Sul referendum del contratto dei metalmeccanici

Quote

Il contratto dei metalmeccanici,la categoria più importante dell’industria italiana, è stato sottoposto poco prima di Natale a referendum,con risultati contrastanti che non corrispondono alla versione data dai sindacati confederali FIM FIOM UILM.Secondo questi dati,su 5.986  aziende interessate per un totale di 678.328 dipendenti hanno votato 350.749 (pari al 63,27% dei presenti nei giorni di votazione); di questi 276.627 (80,11%) hanno votato sì e 68.695 (19,89%) hanno votato no. Le schede bianche sono state 3.836 e le nulle 1.591.Ora a ben guardare,dato che gli addetti nell’industria metalmeccanica in Italia sono circa un milione e seicentomila,meno di un quarto dei lavoratori ha partecipato al voto e,sempre accettando per buono il metodo di votazione difficilmente controllabile nelle piccole aziende,un lavoratore su 6 ha respinto il contratto.Il fatto più rilevante è poi che il NO al contratto prevale nettamente in quasi tutte le grandi fabbriche,dalla Fincanteri alla Electrolux e in generale nei posti di lavoro dove è stata possibile la discussione.Sulle motivazioni che hanno portato molti lavoratori a rifiutare il contratto   la testimonianza di una delegata della Electrolux di Solaro che riportiamo è particolarmente significativa.

La delegata ci scrive:

Al di là delle polemiche e discussioni ,(spesso usate per distogliere l’attenzione dei lavoratori), nate alla fine dell’assemblea sindacale svoltasi oggi nello stabilimento di Solaro in tema all’ipotesi del rinnovo del contratto nazionale metalmeccanici, penso come lavoratrice e come rappresentante  dell’organizzazione sindacale della CUB, che non si può accettare un accordo dove i contenuti non sono a vantaggio dei lavoratori.
Voglio ribadire alcuni punti importanti di questo ipotesi di accordo:
– l’aumento di salario x giugno 2017 è praticamente minimo, 9 euro (sulla inflazione stimata del 0,5% dell’anno precedente )  x giugno 2018 sono 19 euro (sulla inflazione stimata del 1% dell’anno precedente)x il 2019 sono 23 euro (sulla inflazione stimata del 1,2% dell’anno precedente) questa cifra e’ basata sul 5°livello al lordo ,figuriamoci ora che arriva al 3° livello netto! In più in base all’inflazione dell’anno precedente , se la percentuale di inflazione si abbassa si prenderà ancora meno x ora sono solo delle stime con nulla di certo.
– il 1 giugno 2017 le aziende erogheranno un benefits di 100 euro SOTTO FORMA DI BUONI spendibili  x benzina, buoni scolastici o altro. Tale benefts sarà di 150 euro nel  giugno 2018 e 200 euro  nel 2019 ( sempre sotto forma di buoni)
La lista dei fornitori su dove poter usufluire di questi buoni viene decisa NON dal lavoratore.
Invece di lottare x un’aumento vero , dove il lavoratore può scegliere dove e come spendere i propri soldi si portano avanti proposte peggiorative x i lavoratori
– Dal 1 di ottobre verrà creato un sistema di sanitaria integrativa del valore di 156 euro annui, suddivisi in 12 rate da 13 euro l’una a carico dell’azienda
Fondo gestito da aziende e sindacato (x questo a loro interessa privatizzare la sanità )non certo x il bene dei lavoratori.
– Verrà innalzato il contributo aziendale x le pensioni integrative dal 1,2 % al  2% dei minimi . Chi non aderisce al fondo Cometa non  percepisce nessuna quota
–  Viene  poi istituito un fondo di 200 euro x tutta la durata del contratto (4 anni) con 24 ore x la formazione CONTRO LE 124 ORE ATTUALI

Il lavoratore ci guadagna poco e niente. Il sindacato ingrassa con le partecipazioni  ai vari consigli di amministrazione dei fondi pensioni e di assistenza integrativa ecco perché insistono nel privatizzare.
A discapito del servizio nazionale sanitario.

-per quanto riguarda i permessi della legge 104  a differenza di ora, per migliorare una programmazione dell’attività aziendale, il lavoratore presenterà la richiesta con 10 giorni di anticipo. Praticamente impossibile visto che la legge 104 viene usata x assistere famigliari con gravi patologie.

La beffa finale è che i lavoratori dovranno pagare a fim fiom uilm  35 euro a giugno 2017 a meno che il lavoratore tramite l’apposito modulo rifiuta la richiesta del sindacato. Questa somma è  solo x aver fatto il contratto. E che contratto!!!
Come si fa ad accettare un ipotesi di accordo cosi?? La vita è sempre più cara e i nostri stipendi rimangono uguali grazie a sindacati che guardano i propri interessi e non quelli dei lavoratori.
Lotte portate avanti da tempo x ottenere che cosa??? A voi la risposta
A questo contratto IO ho votato  NO !!!

L’indipendenza dell’Europa e l’elezione di Trump

Quote

Si è tenuto,dopo il primo seminario a fine ottobre,un nuovo seminario promosso dal circolo Concetto Marchesi di Milano e dal blog pennabiro.Sono state presentate due comunicazioni cui è seguito un interessante dibattito che ha toccato alcune questioni affrontate .Di seguito pubblichiamo il testo delle comunicazioni.

USA: QUANDO È LA DESTRA CHE GUIDA LA LOTTA DI CLASSE

di Bruno Casati

A.

È arrivato l’uragano Trump e così, dopo la Brexit, le due cattedrali del capitalismo, USA e GB, sono state violentemente scosse. Come ora reagiranno e, che ricadute ci saranno negli USA e nel Mondo, visto che, oltretutto parliamo del Presidente degli Stati Uniti D’America, il paese più ricco, più forte (e più indebitato) del Pianeta? E come mai, domandiamoci, Trump, questo nuovo Presidente, un Repubblicano inviso al suo stesso Partito, ha sconfitto Hillary Clinton la donna in carriera su cui puntavano ad occhi chiusi i Liberal-Democratici Statunitensi (ed Europei), con buona pace di sondaggi ed algoritmi, che invece la realtà, che notoriamente ha la testa dura, ha bellamente ignorato? E come mai, ancora, un personaggio così fuori dalle righe, ha convinto gli americani a votarlo? Ecco, Donald Trump, miliardario, demagogo, fascistone e razzista fin che si vuole e, quindi, pericoloso, è stato però l’unico a prendere posizione contro gli effetti sugli USA di quell’estremismo della globalizzazione (che oggi è definibile come il sistema) che ha portato a chiudere Fabbriche e Miniere e aumentare la povertà. E oggi negli USA i poveri ammontano a ben 47 milioni, ed è il Paese più ricco del mondo. La Clinton, invece, è apparsa come la garante dello stesso sistema e, per questa ragione, sospinta verso la Casa Bianca dalle Elites del mondo finanziario, mediatico e dalla Famiglia, la lobby miliardaria dei Clinton. Perché alla Casa Bianca negli USA si alternano le dinastie, le Famiglie, dai Kennedy ai Bush. Oggi il ciclo si interrompe? Interessante, e istruttivo, è confrontare le due campagne elettorali parallele, quella di Trump e quella della Clinton. Trump, in tutti i comizi, ha martellato su due sole questioni: l’Economia (le tasse, la disoccupazione e, come vedremo, il protezionismo) e la sicurezza (i cittadini da armare, le frontiere da presidiare, il Terrorismo e, come vedremo, l’isolazionismo). La Clinton, ispirata da una divisione armata di Spin-Doctor superintelligenti e cortigiani, ha investito invece sui blocchi sociali, di razza e di genere, sulle donne (il femminismo esce distrutto da questo voto), sugli intellettuali e sui divi, ma non è entrata in connessione con il popolo dei ceti medi e della classe operaia, che c’è, eccome se c’è, ma Lei, la Signora Hillary, se ne è accorta solo dopo. Eppure Micheal Moore , mesi prima, l’aveva avvertita: “attenta così vai a sbattere”. Non fu ascoltato. Trump inoltre non ha fatto in pratica la campagna elettorale né laddove avrebbe perso comunque-, come in California, né laddove avrebbe vinto comunque, come nel profondo Sud tuttora razzista, ma ha investito solo sugli Stati in bilico, come il Wisconsin e soprattutto l’Ohio. In queste realtà lui è arrivato a parlare con quei lavoratori cancellati ora dall’automazione ora dalle delocalizzazioni, e a confrontarsi con i minatori ai quali sono state sottratte le miniere. A questi soggetti in disagio lui, il miliardario, ha consegnato un solo messaggio forte e chiaro: “prenderò a calci chi porta le fabbriche fuori dagli USA”. Gli hanno creduto. La Clinton ha fatto invece riferimento ai ceti colti delle Metropoli Costiere del Pacifico e dell’Atlantico, là dove si concentra la Borghesia Liberal, dove Di Caprio e Madonna si professano, dai loro attici luccicanti, Democratici sinceri. E ha così consegnato a Trump gli spazi geo-politici dell’immenso centro, le periferie, dove vagano i fantasmi arrabbiati dei senza lavoro, assolutamente indifferenti alle battaglie sui Diritti Civili, perché l’unico diritto di cittadinanza di cui sentono la mancanza è quello del salario e della dignità. Per l’Establishment Democratico costoro, semplicemente non esistevano. Francis Fukuyama, l’intellettuale che ha fatto autocritica dopo avere sentenziato anni fa “la fine della storia”, oggi a proposito del voto americano e non solo, dichiara al Corriere della Sera del 1° dicembre 2016, che : ….ovunque assistiamo alla rivolta delle campagne e dei non scolarizzati rispetto alle città delle persone più istruite. Negli USA, l’interno del Paese contro le Metropoli della Costa. In Gran Bretagna le città deindustrializzate contro Londra, ma vale anche per l’Ungheria dove Orban è popolare ovunque meno che a Budapest… (o per) Putin popolarissimo ovunque meno che a San Pietroburgo e a Mosca”. Volessimo forzare l’analogia su Milano si potrebbe aggiungere che il Sindaco liberista Sala, sostenuto dal PD vince le elezioni in Via Monte Napoleone ma le perde a Quarto Oggiaro. E, ancora, si potrebbe dire che il no al referendum stravince in tutta Italia ma perde a Milano che è la Londra d’Italia. Ma ritorniamo a Trump che, da ultimo, ha vinto perché ha anche promesso il raffreddamento delle avventure militari USA in tutto il mondo, accennando a una normalizzazione delle relazioni con la Russia che, con la Clinton, sarebbero state acutizzate. In una intervista rilasciata sempre al Corriere della Sera, il Ministro degli Esteri Russo Sergej Lavrov così dichiara: “abbiamo fiducia che la nuova amministrazione non voglia ripetere gli errori di quella uscente, che ha volutamente distrutto le relazioni Russo-Americane”. E da Mosca così si liquida il Nobel per la Pace Obama e, insieme, la Signora Clinton. Ma, ora ci si domandi, esisteva un’alternativa al fascistoide ultranazionalista Trump e alla guerrafondaia Hillary Clinton? Certo che esisteva e si chiamava Bernie Sanders, un anziano senatore del Vermont, un brillante socialista che si era candidato con i Democratici e che, in campagna elettorale, sosteneva da sinistra le ragioni dei lavoratori, che in Italia è rimasto il solo Maurizio Landini a difendere. Ma i Democratici lo hanno neutralizzato malgrado Sanders, che andava all’attacco della “classe miliardaria” (i premiati della globalizzazione) e riproponesse le 40 ore settimanali, in un testa a testa con Trump, lo avrebbe messo sotto così almeno affermavano alcuni osservatori. E con Sanders i giovani che affollavano i suoi comizi, nei quali ritornava il “sogno americano” -si legga il Libro-Reportage di Rosa Fioravante sulla campagna elettorale del senatore- sarebbero tornati a votare, perché i giovani, Rosa lo rammenta, negli USA per l.’80% non votano. Ma i Democratici, le Elites, non hanno voluto saperne di Sanders e così Donald Trump ne ha raccolto con facilità, ma da destra, l’eredità: salvare l’industria e il lavoratore americano. E i giovani, delusi, sono tornati a non votare. Del resto la stessa cosa è successa in GB con la Brexit dove, la voglia di rovesciare il famoso “ordine delle cose esistenti”, non trovando uno sbocco a sinistra per la titubanza dei Laburisti che hanno messo in minoranza Corbyn, ha fatto riferimento alla destra di Farawge. Quando invece, come nella piccola Grecia di Tsipras, lo sbocco è apparso, interviene brutalmente l’UE a Trazione Tedesca a ricondurre il Paese nell’alveo della globalizzazione. Insomma è la guida liberista della globalizzazione che ovunque moltiplica le destre. La sintesi del voto americano perciò diventa drammaticamente semplice: nel voto americano è tornata in scena la lotta di classe, la rivolta nei confronti degli eletti della globalizzazione. Solo che la lotta di classe, nell’assenza della sinistra politica di Classe e di Massa, avviene sotto l’egida della destra in uno scenario di “sovversivismo dei ceti dominanti” che, per la loro battaglia per la conquista del potere, usano i ceti dominati e senza guida. Bernie Sanders oggi fonderà una sua Area, our revolution (la nostra rivoluzione), la Clinton oggi va a casa con il marito, ma oggi è Trump che entra alla Casa Bianca . Farà danni? L’impero comunque scricchiola, l’America appare divisa in due e, per la prima volta nella storia americana, una parte dei cittadini è scesa in piazza per manifestare contro un Presidente eletto con il voto e non imposto con un Colpo di Stato.

B

Quali, domandiamoci, le ricadute del voto americano in USA, in Asia, Medio Oriente ed Europa? Con Trump, aumenta o no il pericolo per la pace che Obama, Nobel per la Pace, ha messo a rischio usando spregiudicatamente la Nato e smontando l’ONU? Ovviamente staremo a vedere, tenendo comunque conto che governare non è come tenere un comizio e, oggi al governo, Trump dovrà rispondere al Congresso e alla Corte Costituzionale. L’uomo è sicuramente imprevedibile, ma già qualche segnale di raffreddamento dei suoi toni si è colto. In campagna elettorale Trump anteponeva ad ogni cosa la difesa degli interessi americani, “prima di tutto l’America” era il suo motto che, del resto, da Monroe in poi lo era anche di altri Presidenti. Solo che lui lo faceva ruotare su due cardini: l’Isolazionismo e il Protezionismo. Le ricadute, in USA e nel mondo, discendono dalla loro concreta applicazione. L’Isolazionismo non è una novità nella storia degli Stati Uniti d’America, lo troviamo nella dottrina dei Padri Fondatori, già quando George Washington, dopo la vittoriosa lotta dei coloni contro gli Inglesi, invitava, era la fine del 1700, a non interferire negli affari della vecchia Europa. E, per più di un secolo, gli americani, presi da ben altre sanguinose vicende interne, non interferirono. Vennero in Europa nella 1^ Guerra Mondiale, vi ritornarono nel 1944 contro i Nazi-Fascisti. Da allora non se ne sono più andati e hanno costellato di Basi Armate il Continente, tramite la NATO fatta diventare globale. E oggi si spingono a occupare i territori a ridosso della Russia , il cosiddetto “fianco Orientale”. È del tutto evidente che Putin è indotto ad attrezzarsi per difendere il suo popolo che già subisce l’onta delle sanzioni. Se oggi Trump, come parrebbe, intende considerare la Russia un Partner e non quel nemico che la Clinton trattava come tale, ebbene questa sarebbe cosa buona, anzi, molto buona sulla strada della Pace. Va da sé che il primo atto di distensione sarebbe quello di togliere le sanzioni che hanno tra l’altro penalizzato anche l’Italia per 3 miliardi di dollari (dati Sace) mentre Washington, che le ha imposte, non ne sopporta i costi. Ma questa linea di condotta di Trump, se mantenuta (qualche dubbio sorge apprendendo che Segretario della Difesa sarà James Watts, il Generale Marine detto Mad Dog) verrà approvata dal Congresso? Così, ancora ci si domandi se sarà o meno approvata la linea, in questo caso opposta, che Trump ha dichiarato di voler adottare contro Cuba (disgustosa la sua dichiarazione a commento della morte di Fidel Castro) con cui si verrebbero a cancellare gli accordi sui quali Obama, e anche Papa Francesco, avevano messo la faccia? Trump, con la piccola Cuba, ritrova oggi i toni bellicosi dismessi con la Grande Russia. Resta invece equivoca la posizione sulla Nato e l’Alleanza Atlantica, dove avverte i Paesi Europei membri che, se vogliono continuare a usufruire dell’ombrello difensivo” della Nato, devono pagare di più il servizio (già pagano, già paghiamo troppo noi in Italia, offrendo oltretutto territori e porti all’Alleanza). E la UE, così come il Governo Italiano, tacciono senza un briciolo di dignità che li porti almeno a dire, finalmente, “prima di tutto l’Europa” e cominciare così a liberarsi, a 70 anni dalla Liberazione, di questo ingombrante e costoso occupante che è l’”amico americano”. Per quanto riguarda la nozione di protezionismo che ha tanto fatto indignare Wall Street e scosso i santuari della globalizzazione, che sono destinati a mettersi d’accordo con il Presidente, Trump intenderebbe, così pare, metter in discussione i due trattati di Libero Scambio, nel campo Atlantico e Pacifico (TTIP e TPP). Fin qui arrivava anche Sanders. Poi però aggiunge di voler introdurre i dazi sulle importazioni e avviare, riscrivere, Relazioni Commerciali Bilaterali -anche in GB Teresa May sostiene la stessa cosa per l’Europa dopo la Brexit- con i singoli Stati. La critica ai trattati è sacrosanta ma l’introduzione dei Dazi punirebbe le Economie più deboli. L’Italia del Tessile ad esempio, che esporta l’alta qualità dei tessuti, dinnanzi ai Dazi potrebbe essere indotta a spostare le produzioni laddove il lavoro costa meno. Ma forse il protezionismo per l’intreccio che si è venuto a configurare con la globalizzazione , è difficile se non impossibile da praticare anche per gli USA che, sui Dazi, non possono certo aprire un contenzioso con la Cina, il loro maggior creditore. E ritirandosi dal Trattato del Pacifico, gli USA lascerebbero oltretutto campo libero proprio alla Cina che, anche con le sue “vie della seta” si accrediterebbe come polo di attrazione Economico se non Politico per tutta l’Asia, e oltre. Non credo che gli USA, Trump si Trump no, possano solo assistere.

Perchè ha vinto Trump e quali conseguenze per l’Europa da questa elezione

di Iglis Restani

Primo punto.

La vittoria di Trump ha confermato alcune cose dette qui un mese fa. In quel seminario si era messo in evidenza come il voto per la Brexit aveva espresso il malcontento per gli effetti negativi della globalizzazione in Gran Bretagna,si era portato l’esempio dei lavoratori dei cantieri navali di Sunderland,oggi constatiamo un risultato simile all’interno del paese capitalista dominante .I punti sollevati da Trump in campagna elettorale,investimenti nelle industrie,dazi alla Cina,piano di infrastrutture,blocco degli immigrati corrispondono alle conseguenze negative che ha comportato la fase attuale della globalizzazione. E’ logico pensare che siano stati questi effetti negativi a spostare il voto su Trump.

La globalizzazione finanziaria,lasciando per il momento da parte le conseguenze sul resto del mondo,ha sicuramente creato un impoverimento delle masse popolari in Occidente,quindi anche nel paese che sta al centro del sistema diciamo occidentale.

Questi aspetti non hanno colpito ,come si è pensato ,solo gli afroamericani o i latinos ma anche gli americani di origine europea,i bianchi.Si può dunque tranquillamente affermare che almeno dalla fine degli anni 90 del secolo scorso il tenore di vita dell’americano medio è peggiorato. L’esempio classico,che si ritrova anche in parte nelle fabbriche tedesche o negli stabilimenti FCA in Italia ,è quello della paga oraria del vecchio lavoratore della Ford di 24 dollari all’ora più la pensione ed i benefit confrontata con i 14 del nuovo assunto senza pensione e senza benefit.

Esiste negli USA un certo declino industriale. Per fare un esempio la produzione di acciaio nel 2016 negli USA è stata di 6382 migliaia di tonnellate, in Germania 3506 ma nella Repubblica Popolare Cinese 68510,dieci volte tanto.(Dati pubblicati da Il Sole -24 ore del 24/11). Non solo c’è stata la chiusura di acciaierie ed altre industrie pesanti e minerarie che risalgono ai tempi Seattle ma anche altri settori come l’elettronica di consumo sono passate ai paesi asiatici. Si può dire che gran parte dell’industria manifatturiera è stata spostata in oriente, causando un forte ridimensionamento dei posti di lavoro.

Dopo la caduta del muro di Berlino, Gli USA hanno tentato, attraverso la “loro” globalizzazione, di controllare il mondo. La punta di diamante di questa operazione è stato il capitale finanziario e ad una politica di guerra in varie regioni del pianeta. Le grandi banche d’affari americane e inglesi, stanno dettando legge nei mercati finanziari, controllando i movimenti dei capitali,(non a caso i cosiddetti advisor chiamati a presiedere alle modifiche statutarie di grandi società come l’MPS sono quasi sempre banche anglo-americane). Ma intanto si è sviluppata una forte contraddizione, come si è detto prima, perché l’apparato industriale nel suo complesso si è indebolito , l’indebitamento interno delle famiglie e quello commerciale verso l’estero in particolare la Cina è aumentato,e se è vero che le grandi banche d’affari hanno aumentato il loro peso , la quota del commercio mondiale detenuta dagli USA è oggi al 24 % contro il 25% della UE e il 17% della Cina.

Con le promesse elettorali, Tramp ha parlato di sviluppo industriale e di lavoro, non spiegando come farà i conti con le delocalizzazione avvenute a vantaggio delle multinazionali USA e su come intende risolvere la questione che pone la quarta rivoluzione tecnologica (si parla già che nel 2025, la tecnologia applicata alle industrie, farà perdere 250 milioni di posti di lavoro).

Da notare che nella storia recente degli USA sono state varie le svolte per rispondere alle crisi economiche-finanziarie e ristabilire la superiorità:1933 con la legge Glass-Steagall voluta da Roosvelt per dividere le banche d’affari da quelle commerciali per prevenire le crisi finanziarie ,gli accordi di Bretton Woods nel 1944 per affermare il dollaro come moneta di riferimento mondiale,la cessazione della convertibilità del dollaro in oro nel 1971 ,l’abolizione da parte di Clinton della legge sulla divisione delle banche nel 1999 per imporre la globalizzazione finanziaria .

Gli USA dunque sono un paese spaccato in due, ma non da oggi. Dopo le elezioni molti giovani traditi dall’abbandono di Sanders, non solo non sono andati a votare, ma continuano a manifestare non riconoscendo l’elezione di Tramp, cosa che negli Usa non si era mai visto. Se facciamo riferimento alle elezioni presidenziali occorre ricordare che Bush junior nel 2001 fu eletto grazie alla vittoria per 600 voti contestati in Florida, stato in cui era governatore suo fratello e dopo lunga trattativa.

Se facciamo riferimento alle proteste popolari le grandi manifestazioni a Seattle durante la conferenza dell’Organizzazione Mondiale del Commercio avvennero nel 1999 e a quelle proteste erano presenti anche operai delle acciaierie.

Secondo punto

Vediamo intanto cosa molto presumibilmente avrebbe comportato la vittoria della Clinton.Una vittoria della Clinton avrebbe sicuramente comportato una prosecuzione se non una accentuazione della linea di controllo finanziario dell’apparato produttivo di alto livello europeo,cioè grandi gruppi industriali e grandi gruppi bancari. Allo stesso tempo un rafforzamento della pressione militare verso la Russia con il duplice obiettivo di rompere la resistenza di Putin a far entrare il capitale finanziario americano nei grandi gruppi energetici russi e di creare una zona di sbarramento a est della Germania. La parte del capitale americano rappresentata politicamente dalla Clinton può essere definita quella sicuramente più aggressiva,basata sul blocco banche d’affari,fondi di investimento,Fondo Monetario Internazionale e interventi militari in giro per il mondo.

Se,per rimediare al declino industriale e a possibili nuovi disastri finanziari,Trump cambia come pare anche la politica estera è prevedibile che gli USA cercheranno di diminuire i costi degli interventi militari all’estero anche se resta ovviamente l’obiettivo strategico sia dei repubblicani e dei democratici cioè il dominio mondiale e quindi gli investimenti nel settore militare.

Da notare che nel programma della Clinton gli impegni militari erano evidenti,tra cui la riorganizzazione dell’esercito in Iraq.In quello di Trump le azioni militari sono giustificate per fini commerciali,ma anche in quello di Sanders gli interventi miltari limitati,ad esempio a supporto degli alleati contro l’ISIS,erano inseriti.

Con la vittoria di Trump, la linea della Clinton è scongiurata almeno per il momento e l’Europa può respirare e sfruttare la situazione,nel senso che è prevedibile per un certo periodo l’allentamento delle tensioni almeno in Europa e quindi uno spazio maggiore per affrontare la situazione economica e soprattutto per determinare una politica di indipendenza e di autonomia, da spendere per un mondo multipolare.Anche l’Europa patisce pesanti conseguenze della globalizzazione finanziaria.

L’esistenza di un capitale finanziario autoctono in Europa,la presenza del capitale finanziario angloamericano in tutti i grandi gruppi europei,i collegamenti tra gli uni e gli altri,hanno coinvolto fortemente l’Europa nella recente crisi partita da Wall Street nel 2007,tuttora in corso,sia dal punto di vista economico,perdita di milioni di posti di lavoro,sia da quello politico con la caduta di alcuni governi.

A distanza di una decina d’anni, la crisi economica attanaglia fortemente le popolazioni europee e si aggrava sempre di più. I posti di lavoro sono molto insufficienti (persi oltre 50milioni), vi è una forte disoccupazione giovanile; lavoro sempre più pesante, precario e mal retribuito (vedi minijob in Germania, o i contratti a tempo determinato in Italia e agitazioni recenti in Francia). Nello stesso tempo le pensioni e tutto quello che riguarda le spese sociali,dall’istruzione alla sanità viene ridotto costantemente.

Anche in Italia abbiamo strati di lavoratori e della società che hanno subito un drastico ridimensionamento e in alcuni casi la chiusura in settori come l’auto,la chimica,gli elettrodomestici,l’acciaio.L’Italia è il paese che sta pagando più di altri paesi europei gli effetti negativi della globalizzazione finanziaria e della delocalizzazione anche se ha mantenuto una capacità manifatturiera che però non può durare in eterno.

Nel tempo vi sono stati vari attacchi all’euro da parte della cosiddetta speculazione finanziaria,con il chiaro obiettivo non solo di impossessarsi di fette di capitale ma anche di far fallire i governi con il maggior debito pubblico,vedi l’Italia e la Grecia. La politica USA del dividi et impera, vale nel mondo e soprattutto in Europa. Questo è un dato di fatto che viene o sottovalutato o ignorato e se vogliamo fare una analisi obiettiva non possiamo permettercelo.

Oggi il nostro paese in particolare e l’Europa in generale non è affatto fuori dai guai creati dalla speculazione dei grandi fondi di investimento,basti pensare che ancora oggi dobbiamo constatare che Soros ed altri finanzieri sostenuti da grande banche d’affari sono alcuni dei soggetti chiamati a sostenere l’aumento di capitale del MPS per evitare il fallimento.

Il capitale finanziario che si sposta erraticamente là dove sono previsti i maggiori dividendi senza essere in grado di prevedere i danni arrecati all’economia reale,sviluppato al punto di essere in grado di fare cadere i governi di singoli paesi,con una massa enorme di capitale concentrata in poche mani in cui la componente del debito ha un peso rilevante,dimostra di non essere più in grado di produrre nuova ricchezza ma di depredare quella prodotta e di pescare nel risparmio delle generazioni precedenti .

La precarietà del lavoro,l’abbassamento dei salari,la riduzione del welfare,il taglio delle pensioni è l’altra faccia necessaria all’aumento dei dividendi,dell’aumento del possesso di azioni e dei compensi dei managers di una classe sociale che non partecipa alla produzione ,produzione che in base a questo tipo particolare di sviluppo economico che stiamo attraversando è relegata ad un ruolo subalterno. E’ questo tipo di capitale l’avversario da battere e che invece non viene additato. Seguendo un certo filo logico dovremmo pensare ad una politica che ci sganci dall’abbraccio soffocante in cui ci stringono i cosiddetti mercati,ovvero Pimco,Blackrock ecc.ecc. E le loro filiali europee e che si occupi del vero problema cioè del lavoro che manca e di un buon salario.

Oggi esiste la tendenza a esprimere il malcontento popolare contro la politica,contro i partiti e quindi,grazie ad una dirigenza politica fallimentare insediata a Bruxelles ed alla burocrazia che vi alloggia,contro gli organismi dell’Unione Europea che diventa così l’origine di tutti i mali.

I cambiamenti che la nuova presidenza americana lascia prevedere,se,come detto,aprono una finestra,allentano l’abbraccio soffocante delle precedenti amministrazioni,ma anche richiedono risposte tempestive ed intelligenti. Trump ha fatto capire che intende trattare 1 a 1 con gli altri paesi,in questo rapporto gli USA ci guadagnano,quindi i Trattati economici al momento vengono messi in secondo piano.Ma se prima la UE soffriva di dipendenza dagli USA e di mancanza di autonomia, l’alternativa domani non è tornare alle fallimentari politiche nazionali, come prospettano le varie forze nazionaliste che si sono sentite autoelette amiche di Trump o di Putin.

Trump rappresenta un continente, così come Putin,così come la Cina,e noi pure in Europa dobbiamo rappresentare un continente: questa è la situazione.

Nello stesso tempo occorre prestare molta attenzione agli elementi nuovi che emergono sia dall’elezione di Trump e alle proteste seguite alla sua elezione e alla spaccatura del paese che al voto in Gran Bretagna.E gli elementi nuovi sono una evidenza di scontri tra diverse classi sociali,il ritorno della parola socialismo,lo scricchiolio del sistema proprio nei paesi capitalisti per eccellenza  a DIMOSTRAZIONE CHE QUESTA E’ UNA CRISI CHE METTE IN DISCUSSIONE IL SISTEMA STESSO, incapace di trovare soluzioni nuove, col grave rischio di portarci verso una nuova guerra mondiale.In conclusione, riguardo alla questione Europa, questa assume aspetti nuovi dopo le elezioni americane.

L’Europa oggi deve entrare in partita, costruendo la propria INDIPENDENZA. Si devono rifare i trattati capestro, a cominciare dal trattato di Mastrich e dal ruolo delle banche, che ne hanno determinato la sua subordinazione al capitale finanziario. Un’Europa che favorisca una visione multipolare del mondo, uno sviluppo del lavoro e del welfare che punti alla piena occupazione, attraverso uno sviluppo industriale equilibrato, che sappia affrontare le nuove sfide che l’applicazione delle nuove tecnologie ci pongono, che punti ad un riequilibrio dell’economia mondiale dopo il disastro delle delocalizzazioni, che sappia gestire la problematica delle materie prime e dell’ambiente, per praticare una politica di pace, di collaborazione con gli altri continenti, che riduca le disuguaglianze e la povertà, per un mondo migliore.

Per fare questo è necessario che si sviluppi in Europa UNA FORZA PER IL CAMBIAMENTO. E’ indispensabile raccogliere consensi, unendosi a tutti coloro e ai movimenti popolari che, nei paesi che hanno costruito l’Europa, si stanno battendo per una Europa unita e indipendente, che sono impegnati per dare risposte in primo luogo a chi sta pagando di più i costi della globalizzazione finanziaria e di questa crisi, cioè i lavoratori, i cittadini, i giovani, i ceti medi, ecc.