Uno spettro si aggira nel PD

Quote

= Sulle vicende interne al PD ci è pervenuto l’articolo che pubblichiamo di seguito=

Beh, veramente più di uno spettro, sembra ormai un finale di partita ineludibile.Comunque, a mio giudizio, il vero “ spettro”, il vero problema che ha questo partito è un altro.Partirei dalla constatazione di una contraddizione che ormai pare avere contorni drammatici.Se è vero che Renzi ha bisogno del PD è altrettanto vero che il PD ha bisogno di Renzi.Questa sensazione nasce da una duplice necessità.Da un lato c’è un sedicente premier che, dopo la batosta subita con il referendum, ha bisogno per la propria sopravvivenza, non solo politica, di essere in qualche modo legittimato per poter cercare quel ruolo che il voto referendario gli ha negato.

Dall’altro il PD è tutto proteso nel tentativo di risalire la corrente, sia del consenso che di quello di continuare a difendere le sue posizioni di potere, esiziali per la sua stessa sopravvivenza.Da questa duplice contraddizione nasce la gran parte dei problemi in quanto la sopravvivenza di Renzi e del Renzismo in quel partito ma soprattutto nella società, non sembra possa essere certa o comunque tacitamente accetta come nel recente passato.

Questa situazione però non nasce oggi ma è il portato di quello che, nel divenire, questo partito è stato fatto diventare.Non c’è dubbio che la scelta di far coincidere i destini di questo partito e del suo gruppo dirigente con quelli dall’intero Paese abbia dato i suoi frutti legandone le fortune e, oggi, la sopravvivenza, ai destini del nostro Paese.Questa operazione ne ha sì permesso la sopravvivenza ma ha avvolto in una tela di ragno l’Italia e soprattutto gli Italiani facendone coincidere il destino.

Un’operazione che alla lunga avrebbe dovuto far trionfare quella linea dell’efficientismo e del decisionismo, in politica come in economia, che però si è vista concretizzarsi solo in un’unica direzione, quella dell’attacco alle classi più deboli della nostra società.Troppe le contraddizioni, troppi i compromessi che si sono affastellati in una visione poco politica e molto legata al “ nuovo che avanza”, che hanno fatto precipitare la crisi di prospettiva politica e del conseguente salasso di credibilità e di voti.

L’impressione che siamo davanti al fallimento di un intero gruppo dirigente è tangibile ed è il vero motivo che ha accelerato la crisi di questo partito.Il fallimento del cosiddetto riformismo, di una sorta di terza via è il più grande smacco che questo partito deve registrare.L’essersi rifugiato, davanti ad una crisi enorme dai connotati sempre più classisti e ferocemente perseguiti dalla borghesia e dal grande capitale in un’ interpetrazione del capitalismo fatta a proprio uso e consumo, non poteva avere altro risultato che il fallimento di quella miopia politica secondo la quale si potesse tenere l’Italia fuori dalla bufera che imperversava ed imperversa in gran parte del mondo cercando, con una serie infinita di piccoli, grandi compromessi, di far passare la nottata e di aspettare tempi migliori.

Non si è ancora capito, e non si vuole ancora capire, che ormai siamo sempre più vicini al baratro e ad uno spartiacque decisivo per le stesse sorti dell’umanità.Il capitalismo sta portando il mondo su un terreno di contraddizioni sempre più spinte in cui la follia della mediazione è ormai morta e sepolta.

Ed è proprio qui, a mio parere, il nocciolo della crisi del PD del suo gruppo dirigente e delle classi che lo esprimono.L’incapacità, la non volontà di capire che ormai il tempo delle mediazioni, dei compromessi è finito.E’ finito da un lato perché il Capitalismo, sempre più agguerrito e tracotante, non ha bisogno di questi compromessi ma è finito anche perché ormai la scelta è una sola ed è chiaramente espressa:o si sta con loro, con tutto quello che ciò comporta per la sopravvivenza su questo Pianeta della stessa razza umana, o ci si allea contro di esso, facendo nascere un’alternativa che possa metterlo in difficoltà, acuendone le contraddizioni, per superarlo, costruendo una visione del mondo diversa e nuova, ribaltando così la logica del pensiero unico.

A ben vedere un compito che non spetta soltanto ad una forza politica ma che deve vedere la Sinistra, a cominciare da quella di Classe, all’avanguardia.

Nolli Francesco