Dietro il crollo di Banca Etruria e delle altre banche c’è anche il disagio dei dipendenti e il non controllo dei sindacati

di Roberto Bertini

C’è un aspetto da sottolineare riguardo il fallimento delle 4 banche e cioè il raporto tra i dipendenti delle banche ed i clienti.Abbiamo letto ad esempio sulla cronaca di Firenze del quotidiano La Repubblica del 17 dicembre il dramma dei 400 dipendenti della Banca Etruria.
Essi sono disperati perché non solo hanno comprato ma hanno anche fatto comprare a parenti ed amici delle obbligazioni che poi sono diventate carta straccia.
Speravano di fare a loro un favore ed invece li hanno rovinati.
In realtà non sappiamo fino a qual punto i dipendenti delle banche crollate non avessero coscienza di che cosa andassero vendendo ai loro clienti.
Intanto la CGIL è scesa in campo per definire “di matrice fascista” iniziative e aggressioni contro dipendenti di Banca Etruria avvenute a Cortona, a Siena e in altre città.
Quando sorgono dei problemi, per la CGIL, riemerge sempre il fantasma del fascismo. Bisognerebbe avvertire i dirigenti di questo sindacato che non è questione di fascismo; ci sono migliaia di cittadini arrabbiati perché hanno perso, perché qualcuno ha rubato a loro anche tutti i risparmi di una vita di lavoro e di sacrifici.
A loro volta i segretari della CISL e della FIRST-CISL di Firenze e di Prato hanno detto che da anni i lavoratori bancari sono oggetto di pressioni commerciali (cioè dei loro capi) che rendono l’ambiente lavorativo invivibile per chi si rifiuta di eseguire pedissequamente le disposizioni aziendali (cioè per chi non vuole truffare i clienti della banca).
Hanno aggiunto che le pressioni commerciali sconfinano in minacce di trasferimento e di demansionamento e che in alcune banche i “signori della finanza” hanno ingannato per primi i propri lavoratori che sono pressati a vendere prodotti come le famigerate obbligazioni subordinate, senza avere la consapevolezza di ciò che stanno facendo.
Sul sito internet della CISL gli stessi dirigenti sostengono che ormai da anni il sistema creditizio privatizzato richiede politiche bancarie fondate sul rendimento economico a vantaggio degli azionisti, in tempi brevissimi; ciò determina, forzatamente (qui sta il punto), la vendita di prodotti fortemente remunerativi per le banche a scapito della clientela.
Essi sostengono che da anni vanno dicendo e denunciando queste cose.
Tutte queste affermazioni di questi “sindacalisti”, se non riguardassero fatti che hanno conseguenze drammatiche, farebbero ridere a crepapelle.
E’ universalmente saputo che questi “sindacati”, soprattutto la CISL, sono pappa e ciccia con quei signori della finanza, con i dirigenti di questo sistema bancario di cui vorrebbero denunciare il comportamento. Anzi, basta vedere il loro sito internet, di questo essere pappa e ciccia fanno il loro vanto e il loro punto di forza per aumentare il loro peso specifico nel comparto bancario.
Essi non sono veri sindacati ma delle cordate clientelari, amicali e familistiche che disonorano il nome del sindacato.
Quante volte CISL, CGIL, UIL e le altre sigle di settore, hanno chiamato alla lotta i lavoratori bancari perché si ponesse fine, da parte delle direzioni delle aziende, alle pratiche ricattatorie? Zero!
Quando mai le loro denunce, attraverso la televisione e i giornali, ai quali hanno un notevole accesso, hanno raggiunto i cittadini e i risparmiatori? Zero! Tutto è rimasto a livello di mal di pancia.
Non basta dire “l’avevo detto!”. Un sindacato di lavoratori non è il postino dei lamenti dalla base al vertice. Quando occorre organizza le lotte e le denunce a tutto campo.
Non è il destino che impone ai lavoratori del settore del credito di dare delle fregature ai cittadini, ai risparmiatori (forzatamente); essi possono e debbono organizzarsi, insieme ai lavoratori degli altri settori, per costruire un vero sindacato, uno scudo a propria difesa, perché il proprio lavoro possa svolgersi in un quadro di legalità e di lealtà e quindi anche a tutela dei risparmiatori comuni.
Questo può essere un primo punto fermo per arrestare il banditismo economico, e non solo, che fa da padrone in questo frangente storico.

 

Cresce in Europa l’opposizione alle regole del trattato commerciale tra USA e UE che favorirebbero le grandi multinazionali

Il vicecancelliere tedesco,sig. Gabriel,ha chiesto recentemente agli USA,secondo quanto riporta un quotidiano economico italiano,di togliere nelle trattative per il trattato commerciale tra USA e UE,noto come Ttip,la clausola che permetterebbe alle multinazionali di ricorrere ad un arbitrato internazionale contro gli stati che,sempre secondo le multinazionali,ostacolino la concorrenza. Ora non sappiamo quanto questa richiesta voglia tutelare la sovranità dei paesi europei o quanto tutelare le multinazionali del paese del vicecancelliere ovvero la Germania,vedi la Thyssen-Krupp in questi giorni alla ribalta per i licenziamenti a Terni e per il pestaggio dei lavoratori a Roma.
 Sta di fatto che,se questa clausola fosse approvata,le multinazionali avrebbero potere di opporsi alle decisioni degli stati e dei governi eletti dai cittadini europei e che questi ultimi,attraverso referendum o altre azioni,non potrebbero nemmeno far cambiare decisioni ai rispettivi governi qualora questi cambiamenti voluti dal popolo fossero in contrasto con le multinazionali.
   Ben venga dunque questa opposizione del governo tedesco che,a quanto pare,il nuovo commissario europeo Juncker intenderebbe far propria. C’è poi un altra questione che riguarda i rapporti USA-UE,la discussa tassa sulle attività di Google che utilizza proprietà inettellettuali europee per ricavarne profitti e su cui non versa le tasse in Europa.
Il nuovo commissario UE preposto al settore digitale Oettinger  ha nnunciato di essere favorevole alla Google tax.A suo tempo in Italia,il deputato del PD Boccia aveva proposto una bozza di legge per introdurre la Google tax ,poi messa in attesa,e Renzi aveva dichiarato che la questione andava affrontata a livello europeo.
  Bene,adesso il governo Renzi ha l’occasione e la piena possibilità di prendere posizione sia sulla clausola pro-multinazionali dl trattato commerciale USA-UE e sia sulla Googletax.
L’Italia ha motivi molto concreti per opporsi alla politica delle multinazionali,non è infatti un mistero che le grandi multinazionali americane puntano a conquistare settori in cui il nostro paese eccelle come quello agroalimentare e quello farmaceutico e dei prodotti per la salute.