Elezioni 2018:tante promesse,nessun progetto

Citazione

  La caccia al voto

di  Iglis Restani

Non va sicuramente sottovalutata l’importanza di queste elezioni politiche vista anche l’incertezza dei risultati .Vi sono molti problemi che richiederebbero una presa di posizione chiara da parte dei partiti politici che si presentano.La riorganizzazione dell’economia nei paesi industrializzati ,i nuovi processi industriali legati all’introduzione dell’intelligenza artificiale nella produzione ed in altri settori,la necessità di creare nuovi posti di lavoro , i processi migratori che non si arrestano,la posizione dell’Italia nell’Europa,le incognite date dall’attuale politica americana,per citarne i principali.

Sono problemi che richiedono governi lungimiranti,con un legame solido con le masse popolari e con un personale politico all’altezza della situazione.

Come hanno capito da tempo i due paesi più importanti d’Europa,Francia e Germania,che si apprestano a rinnovare il loro trattato di collaborazione risalente al 1963 ,la risposta ai problemi indicati non può venire che da un rafforzamento economico e politico dell’Unione Europea .

L’Italia,tuttora secondo paese manifatturiero in Europa,deve avere un ruolo paritario in questo rafforzamento.

La discussione presente in questa campagna elettorale è molto lontana da questi temi e si presenta piuttosto come una caccia al voto con le più svariate promesse .Chi propone di abolire la tassa sul canone RAI dopo averla messa nella bolletta dell’energia elettrica,chi pensa che esista la ricetta magica di un unica tassazione al 25% ,chi pensa di risolvere la questione del lavoro e del salario con il cosiddetto reddito di cittadinanza, chi promette di abolire la riforma Fornero chi il cosiddetto job’s act e via discorrendo .Nessuno però che,come è necessario, presenti un progetto che indichi la direzione che deve prendere il paese e le priorità da perseguire.

Tutti i partiti sono stati comunque costretti dalla realtà a indicare la questione del lavoro che manca come questione principale e allora abbiamo preso alcuni esempi per vedere in concreto le proposte.

L’ILVA,come tutti sanno,è il più grosso centro industriale europeo di produzione di acciaio. Per importanti ragioni ambientali deve avviare un processo di ristrutturazione che mantenga e sviluppi la produzione e che però abbatta in modo drastico l’inquinamento.

Ebbene  l’imprenditoria italiana dell’acciaio e lo Stato non sono stati finora in grado di mettere insieme una proposta che mantenga in Italia se non tutta almeno una parte importante della proprietà,che è il vero obiettivo da conseguire. Oltre a ciò, i contrasti tra lo stato e la regione Puglia stanno mettendo a rischio la cessione degli impianti con il relativo piano ambientale alla multinazionale indiana Arcelor-Mittal con sede in Lussemburgo.

Per inciso i contrasti sono favoriti dalla confusione sull’attribuzione dei poteri tra Stato ed Enti locali presenti nella Costituzione dopo la riforma attuata dal centro-sinistra nel 2001.

Nel frattempo ,tra una carta bollata e l’altra,sono aumentate le importazioni di acciaio proprio dalle multinazionali concorrenti dell’ILVA e ,si badi bene,il prossimo incontro tra governo,sindacati e enti locali per trovare un accordo è stato fissato il 6 marzo,due giorni dopo le elezioni.

Qualche partito che va per la maggiore ha preso una posizione chiara sulla vicenda,in particolare sulla necessità di mantenere l’ILVA in mani italiane ?

L’Alitalia che,occorre dire grazie al commissariamento,ha migliorato negli ultimi tempi i conti,è nuovamente in cerca di un acquirente. Ma,viene da chiedersi,se siamo il paese con i maggiori tesori artistici e culturali al mondo,se la gente di tutto il mondo vuole visitare questi tesori, se il turismo è stato definito il nostro petrolio,una compagnia aerea di bandiera è o no uno strumento per sostenere il turismo?

L’obiettivo minimo,la linea per così dire del Piave,dovrebbe essere perciò almeno il mantenimento del 51% delle azioni in una nuova società formata con altre compagnie.

Qualche partito ha presentato una proposta valida in proposito?

Riguardo al problema dei cambiamenti nei sistemi produttivi per cui si parla della quarta rivoluzione industriale ,c’è un piano del governo uscente definito industria 4.0 che ha gravi limiti di prospettiva ma che se non altro si pone nell’ottica di intervenire nella questione della politica industriale. Questo piano,per essere messo in pratica,prevede oltre agli incentivi per il rinnovo degli impianti e del macchinario, la nascita dei “Competence center”, centri di competenza ad alta specializzazione con la collaborazione di privati e Università. Questi centri dovrebbero orientare le imprese nelle nuove produzioni digitalizzate ,formare i tecnici,avviare progetti di ricerca.

Un giornale economico nei giorni scorsi rilevava che il decreto attuativo di questi centri è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale, a causa di prolungati scambi tra il ministero dello sviluppo economico,Consigliodi Stato e Corte dei Conti,con 8 mesi di ritardo e che ne occorreranno molti altri ,tra bandi di gara e selezione delle Università, prima di arrivare alla costituzione del primo centro. Questi centri sono già operanti da tempo in Germania ,paese dove gli iscritti agli Istituti Tecnici Superiori sono 800.000 quando in Italia sono soltanto 9.000.

Come si fa allora a diventare come ipotizza il presidente di Confindustria il primo paese manifatturiero d’Europa scalzando la Germania? Di questo passo ,se non si inverte la rotta è più probabile slittare al terzo posto dopo la Francia che continua a premere sulle nostre aziende.

Sul problema centrale della disoccupazione e della creazione di nuovi posti di lavoro prosegue una polemica stucchevole sulla validità o meno del job’s act introdotto da l governo Renzi. Perchè diciamo polemica stucchevole?

Perchè i posti di lavoro fondamentalmente non nascono dalle agevolazioni e dalle decontribuzioni,nascono dagli investimenti pubblici e privati. Nel nostro paese si continua ad affrontare il problema del lavoro a valle,cioè sempre e soltanto sul costo del lavoro lasciando poi al cosiddetto mercato ,cioè le scelte del grande capitale, le decisioni che contano .Con questa logica,fatta propria nel corso dei decenni che abbiamo alle spalle dai sindacati e dai partiti cosiddetti di sinistra, ci ritroviamo con la più alta disoccupazione giovanile d’Europa,bassi salari e una base industriale indebolita. Inoltre bisogna tenere ben presente che il sistema pubblico di sostegno alla ricerca di lavoro è ben poca cosa. I centri per l’impiego in Italia hanno 7500 dipendenti più 3.400 contratti a tempo determinato quando in Germania sono 110.000,in Gran Bretagna 60.000,in Francia 50.000.Come è pensabile che le assunzioni di giovani avvengano in base all’effettiva qualità e merito e non ,come di prassi, in base alle raccomandazioni?

Per affrontare in modo serio il problema del lavoro che manca ,c’è un solo modo,dare l’avvio ad un grande piano di investimenti pubblici-privati che poggi su un altrettanto grande fondo di risparmio nazionale in cui confluiscano tutte le risorse possibili comprese anche quelle da un vero tagli degli sprechi e dei privilegi e non disperdendo il denaro pubblico come è stato fatto di recente con i vari bonus.

Qualcuno dei partiti che si presenta agli elettori ha posto il problema in questi termini?

A noi non sembra,a noi sembra che si sia aperta una caccia al voto fatta di promesse con poca sostanza,per fortuna una caccia di breve durata perché il 4 marzo è vicino.Se poi dovesse verificarsi una elevata astensione dal voto questa non sarebbe altro che una più che comprensibile sfiducia nei confronti di questa politica.

Gli esempi citati riguardano problemi di fondo che richiedono una soluzione positiva .Non dobbiamo aspettarci questa soluzione dai partiti che hanno governato in questi anni e in generale da quanti non mettano in seria discussione la politica del grande capitale che è la vera causa del generale impoverimento del paese.La  soluzione positiva non potrà che venire da un impegno diretto dei lavoratori e dalla costruzione di momenti politici autonomi ed alternativi di cui il blog si è occupato come nel caso del recente convegno sul lavoro a Milano.Ciò che occorre al paese sono  nuove lotte e  nuove energie politiche rispetto agli attuali partiti.

Auguri ai lettori

Citazione

Care amiche e cari amici, compagne e compagni, siamo quasi alla fine del 2017 ed avanzano le feste che per un verso, o per l’altro, positivamente ci allontanano per un attimo dalle problematiche che ci attanagliano.

compagni del Blog Pennabiro auspicano per tutti un inizio di 2018 all’insegna del buon umore e che possa regalare un po’ di felicità. Questo non vuol dire che siamo fiduciosi su ciò che avanza, anzi siamo fortemente preoccupati per i più giovani, per gli anziani, per i lavoratori tutti. Per cui il nostro impegno di mobilitazione per cercare di dare una svolta alla situazione attuale, sarà ancora più determinato.

Rimane fondamentale per il popolo italiano e per quelli europei,  trovare una soluzione ai problemi del LAVORO, a quello che non c’è, a quello precario, a quello mal pagato, a quello super sfruttato. Bisogna far tornare con decisione il LAVORO al centro del dibattito politico e culturale. Costruire un percorso che rimetta in moto valori di solidarietà ,di dignità, di unità, del bene comune, della piena occupazione, degli interessi collettivi, della difesa dell’ambiente, per la pace,   contro l’individualismo, il liberismo e lo sfruttamento. Perno centrale di tutto ciò sono, un poderoso  nuovo sviluppo industriale, un piano di investimenti a partire dall’istruzione e la costruzione di una forza di cambiamento che sappia esprimere gli interessi delle masse lavoratrici.

Con altre forze, in particolare con il CCCM di Bruno Casati e con quelle di seguito riportate (Casa Editrice Aurora, CONUP- Coordinamento Nazionale Unitario Pensionati di oggi e di domani, Medicina Democratica, Coordinamento Milanese di Solidarietà “DALLA PARTE DEI LAVORATORI”, Pubblico Impiego in movimento, Rete per il diritto alla salute di Milano e Lombardia, ACU- Associazione Consumatori Utenti, ADL- Associazione Difesa Lavoratrici Lavoratori Varese, il Sindacato è un’altra cosa – Opposizione Cgil, ORSA Lombardia, Rivista «Le Lotte dei Pensionati» e Rivista dei Macchinisti «Ancora in Marcia!»(AIM)- Cub Lombardia), siamo stati molto impegnati nel 2017 nella realizzazione del convegno su: “LAVORO ai tempi dell’industria 4.0” e sul Seminario, sempre riferito allo stesso argomento, ma specificatamente per la Lombardia. Sul convegno potrete vedere il filmato su youtube,  inserendo questo link :

https://www.youtube.com/playlist?list=PLd7PbWhwLLb_uEwgh-JZmdOCVFjZ894e6

Cercheremo di sviluppare su questo argomento altre iniziative, che vedano particolarmente impegnati i giovani e i lavoratori.Chi volesse seguire più da vicino il nostro blog e scriverci, basta andare in internet e digitare: http://www.pennabiro.it/

Di nuovo auguri,

Per la redazione,Osvaldo e Iglis