La strana crisi del governo Berlusconi

Perchè il governo è in crisi?

Perchè il governo è in crisi?

E’ cominciato il conteggio alla rovescia per il governo Berlusconi? Tutto fa pensare di sì eppure, da più parti, si continua a dire che non si ricorda nei tempi passati un altro governo con la maggioranza che questo ha avuto dalle elezioni del 2008 .

Perchè allora il governo è in crisi ? Se si guarda ai numeri , con la scissione dal PDL del gruppo di Fini, Futuro e Libertà , se i deputati ed i senatori di questo gruppo non votano più a favore del governo , questo perde la maggioranza alla Camera ed è in bilico al Senato. A questo punto è normale chiedersi :ma perchè adesso il gruppo di Fini è contrario al PDL e su cosa?

Nelle assemblee costitutive di Futuro e Libertà Fini ha indicato in particolare tre punti : federalismo ; politica estera , in particolare gli accordi con la Libia ; riforma della giustizia .C’è da dire che in precedenza , sia al momento della fondazione del PDL , con scioglimento di Forza Italia e AN ,sia negli anni successivi e sia nel dibattito interno al Popolo della Libertà, sempre che si possa parlare di dibattito , queste posizioni non erano mai emerse . Se a ciò si aggiunge la posizione del tutto defilata di Fini alle recenti elezioni regionali, il sospetto che l’ancora attuale presidente della Camera avesse già in mente da tempo lo strappo è inevitabile. L’uscita del suo gruppo dal popolo della libertà viene oggi utilizzata dai partiti di opposizione per chiedere le dimissioni del governo ma soprattutto per un cosiddetto governo “tecnico” o di “transizione”,governi per i quali , occorre dire ,nessuno aveva votato alle elezioni del 2008.

Cosa succederà dunque il 14 dicembre , il giorno del voto di fiducia al governo e dopo? Continue reading

Governo in crisi e continuità col passato

Governo in crisi

Nuove elezioni o Berlusconi succederà a se stesso?

Dunque il governo Berlusconi è in crisi. Cosa dobbiamo aspettarci da un eventuale scioglimento, si andrà a nuove elezioni o qualcuno sostituirà Berlusconi o, ancora, Berlusconi succederà a sé stesso?

Per capire come potrebbero andare le cose può essere utile andare indietro di un paio di decenni, all’inizio degli anni 90. Erano gli anni di Tangentopoli che videro la distruzione dei partiti allora di governo. Dalla Democrazia Cristiana, che aveva governato quasi ininterrottamente dal dopoguerra, al Partito Socialista che era entrato nei governi dagli anni 60, al Partito Socialdemocratico, al Partito Liberale, al Partito Repubblicano, tutti in vario modo collegati al sistema delle tangenti con il mondo economico. Un terremoto politico che sciolse il cosiddetto CAF ovvero Craxi, PSI, e Andreotti e Forlani, DC.  Stranamente si salvò il PdS , ex Partito comunista, che aveva anch’esso beneficiato di aiuti economici illegali.

Continue reading