Diritto allo studio e investimenti nell’istruzione:dov’è finita la “Buona scuola”?

Quote

I tagli previsti all’azienda al diritto allo studio della regione Toscana

Per reagire al declino economico del nostro paese occorrerebbe mettere al primo posto un massiccio piani di investimenti nell’istruzione oltre che nell’industria,nelll’agricoltura e nelle infrastrutture.Lo sviluppo del paese sul piano tecnologico così come su quello culturale ha bisogno di leve di giovani preparati,con buona cultura,con buona conoscenza delle lingue e con nuove idee per rilanciare il sistema produttivo.Investire nell’istruzione significa in primo luogo garantire quel diritto allo studio il solo che può permettere a giovani intelligenti e che hanno voglia di fare l’accesso anche ai livelli elevati di istruzione che ,come è noto,è ritornato ad essere privilegio delle classi più abbienti.

Il diritto allo studio era uno dei punti cardine della grandi lotte studentesche degli anni 60,70 e oltre,ma non pare essere un obiettivo né della cosiddetta “buona scuola” del governo Renzi,nè del governo attuale.Bene hanno fatto perciò gli studenti del complesso universitario di Novoli,a Firenze,che si sono riuniti in assemblea di recente per protestare contro i tagli del servizio mensa, di borse di studio, di alloggi per fuorisede, ecc. ,come conseguenza della richiesta dell’Agenzia delle Entrate di un rimborso di I.V.A. alla Azienda al Diritto allo Studio Universitario della regione Toscana.

Ora ,senza entrare nel merito tecnico specifico della questione,salta agli occhi che l’Agenzia delle Entrate,che è governativa e di conseguenza il governo non si pongono il problema delle conseguenze di una richiesta del genere sugli studenti,devono fare cassa punto e basta.Scrivono gli studenti in lotta per il diritto allo studio in un loro volantino :

“Noi,studenti e studentesse,a seguito dell’asemblea di giovedì 11,POSSIAMO e VOGLIAMO ribaltare la situazione !Non solo rifutiamo qualsiasi taglio agli studenti e ai lavoratori e ogni peggioramento dei servizi,ma pretendiamo l’estensione dei beneficiari e un miglioramento del diritto allo studio in toto(mensa,alloggi,borse di studio,trasporti..)a partire dalla formulazione del prossimo bando.Non è tollerabile che si continuino a subire le ingiustizie e i tagli portati avanti contro migliaia di studenti borsisti e non ,già colpiti dalle riforme universitarie e dai continui tagli al diritto allo studio,non ultima la riforma dell’ISEE del 2015 che ha cosretto più di 300 studenti solo a Firenze a lasciare il posto alloggio e a perdere la borsa di studio o il recente aumento della mensa…………….Ci siamo opposti alle riforme universitarie dei vari governi,alla chiusura natalizia delle residenze,alla riforma dell’ISEE,ai continui tagli ed ai criteri meritocratici,rivendicando un’università pubbica,gratuita e libera da logiche di profitto.In Toscana,dove ad esempio il governo negli ultimi anni ha regalato 20 miliardi al Monte dei Paschi di Siena,si rischia il fallimento dell’azienda per il diritto allo studio per poco meno di 50 milioni.

Respingiamo al mittente l’ennesimo attacco e rivendichiamo che il diritto allo studio debba essere garantito a tutti e tutte ,senza discriminazione su base etnica,di sesso e di merito”

La lotta di questi studenti è un esempio di come si possa uscire dallo stato di rassegnazione e di malessere senza sbocchi che si è venuto a creare nelle scuole e nelle Università così come del resto tra i lavoratori .Il nostro paese ha sempre fatto passi in avanti quando ci sono stati movimenti di massa ,perciò oggi rilanciare il diritto allo studio è una questione politica centrale.

Elezioni presidenziali in Francia

Quote

                                  di Andrea Acierno

Il primo turno delle elezioni presidenziali in Francia ha messo in luce vari aspetti che,considerando l’importanza di questo paese in Europa,vanno ben al di là dei confini nazionali.

Innanzitutto c’è stata la sconfitta dei maggiori partiti storici tradizionali (PS e PR),per i socialisti si è parlato addirittura di fine vista la percentuale del 6% raggiunta. Partiti che continuavano a tenere in piedi le categorie ideologiche di “sinistra” e “destra”  (anche se solo come barattoli vuoti per meglio vincolare i rispettivi elettori dei rispettivi strati sociali). A ben guardare ciò avviene anche in Italia con il Pd, nelle altre nazioni europee, negli USA e in tanta altra parte del mondo. Ma non sono stati proprio i rappresentanti di questi partiti a condividere, dal crollo del muro di Berlino e anche prima, la fine  delle ideologie? Sembra perciò che i risultati delle elezioni presidenziali francesi abbiano portato a termine questo percorso (finalmente?).

Oggi ciò che interessa i cittadini è soprattutto la credibilità, succeduta al “crollo delle ideologie “, intesa come concretezza delle proposte (giudicate, a loro volta, dagli elettori più o meno corrette a seconda del proprio punto di vista e/o dalla posizione sociale che si occupa) ,sono queste che fanno la differenza. In relazione a ciò il voto francese ha anche il merito di aver fatto apparire, in sole 12 ore, la lotta interna al PD italiano come una lotta di provinciali, con personaggi che ambiscono alla rispettiva poltrona senza proposte chiare e concrete. Basta guardare alla povertà di contenuti espressa dai 3 candidati a segretario alle cosiddette primarie taroccate del PD che hanno visto la scontata riconferma di Renzi a segretario con una ulteriore diminuzione dell’affluenza rispetto alle primarie precedenti.

Con queste elezioni bisogna sgombrare il campo anche da un’altra teoria diffusa dai media e dai nostri “opinionisti” italiani, francesi, e di tutta  Europa, ben pagati con i soldi pubblici, e basata sulla leva del terrorismo, che avrebbe comportato un maggior afflusso alle urne e i voti alla destra di Marine Le Pen , quelle teorie sono state smentite entrambe in modo clamoroso: l’afflusso è stato più basso di circa 2 punti percentuali rispetto al 2012 .

Tornando ai reali dati di fatto si ha: Macron al 23%, Marine Le Pen al 21%, Fillon e Melenchon, esclusi dal ballottaggio, quasi a pari punti col 19%, il PS di Hamon cancellato o quasi al 6%, il “partito degli astensionisti” al 22%, collocandosi così, come in una satira dal gusto amaro, al secondo posto tra Macron e la Le Pen. Di fatto, quindi, tra i primi 5 con il maggior numero di voti, o di non voto, si collocano a brevissima distanza Macron, astensionisti, Le Pen, Fillon e Melanchon: la Francia appare divisa in 5 parti numericamente più o meno uguali.  Cosa vuol dire ciò se non che ha prevalso l’incertezza sul futuro dell’ Europa, sulla difesa degli interessi sociali del lavoro e del welfare, e non solo sul terrorismo, a determinare il voto dei francesi? Queste stesse problematiche non sono vissute in modo analogo dagli italiani, tedeschi e restanti popoli europei? Sotto l’aspetto politico invece, siccome tutti i candidati hanno fatto della lotta contro la Le Pen una delle ragioni, se non la ragione fondamentale della loro battaglia per l’Eliseo, il risultato da essa ottenuto è notevole.

Marine Le Pen ha ottenuto 7 milioni e 700.000 voti,1 milione e 600.000 voti in più rispetto alle regionali del 2015 ed è arrivata prima in 216 circoscrizioni su 566,il suo può quindi diventare il primo partito francese in parlamento.

E’ innegabile che la Le pen abbia saputo raccogliere il malcontento di ampi strati della popolazione,tra i lavoratori che perdono il posto di lavoro,tra i giovani che non trovano lavoro o che hanno una prospettiva di lavoro precario con la cosiddetta Loi Travail simile al “job’s act” del governo Renzi. La globalizzazione a stelle e strisce e la crisi partita nel 2007 ha sicuramente impoverito le popolazioni dei paesi del cosiddetto Occidente,il malcontento si è espresso in Gran Bretagna con l’uscita dalla UE,negli USA con il voto a Trump,questo malcontento si esprime in forme proprie anche in Europa ,vedi ad esempio il fallimento del referendum in Italia sulla riforma della Costituzione. Ma la Le Pen non ha sfondato e Macron,il volto nuovo della destra cosiddetta moderata ,è arrivato primo e sembra essere in vantaggio per il ballottaggio decisivo il 7 maggio.

Ma qual’era il punto principale di queste elezioni per il Presidente in Francia?Abbandonare l’Europa e tornare alla grande Francia o continuare a farne parte? E come affrontare la crisi economica ,stando in Europa o uscendone ?

Si dirà che Macron ,ex banchiere della Rotschild, è però un sostenitore della Loi travail da lui sostenuta quand’era ministro dell’Economia nel governo Holland,la legge sul lavoro contro cui sono scesi in piazza i lavoratori ed i giovani francesi, dell’Europa quasi così com’è, quindi della globalizzazione, e ciò non gli ha impedito di prendere più voti di tutti. Questa valutazione, così formulata, non tiene conto però del fatto che il candidato favorito prima di lui era Fillon. Ma i suoi “affaires” giudiziari, legati alla sua corruzione, gli hanno impedito improvvisamente di tenere testa alla Le Pen. Non solo si è dovuto correre ai ripari ma si è dovuto trovare qualcuno che mettesse da parte le malefatte di quei politici che stavano determinando il malcontento popolare contro i loro partiti: il PS con la Loi travail e il PR con la corruzione di Fillon. Il tutto è apparso, con la discesa in campo di Macron, come una lotta contro i principali partiti esistenti, PS e PR, responsabili dei guai dei francesi, anche se loro stessi, sotto sotto, sostenevano questa condizione: ciò è apparso evidente dalle immediate dichiarazioni di voto a favore di Macron, per il ballottaggio, proprio da parte di Fillon e, successivamente, da Hamon del PS. Melenchon invece è apparso subito come caduto nella confusione più totale, non riuscendo a dare indicazioni per il ballottaggio. 

Macron si è presentato agli elettori promettendo una rifondazione dell’Europa,riproponendo una leadership politica francese mantenendo l’asse franco-tedesco. Sicuramente Macron,ex banchiere della Rotschild ,a differenza di ciò che ora diffondono gli opinionisti, non rappresenta il cambiamento richiesto dai francesi ma la continuità con i poteri economici forti. Ma i voti da lui ottenuti esprimono una tendenza presente in una parte importante della società francese che è favorevole al mantenimento della Francia all’interno del processo politico di integrazione europea,la stessa volontà che abbiamo visto esprimersi nelle recenti elezioni in Austria.

Le posizioni alla Le Pen,il cosiddetto sovranismo,sicuramente non possono costituire una seria alternativa all’egemonismo americano e in ultima analisi tornano comode anche alla Russia di Putin che infatti ha appoggiato la Le Pen e appoggia queste posizioni in giro per l’Europa. Una Europa divisa in tanti stati in lotta tra di loro fa parte della storia del secolo passato ,tornare a quella è tornare indietro e la crisi economica non si supera tornando a quella Europa.

Ma la volontà popolare chiede lavoro,chiede sicurezza,chiede la soluzione al problema degli immigrati e la cessazione di guerre come quella in Siria le cui conseguenze ricadono anche sui popoli europei.Senza un cambiamento sostanziale nella politica adottata dalla Unione Europea che metta al centro la questione del lavoro e del salario ,che corregga alcune diseguaglianze prodotte dall’introduzione della moneta unica,che renda l’Europa indipendente dagli USA ,il consenso popolare al processo di integrazione europea non potrà che diminuire.

E’ significativo che i due candidati alla presidenza della Francia siano andati entrambi ad Amiens allo stabilimento della Whirepool che produce asciugatrici e che la multinazionale statunitense vuole trasferire in Polonia perché là il costo del lavoro è più basso. Questo non è un problema solo francese,in Italia abbiamo lo stesso problema con un altra multinazionale,la Electrolux,che sposta parte della produzione in Ungheria. E’ evidente che occorre perciò una strategia europea condivisa per contrastare i giochi delle multinazionali,eliminare il dumping tra paesi europei e distribuire le attività produttive tra i vari paesi in modo corretto e invece gli attuali governanti europei non hanno ancora prodotto un minimo di progetto per uscire dalla crisi se non le solite ricette del lavoro precarizzato. Ecco perché diventa sempre più necessaria la costruzione in Europa di nuovi partiti che effettivamente rappresentino gli interessi popolari.Sarà interessante perciò andare a vedere i punti del programma che a questo punto sia Macron che la Le Pen dovranno mettere in chiaro .Da notare che, in vista del ballottaggio,chiaramente per recuperare voti ,Marine Le Pen ha ammorbidito la posizione dell’uscita dall’euro dando a questa una scadenza non immediata.

Se è vero,come dicono i media e gli opinionisti ,e stavolta bisogna credergli,che con questo voto sono state cancellate in Francia le ideologie dei vecchi partiti,ciò significa che l’attenzione è sui contenuti,sui programmi,sulla soluzione ai problemi. Giusto en passant va ricordato che, “stranamente”, la radio belga RTBF ha anticipato l’esito del voto con i suoi exit poll, prima che si chiudessero i seggi, cosa vietata e mai avvenuta durante altre tornate elettorali nei paesi europei, quasi a scandire scandire l’importanza di questo voto per Francia ed Europa, e forse gli esiti stessi del voto. Dopo le elezioni in Francia avremo quelle in Germania ed in Italia,i tre principali paesi fondatori .Ci si avvia ad un chiarimento politico,in un senso o in un altro ,per questo è importante che tutte le forze che sinceramente lavorano nel nostro paese per costruire una alternativa politica che metta al centro il lavoro,una Unione Europea indipendente e democratica,un cambiamento del modo di governare, si uniscano.