Citazione

INDUSTRIA 4.0 UNA LETTURA DI CL ASSE
Incontro con OSVALDO PESCE

Osvaldo Pesce, 1938, giovanissimo oppositore della linea politica di Togliatti e Krushev nel PCI, è s tato tra i fondatori prima del Movimento marxista- leninista italiano, che indicava la necessità di unire i marxisti-leninisti,
separandosi nettamente dal PCI, e poi del Partito Comunista d’Italia (marxista-leninista). E’ stato ufficialmente invitato a visitare la Cina, ripetutamente, a partire dal 1963. Nel 1968 fu presente nella delegazione del PCd’I (m-l) che incontrò il Presidente Mao Zedong.  Dirige oggi il blog politico culturale Penna Biro.

VENERDÌ 19 OTTOBRE – Ore 21.00
Sala Tolio, via Jacopo da Ponte, 37 – Bassano del Grappa
Assemblea Antifascista Bassanese

Un dibattito sul lavoro nel tempo dell’industria 4.0. Come si sta evolvendo il mercato del lavoro in una società sempre più
tecnologica? Le macchine stanno davvero togliendo il lavoro agli esseri umani? O forse le nuove tecnologie vengono anche utilizzate come pretesto per giustificare la riduzione dei posti di lavoro nelle grandi imprese, potendo così ricorrere a forme di collaborazione più instabili, meno costose ma soprattutto con pochi diritti?
Sono tante le domande che si pongono i lavoratori di oggi, soprattutto i giovani e coloro che sono alla ricerca di un’occupazione.
Non ci sono risposte facili e immediate. Analizzare i problemi è il primo passo per trovare possibili soluzioni.

A due anni dall’elezione di Trump

Citazione

Sono trascorsi due anni dall’elezione di Trump a presidente degli USA e sono ormai evidenti gli obiettivi della nuova amministrazione che si avvia alle elezioni di metà mandato. Recuperare le posizioni perse nella produzione industriale,bloccare la crescita economica e politica della Cina,principale avversario in futuro degli Stati Uniti, ridimensionare la forza economica della Germania,da sempre altro avversario e dividere l’Europa in modo che questa non diventi una realtà politica unitaria.

Il discorso tenuto all’assemblea dell’ONU ha riconfermato questa linea.Il presidente americano porta avanti questi obiettivi utilizzando la forza del capitale finanziario americano e la superiorità militare nel tentativo di arrestare il lento declino della tuttora prima potenza mondiale. L’Europa,se vuole avere un futuro,deve sganciarsi da questa strategia e costruire una propria politica collettiva che superi le visioni egoistiche e colonialiste dei singoli paesi , che sia in grado di difendere l’interesse comune dei paesi europei e quindi di confrontarsi con gli USA da pari a pari così come con le altre grandi aree geopolitiche.

Per quanto riguarda gli sviluppi della situazione internazionale soprattutto sullo scontro tra USA e Cina segnaliamo l’articolo scritto tempo fa dal prof. Giuseppe Sacco su un aspetto particolarmente interessante legato alla presenza in Birmania di una minoranza mussulmana.


Trump, Myanmar, Cina
e l’eredità degli “affari stupidi” di Obama

di Giuseppe Sacco

Pochi giorni dopo essere entrato alla Casa Bianca ed essendosi convertito poco agli affari geopolitici, il presidente Trump era ovviamente all’oscuro del piano che c’era dietro l’accordo USA-Australia sui rifugiati. E non poteva apprezzare il significato politico e il valore della diplomazia americana nel prendere 1.250 musulmani sul suolo americano.
“Studierò questo stupido accordo”, ha detto Trump dopo una dura conversazione con il primo ministro australiano Malcom Turnbull, che aveva menzionato un accordo dell’era di Obama con cui Washington ha accettato di prendere e reinsediare negli Stati Uniti 1.250 rifugiati musulmani, principalmente di etnia Rohingya, attualmente bloccati in due campi di detenzione a Nauru e Manus, vicino alla costa della Papua Nuova Guinea.
E in effetti dovrebbe studiare la domanda. O meglio, avrebbe dovuto studiarlo prima di improvvisare una discussione con il più esperto Mr. Turnbull. Perché, se si rifiuta di mantenere gli impegni di Obama e di reinsediare i rifugiati, potrebbe fare un grosso favore allo stesso paese che ha identificato come l’oggetto principale dell’ostilità americana: la Repubblica popolare cinese.
Per capire cosa c’è dietro questa storia e perché Trump avrebbe dovuto evitare, almeno in questa occasione, di esprimere la sua ben nota posizione riguardo a troppi rifugiati che arrivano negli Stati Uniti, bisogna fare due passi indietro nella complessa situazione nel paese la maggior parte di questi rifugiati proviene da: Myanmar,
conosciuta – fin dai tempi dell’Impero Britannico – come Birmania. Un paese etnicamente molto complesso, dominato da guerre decennali tra eserciti tribali e minoritari e strategicamente situato tra la Cina e l’Oceano Indiano.

Primo passo indietro: la Birmania

Dalla metà del 20 ° secolo, la posizione geografica del Myanmar, unita alle conseguenze politiche della Seconda Guerra Mondiale, che avevano portato sul finiree dell’impero britannico alla sconfitta del Giappone, e al trionfo del Partito comunista cinese di Mao, avevano portato il paese a vivere all’ombra di Pechino. Solo recentemente, un “cambio di regime”, a lungo preparato da un certo numero di ONG finanziate da Soros, organizzazioni educative e “umanitarie”, è riuscito a rendere il famoso detentore del premio Nobel per la pace Aung San Suu Ky il governatore de facto del paese . E ha inflitto un colpo poco conosciuto alla Repubblica popolare cinese. Un colpo poco conosciuto, ma estremamente serio e pericoloso da un punto di vista del prestigio politico e in termini economico-strategici.
Per valutare il colpo inferto alla Cina da un punto di vista prestigio e politico, si deve davvero considerare il background familiare della signora Aung San Suu Ky. Non solo lei ha apertamente mostrato la sua preferenza per l’Occidente sposando un inglese e lasciando che i suoi figli continuassero ad essere soggetti britannici. Anche il suo lato birmano è molto significativo; in realtà, molto più significativo. Perché suo padre, che significa (Maestro, un titolo con una chiara connotazione razzista) Aung San, che è ancora oggi considerato il “Padre della Nazione”, era stato nel 1938 il fondatore (e per tre anni il Segretario politico) del Partito comunista birmano, ma aveva cambiato posizione nel 1941, ed era diventato il capo delle forze birmane che combattevano dalla parte del Giappone.
Va detto che probabilmente lo fece per patriottismo fuorviato, poiché probabilmente si era convinto che i giapponesi fossero l’unica forza che potesse liberare l’Asia e il suo paese dal dominio coloniale britannico. Ma il suo impegno anticolonialista lo ha portato troppo lontano: fino ad accettare di essere decorato dallo stesso Mikado con i più alti onori militari giapponesi: qualcosa che i cinesi – che erano allora sotto la feroce oppressione giapponese – non hanno ovviamente dimenticato. Come non aveva dimenticato Lord Mountbatten, l’ultimo vice-re dell’India, che riuscì ad assassinarlo nel 1947.Tutto questo ha aggiunto, agli occhi della maggior parte, se non tutti gli asiatici, una conclusione abbastanza ovvia: con l’ascesa al potere di Aung San Suu Ky, il “cambio di regime” aveva spostato il Myanmar dalla sfera delle influenze cinesi, a quella del Giappone. E questo, proprio nel momento in cui, a Tokyo, il timone è nelle mani di un nuovo primo ministro, Shinzo Abe, che ha lavorato per espandere il ruolo internazionale del Giappone, nonché delle Forze di autodifesa del paese, nel quadro di una “reinterpretazione” della Costituzione del dopoguerra che permetterebbe d’ora in poi al Giappone di “venire in aiuto” di altre nazioni sotto attacco, anche se il Giappone stesso non lo è.

Secondo passo indietro: la Cina

Da un punto di vista economico e strategico, lo spostamento del Myanmar verso l’area di influenza dei paesi (non solo il Giappone, ma anche i suoi alleati, compresi gli Stati Uniti) che sembrano ogni giorno più vicini alla possibilità di diventare ostili a Pechino, presenta più di un semplice pericolo: in realtà, è una perdita presente e seria, poiché rischia di ridurre drasticamente l’accesso della Cina all’Oceano Indiano.

Nonostante tutto il clamore sul Mar Cinese Meridionale, sulle sue isole (naturali e artificiali) e sulle contraddittorie pretese di tutti i paesi che lo toccano, la dura realtà è che, da un punto di vista geostrategico – La Cina è in trappola; e rimarrebbe intrappolato anche se Pechino riuscisse in tutte le dispute, effettive o possibili. I grandi porti cinesi sono tutti su un mare chiuso e le petroliere e tutte le grandi navi hanno solo tre possibilità di accesso alle acque internazionali: lo Stretto Internazionale di Malacca; e i canali Sunda e Lubbock, che si trovano nelle acque nazionali indonesiane. In parole semplici, anche in tempi di pace, la Cina soffre di una drammatica inferiorità strategica.
Le relazioni amichevoli con il Myanmar sono quindi della massima importanza per la Cina, al fine di accedere, sia pure indirettamente, al mare aperto. Prima dell’arrivo di Aung al potere, verso la fine del 2015, avevano iniziato a operare sia un gasdotto che un gasdotto, che erano stati concordati tra i due paesi nel dicembre 2008 Si tratta di un’impresa giani, sia tecnologicamente che politicamente, che attraversa due di sud-est I punti caldi politici dell’Asia, gli stati di Rakhine e Shan, che conservano eserciti semi-autonomi e solo di recente sono stati nominalmente pacificati.
Dato che alcune tribù ribelli sono culturalmente molto vicine ai cinesi, Pechino ha in parte la chiave per una reale pacificazione, e il nuovo regime birmano ha mostrato un notevole grado di disponibilità per le buone relazioni di vicinato. A metà 2016, una visita di stato in Cina di Aung San Suu Ky ha dato l’impressione che lei, nonostante l’enorme debito politico che ha con le forze politiche occidentali, e soprattutto con i media, per la sua ascesa al potere ,di non volere che la Birmania si trovi nell’esclusiva area di influenza di nessuno. In realtà potrebbe nutrire gli stessi sentimenti patriottici di suo padre, e quindi l’intenzione di mantenere buoni rapporti non solo con le forze che hanno sponsorizzato il suo accesso al potere, ma anche con la Cina. Ciò comporterebbe l’ampliamento del sistema infrastrutturale che fornisce al vicino orientale della Birmania l’accesso permanente all’Oceano Indiano

Il Rahingya “imperativo morale”

È a quel punto che, all’improvviso, i cattivi rapporti tra la molto aggressiva maggioranza buddista della Birmania e la minoranza musulmana Rahingya sono diventati una questione di interesse internazionale. Le perturbazioni hanno iniziato a verificarsi nell’area popolata da Rahingya in Myanmar, dove le fiamme dell’odio sono fortemente alimentate da una mano ancora sconosciuta. Il più recente e il più criminale, il 29 gennaio 2017, è stato l’assassinio di un importante avvocato Rohngya, Ko Ni, uno dei consiglieri più vicini e influenti di Aung San Suu Kyi, nel suo sforzo per combattere l’odio religioso e etnico e rafforzare L’unità nazionale della Birmania, contro le idee separatiste che si stanno diffondendo per la creazione di un’entità indipendente Rohingya.

Un’entità del genere, la BTW, è pianificata in modo da comprendere l’intera costa della Birmania settentrionale, gettando così dubbi sulla fattibilità di altri progetti più ambiziosi sino-birmani, come una linea ferroviaria da Kunming all’Oceano . E con i disordini sono arrivate informazioni su atrocità e un’ondata di sfollati, rifugiati come quelli bloccati su Nauro e Manus. Le preoccupazioni “umanitarie” per loro sono persino all’origine di un accordo USA-Australia per il reinsediamento di alcune centinaia di Rahingya in America. Inoltre, alcuni media hanno già iniziato a sollevare la questione di uno stato indipendente per il Rahingya, un nuovo piccolo paese indipendente il cui territorio – che strano caso – coincide esattamente con la zona costiera del Myanmar di maggiore interesse per la Cina,

Inutile dire che la stampa “politicamente corretta” ha prosperato sull’esistenza di questa nuova crisi politica e umanitaria: la crisi di Rahingya; cioè, una crisi che coinvolge una comunità che abita l’area molto costale che è cruciale per la cooperazione sino-burmese. Tutto ad un tratto, articoli molto commoventi sono apparsi sui media sulla situazione del Rahingya e su come “la comunità internazionale ha un imperativo morale a sostenerli” e su come “la repressione persistente e la mancanza di rappresentanza subite dai Rohingya dà loro diritto ad avere un proprio stato “. Perfino Forbes ha incoraggiato i suoi lettori occidentali a “Sanzionare il Myanmar ea dare al Rohingya uno stato di appartenenza”, ma ha ritenuto un dettaglio non degno di essere menzionato il fatto che i Rahingya vivono in un’area costiera di estrema rilevanza geo-politica. Ciò significa che, una volta costruita questa nuova nazione, gli Stati Uniti avrebbero “l’obbligo morale” di proteggerlo dal Myanmar “sanzionato” con un dispiegamento militare permanente.

Recentemente convertito in affari geopolitici, il presidente Trump era ovviamente all’oscuro di questa storia di fondo. E non poteva apprezzare il significato politico e il valore per diplom

omissione di prendere 1.250 musulmani Rahingya sul suolo statunitense. Ormai probabilmente è stato informato, e ha capito che il “falso accordo” di Obama non era poi così stupido, nella persistenza anti-cinese del “perno” in Asia. Ma rimanendo, nel suo furore anti-rifugiati, “insensibile alla situazione” dei Rahingya bloccati a Nauru e Manus, e al più ampio e più generale “obbligo morale” di dare loro un paese tutto suo, gli sarebbe mancato l’opportunità di produrre un consenso internazionale per la creazione sulla costa del Myanmar di una situazione permanentemente conflittuale che potrebbe infliggere un colpo estremamente grave alla crescita della Cina e diventare molto irritante per il paese che il nuovo presidente degli Stati Uniti ha individuato come il presente, principale nemico dell’America.