Dove vanno le ferrovie italiane

DOVE VANNO LE FERROVIE ITALIANE

Convegno sul trasporto in Toscana il 27 novembre a Grosseto

Dove vanno le ferrovie italiane e cosa sarà del  trasporto ferroviario locale? Sono domande che sorgono spontanee  quando assistiamo allo scambio di frecciate  fra l’amministratore delegato di FS Moretti e quello che si appresta a diventare il principale concorrente privato, Montezemolo, co-fondatore con Della Valle e Punzo, principali azionisti della società NTV nata con fondi lussemburghesi e treni prodotti in Francia, che viaggeranno con un  software francese. Domande cui solo una visione globale del trasporto nazionale all’interno di un sistema europeo integrato può dare risposte positive,  con un ribaltamento del rapporto che c’è oggi tra trasporto su strada e su rotaia ed anche su mare,ovvero più treni e navi e meno automobili e camions.

Il convegno che si terrà sabato 27  presso la sala del consiglio comunale di Grosseto sui trasporti della Toscana , promosso dal Movimento Bene Comune e dal Comitato di solidarietà dalla parte dei lavoratori e dei disoccupati , si preannuncia come una iniziativa utile a porre la questione dei trasporti  tra le priorità del nostro paese e a trovare  le soluzioni rispondenti agli interessi dei lavoratori del settore e dei cittadini .Riportiamo di seguito  il documento preparatorio a cura del Comitato di solidarietà .

Continue reading

La manovra governativa. I casi FIAT e ferrovia

trenitaliaLe manovre governative di tutta Europa, Italia inclusa, messe a punto per tenere sotto controllo i debiti pubblici, sono basate su nuovi tagli ai sistemi pensionistici e agli stipendi dei lavoratori del pubblico impiego, accompagnate da nuove politiche di dismissione dei settori economici pubblici a tutto vantaggio del potere finanziario (sono coinvolti non solo aziende e servizi pubblici ma anche, e in primis, il sistema pensionistico e quello sanitario). Lo scopo è quello di favorire la grande finanza e le banche, in grave difficoltà per i danni da esse stesse provocati ma che così vengono riversati sul paese e sui lavoratori.

Continue reading