Il governo Gentiloni ,Grillo ,il dissesto idrogeologico, l’Europa

Quote

di Iglis Restani

L’ultima crisi di governo,con il passaggio di consegne da Renzi a Gentiloni e la formazione del governo Gentiloni,ha lasciato in sospeso tutti i principali problemi del paese e messo a nudo l’estrema precarietà del sistema politico italiano.

Siamo in difficoltà , lo sciame sismico , il maltempo nell’Italia centrale e le tragedie susseguite le hanno aumentate.I campanelli di allarme sulla situazione sociale erano già suonati già da tempo. Con la riduzione progressiva prevista dei benefici fiscali per le nuove assunzioni,già all’inizio del 2016 non solo queste erano cessate ma era aumentata la già alta disoccupazione nella fascia d’età dai 18 ai 35 anni,cioè quella dei giovani. Senza una prospettiva economica sicura le famiglie avevano preferito usare gli 80 euro nei risparmi o nel pagamento dei debiti .Il fallimento delle 4 banche,Etruria,Marche,Chieti e Ferrara, ed i danni ingenti arrecati ai loro clienti avevano dimostrato la fragilità del sistema bancario italiano, emblematico quanto è poi successo al Monte dei Paschi di Siena .Qui il piano di Renzi era l’intervento congiunto della JPMorgan e di un fondo del Qatar che al momento decisivo si sono dilegutati,tanto è vero che la prima cosa che ha fatto Gentiloni è stata la nazionalizzazione di questa banca,la terza per importanza.

Invece di ascoltare attentamente quei campanelli,il governo ed i partiti che lo sostenevano hanno perso quasi un anno di tempo in un inutile referendum sulla riforma della Costituzione ,sottovalutando le nubi all’orizzonte che si andavano addensando ed il malessere sociale che poi si è espresso con l NO alla riforma costituzionale.

Un gruppo dirigente lungimirante,con la testa sulle spalle,avrebbe dovuto avere la saggezza di lasciar perdere il referendum e prendere di petto le quattro questioni più importanti:il lavoro,l’immigrazione,le banche,l’Europa.Al contrario il gruppo dirigente del partito di maggioranza relativa,il PD,ha proseguito sulla linea della riforma costituzionale decisa a tavolino qualche anno prima e con le stucchevoli lotte interne che nulla avevano a che fare con i problemi del paese. In questo modo abbiamo avuto la dimostrazione pratica che il PD non è un partito in grado di guidare il paese fuori dalla crisi,che il suo gruppo dirigente,minoranza compresa, non è all’altezza della situazione.Se si vuole ricorrere al classico paragone della costruzione di una casa prima si parte dalle fondamenta e poi si arriva al tetto e le fondamenta in ogni società sono costituite dal lavoro e dal buon andamento dell’economia.

Si spiega in questo modo un fatto altrimenti inspiegabile. I dirigenti del Movimento 5Stelle sono stati protagonisti in questi giorni di una clamorosa doppia giravolta politica che avrebbe dimezzato i consensi a chiunque.Invece ,nei sondaggi,il M5S non solo non perde ma addirittura è davanti al PD.La spiegazione può essere una soltanto e cioè che nonostante tutto,nonostante le giravolte,una parte consistente dell’elettorato considera questo partito sempre meglio degli altri.

I nodi stanno venendo al pettine anche sulla spinta della nuova situazione internazionale che si va profilando in particolare con i cambiamenti nella politica negli USA .Qualcosa si sta muovendo nei governi europei,Gentiloni ha incontrato la Merkel contemporaneamente all’incontro tra i presidenti delle rispettive Confindustrie e il ministro Calenda ha sollecitato un incontro a tre anche con la Francia.In un modo o in un altro è evidente che l’Unione Europea dovrà prendere alcune decisioni anche se la scelta di eleggere Tajani alla presidenza del Parlamento europeo sembra più dettata da una ricerca di mediazione in attesa delle elezioni tedesche e francesi.E’ quindi una situazione difficile e confusa in cui occorre avere alcuni punti fermi perché vengano fuori soluzioni positive contando in primo luogo sulle forze dei lavoratori e dei giovani.

Uno di questi punti fermi è come affrontare alla radice la crisi economica e la mancanza di posti di lavoro che colpisce innanzitutto le nuove generazioni. Ci sono varie ipotesi che circolano,dal salario minimo garantito cui starebbe lavorando il governo Gentiloni al salario di cittadinanza proposto in questi giorni in commissione lavoro alla Camera dal movimento 5S.Ma è risaputo che è soltanto il lavoro degnamente retribuito che produce ricchezza e reddito,i salari minimi o di cittadinanza ,a parte i costi e la loro ipotetica sostenibilità ,non modificherebbero per niente la reale disoccupazione e la mancanza di lavoro.

Dato che è in vista una ristrutturazione tecnologica che andrebbe a ridurre in alcuni settori i posti di lavoro ,queste ipotesi sembrano fatte apposta per bloccare in anticipo movimenti che rivendichino nuovi posti di lavoro e fare accettare una esclusione dal lavoro attivo a fette di popolazione.Occorre invece un piano di investimenti pubblici e privati di grandi dimensioni che non cali dall’alto dei consigli di amministrazione delle grandi multinazionali ma che passi attraverso il vaglio popolare. O andiamo ai referendum soltanto quando interessa ai governanti?

Un piano del genere ha però bisogno di grandi risorse e queste risorse si possono trovare mettendo assieme i paesi europei. Per fare un esempio pratico.Lo scontro commerciale tra le case automobilistiche ,in particolare tra quelle americane e tedesche,si è trasferito in Europa con la polemica sui motori diesel tra Germania e Italia.Sono decenni che le case automobilistiche europeee si fanno la guerra e invece la situazione,in vista delle nuove applicazioni tecnologiche che vedono coinvolti i grandi gruppi informatici nordamericani,richiede una strategia comune.Se oggi i lavoratori europei nell’industria automobilistica vogliono difendere i loro posti di lavoro e crearne di nuovi devono perciò necessariamente rivendicare una politica che metta assieme le risorse ,ingenti investimenti nonché l’istituzione immediata di una unica autorità europea che stabilisca regole uguali per tutti riguardo le emissioni.

Un altro punto è quello dell’immigrazione. La maggior parte degli immigrati sono giovani in cerca di fortuna,in cerca di lavoro,quel lavoro che però scarseggia anche da noi. E’ impensabile risolvere questo problema se non si imposta prima urgentemente un piano di cooperazione tra l’Europa ed i paesi da cui provengono gli immigrati,un Trattato vero e proprio tra la UE e questi paesi sulla base della reciprocità,della cancellazione del passato coloniale e con risorse messe in comune. Un piano di cooperazione con il chiaro obiettivo di creare occupazione in loco e bloccare l’immigrazione che l’Europa non è più in grado di assorbire. In questo senso occorre essere chiari:una volta stabilito il contingente che spetta all’Italia,non potranno essere accolte persone oltre quel numero e tutti i paesi aderenti alla UE dovranno rispettare gli accordi.Nello stesso tempo è giusto utilizzare in modo corretto e utile le persone che ormai sono sul nostro territorio. Sono decenni che non si dà avvio ad un piano nazionale di riassetto idrogeologico ,così come è necessario un piano per la tutela ambientale,il recupero delle zone inquinate,il recupero e rinnovo dell’edilizia pubblica e privata. Ecco che allora dare l’avvio a questo piano nazionale inserendo accanto ai giovani italiani anche una quota di immigrati con un contratto di qualche anno potrebbe essere una valida soluzione. Se consideriamo infatti i pesanti costi del dissesto ambientale che aggravano ogni anno il bilancio pubblico, nel giro di qualche anno andremmo sicuramente ad un notevole risparmio pubblico.

Ci sono poi altri punti cruciali come il conflitto all’interno del sistema bancario europeo che va risolto liberando il sistema del credito dai derivati e dall’ingerenza dei fondi anglosassoni o come le acquisizioni ostili di gruppi industriali e bancari che vanno assolutamente bloccate ,punti su cui torneremo.

E infine c’è il punto rappresentato dal quadro internazionale. I mutamenti internazionali,dalla nuova politica negli USA con la presidenza Trump,al ruolo assunto dalla Repubblica popolare cinese,allo scontro in atto in Siria e in Asia Centrale,richiedono un ruolo positivo dei paesi europei sia per garantire e migliorare le condizioni di vita raggiunte con la lotta di generazioni sia per favorire il metodo pacifico nei rapporti mondiali. Un ruolo che può essere svolto soltanto da una vera e democratica Unione Europea.

Sono tutti punti che il governo Renzi non ha saputo affrontare o quando l’ha fatto lo ha fatto in modo confuso e contradditorio .Per quanto riguarda i sindacati ,in particolare la CGIL,salta agli occhi che i referendum proposti sono fuori tempo massimo e sembrano piuttosto il tentativo di recuperare i giovani ed i lavoratori attivi poiché nella pratica i sindacati sono diventati espressione dei pensionati.Il problema oggi è:il governo Gentiloni e i partiti politici che lo sostengono son in grado di affrontare i punti che abbiamo provato a individuare ?E d’altra parte, gli altri partiti politici che posizione hanno e che proposte fanno su quei punti?

Il nostro blog ha avviato da tempo un lavoro ed un confronto con quanti si pongono il problema di dare al paese una linea alternativa e ai grandi gruppi finanziari e industriali e ai partiti che li rappresentano e a quanti individuano, sbagliando, la soluzione dei problemi con l’uscita dall’Europa. Un lavoro ed un confronto che debbono andare avanti in modo aperto e costruttivo.

Che “c’azzecca” il contratto di lavoro dei metalmeccanici con le pensioni e i servizi sociali?

Quote

di Pasquale Felice

All’indomani della politica economica decisa alla fine degli anni 80 negli USA basata su: liberalizzazione, privatizzazione e deregolamentazione, che ha sconvolto il sistema con la de-localizzazione delle attività manifatturiere e con l’intermediazione finanziaria, fondamenti del processo di globalizzazione guidato dagli Stati Uniti, nonché per la grave crisi economica dai caratteri distruttivi che ha generato l’aumento delle disuguaglianze sociali ed economiche, il nuovo periodo vede accelerare grandi processi di trasformazioni costituzionali e normativi, che limitano e/o eliminano i diritti sociali fondamentali quali la sanità, la previdenza, la scuola, ecc.

Il nuovo contratto dei metalmeccanici è il frutto di tale contesto – per la verità già visto anche in rinnovi contrattuali di altre categorie – che prende atto dell’annullamento dei diritti fondamentali di cittadinanza sociale: il diritto all’assistenza sanitaria, il diritto alla pensione, il diritto all’istruzione; diritti che gli italiani credevano di aver conquistato definitivamente attraverso l’affermarsi del modello di stato sociale, un modello che oggi non c’è più, ed i sindacati prendono atto di questo nuovo scenario senza opporvisi .

Con questo nuovo contratto di lavoro si sancisce la fine dei diritti sociali universali e si prende atto del ridimensionamento della sanità pubblica, della previdenza pubblica, della scuola pubblica, ecc…; pertanto si sceglie di non opporsi a tali politiche e al taglio della spesa pubblica ed egoisticamente si sceglie un rimedio corporativo per il singolo dipendente, nonché per gli eventuali loro familiari, che favorisce, attraverso il contratto di lavoro, la sanità privata (prestazioni sanitarie integrative sul mercato assicurativo), la previdenza integrativa privata (Fondi di previdenza complementari), la scuola privata (attraverso buoni per pagare rette di asili nido, libri scolastici, buoni benzina o altro).

Il guaio è che questa “crescita” dei redditi dei lavoratori si realizzerà non con erogazioni salariali dirette ma con meccanismi di “welfare aziendale” che porteranno minori costi per le imprese ma anche minori entrate per lo Stato (dunque anche per l’Inps) essendo dette forme contrattuali del tutto detassate, ossia non colpite da imposizioni fiscali così come accade per le erogazioni salariali. Inoltre, si consideri che queste nuove forme di walfare contrattuale, nella realtà, non proteggeranno e non incrementeranno il reddito a disposizione dei lavoratori, come è la pura erogazione salariale, infatti non si ripercuoteranno né sugli altri istituti salariali (tredicesima, quattordicesima, tfr, ecc.), né contributivi e dunque pensionistici (pensione pubblica Inps).

Segnaliamo che i meccanismi salariali predisposti da questo contratto sono del tutto ipotetici, infatti sono erogati sulla base dell’inflazione ex post, cioè a posteriore sulla base dell’inflazione dell’anno precedente, misurati in base all’indice Ipca (Indice dei prezzi al consumo, depurato di costi importanti quali l’inflazione causata dall’eventuale crescita dei prodotti energetici). Permane inoltre la possibilità di deroga al contratto nazionale, ossia la possibilità di non applicare o peggiorare le parti normative del contratto nazionale, svuotandolo di fatto, così come previsto dal Testo unico sulla rappresentanza, di cui all’accordo del 10 gennaio 2014. Così come permangono i peggioramenti introdotti negli accordi separati del 2009 e del 2012, allora non sottoscritti dalla Fiom, su Rsu/Rls, flessibilità, orari, straordinari obbligatori, ecc. Mentre, per quanto riguarda l’inquadramento professionale, il nuovo contratto prevede delle possibilità di sperimentazioni che fanno presagire perdite normative e salariali con possibilità di demansionamenti; sancendo altresì la riduzione di democrazia nelle aziende, l’annullamento dei diritti, la riduzione dei salari reali e dunque delle future pensioni pubbliche dei lavoratori.

Questo contratto denota anche un’ulteriore miopia delle organizzazioni sindacali firmatarie, se si vuole, assai più grave. Infatti, appena il mese prima, in ottobre, l’ONU aveva lanciato l’allarme sulla sostituzione dei lavoratori con macchine, che potrebbe portare a un rimpiazzo del 66% del lavoro umano.

Il report, reso noto dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD), lancia l’allarme dell’aumento sempre più alto di disoccupati a causa della progressiva sostituzione della manodopera e dell’intelletto umano con la tecnologia (robot ed algoritmi). Infatti, il futuro sistema di produzione prevede di rimpiazzare le persone con tecnologie, robot che fanno lo stesso lavoro, con maggiore velocità, precisione, senza mai stancarsi, ammalarsi, andare in maternità/paternità, prendere le ferie e soprattutto protestare, tantomeno scioperare.

Il capo del personale della Volkswagen, Horst Neumann, alcuni mesi fa, aveva osservato che nell’industria automobilistica tedesca il costo del lavoro è superiore ai 40 euro all’ora, nell’Europa dell’Est è di 11 euro, in Cina di 10 euro; mentre – oggi – il costo di un sostituto meccanico per lavori di routine in fabbrica si aggira intorno ai 5 euro; domani, con le nuove generazioni robotiche presumibilmente sarà ancora più economico. Per questi motivi, ci informava Neumann, le 32mila persone che andranno in pensione alla Volkswagen nei prossimi 15 anni, non verranno rimpiazzate.

Pur tuttavia, dell’era dei robot, l’UNCTAD, evidenzia un impatto più pesante nei paesi che con la globalizzazione avevano accolto tante produzioni delocalizzate dai paesi occidentali, ciò in conseguenza a una sorta di rimpatrio di queste produzioni, però con l’intenzione di sostituirle con robot tecnologicamente avanzati, chiaramente, come visto, con un costo del lavoro più basso. Per questo motivo molti paesi in via di sviluppo stanno puntando sull’innovazione per restare competitivi e non subire il rimpatrio delle produzioni delocalizzate; in tal senso c’è un aumento delle vendite di robot, in particolare nei paesi di recente industrializzazione. Ciò però non salverà affatto l’occupazione, la presente crisi economica internazionale e la rivoluzione tecnologica potrebbero preludere a uno stato di disoccupazione di massa su scala globale.

In Italia, dagli anni ’90, si è precarizzato il mercato del lavoro con bassissimi salari, oggi, le contromisure incentivanti con l’esenzione del pagamento delle contribuzioni, che permettono alle imprese di trasformare le occupazioni a tempo determinato in posti fissi, non aumentano l’occupazione, proprio perché le imprese, dovendo stabilizzare i precari, preferiscono passare alla robotica e alle nuove tecnologie. Da qui, la “disoccupazione tecnologica” di oggi, provocata dalla sostituzione di macchine a lavoro – che si somma alla disoccupazione di insufficienza di domanda effettiva – che aumenta anche di fronte al rilancio degli investimenti, infatti i posti di lavoro che si guadagnano dove si producono i robot non compensano quelli che si perdono dove s’introducono gli stessi.

Così, con produzioni interamente robotizzate, le imprese aumentano un “massimo” profitto, però non riescono più a vendere le merci prodotte, in questo senso avendo la necessità di una domanda si è posto il problema di un “reddito di cittadinanza” per coloro che non lavorano più, in alcuni paesi “universale” (cioè per tutti), proprio per assicurarsi una domanda effettiva per la vendita delle merci prodotte. Il “reddito di cittadinanza”,al di là dell’effettiva possibilità di essere attuato,è però una proposta che accetta di fatto l’esclusione dal lavoro,la disoccupazione.

In certi paesi europei poi, qualche organizzazione sindacale ha proposto che i costi sociali, determinati dall’irruzione delle nuove tecnologie, debbano essere pagati dalle imprese che hanno abbassato il costo del lavoro con i robot, in modo da re-distribuire i benefici e i risparmi così determinati ….. in Italia non se ne parla nemmeno!!!

Infatti, il nuovo contratto di lavoro dei metalmeccanici non fa nessun riferimento a siffatte dinamiche, ad esempio inserendo nella piattaforma contrattuale l’obiettivo della riduzione d’orario a parità di salario che è tutt’altra cosa dei cosiddetti contratti di solidarietà .Al contrario, come visto, premia le imprese con istituti detassati che forse in un primo momento favoriscono anche i lavoratori occupati, penalizzandoli però nel futuro. Infatti la loro pensione non sarà affatto adeguata per una vecchiaia serena. Inoltre, per gli attuali pensionati, venendo a mancare le contribuzioni previdenziali, sia per la riduzione dell’occupazione sia per il ridotto pagamento delle contribuzioni, si profilano ulteriori tagli e blocchi delle pensioni in essere.