Dalla manifestazione No Monti Day alla protesta delle elezioni in Sicilia

 

Sabato 27 ottobre a Roma c’è stata una importante manifestazione contro il governo Monti in cui ha sfilato una parte della sinistra politica e sindacale del paese. Il comitato Nodebito , la cui costituzione nel 2011 ha poi portato anche a questa manifestazione dopo quella del 31 marzo a Milano ,è una realtà che può contribuire a creare nel paese una opposizione a questo governo e a rispondere alle richieste che vengono dalla popolazione, in primo luogo una politica che dia lavoro.

Questa manifestazione si è collocata anche in un contesto politico generale che si va via via delineando. Le elezioni politiche in Sicilia, come avevamo previsto e non era una previsione difficile, hanno confermato che la tendenza principale tra le masse è il rifiuto dei partiti, non come si crede della politica. Se uno pensasse che più della metà dei siciliani non abbia votato per qualunquismo, oltre ad avere la puzza sotto il naso verso il popolo, non capirebbe che questo è invece un atto politico preciso di sconfessione dei maggiori partiti e di richiesta di una nuova politica. Se consideriamo che più del 53% non si è recato alle urne e se aggiungiamo le schede bianche e nulle ci si rende conto che anche la cosiddetta vittoria del PD-UDC non esiste e lo stesso risultato di Grillo va molto ridimensionato. Quando leggiamo sui quotidiani che Crocetta ha vinto con il 31% in realtà è meno del 15% così come il 15 %del movimento di Grillo è il 7% degli aventi diritto al voto. Il risultato delle elezioni in Sicilia è un preciso segnale di protesta popolare.

Occorre saper cogliere la protesta che esiste nel paese in tutte le sue sfumature così come occorre saper cogliere le crepe che si aprono nel fronte della grande borghesia. Una di queste crepe è sicuramente data da quanto sta succedendo nel centro-destra .I grandi quotidiani della borghesia sono preoccupati, non è un caso che il buon Scalfari, che di solito scrive l’editoriale per Repubblica alla domenica, si sia affrettato a scrivere un articolo anche il lunedì dopo la conferenza stampa di Berlusconi del giorno prima ,definendolo “fuori di testa “ e che a sua volta il Corriere della sera abbia ironizzato su Berlusconi parlando di una sua “adesione al No Monti day “ , la manifestazione di cui abbiamo parlato in apertura dell’articolo.

Grande agitazione dunque nel campo avversario e questo è un bene. Ciò che occorre è avere parole d’ordine chiare , semplici, che rispondano ai bisogni dei lavoratori e dei giovani e che sono quelle che sono mancate nel corso della manifestazione del 27, anche se nel comizio finale alcuni interventi hanno posto i problemi politici che ci troviamo di fronte

. Lavoro, investimenti,diminuzione delle tasse sul lavoro e abolizione dell’IMU sulla prima casa, benzina a 1 euro al litro, riorganizzazione totale della scuola, modifica radicale dei trattati europei, questi sono gli aspetti su cui occorre sviluppare un programma che tenga conto di quanto chiedono i cittadini e in cui questi possano riconoscersi. La politica del governo Monti , la politica dell’Unione Europea , sono politiche che vanno bene per le banche , per il sistema finanziario messo alle strette dalla crisi partita dagli USA i quali continuano ad interferire in Europa ed in ogni singolo paese.

Ma non sono politiche che possono risolvere questa crisi,che possono rilanciare l’economia reale e portare a quella unità politica ed economica dei paesi europei di cui c’è sicuramente bisogno ma che può realizzarsi soltanto partendo dai bisogni reali della popolazione.

Dunque un confronto con chi si oppone a questo governo, un confronto sulle proposte concrete, è quello che è necessario oggi per raccogliere la protesta e per dare a questa un programma e l’organizzazione politica nuova che sarà necessaria per portare avanti questo programma.

 

rossoeblu

MISSILI E PREDOMINIO MONDIALE

  

l’ingerenza USA surriscalda la penisola coreana

 

di Paola Dangiolini

 

Il 9 ottobre scorso ha avuto un certo rilievo sui giornali una dichiarazione della Repubblica Popolare Democratica di Corea, che è stata presentata così: “La Corea del Nord ha annunciato che possiede dei missili strategici in grado di colpire il territorio degli Stati Uniti” (Corriere della sera) “Le forze armate nordcoreane hanno a disposizione missili strategici capaci di colpire il territorio degli Stati Uniti”(Repubblica) “ Stamane, la Corea del Nord ha annunciato di avere in arsenale missili strategici capaci di colpire gli Stati Uniti – ma anche il Giappone e Guam” (Stampa) “La Corea del Nord annuncia di avere in arsenale missili strategici capaci di colpire il territorio degli Stati Uniti” (Messaggero) .

In realtà, leggendo meglio, la dichiarazione dice: “Non nascondiamo che le forze armate rivoluzionarie, incluse quelle strategiche missilistiche, stiano tenendo gli obiettivi di colpire non solo le basi delle forze fantoccio (sudcoreane, ndr) e le basi delle forze imperialiste di aggressione degli Stati Uniti sulla inviolabile terra della Corea, ma anche il Giappone, Guam e il territorio degli Stati Uniti”; si parla quindi di un programma per sviluppare vettori più potenti di quelli attualmente posseduti.

Il segretario dell’ONU, il sudcoreano Ban Ki-mun, ha commentato: “E’ una dichiarazione preoccupante, alza ulteriormente il livello di tensione”; per i suoi esperimenti missilistici la RPDC subisce già pesanti sanzioni da parte del consiglio di sicurezza dell’ONU (inasprite a maggio di quest’anno) perché non rispetta il trattato di non-proliferazione nucleare, in vigore dal 1970, che aveva sottoscritto nel 1985 e da cui è uscita nel 2001 – Francia e Cina, che facevano esperimenti nucleari dal 1960 e dal 1964, hanno aderito al trattato solo nel 1992; Israele, India e Pakistan non lo hanno firmato, l’Iran sì. In pratica, quel trattato garantisce il monopolio missilistico e nucleare “legale” di USA, Russia, Gran Bretagna e poi Francia e Cina.

 

Sarebbe meglio chiarire chi ha provocato ripetutamente tanta tensione nella penisola coreana.

Quella dichiarazione segue l’accordo del 7 ottobre tra il governo di Seoul e quello statunitense, per ampliare la gittata dei missili in dotazione alla Repubblica di Corea – Corea del Sud – portandola a 550 – 800 km in cinque anni, pari a più di due volte i limiti attuali (300 km), tenendo il carico utile massimo di 500 kg. Il commento della dichiarazione è: l’accordo è “frutto di un altro complotto del padrone e del tirapiedi” mirato a “innescare una guerra” contro la RPDC, e aggiunge “Siamo ben preparati per contrastare attacchi nucleari degli USA e dei loro alleati rispondendo missile per missile e arma nucleare per arma nucleare”.

Il governo sudcoreano di Lee Myung Bak sta trasformando l’isola di Jeju in una grande base navale che permetterebbe l’ancoraggio simultaneo di 20 navi (inclusi sottomarini) da 7.000 tonnellate armate con sistema Aegis, e potrebbe ospitare anche vettori nucleari. L’isola, all’estremo sud del paese, dista 500 km da Shangai, ed è in posizione strategica per controllare varie rotte marittime del Pacifico asiatico – vi passa il 40% del commercio mondiale, in particolare i rifornimenti petroliferi (la Cina è il secondo consumatore mondiale di energia, il Giappone il quarto). Il governo USA ha fatto molte pressioni sul governo di Seoul per la costruzione di questa base, iniziata nel 1995 e sospesa per le grandi proteste popolari che ora sono riprese vigorosamente bloccando il cantiere. In quest’isola già da aprile 1948 a maggio 1949 ci fu un’insurrezione contro il regime sudcoreano repressa da esercito, polizia e squadristi con incendi di villaggi, 30.000 uccisi (un decimo della popolazione) e migliaia di morti e prigionieri in campi di internamento .

Jeju sarà parte dell’apparato missilistico della Corea del sud con le basi di Jinhae (sede del comando della marina sudcoreana, e unica base USA nel paese), Pyeongtaek (base navale e aerea con ampia presenza militare USA), Incheon (il porto più importante della costa ovest, la terza città del paese), Kunsan (base aerea) e Gwangju (nel maggio 1980 teatro di una violenta repressione militare – con centinaia di morti – da parte del generale Chun Doo-hwan, padrone del paese dal 1979 all’88) .

Oltre a queste e altre basi sul suolo coreano, nel Pacifico esistono grandi basi aeronavali USA, con presenza di armi nucleari, a Okinawa (restituita al Giappone solo nel 1972, 37 sulle 86 basi USA nel paese, che è costretto a pagarne il mantenimento, con 20.000 militari su 47.000 – anche qui contrastate da grandi proteste popolari e Yokosuka (grande porto militare condiviso nella baia di Tokio), a Guam (“territorio non incorporato” degli USA) e Pearl Harbor (Hawaii, 50° stato degli USA ). C’è presenza militare USA a Singapore (uso delle strutture) e a Darwin (Australia del nord, base aerea, previsti 2.500 marines entro il 2016). Gli USA trattano per aprirsi altri porti in Vietnam (Cam Ranh ). Sono previsti altri due potenti radar X band, in Giappone e Filippine, oltre quello già esistente nel nord del Giappone, e silos con intercettori in Corea del Sud e Australia. In Corea del Sud sono stanziati quasi 30 mila militari statunitensi; l’US Pacific Command ammonta a 300.000 persone, che non saranno toccate dai tagli al bilancio militare (487 miliardi di dollari). Il Segretario alla Difesa Leon Panetta ha dichiarato (11 ottobre 2011): “il Pacifico resta una priorità per gli USA” e (2 giugno 2012) che entro il 2020 il 60% della flotta USA sarà nei mari asiatici .

Il Segretario di Stato Hillary Clinton ha scritto: “il futuro della politica sarà deciso in Asia, non in Afghanistan o Iraq: uno dei compiti più importanti dello stato nel prossimo decennio sarà un investimento – diplomatico, economico, strategico – sostanziosamente crescente nella regione Asia – Pacifico … vi si trovano parecchi dei nostri alleati chiave e importanti potenze emergenti come Cina, India e Indonesia … per aprire nuovi mercati agli affaristi americani, frenare la proliferazione nucleare, mantenere libere le rotte per il commercio e la navigazione, la nostra attività all’estero è la chiave per la nostra prosperità e sicurezza interne … mantenere la pace e la sicurezza nell’Asia – Pacifico è sempre più cruciale per il progresso globale, sia che si tratti di difendere la libertà di navigazione nel Mar Cinese meridionale, o contrastare gli sforzi di proliferazione nucleare della Corea del Nord, o assicurare trasparenza nelle attività militari dei paesi chiave nella regione … una svolta strategica verso questa regione si inserisce logicamente nel nostro sforzo globale di assicurare e sostenere la leadership globale dell’America”]. Continue reading