Cresce in Europa l’opposizione alle regole del trattato commerciale tra USA e UE che favorirebbero le grandi multinazionali

Il vicecancelliere tedesco,sig. Gabriel,ha chiesto recentemente agli USA,secondo quanto riporta un quotidiano economico italiano,di togliere nelle trattative per il trattato commerciale tra USA e UE,noto come Ttip,la clausola che permetterebbe alle multinazionali di ricorrere ad un arbitrato internazionale contro gli stati che,sempre secondo le multinazionali,ostacolino la concorrenza. Ora non sappiamo quanto questa richiesta voglia tutelare la sovranità dei paesi europei o quanto tutelare le multinazionali del paese del vicecancelliere ovvero la Germania,vedi la Thyssen-Krupp in questi giorni alla ribalta per i licenziamenti a Terni e per il pestaggio dei lavoratori a Roma.
 Sta di fatto che,se questa clausola fosse approvata,le multinazionali avrebbero potere di opporsi alle decisioni degli stati e dei governi eletti dai cittadini europei e che questi ultimi,attraverso referendum o altre azioni,non potrebbero nemmeno far cambiare decisioni ai rispettivi governi qualora questi cambiamenti voluti dal popolo fossero in contrasto con le multinazionali.
   Ben venga dunque questa opposizione del governo tedesco che,a quanto pare,il nuovo commissario europeo Juncker intenderebbe far propria. C’è poi un altra questione che riguarda i rapporti USA-UE,la discussa tassa sulle attività di Google che utilizza proprietà inettellettuali europee per ricavarne profitti e su cui non versa le tasse in Europa.
Il nuovo commissario UE preposto al settore digitale Oettinger  ha nnunciato di essere favorevole alla Google tax.A suo tempo in Italia,il deputato del PD Boccia aveva proposto una bozza di legge per introdurre la Google tax ,poi messa in attesa,e Renzi aveva dichiarato che la questione andava affrontata a livello europeo.
  Bene,adesso il governo Renzi ha l’occasione e la piena possibilità di prendere posizione sia sulla clausola pro-multinazionali dl trattato commerciale USA-UE e sia sulla Googletax.
L’Italia ha motivi molto concreti per opporsi alla politica delle multinazionali,non è infatti un mistero che le grandi multinazionali americane puntano a conquistare settori in cui il nostro paese eccelle come quello agroalimentare e quello farmaceutico e dei prodotti per la salute.

One thought on “Cresce in Europa l’opposizione alle regole del trattato commerciale tra USA e UE che favorirebbero le grandi multinazionali

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *