La presentazione a Milano del liquore millenario Wuliangye e i rapporti commerciali e di amicizia con la Repubblica Popolare Cinese

Quote

 

test

LA ‘CINTURA’ E LA ‘VIA’

Milano, centro economico dell’Italia e sede di una forte comunità cinese, sta diventando approdo per le imprese cinesi in Europa (anche grazie a Expo); si è svolta qui una tappa del viaggio “lungo la ‘cintura’ e la ‘via’”: una iniziativa dell’agenzia giornalistica Nuova Cina, il maggiore organismo di comunicazione di massa di quel paese, nell’ambito del grandioso progetto di “Nuova via della seta” promosso dal governo cinese e dal presidente Xi Jinping.

Si tratta di rinsaldare un legame non solo economico ma culturale, scientifico e politico, tra Cina ed Europa, che coinvolga i paesi e le civiltà lungo il percorso. Proprio come fu l’avventura di una vita del veneziano Marco Polo, questo legame è inteso in entrambe le direzioni, come scambio di conoscenze e scoperta delle eccellenze reciproche; tra quelle tradizionali della Cina (sete, porcellane, tè, arti marziali, calligrafia), data la cultura del vino propria dell’Italia, a Milano è stato presentato un liquore millenario, il Wuliangye.

E’ un distillato chiaro prodotto in un solo stabilimento nella sola città di Yibin (Sichuan), scelta per la qualità delle sue acque, è ottenuto dalla fermentazione di cinque cereali ad opera di più di cento microorganismi; è, con il MouTai, elemento fondamentale del rito cinese del bere – il baijiou – accompagnato al pasto nell’accoglienza degli ospiti e nelle trattative d’affari.

Non è un caso che la presentazione, accompagnata dall’esecuzione di pittura e musica tradizionali, sia avvenuta non in un ente preposto al commercio, ma nell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, a Palazzo Clerici, in uno splendido salone affrescato dal veneziano Tiepolo.

Nella sua visita in Asia centrale e sud-orientale (settembre-ottobre 2013) il presidente Xi Jinping lanciò l’iniziativa di costruire insieme la Cintura Economica della Via della Seta e la Via Marittima della Seta del 21° Secolo; per il premier Li Qekiang occorre creare propellenti strategici per lo sviluppo dell’hinterland di entrambe. Il progetto per la Cintura e la Via potrà integrare le strategie di sviluppo dei vari paesi mediante consultazioni reciproche, dando impulso alla prosperità e cooperazione regionale nei paesi interessati, rafforzando gli scambi e le conoscenze tra civiltà diverse, promuovendo la pace e lo sviluppo.

Spetta all’Italia e all’Europa, terminali storici della Via della Seta terrestre, cogliere questa opportunità strategica.