La questione dei vitalizi dei parlamentari (ma anche di alti burocrati e managers) e la politica italiana

di Andrea Acierno

 

ovvero la mancanza di iniziative del governo per una politica del lavoro che il job’s act non ha risolto

In questo periodo estivo di dibattiti televisivi la questione dei vitalizi dei parlamentari pone al contempo, tra i giovani, i lavoratori e probabilmente tra la maggioranza degli italiani, la questione del lavoro che non c’è, quindi la mancanza di un reddito.

La logica dell’eliminazione dei vitalizi in modo retroattivo (ricordiamo che nel 2012 erano stati modificati introducento il metodo contributivo) fa saltare subito agli occhi che la manovra per arginare la crisi economica, fatta per l’appunto dall’ex governo tecnico di Monti nel 2012, non sia stata sufficiente a tamponarla, tutt’altro. Questo bisognerebbe ricordare a chi ora ne dibatte. Bisognerebbe ricordargli anche che, alla modifica dei vitalizi per i parlamentari, fu affiancata immediatamente, dal primo gennaio 2012, la famigerata legge Fornero che colpiva indiscriminatamente tutti i pensionati italiani (che nelle intenzioni di loro stessi, sostenitori della legge, poteva avere, in questo modo, una sua giustificazione).

Se dunque la crisi economica persiste e si accentua da allora, pare strano che, in questi dibattiti televisivi, non si senta menzionare che il debito pubblico è in continuo aumento a causa degli interessi maturati su di esso e che occorrono altre risorse per compensarli (… e per soddisfare gli appetiti della grande finanza speculatrice a livello globale). Non si dice ma per questo occorrono, anche oggi, delle motivazioni che giustifichino le operazioni future da far tirare ancora la cinghia al popolo: occorre un “Cavallo di Troia”!

Infatti le dichiarazioni del presidente dell’INPS Boeri sull’equità sociale, “vestendosi” da primo ministro, non lasciano dubbi: togliere in modo retroattivo i vitalizi ai parlamentari prepara il terreno per tagliare anche la vecchia pensione retributiva per milioni di lavoratori dipendenti e far passare l’operazione come un modo per evitare discriminazione economica con i futuri lavoratori a cui si applica il metodo contributivo (che si ritroveranno con pensioni ridotte di quasi la metà di quelle attuali). In questo si nasconde il fatto che il sistema retributivo si è mantenuto negli anni in equilibrio e che altre sono state le cause che hanno messo in difficoltà le casse dell’INPS,dall’inglobamento di altri fondi pensionistici in disavanzo,dai bassi salari degli ultimi decenni,dal numero sempre maggiore del lavoro precario e a termine,nonchè da una parte di pensioni troppo elevate o concesse con pochi anni di lavoro.

Apparentemente sembrano misure di equità sociale ma è difficile in realtà mettere sullo stesso piano un parlamentare, un manager pubblico o privato che sia, un giornalista “quotato” dai maggiori organi di stampa, e un lavoratore salariato, ora in pensione, che paga la pigione tutti i mesi e che sostenta i figli ancora senza lavoro!

Potrebbe essere giusto invece eliminare i vitalizi per i parlamentari, manager ecc. e portare le loro pensioni al livello dei salari operai .Come rappresentanti del popolo o di aziende sarebbero sicuramente sufficienti anche per loro le agevolazioni di cui godono contrattualmente i dirigenti sindacali e le spese necessarie a piè di lista per spostamenti e convegni.

Fa male perciò il M5S a dire “scurdammece ‘o passato e a vantarsi di fare voce comune col PD, senza un’analisi più approfondita con lavoratori, vecchi pensionati e giovani precari, sulla “proposta Richetti”, allineata a quella di Boeri.

Addirittura sembra di tornare indietro nel tempo, al periodo craxiano della fase di “mani – pulite”, in cui ad alcuni parlamentari “mariuoli” e alla politica delle mazzette versate nelle casse dei maggiori partiti l’ex presidente del consiglio faceva corrispondere la stessa mentalità degli italiani!

Questo modo di fare politica, facendo di tutta l’erba un fascio, sembra proprio che guardi indietro e non avanti. Non tiene conto di un passato fatto di lotte e di conquiste positive per il lavoro che non si dovrebbero modificare in peggio, ma farle divenire patrimonio dei giovani di oggi. Infatti il miglioramento sociale e il benessere guardano in avanti non indietro: i paletti sono fissati al punto di progresso raggiunto da cui ripartire. Perciò se è bene, come già detto, eliminare i vitalizi e non certo le pensioni dei lavoratori salariati, il passo in avanti non è portare le pensioni al sistema contributivo anche per i lavoratori che ricevono la pensione calcolata con il metodo retributivo,cioè in base alla media degli ultimi anni lavorativi,ma esattamente il contrario,e cioè estendere i salari e sistema retributivo ante Dini alle nuove generazioni di lavoratori, questo è il modo di fare equità.

La logica dell’eliminazione dei vitalizi quindi appare solo come una maschera sotto cui si cela non l’equità sociale ma la mancanza di risposte politiche ad una crisi economica reale (che è bene ricordare partita dagli USA nel 2007, cioè dalla potenza economica e militare simbolo del capitalismo globale) e perciò nasconde il fatto, ancora più ambiguo, che in tempi di crisi economica tutti devono fare sacrifici a iniziare, per una questione di etica, con “l’esempio positivo” che i politici danno di se stessi con l’abolizione dei loro privilegi pregressi. Quale migliore esempio dare se non che i primi a sacrificarsi sono gli ex “rappresentanti del popolo” che non sono più in politica? Solo che una parte di essi ci va raccontando, sempre nei dibattiti televisivi, che ciò è finalizzato al fatto che ogni cittadino, per l’ennesima volta, si rassegni e accetti di fare i suoi sacrifici. Quindi il re è nudo, i sacrifici sono riferiti essenzialmente alle masse: cioè alle attuali e future generazioni. Peccato che in questo modo questa politica contraddice di nuovo i messaggi propagandistici di graduale uscita dalla crisi dell’ex primo ministro Renzi, del suo ministro economico Padoan, di Monti e Letta che l’hanno preceduto e di Gentiloni che lo segue, compreso l’ex presidente della repubblica Napolitano, che avviò questa fase con i governi tecnici. Pare che ora invece abbiano bisogno di raschiare di più il barile per racimolare quattrini con norme retroattive di calcolo pensionistico: chi se ne frega dei privilegi di quattro ex politici moribondi, la cosa importante è riuscire a mettere le mani nelle tasche di quei ex lavoratori in pensione col sistema retributivo i cui assegni INPS, sommati tutti insieme, corrispondono a milioni di euro annui.

Aprendo gli occhi è bene che si sappia, quindi, che la crisi economica e la vita precaria delle nuove e future generazioni, dagli atti che si accinge a fare il governo con alcuni dei maggiori partiti, si protrarranno nel tempo senza poter prevedere le prospettive e quali conseguenze porteranno.

Se così è bisogna anche prendere atto che chi ci rappresenta a livello politico altre formule non ne ha, tranne quelle tampone che ci ripetono dalla TV. Per questo sarebbe necessario ricordare a questi signori che le nuove generazioni, come quelle del passato, si aspettano un futuro migliore, non peggiore.

La nostra società è andata avanti con il lavoro e lo sviluppo: potremmo sapere che idea hanno lor signori sul lavoro? E’ questa una questione che non viene posta quando si parla dei vitalizi.

In proposito cosa si pensa di fare di fronte alle nuove tecnologie (industria 4.0) che cambieranno il sistema produttivo?

Il nostro Paese ha una politica economica indipendente di difesa delle proprie risorse e conoscenze?

Quale politica sta attuando l’Italia nell’Unione Europea per un sistema coordinato sul lavoro, fisco ecc. in modo da equilibrarci con gli USA? In alternativa si pensa che forse si si possa vivere di autosufficienza (confidando nel fatto di non essere maciullati da chi ha i mezzi economici e militari per farlo)?

Ad essere più obiettivi pare che l’Europa unita sia la risposta più seria per dare risposte alla questione lavoro: purtroppo occorre anche rilevare che mancando una vera spinta in questa direzione da parte dei nostri “rappresentanti”, le colpe sono tutte nostrane.

Può essere la sola speculazione finanziaria globale di stanza a Wall Street a decidere il rapporto tra le aree forti e deboli del pianeta quando la popolazione ha superato i 7 miliardi di persone?

Detto questo e con questi interrogativi la politica italiana basata da quasi sempre sul primato morale, peraltro senza mai riuscirci, è una politica sbagliata che, con la sola abolizione dei vitalizi pregressi, non pare destinata a risollevarsi dalle secche della crisi economica se allo stesso tempo non sa cosa fare sul lavoro: in breve ciò vorrà dire non solo che si lasceranno le cose così come stanno ma che peggioreranno anche le condizioni di vita di tutti gli italiani .

Purtroppo i nodi mai affrontati del lavoro e dell’Europa stanno venendo al pettine e non potranno certo essere sciolti dalle risposte raffazzonate, o del solito tirare a campare dei nostri “politicanti”, sui vitalizi retroattivi, senza proposte di altri cambiamenti per la società (difatti da quando li abolirono, nel 2012, poche persone se ne sono accorte in Italia, stante il contemporaneo peggioramento pensionistico realizzato dalla legge Fornero).

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *