Piergiorgio Tiboni , fondatore della Confederazione Unitaria di base,ci ha lasciati

Quote

Si è spento a Milano sabato scorso Piergiorgio Tiboni,fondatore della Confederazione Unitaria di Base.Il grande merito di Piergiorgio è stato aver posto il problema alla fine degli anni 80 di costruire un nuovo sindacato a difesa dei lavoratori dopo la deriva completa dei sindacati confederali CGIL-CISL-UIL. Problema che è tuttora all’ordine del giorno nonostante i tentativi di questi di recuperare credibilità con la questione dei voucher.

La crisi finanziaria partita nel 2007 ha avuto come conseguenza la distruzione di milioni di posti di lavoro e una precarizzazione ormai generalizzata cui occorre opporre rimedio con una lotta popolare per massicci investimenti e per posti di lavoro che diano un salario dignitoso ed una pensione altrettanto dignitosa.Le nuove generazioni in particolare vengono private e dell’uno e dell’altra. L’insegnamento che ci lascia Piergiorgio Tiboni è quello di lavorare per un sindacato la cui ragione costitutiva siano gli interessi presenti e futuri dei lavoratori e che ottenga accordi che non vadano mai a discapito di quegli interessi. Il miglior modo di salutarlo è quello di continuare a lavorare per quell’obbiettivo.

                                                                                                   La redazione

A: “C.U.B. Nazionale”<cub.nazionale@tiscali.it>
Cari compagni e compagne,
a nome di tutti i compagni e militanti vi esprimo il nostro sincero dolore per la perdita del compagno Piergiorgio Tiboni; siamo vicini ai familiari, alla CUB, ai suoi iscritti.
Il compagno Tiboni nella sua attività di fondazione e direzione della CUB ha sempre dato un’impronta di fermezza e coerenza nella lotta di classe, anche nei momenti più difficili.
La CUB si è sempre schierata in difesa del mondo del lavoro e dei più deboli: precari, immigrati, avvelenati dall’amianto; a differenza di altri non ha mai firmato accordi che compromettono la libertà di espressione e di sciopero; si è battuta contro le guerre fomentate dall’imperialismo e per un aperto e sincero dibattito tra i movimenti per l’alternativa sociale.
Siamo certi che i compagni dirigenti e militanti della CUB e delle sue organizzazioni continueranno questa eredità politica e sindacale con lo stesso slancio e fiducia di Piergiorgio verso le masse lavoratrici e popolari.
Osvaldo Pesce
Milano, 19 marzo 2017