Lo scivolone di ” Carta bianca” su Rai 3

Quote

QUALI INTERESSI DIETRO L’INFORMAZIONE TELEVISIVA?

di Andrea Acierno

Se c’è qualcosa che può far irritare i telespettatori nei dibattiti televisivi è la faziosità utilizzata nei confronti degli ospiti, con i quali non viene utilizzato lo stesso metro di paragone e lo stesso rispetto in rapporto alle opinioni che esprimono. Tale appare, come esempio di questa faziosità, una recente trasmissione di “ Carta Bianca” condotta da Bianca Berlinguer.

Nel programma televisivo anzidetto gli ospiti erano Oscar Farinetti, patron di Eataly, e Nicola Porro, ex conduttore su Rai 2 di “Virus – il contagio delle idee” poi passato a condurre Matrix su Canale 5. Come parte del pubblico, intervenuto poi nel dibattito, invece la giovane ricercatrice di economia e scienze politiche a Parigi Marta Fana.

A livello economico gli ospiti esprimono tre diversi livelli di “ricchezza” e di conseguenza tre livelli sociali: Farinetti padrone di Eataly e ricco capitalista, Porro giornalista ben pagato, che vedremo schierato dalla sua parte (10.000 Farinetti… esclama con forza!), infine Marta Fana, ricercatrice, che rappresenta il modo di esistenza dei giovani di oggi, con poco salario o nullo e precari, molti dei quali cercano il lavoro fuori dall’Italia, perché da noi non c’è posto per loro.

Tutto bene finché Farinetti, col suo facciotto sorridente e rassicurante, ha sprigionato ottimismo da tutte le parti, benefattore di lavoro per tanti suoi giovani dipendenti ed in lotta perenne contro gli oziosi e la burocrazia ( en passant: quella stessa burocrazia che gli ha consentito, in mezzo alle polemiche, l’apertura di un negozio dentro la Fiera del Levante, a Bari: dapprima per l’assenza di alcune licenze, poi perché i sindacati fanno notare che la quasi totalità dei dipendenti è stata assunta con contratti interinali, andando contro la legge Biagi che prevede che aziende con più di 50 dipendenti non possano avere più dell’8 % dei contratti di questo tipo).

Tutto male quando è intervenuta la ricercatrice Marta Fana che ha illustrato il “lato B”, quello nascosto, della facciotta sorridente di Farinetti, evidenziando i contratti precari, il lavoro non pagato e addirittura il controllo delle borse dei dipendenti a fine turno di lavoro: un vero vampiro!!

E’ “dovuto” immediatamente scendere in campo il “giornalista” Porro a difesa del patron (10.000 Farinetti…) con esclamazioni di ripudio per la ricercatrice ma mostrando, allo stesso tempo, di non essere informato delle inchieste già svolte da Marta Fana: alla faccia dell’informazione libera, democratica e pluralista…..che si deve fa per campà!

Ma silenziosa è stata la stessa conduttrice Bianca Berlinguer che alla replica velenosa di Farinetti, imperniata tutta sulla querela e non sulle risposte alle “rivelazioni” della Fana, non ha contrapposto un suo intervento di moderatrice per esigere un poco di rispetto per le opinioni espresse dal pubblico.

Sembrava infatti che dal suo alto “lignaggio” di padrone delle ferriere, dal visone divenuto ormai quasi idrofobo, tutto può essere concesso, fino a concedergli un linguaggio quasi offensivo nei confronti di Marta Fana: …. Non ricordo il nome della signorina…. (stava pensando forse ad un altro aggettivo qualificativo anziché a quello di ricercatrice?). Probabilmente dal punto di vista di Farinetti qualche ragione c’è: quella “signorina” di misero salario, a confronto dei suoi miliardi di profitti, non può fargli le pulci. Dimentica però Farinetti che i ranghi da sangue blu del medio evo non ci sono più e che lui nobile non lo è, ma deve sottostare alle regole del capitalismo come i suoi dipendenti salariati. Con ciò la critica di Marta Fana ha tutti i suoi motivi per pretendere una risposta.

Come detto la Berlinguer non è intervenuta né per chiedere al Farinetti un minimo di risposte né per precisargli il ruolo di ricercatrice della Fana e dei suoi scritti in proposito, motivo per cui è stata invitata al suo programma, né tantomeno gli ha chiesto un minimo di rispetto per la professionista, liquidata con spavalderia come “signorina”.

A denti stretti si potrebbe dire: fortuna che siamo su Rai 3 che, negli ambienti della lottizzazione, è considerato quello più a sinistra!

Evidentemente, come si afferma anche nel blog Wu Ming che ha dedicato un articolo interessante sulla puntata di Carta Bianca, continuano ad esserci le classi sociali, compresa quella dei pennivendoli, che pur trasformandosi nella composizione non sono mai scomparse, a dispetto di quello che dicono certi opinionisti politici e gli ottimisti (del proprio tornaconto) alla Farinetti.

Quindi e purtroppo anche certa informazione cosiddetta pluralista serve ad addomesticare un’opinione pubblica che già sta cercando percorsi politici diversi da quelli dei partiti tradizionali e che le altissime astensioni al voto delle comunali di ieri 25 giugno hanno confermato, nel solco che già si sta tracciando a livello europeo. La speranza è che i nuovi percorsi politici siano più idonei ad affrontare la crisi economica che stiamo attraversando: una crisi per niente superata e a cui la vecchia politica non è riuscita a dare una risposta soddisfacente per i popoli.

La presentazione a Milano del liquore millenario Wuliangye e i rapporti commerciali e di amicizia con la Repubblica Popolare Cinese

Quote

 

test

LA ‘CINTURA’ E LA ‘VIA’

Milano, centro economico dell’Italia e sede di una forte comunità cinese, sta diventando approdo per le imprese cinesi in Europa (anche grazie a Expo); si è svolta qui una tappa del viaggio “lungo la ‘cintura’ e la ‘via’”: una iniziativa dell’agenzia giornalistica Nuova Cina, il maggiore organismo di comunicazione di massa di quel paese, nell’ambito del grandioso progetto di “Nuova via della seta” promosso dal governo cinese e dal presidente Xi Jinping.

Si tratta di rinsaldare un legame non solo economico ma culturale, scientifico e politico, tra Cina ed Europa, che coinvolga i paesi e le civiltà lungo il percorso. Proprio come fu l’avventura di una vita del veneziano Marco Polo, questo legame è inteso in entrambe le direzioni, come scambio di conoscenze e scoperta delle eccellenze reciproche; tra quelle tradizionali della Cina (sete, porcellane, tè, arti marziali, calligrafia), data la cultura del vino propria dell’Italia, a Milano è stato presentato un liquore millenario, il Wuliangye.

E’ un distillato chiaro prodotto in un solo stabilimento nella sola città di Yibin (Sichuan), scelta per la qualità delle sue acque, è ottenuto dalla fermentazione di cinque cereali ad opera di più di cento microorganismi; è, con il MouTai, elemento fondamentale del rito cinese del bere – il baijiou – accompagnato al pasto nell’accoglienza degli ospiti e nelle trattative d’affari.

Non è un caso che la presentazione, accompagnata dall’esecuzione di pittura e musica tradizionali, sia avvenuta non in un ente preposto al commercio, ma nell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, a Palazzo Clerici, in uno splendido salone affrescato dal veneziano Tiepolo.

Nella sua visita in Asia centrale e sud-orientale (settembre-ottobre 2013) il presidente Xi Jinping lanciò l’iniziativa di costruire insieme la Cintura Economica della Via della Seta e la Via Marittima della Seta del 21° Secolo; per il premier Li Qekiang occorre creare propellenti strategici per lo sviluppo dell’hinterland di entrambe. Il progetto per la Cintura e la Via potrà integrare le strategie di sviluppo dei vari paesi mediante consultazioni reciproche, dando impulso alla prosperità e cooperazione regionale nei paesi interessati, rafforzando gli scambi e le conoscenze tra civiltà diverse, promuovendo la pace e lo sviluppo.

Spetta all’Italia e all’Europa, terminali storici della Via della Seta terrestre, cogliere questa opportunità strategica.