La Catalogna è un problema europeo

Di Iglis Restani

Quanto sta avvenendo in Catalogna desta grande preoccupazione.Non è compito di questo articolo analizzare la validità delle rivendicazioni di indipendenza del governo regionale di Catalogna che rimanda alla storia della formazione del regno di Spagna nel ‘500’ con la prevalenza della Castiglia sulla corona di Aragona e Catalogna fino alla nuova Costituzione del 1978 e ai giorni nostri. Ciò che interessa qui mettere in risalto è il problema di dove sta portando la questione catalana non solo riguardo la Spagna ma di riflesso per l’intera Europa.E quindi si pongono alcune domande : era questo,è questo il momento in Europa di porre le questioni legate all’autonomia o indipendenza all’interno degli stati nazionali attuali? E’ questa la soluzione ai problemi generati dalla globalizzazione? E’ questo che serve oggi ai popoli europei per il loro futuro o serve invece uno sforzo comune per uscire dalla crisi economica imponendo ai governanti europei un cambiamento sostanziale di linea politica ?

Alla luce di queste domande,indipendentemente dai i giudizi sull’operato del governo centrale spagnolo e sul retaggio di autoritarismo ereditato dal franchismo di cui questo viene accusato,l’azione del governo regionale catalano ora destituito non si pone sul versante giusto.Ci sono momenti in cui l’interesse particolare deve fare posto all’interesse generale e oggi sono molti e molto importanti i motivi per cui in Europa occorre guardare agli interessi generali.

Perciò occorre trovare una soluzione ragionevole in Spagna rinviando a tempi futuri la questione della creazione di uno stato sovrano in Catalogna, senza questa soluzione prenderebbe più forza una serie di rivendicazioni locali già iniziata da tempo per cui ogni minoranza nazionale o linguistica avrebbe sicuramente una qualche ragione per chiedere l’indipendenza e il cui unico risultato politico nell’attuale situazione di metà del guado in cui si trova la Unione europea sarebbe la disgregazione di quel poco di unità creatosi tra i paesi che ne fanno parte.

Non è certo a caso che un ministro belga abbia fatto una dichiarazione di accoglimento del presidente Puigdemont e che abbia voluto nell’occasione ricordare le differenze tra valloni e fiamminghi,come se ci fosse una strategia generale per mettere assieme le forze che si oppongono all’unità europea. Nello stesso tempo l’arresto dei ministri catalani rimasti a Barcellona e la richiesta di arresto europeo per quelli trasferitisi in Belgio non contribuisce certo a trovare quella soluzione ragionevole di cui si parlava.

Come detto ogni regione o minoranza nazionale può trovare ragioni di malcontento riguardo agli stati nazionali o verso uno stato sovranazionale quale potrebbe diventare l’UE.La costituzione degli stati nazionali in Europa è avvenuta in tempi diversi,nei paesi in cui si costituirono dopo la rivoluzione francese essi rappresentarono la vittoria della borghesia industriale nascente sulla aristocrazia ponendo fine ai vecchi imperi che la componevano ,imperi che si basavano su di una economia arretrata e sulla sottomissione dei popoli.In questo processo politico avvenuto attraverso guerre anche i popoli hanno combattuto per sconfiggere l’assolutismo degli imperi e per l’unità nazionale pur se la borghesia ha poi raccolto i frutti di queste lotte.Tuttavia in questo nuovo dominio di una classe sulle altre molti problemi sono rimasti irrisolti ma gli stati nazionali sono stati un passo in avanti rispetto agli staterelli e alle province degli imperi .

In altri paesi come la Spagna invece i latifondisti invece hanno mantenuto a lungo la supremazia politica utilizzando per secoli i proventi che arrivavano dalle colonie in SudAmerica ,questo spiega la piega particolare presa nei contrasti tra la Catalogna che è la regione più industrializzata di Spagna con il governo centrale di Rajoi.

Qual’è la allora rivendicazione principale del governo regionale della Catalogna ?

Secondo il presidente Puidgemont la Catalogna versa allo stato centrale molti più contributi di quelli che riceve in cambio con i servizi perciò intende gestire autonomamente le proprie risorse .Se è questo il motivo,ovvero se non sono altri e non dichiarati i motivi che hanno portato al referendum ed alla dichiarazione d’indipendenza,occorre dire che il conflitto fra zone più sviluppate e zone meno sviluppate in uno stesso paese fa parte delle contraddizioni dei paesi capitalisti.

Non è certo da oggi che alcune regioni si sviluppano di più e meglio di altre proprio perché il capitalismo si sviluppa in modo ineguale e non è da oggi che l’apparato burocratico che si crea negli stati capitalisti fa sì che si formino corruzione,sprechi,clientele e che non vi sia una distribuzione equa delle risorse. Questo non avviene soltanto in Catalogna ma più o meno in tutti i paesi europei ed è un fatto reso più acuto dalla crisi generata dalla globalizzazione,ma pensare di risolvere il problema con l’uscita dagli stati nazionali è semplicemente illusorio.

Perciò l’uscita della Catalogna dalla Spagna non è una soluzione per i catalani.Ma non è una soluzione per nessuno dei paesi che compongono l’Unione Europea.Non esiste infatti soltanto la questione catalana in Europa.Abbiamo avuto l’uscita della Gran Bretagna dalla UE grazie anche a una sciagurata scelta politica del governo Cameron e questo,detto per sfuggita,richiama il problema che abbiamo anche in Italia della mancanza di dirigenti politici capaci e con la testa sulle spalle.Abbiamo poi visto l’aumento elettorale di partiti che non fanno mistero di voler uscire dall’Europa,dopo il caso Catalogna potremmo avere il contrasto tra fiamminghi e valloni in Belgio. In Italia abbiamo un partito,il 5 Stelle, che potrebbe risultare primo alle elezioni e che mantiene una pericolosa ambiguità sulla questione Europa tanto è vero che alle recenti elezioni europee aveva cercato l’apparentamento con un partito antieuropeo .

Abbiamo poi avuto poco tempo fa dei referendum consultivi sull’autonomia in due delle regioni più industrializzate,Lombardia e Veneto.Che sbocco politico potranno avere questi referendum?A suo tempo lo slogan “Roma ladrona” esprimeva una protesta contro gli sprechi e i privilegi della burocrazia di stato,slogan che coglieva però solo l’aspetto della burocrazia ministeriale ma che non metteva in discussione il sistema in quanto tale.In seguito il PD cercò malamente di cavalcare la questione federalismo producendo nel 2001 una riforma della parte della Costituzione che riguarda le regioni che ha creato confusione su confusione per arrivare poi alla catastrofe del referendum costituzionale dell’anno scorso . Non pare proprio che in tutti questi anni gli sprechi ed i privilegi siano diminuiti,in realtà il debito pubblico è aumentato,i risparmiatori di numerose banche sono stati derubati e la disoccupazione giovanile resta altissima ma questo degrado non ha riguardato soltanto lo stato nazionale bensì anche la Lombardia e il Veneto,le regioni che hanno indetto i referendum per l’autonomia.Non possiamo non vedere infatti come anche in queste due regioni vi sia stata negli anni scorsi una forte delocalizzazione di produzioni,uno strapotere in alcuni casi di multinazionali straniere e un gioco di borsa di banche locali che ha derubato i risparmiatori.Così come non si può negare che questi referendum voluti dal centro-destra siano caduti alla scadenza della legislatura assomigliando tanto ad una risposta elettorale ai bonus di Renzi.

Nell’immediato una maggiore autonomia regionale può dare qualche risultato specie se attirando capitali dall’estero ma in prospettiva in mancanza di un sistema paese forte può portare quelle regioni ad una ancora più forte dipendenza dai paesi meglio organizzati.Inoltre la globalizzazione attuale ha creato concentrazioni finanziarie-industriali in grado di mettere in scacco anche paesi interi paesi,figuriamoci le singole regioni.In Italia oltretutto, se si va a vedere, ci sono province nella stessa regione che vanno bene ed altre invece arretrate .Cosa facciamo allora , anche una città che va bene e che non vuole aver niente a che fare con altre città della stessa regione se ne va in un altra regione diversa per formazione e cultura? E infatti abbiamo già qui da noi città che vogliono uscire da una regione per andare in un altra,per non parlare poi di chi vorrebbe staccare la Sicilia o la Sardegna dall’Italia,chi in Trentino vorrebbe andare con l’Austria e via discorrendo.Non si può considerare solo folclore che ci sia una lista per le elezioni regionali siciliane del 5 novembre che propone l’indipendenza della Siciia dallo stato italiano.

Perciò è necessario comprendere che nell’attuale situazione politica generale,in Europa ed in Italia, spingere sul tasto dell’autonomia e della separazione può portare a risultati del tutto opposti a quelli presentati alla popolazione e la disgregazione dell’Unione Europea.

E’ vero però che l’Unione Europea si era a suo tempo impegnata a favorire lo sviluppo economico per grande aree regionali in modo da mettere in risalto le eccellenze diverse delle varie regioni e riversare poi i benefici all’insieme dei paesi,un impegno che è stato in effetti messo da parte per il riemergere di una visione in cui ogni paese guarda ai propri interessi.Questa allora deve essere la richiesta politica da avanzare e non certo la frammentazione cui inevitabilmente portano i cosiddetti separatismi,occorre ma una politica concertata nel quadro europeo,l’unica che può trovare soluzione a problemi generalizzati quali la disoccupazione giovanile,l’emigrazione,la riconversione industriale,un corretto uso dei fondi regionali e,ritornando alla Catalogna,a correggere gli squilibri di sviluppo economico e di gestione della ricchezza prodotta tra regione e regione.

E non è vero che l’Unione Europea non può intervenire sulla Catalogna.Non può intervenire per quanto riguarda una questione statale interna alla Spagna,ma così come sono state introdotte regole sul deficit,sul sistema bancario,sugli scambi commerciali,non è certo impossibile stabilire altrettante regole riguardo alle autonomie delle regioni nei vari paesi sia per una giusta distribuzione delle risorse e sia per dare un ordine globale alle regioni in tutta Europa.Questo dovrebbe essere il giusto rapporto tra la Catalogna e Bruxelles o per altri casi simili.

Una vera soluzione ai propri problemi che affliggono oggi i giovani ed i popoli europei si può trovare solo unendo le proprie forze e non dividendosi, addirittura con la minaccia della violenza, fra catalani, toscani, valloni, fiamminghi, padani, siciliani e giù di seguito.Questo non esclude, ed anzi richiede, di impegnarsi nella lotta per un vero cambiamento delle istituzioni attuali della UE e dei singoli stati che la compongono; e questi cambiamenti devono garantire una vera partecipazione democratica alle decisioni politiche; un vero decentramento, che non deve voler dire frammentazione; questa condannerebbe l’Europa ad essere succube di grandi potenze straniere come lo è da dopo la seconda guerra mondiale.

Tirare fuori i popoli europei dalla crisi,aumentare i posti di lavoro,rafforzare i rapporti pacifici con gli altri continenti ,adottare un sistema sociale più democratico ,queste sono le questioni da affrontare e risolvere positivamente con una assolutamente necessaria ripresa delle lotte sociali.Solo allora si potrà ragionare con calma alle questioni che riguardano la composizione storica degli stati e trovare le giuste soluzioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *