Dietro il fenomeno dell’immigrazione e gli sbarchi sulle nostre coste

Se c’era un paese che aveva tutto l’interesse a costruire una politica pacifica di scambi commerciali e culturali con i paesi del Nord Africa e del Medio Oriente,questo è l’Italia. Ma poiché siamo alla fine in politica estera una colonia americana e si è mantenuta anche una risibile rivalità coloniale con Francia e Inghilterra e poiché nessun partito politico,di destra o di sinistra,ha avuto ed ha la volontà di rompere questo stato di cose e di prevedere quanto sta succedendo,adesso siamo in braghe di tela. Non solo non si è fatto niente per costruire un rapporto costruttivo con quei paesi cercando una strada autonoma ed europea,ma addirittura i nostri governanti di ieri e di oggi hanno collaborato e collaborano ad azioni politiche e militari che hanno portato allo sfascio la situazione politica in tutta quell’area. Se il governo poi pensa che le cose in futuro potranno migliorare con la presenza dei marines sulle nostre navi militari o ,come aveva pensato l’attuale ministro degli Esteri di utilizzare i droni in Libia,la situazione non potrà che peggiorare e il solco tra le due rive del Mediterraneo diverrà ancora più profondo.

Senza uno sviluppo economico nei paesi di cui abbiamo parlato la spinta ad emigrare sarà sempre più forte e del resto anche i giovani italiani che non trovano lavoro qui se ne vanno all’estero. Quindi bisogna rompere il cerchio con questa politica e con le nostre dipendenze internazionali,la soluzione è questa, a partire dalla richiesta in sede ONU della cessazione immediata di tutti i bombardamenti in Siria,Afghanistan,Iraq,Libia e da un piano di investimenti per dare lavoro ai giovani. E’ illuminante a questo proposito quanto disse in un discorso l’allora presidente Thomas Sankara del Burkina Faso ,paese dell’Africa Occidentale ,nel 1987 in una assemblea dell’Organizzazione per l’Unità Africana:

“ “Quelli che ci hanno prestato denaro, sono gli stessi che ci avevano colonizzato, sono gli stessi che gestivano i nostri stati e le nostre economie. Sono i colonizzatori che indebitavano l’Africa con i finanziatori internazionali che erano i loro fratelli e cugini, noi non c’entravamo niente con questo debito. Quindi non possiamo pagarlo. Il debito è ancora il neocolonialismo, con i colonizzatori trasformati in assistenti tecnici, anzi dovremmo invece dire “assassini tecnici”… Questi finanziatori ci sono stati consigliati, raccomandati, ci hanno presentato dei dossier e dei movimenti finanziari allettanti. Noi ci siamo indebitati per 50, 60 anni e più … il debito nella sua forma attuale, controllata e dominata dall’imperialismo, è una riconquista dell’Africa sapientemente organizzata, in modo che la sua crescita e il suo sviluppo obbediscano a delle norme che ci sono completamente estranee, in modo che ognuno di noi diventi schiavo finanziario, cioè schiavo tout court, di quelli che hanno avuto l’opportunità, l’intelligenza, la furbizia, di investire da noi con l’obbligo di rimborso. Il debito non può essere rimborsato prima di tutto perché se noi non paghiamo, i nostri finanziatori non moriranno, siamone sicuri, invece se paghiamo, noi moriremo, siamone ugualmente sicuri.”
Va ricordato che questo presidente,che aveva dato questo nome al suo paese che significa “terra degli uomini integri” e che era stato il primo presidente africano a gettare l’allarme sull’AIDS,venne poi fatto uccidere in un colpo di stato.
La redazione

La visione di un mondo multipolare è la chiave per un futuro possibile

La linea di un mondo multipolare unisce Iran, Turchia e le repubbliche ex-sovietiche dell'Asia Centrale

La linea di un mondo multipolare unisce Iran, Turchia e le repubbliche ex-sovietiche dell'Asia Centrale

Ascoltando le unanimi opinioni in merito all’Afganistan di La Russa, Fassino e le disquisizioni di Frattini viene spontaneo pensare perché si formano certe idee o meglio cosa nascondono.

Mentre in Afganistan Karzai apre un terreno di discussione con i Talebani per porre fine alla guerra e annuncia: “Via gli army contractors entro la fine dell’anno”, da noi si parla di armare gli aerei del contingente italiano con bombe (ovviamente da usare).  Si precisa che il ritiro delle truppe dell’ISAF è condizionato dall’esito delle trattative con i Talebani moderati. Creando così delle discriminazioni  e degli ostacoli che intralciano il processo di pace.

Continue reading