I sabati lavorativi allo stabilimento Electrolux di Susegana

Quote

Secondo le dichiarazioni alla stampa di dirigenti della multinazionale l’intenzione di questa sarebbe quella di “creare la Smart Electrolux,con la digitalizzazione,l’automazione intelligente,la produzione snella”,un vero paradiso per i lavoratori verrebbe da dire leggendo quanto riportato dalla Tribuna di Treviso .

Peccato che nello stabilimento che produce frigoriferi a Susegana e così negli altri tre stabilimenti del gruppo,i carichi di lavoro,i ritmi e la scarsità di personale abbiano prodotto un aumento enorme delle malattie professionali muscolo-scheletriche di cui ha dovuto occuparsi anche la ministra della sanità Lorenzin. Peccato che il reparto che avrebbe dovuto dare vita alla “fabbrica automatizzata “ di qualche anno fa sia diventato poi un semplice magazzino di stoccaggio.

Peccato che per sopperire all’attuale mancanza di personale l’azienda stia cercando con le buone e soprattutto le cattive di far lavorare anche al sabato per far fronte agli ordinativi.

E’ proprio l’intensificazione dello sfruttamento,la sordità totale della direzione aziendale alle richieste dei lavoratori di migliorare l’ambiente di lavoro, la mentalità antisindacale che ha portato al recente licenziamento di due delegati sindacali e a minacce ai lavoratori,che ha portato la stragrande maggioranza di questi a rifiutare, nelle assemblee che si sono tenute nei giorni scorsi, l’accordo sul lavoro nei prossimi mesi al sabato.

Da notare che a queste assemblee,organizzate evidentemente per la richiesta dell’azienda di far lavorare anche al sabato, l’apparato dei sindacati confederali si è presentato massicciamente con l’intenzionedi fare pressione psicologica sui lavoratori ed altrettanto massicciamente sono stati sconfessati.Questo fatto,lo sconfessamento dei sindacati confederali è però stranamente sfuggito alla stampa presente,il titolo di un giornale locale,la prima citata Tribuna ,era “Straordinari di sabato,si va verso l’intesa “il titolo e sottotitolo “ E’ slittato il voto sulla proposta aziendale “ e su Il Gazzettino,ancora peggio,” Electrolux ok degli operai allaccordo “,quest’ultimo articolo che si può considerare dal contenuto un comunicato della CGIL di Treviso .Infatti i sindacati confederali si presenteranno nella sede della Confindustria a Mestre il 26 per stendere un accordo che poi cercheranno di far passare in fabbrica.

C’è da chiedersi:se i lavoratori hanno già respinto nelle assemblee quel tipo di richiesta dell’azienda,con quale mandato allora le direzioni sindacali si incontrano in una riunione a porte chiuse con la direzione Electrolux?

La multinazionale Electrolux sta in realtà giocando sulla pelle dei lavoratori italiani,utilizzando sgravi fiscali ,la riduzione d’orario quando le serve pagata dai cosiddetti contratti di solidarietà e altre agevolazioni.In cambio di cosa? In cambio di un accordo che prevede il mantenimento della produzione in Italia soltanto fino a marzo dell’anno prossimo cioè con il ricatto occupazionale.

E invece ciò che in definitiva chiedono i lavoratori è un piano che assicuri sviluppo,nuove assunzioni in numero consistente e a tempo indeterminato,mentre,come leggiamo in un volantino distribuito prima delle assemmblee dalla Confederazione Unitaria di Base “ Da tempo la politica aziendale vive del giorno per giorno,senza un’idea del domani,un progetto di sviluppo e crescita “.

Il gioco che fa Electrolux dura da alcuni anni senza che il governo e le regioni interessate,Lombardia,Veneto,Emilia-Romagna,Friuli-Venezia Giulia,abbiano fatto valere le ragioni dei lavoratori italiani e dello stato italiano su cui sorgono gli stabilimenti .Senza che il ministero allo sviluppo economico sia andato a vedere come sono state utilizzate le agevolazioni e quale sia stato l’operato dei dirigenti dell’azienda .Molti dei recenti fallimenti industriali del gruppo sono ri riconducibili ad errori evidenti della direzione aziendale che poi scarica questi errori sui lavoratori ed andrebbero quindi rimossi.Il governo italiano non fa valere gli interessi non solo dei lavoratori ma neanche quelli nazionali.

Lo strapotere delle multinazionali,in qualunque paese abbiano sede,non può andare contro uno standard minimo di salario ,di posti di lavoro, di condizioni di lavoro ,questo è di fatto il significato della lotta dei lavoratori dell’Electrolux,lotta che richiede l’adesione da parte degli altri lavoratori perché se passa una certa linea nei grandi stabilimenti il resto della produzione industriale si uniforma a questo. I sindacati confederali ,la loro politica,non sono stati in grado di contrastare questo potere e anzi ,come in questo caso,diventano lo strumento per far accettare ai lavoratori accordi peggiorativi nell’immediato e senza prospettive per il futuro.

Piergiorgio Tiboni , fondatore della Confederazione Unitaria di base,ci ha lasciati

Quote

Si è spento a Milano sabato scorso Piergiorgio Tiboni,fondatore della Confederazione Unitaria di Base.Il grande merito di Piergiorgio è stato aver posto il problema alla fine degli anni 80 di costruire un nuovo sindacato a difesa dei lavoratori dopo la deriva completa dei sindacati confederali CGIL-CISL-UIL. Problema che è tuttora all’ordine del giorno nonostante i tentativi di questi di recuperare credibilità con la questione dei voucher.

La crisi finanziaria partita nel 2007 ha avuto come conseguenza la distruzione di milioni di posti di lavoro e una precarizzazione ormai generalizzata cui occorre opporre rimedio con una lotta popolare per massicci investimenti e per posti di lavoro che diano un salario dignitoso ed una pensione altrettanto dignitosa.Le nuove generazioni in particolare vengono private e dell’uno e dell’altra. L’insegnamento che ci lascia Piergiorgio Tiboni è quello di lavorare per un sindacato la cui ragione costitutiva siano gli interessi presenti e futuri dei lavoratori e che ottenga accordi che non vadano mai a discapito di quegli interessi. Il miglior modo di salutarlo è quello di continuare a lavorare per quell’obbiettivo.

                                                                                                   La redazione

A: “C.U.B. Nazionale”<cub.nazionale@tiscali.it>
Cari compagni e compagne,
a nome di tutti i compagni e militanti vi esprimo il nostro sincero dolore per la perdita del compagno Piergiorgio Tiboni; siamo vicini ai familiari, alla CUB, ai suoi iscritti.
Il compagno Tiboni nella sua attività di fondazione e direzione della CUB ha sempre dato un’impronta di fermezza e coerenza nella lotta di classe, anche nei momenti più difficili.
La CUB si è sempre schierata in difesa del mondo del lavoro e dei più deboli: precari, immigrati, avvelenati dall’amianto; a differenza di altri non ha mai firmato accordi che compromettono la libertà di espressione e di sciopero; si è battuta contro le guerre fomentate dall’imperialismo e per un aperto e sincero dibattito tra i movimenti per l’alternativa sociale.
Siamo certi che i compagni dirigenti e militanti della CUB e delle sue organizzazioni continueranno questa eredità politica e sindacale con lo stesso slancio e fiducia di Piergiorgio verso le masse lavoratrici e popolari.
Osvaldo Pesce
Milano, 19 marzo 2017