Ma chi ha vinto davvero in Sicilia e a Ostia?

Quote

di Paola D’Angiolini

Le polemiche sulle elezioni recenti non sono ancora terminate ,considerando l’approssimarsi delle elezioni nazionali.Ci si chiede quindi :ma chi ha vinto ?

In Sicilia ha votato solo il 46,76% degli aventi diritto; l’astensione di massa peraltro non è nuova nell’isola, già nel 2012 aveva votato il 47,41% degli elettori.

Questa minoranza ha premiato il centrodestra, che ha messo in lista vari “impresentabili” ” per corruzione e collusioni mafiose. Puntualmente c’è stato il primo arresto di un eletto subito dopo il voto.

Ostia potrebbe sembrare un caso secondario, è solo uno dei municipi di Roma, ma è specchio della condizione generale della capitale, preda della corruzione e del degrado. Dopo le dimissioni del presidente PD del municipio, poi arrestato per Mafia Capitale, e un commissariamento di due anni (troppo pochi per fare pulizia, secondo il commissario prefettizio), si è avuta un’astensione ancora maggiore che in Sicilia, ha votato il 36,15%, circa un elettore su tre.

I media hanno ammesso la vittoria dell’astensione, per dimenticarsene subito dopo e oscurarne l’importanza. E’ ingannevole parlare di presidenti, deputati e consiglieri eletti “democraticamente” da frazioni di minoranza: la democrazia borghese è alle corde.

Il popolo è nauseato dai politicanti, non crede più nei partiti e nemmeno nella possibilità di dire la sua sulle politiche e i programmi dei governi; l’esperienza di tanti decenni gli dà pienamente ragione. Questo è il dato politico più importante.

I partiti fanno finta di niente e si preoccupano delle prossime tattiche: con il pasticcio di legge elettorale nazionale diversa tra Camera e Senato, con diversi premi di maggioranza per singoli partiti e per coalizioni, probabilmente tutti i politicanti stanno facendo calcoli frenetici.

I 5 stelle si rammaricano per l’astensione siciliana, che speravano di intercettare a proprio favore; hanno l’amaro in bocca perché hanno lavorato tre mesi, coinvolgendo Di Maio, Di Battista, Grillo per un’affermazione che fosse preludio alla sognata vittoria elettorale nel 2018, ma ormai anche loro non convincono più.

La prima conseguenza è stata che Di Maio ha annullato la sua sfida televisiva a Renzi, che non è più il rivale da battere. Certo il PD arriva terzo, e piuttosto ridimensionato, in questo confronto tra voti minoritari. Ogni corrente confabula a parte mentre si fa appello al dibattito aperto, all’ “unità a sinistra”, un’etichetta sempre più vaga e inutile che non inganna più i delusi da una politica antipopolare.

Salvini ha collaudato la Lega non più Nord con la nuova presenza di eletti al Sud, facendo leva sul fatto che l’ondata migratoria nel Mediterraneo è inarrestabile e incontrollabile, e sulla paura degli italiani riguardo al futuro loro e del paese.

A Ostia è avvenuta la prima affermazione elettorale dei fascisti di CasaPound, ben il 9% sul 36% (un quarto di un terzo degli elettori), sostenuta da molti soldi (società, ristoranti …) e dalle ronde nel quartiere, a dare pacchi di pasta ai poveri speculando sul disagio e l’emarginazione. Li ha sostenuti il clan Spada, uno dei tre che spadroneggiano lì, con estorsioni ai commercianti e controllo sulle case popolari con metodi mafiosi, a quanto risulta da una dozzina di sentenze di primo grado.

L’astensione di massa è il rifiuto di questo stato di cose, che non è solo in Sicilia e a Ostia, ma non è una vittoria: non basta aver capito che nelle elezioni non c’è scelta possibile, occorre impegnarsi in prima persona, discutere collettivamente dei problemi di oggi e del futuro – in primo luogo lavoro e reddito dignitosi – progettare il cambiamento di questa società.


Alcune considerazioni sul 4 Novembre

Quote

di Roberto Bertini

Anche quest’anno, in occasione del 4 novembre si sono svolte celebrazioni in tutta l’Italia, a cominciare da Roma presso il Vittoriano.

Queste si sono svolte come una festa al cospetto delle massime autorità politiche.Il 4 novembre è l’anniversario della vittoria dell’esercito italiano su quello austriaco, a conclusione della Prima Guerra Mondiale, con la firma dell’armistizio di Villa Giusti nel 1918 con la resa dell’esercito dell’impero austro-ungarico,divenuto in seguito Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.Anche quest’anno nella capitale ed in tante altre città italiane è stato suonato l’Inno di Mameli ed in questo modo si è voluto ricollegare la guerra sostenuta dall’Italia contro gli imperi centrali, nel 1915-1918, al Risorgimento.

Questo collegamento è storicamente illegittimo.Tutti gli storici sanno che, per l’Italia, il periodo risorgimentale è finito il 20 settembre 1870, quando, a seguito della Breccia di Porta Pia, Roma divenne capitale d’Italia.La prima guerra mondiale non fu, per l’Italia, una guerra di liberazione; fu una guerra imperialista condotta contro altre potenze imperialiste: l’Impero austroungarico e quello tedesco.Fino dal suo inizio, per i governanti italiani, gli obbiettivi di quella guerra non erano la liberazione di territori irredenti ma erano obiettivi di rapina; Trento e Trieste furono solo un pretesto per entrare nella guerra e strappare agli avversari il massimo del bottino.In particolare l’Italia avrebbe voluto conquistare la Dalmazia e i Balcani, l’Africa nord-orientale e l’Anatolia.All’inizio del 1915 il ministro degli esteri Sonnino inizio le le trattative con l’Intesa (Francia, Inghilterra, Russia) per concordare la spartizione postbellica quando erano ancora in corso colloqui con i rappresentanti degli imperi centrali; questi ultimi sarebbero stati disposti, per evitare che l’Italia entrasse in guerra contro di loro, a notevoli concessioni al nostro paese.(si veda in proposito: Massimo L. Salvadori, Storia dell’età moderna e contemporanea vol. II, pag.499).

Se guardiamo alla vicenda della Prima Guerra Mondiale senza retorica possiamo vedere che a spingere la gioventù italiana in quella orribile carneficina furono soprattutto le ambizioni della Monarchia e la sete di profitti del capitale finanziario e dell’industria legata alla guerra,con il sacrificio complessivamente, nel corso della guerra ,di 620.000 soldati e ufficiali italiani mentre i feriti, i mutilati e le vittime civili si contarono a milioni causate in seguito anche dalla diffusione della “Spagnuola”.Per tutto questo si può dire che la giornata del 4 novembre non dovrebbe essere un giorno di festa ,ma di riflessione sulla nostra storia.E non è l’Inno di Mameli che dovrebbe essere suonato nelle piazze d’Italia ma piuttosto “Oh Gorizia tu sei maledetta” per rendere in questo modo il dovuto omaggio alle vittime di quella guerra.

Questi sono gli insegnamenti che la società,a partire dalla scuola,dovrebbe trasmettere alle nuove generazioni, se la storia non viene insegnata secondo verità ma viene distorta per far apparire le cose per quello che non sono è inevitabile che succedano episodi in cui alcuni giovani inneggiano al fascismo ed al nazismo..Se non si chiarisce che l’esercito italiano, nella Prima e nella Seconda Guerra mondiale (invasione della Russia, attacco alla Francia, alla Grecia ecc. ) non fu al servizio della libertà degli italiani ma piuttosto di una ristretta cerchia di sfruttatori, è naturale che molti perdono la testa e si creano dei falsi eroi; se non si spiega che,ai tempi della prima guerra mondiale,Mussolini,allora direttore dell’Avanti, tradì gli ideali socialisti per i soldi che ricevette dalla Francia e dagli industriali dei cannoni per spingere l’Italia contro l’Austria, di cui era stata alleata fino a pochi mesi prima, è normale che qualcuno, in questo periodo di crisi economica e culturale, si attacchi al suo mito nella ricerca di un riscatto sociale.Perciò è pura ipocrisia quella di quei i politici che si scandalizzano degli episodi di rigurgito fascista e di razzismo perché sono loro stessi a far passare un malinteso senso del patriottismo continuando a celebrare il 4 novembre come il giorno dell’indipendenza.Fare chiarezza sul nostro passato storico ,in un momento di grave crisi economica e di necessaria unità tra i pasei europei, può essere perciò di fondamentale aiuto,specie per le nuove generazioni, per tracciare una prospettiva politica nuova per il paese.