. Contemporaneamente l’Unione Europea appoggia la proposta di impedire agli aerei libici di alzarsi in volo , la cosiddetta no fly zone .

Tutto questo mentre la situazione in Libia si mantiene confusa e molte delle notizie sparse dai mezzi di comunicazione vengono poi smentite mettendo a nudo che questi non sono per niente obiettivi . Perchè il satellite fatto installare dalla signora Ashton in qualità di ministro degli esteri europeo per controllare i movimenti in Libia non ha ancora fornito notizie ai cittadini europei , come loro diritto d’informazione , su quanto sta veramente accadendo in quel paese ?

Il popolo italiano in primo luogo ed i popoli europei nel loro insieme hanno tutto l’interesse di evitare azioni che farebbero precipitare inevitabilmente la situazione verso una guerra nel Mediterraneo dagli esiti imprevedibili . Si deve fare tutto il possibile per impedire un altro Iraq o un altro Afghanistan alle porte di casa nostra.

PERCIÒ RIVOLGIAMO UN APPELLO A TUTTI I DEMOCRATICI , AI LAVORATORI , AI GIOVANI PERCHÈ :

NON VENGANO USATE BASI MILITARI ITALIANE PER AZIONI MILITARI IN LIBIA

IL GOVERNO ITALIANO SI OPPONGA AD AZIONI UNILATERALI DEGLI USA E DI ALTRI PAESI

L’UNIONE EUROPEA PROMUOVA UNA COMMISSIONE CHE COMPRENDA TUTTI I PAESI RIVIERASCHI DEL MEDITERRANEO E QUINDI ANCHE DEL NORDAFRICA PER VERIFICARE LA SITUAZIONE, FAVORIRE TRATTATIVE DI PACE ED IMPEDIRE UNO SMEMBRAMENTO DELLA LIBIA .

www.pennabiro.it