DIFENDERE IL LAVORO

Uno dei punti fondamentali per costruire un’alternativa politica è la difesa delle condizioni dei lavoratori e dei posti di lavoro nell’industria, nell’agricoltura,neel terziario.Questo significa anche guardare all’unità dei lavoratori nel nostro paese e più in generale a livello europeo considerando le pesanti conseguenze dell’attuale crisi economica.

 Occorre poi aver ben chiaro che con la speculazione finanziaria che attacca l’euro e i paesi europei che hanno maggior debito pubblico i prezzi delle nostre aziende,grandi e medie,pubbliche e private si ribassano e diventa quindi più facile per il grande capitale finanziario internazionale  impadronirsene,rischio che corre un importante settore come le ferrovie. 

  Le riflessioni contenute nell’articolo che segue,riportate al contratto delle attività ferroviarie e delle FS,al di là dei giudizi sui sindacati esistenti  nel settore,su cui esistono diverse opinioni,sono un contributo alla discussione su questi temi.

A PROPOSITO DEL CCNL ATTIVITÀ FERROVIARIE

E CONTRATTO AZIENDALE DEL GRUPPO FS

di Pasquale Felice

 

Il 28 giugno u. s. le Segreterie Nazionali Filt, Fit, Uilt, Ugl, Fast, Orsa e le associazioni datoriali, hanno firmato per “identificazione dei testi” l’ipotesi sul rinnovo del CCNL Attività Ferroviarie; contestualmente è stato firmato un accordo di secondo livello di contrattazione, riferito al rinnovo del Contratto Aziendale del Gruppo FS.

La vertenza, però, non può considerarsi conclusa, in quanto le parti, entro il prossimo 20 luglio, opereranno affinché si concretizzi l’adesione al contratto dell’intero settore degli Appalti Ferroviari, nonché la verifica delle condizioni per chiudere la trattativa per il rinnovo del CCNL Trasporto Pubblico Locale, ciò allo scopo dell’inclusione del tutto all’interno del più ampio CCNL della Mobilità.

Ciò premesso, una condizione e un accadimento, stanno condizionando il percorso per il concretizzarsi dell’intesa:

il Sindacato OrSA si è riservato la sottoscrizione delle ipotesi contrattuali per dare seguito ad un dibattito nella categoria, in modo da mettere i lavoratori nelle condizioni di valutare i contenuti di ambedue i Contratti, anche alla luce della difficile e complessa situazione generale, che vede il lavoro arretrare e soccombere in ogni suo aspetto economico, normativo, previdenziale, ecc…; a ciò si aggiunga che situazioni categoriali o intercategoriali, nonché di altre sigle sindacali tra i ferrovieri del Gruppo FS, si levano proteste e/o richieste di modifiche sugli accordi in parola;

le Associazioni datoriali delle Imprese degli autoferrotranvieri ASSTRA e ANAV, immediatamente dopo la firma delle ipotesi dei citati rinnovi dei Ccnl, hanno disdettato i protocollo e gli accordi guida sul CCNL della Mobilità, precondizionando la loro adesione e/o trattativa al rinnovo del Ccnl/Tpl, alla soluzione politica dei continui tagli di risorse e servizi conseguenti alle manovre finanziarie.

Su quanto sopra, occorre precisare che i tagli alle aziende del Tpl sono da ricondursi anche a tagli riferibili a modi indiretti, ovvero alla riduzione dei finanziamenti statali al servizio ferroviario regionale; infatti, le Regioni, nel cercare di mantenere i contratti di servizio con Trenitalia, hanno a loro volta tagliato qua e la su tutto il trasporto pubblico locale; inoltre, a ciò si aggiunga che le minori risorse al Tpl, sono riferibili al fatto che queste sono fiscalizzate e si basano anche sulle accise della vendita del carburante, che in questo momento è notoriamente in forte calo, a causa della crisi e della conseguente recessione.

 

Volutamente, non entriamo nel merito dei contenuti dell’accordo, il che potrebbe infatti ridursi al riproporre di tabelle e/o specchietti che, in modo partigiano, sono state già divulgate dalle varie Organizzazioni o Organismi sindacali, per dimostrare o meno le positività o le negatività degli accordi in questione.

Preme, al contrario, evidenziare che nell’attuale debolezza del mondo del lavoro, aggravata dalle negatività dell’attuale crisi, il lavoro in Italia spesso è mal sopportato, nonché mal retribuito, usurante, pericoloso, noioso, deprimente, soprattutto se è riferito alla categoria dei lavoratori produttivi, specialmente se operaio o comunque addetto ad attività esecutive, automaticamente esclusi dalle conoscenze sui processi complessivi. Inoltre, è su questi scalini più bassi che finiscono e si scaricano le conseguenze negative di una catena di comando che in modo verticale (ma spesso anche orizzontale, per le pratiche del divide et impera) dai tecnici di alto livello e/o quadri apicali, ingegneri, dirigenti, manager, amministratori delegati, sale fino ai proprietari dei mezzi di produzione e/o delle cedole azionarie.

In questa situazione, tuttavia, come sopra accennato, nella gran debolezza del mondo del lavoro, tutti i lavoratori si trovano a vendere il lavoro e ad essere sfruttati. Il fatto di avere acquisito i diritti alla negoziazione e alla contrattazione, il fatto di possedere i diritti alla lotta sindacale e allo sciopero, oggi, purtroppo, duole constatare che gli stessi non sono utilizzati per aumentare un certo benessere economico e sociale, ne tanto meno per nuove e migliori condizioni di lavoro (dal salario, all’orario, ai turni, ecc…). Se va bene, gli stessi diritti, visti gli attuali rapporti di forza, sono solo in grado di guidare un certo ripiegamento e/o riposizionamento.

Non è certo in queste brevi considerazioni che si possa elaborare un bilancio storico/sindacale delle vicende che hanno interessato i lavoratori delle ferrovie negli ultimi decenni, occorre però, al momento, domandarsi cosa può essere mancato alla categoria negli ultimi decenni, perché le rivendicazioni categoriali erano dissociate dal contesto politico ed economico nel quale si trovavano (e si trovano) ad operare i ferrovieri, quali errori sono stati fatti per ritrovarsi nella situazione che ha condotto gli stessi a ripiegare sui contenuti di un siffatto CCNL.

La grande battaglia contro la liberalizzazione dei trasporti ferroviari non c’è stata; i sindacati si sono adeguati all’arroganza delle nuove Compagnie private ed ai loro contratti di lavoro, mentre i ferrovieri si sono divisi, tra errori e incertezze, con paralizzanti divisioni dettate dalla miopia corporativa e di mestiere; con questa presa di coscienza è indispensabile un’inversione di tendenza …..

 

A tal proposito potrebbe essere di aiuto andare a rivedere la storia passata – nella consapevolezza che “la storia si ripete sempre due volte… la prima come
tragedia …, la seconda come farsa!
” -, per far ciò è utile riportare alcune questioni che vengono tracciate nel libro “la prima organizzazione di classe dei ferrovieri” di Giuseppe De Lorenzo (EDITRICE COOPERATIVA – ROMA 1977). Continue reading

SE NON SI COMBATTE LA GRANDE FINANZA I POPOLI EUROPEI STARANNO SEMPRE PEGGIO

 

Chi sta dietro le agenzie di rating? L’inchiesta della procura di Trani

 

di Iglis Restani

 

In tutta Europa le masse popolari hanno dovuto subire e subiscono pesanti sacrifici come conseguenza della grave crisi economica attuale. I lavoratori italiani così come quelli greci,irlandesi,spagnoli , francesi ,tedeschi ,gli spagnoli sono scesi in piazza giovedì , per citare alcuni paesi , sono costretti ad accettare riduzioni reali dei salari e una diminuzione dei diritti e nello stesso tempo aumenta la disoccupazione che colpisce i giovani e la fascia al di sopra dei 50 anni .

Ma , mettendo momentaneamente da parte l’ingiustizia profonda con cui questi sacrifici sono stati fatti pesare alle classi sociali medio-basse, ci si domanda :questi sacrifici sono serviti e servono per uscire dalla crisi ?

Guardiamo all’Italia. Più o meno un anno fa Berlusconi si dovette dimettere con la motivazione che l’aumento dei tassi d’interesse sui titoli del debito pubblico , il famoso spread riferito ai titoli tedeschi ,metteva a rischio bancarotta lo stato italiano . Ad un anno di distanza , con il governo tecnico composto in buona parte da uomini provenienti dal mondo della finanza , abbiamo sempre lo spread a quasi 500 punti e quindi un interesse sui nostri titoli da ricomprare superiore del 6% a quello dei bund tedeschi ,interesse che poi si trasferisce sui prestiti alle imprese e ai mutui per acquistare casa che le banche,oltretutto, difficilmente concedono.

Dunque ? Dunque i cosiddetti compiti a casa , cioè riforma delle pensioni, aumento dell’IVA, aumento delle tasse sulla casa con l’IMU e via aggiungendo , non ci hanno affatto tolto dal baratro di cui ci hanno parlato . Ma chi ci vuole buttare in questo baratro , nonostante i pesanti sacrifici che gli italiani stanno sopportando ?

E’ di pochi giorni il declassamento fatto da parte di una delle 3 principali agenzie di rating di alcune nostre banche, regioni ed enti locali . Non tutte le persone sanno cosa sono le agenzie di rating , qui basti ricordare che sono agenzie che valutano la capacità di aziende,enti, stati, di pagare o meno i loro debiti.Le principali 3 di queste agenzie si trovano negli USA, controllano il 95% del settore e fanno capo a grandi società finanziarie con un evidente conflitto di interessi .Il caso del fallimento nel 2007 della Lehman brothers è emblematico : le suddette agenzie fino all’ultimo giorno garantivano la solidità della banca, potevano andare contro chi le finanzia ?

Purtroppo la storia del mondo finanziario ha fatto sì che sia stato dato un valore di fatto legale alle valutazioni di queste agenzie per cui gli investimenti ad esempio in fondi pensione devono tenere conto dei loro giudizi .

Ebbene , nell’arco dell’ultimo anno , queste 3 agenzie , Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch , hanno espresso 28 apprezzamenti quasi sempre negativi, tra l’altro non richiesti dai diretti interessati , sul nostro paese . Perchè questo accanimento verso il nostro paese ? Cosa si vuole da noi ? Da notare che spesso queste valutazioni negative sono uscite poco prima che iniziassero aste per l’acquisto dei nostri titoli di stato , con l’obiettivo quindi di alzare gli interessi .

Sono o non sono azioni ostili al nostro paese, alle nostre aziende , ai nostri lavoratori ed ai nostri giovani in cerca di lavoro ? E , dato che l’Italia è uno stato dell’Unioneì Europea , con una moneta comune ,sono azioni allo stesso tempo dirette contro la stabilità europea.

Perchè ogni miliardo di interessi in più sul debito pubblico dell’Italia o di un altro paese europeo che va alle grandi banche d’affari e ai grandi fondi internazionali , è un miliardo in meno per lo sviluppo e per l’occupazione.

La stessa Confindustria e il suo presidente Squinzi , hanno detto che lo spread sui nostri titoli di stato è maggiorato di 300 punti per l’equivalente di 144.000 posti di lavoro in meno come stima prudenziale .Ma perchè Squinzi,che aveva criticato il governo di “macelleria sociale” non ci dice il motivo e i responsabili di questa speculazione ?

In realtà né la Confindustria , né il governo italiano , né i primi ministri dei principali paesi europei , né i rappresentanti dell’Un ione europea, ci stanno dicendo le cose come stanno .

Si sta ormai da anni giocando una grossa partita all’interno del grande capitale finanziario internazionale in cui tutti stanno cercando di scaricare sugli altri la crisi , a partire da Washington .

Le voci che si levano contro le manovre della grande finanza con a capo quella anglo-sassone sono poche e deboli, a gennaio ad esempio il commissario europeo agli affari economici Olli Rehn aveva fatto alcune dichiarazioni sulle agenzie di rating come strumento della finanza americana che però non ebbero seguito . Se poi in Europa prevarrà l’idea che ogni borghesia pensa a salvare sé stessa,la crisi non potrà che diventare più grave e pesante per le popolazioni e l’idea stessa di unire i paesi ed i popoli europei perderà ogni valore .

Occorre reagire a difesa del popolo ,delle nostre economie , dei posti di lavoro , delle nostre industrie , per evitare che uno stato indebitato quale è l’Italia sia costretto a cedere pezzi importanti del nostro patrimonio industriale . Questo può essere portato avanti dichiarando guerra al capitale finanziario internazionale e alle sue quinte colonne presenti in Europa.

Pertanto, per  prima cosa le agenzie di rating nordamericane vanno escluse dall’Europa. La prima procura italiana ad attivarsi per un possibile reato di manipolazione del mercato finaziario contro Moody’s è stata quella di Trani . Il governo italiano in primis e la UE dovrebbero dare il massimo sostegno alla procura di Trani ed esprimere una posizione ufficiale di condanna dell’azione di queste agenzie.

Dobbiamo toglierci dal ricatto della speculazione finanziaria ma, fino a quando metà del debito pubblico sarà in mano straniera , e come noi altri paesi compresa la Germania , saremo sempre soggetti a questo ricatto. E’ necessario perciò un acquisto forzoso di questo debito da parte degli agenti finanziari sia pubblici che privati .

Parte di questo debito pubblico va abbattuta non diminuendo i posti letto con la cosiddetta spending review , ma con un taglio drastico dei compensi di managers, presidenti di enti , banche, regioni , aziende statali , con un rapporto da 1 al massimo a 10 con un lavoratore ,mentre, come ammette lo stesso Prodi che da ex presidente dell’IRI se ne intende, si viaggia da 1 a 400, con una riduzione drastica della spesa clientelare delle regioni, con una altrettanta drastica riduzione delle spese militari che , come nel caso degli F35 , sono in funzione di una politica di aggressione della NATO,di cui la guerra in Libia è l’ultimo esempio.

Ai 130 miliardi per la ripresa economica decisi nel vertice Merkel,Hollande, Rajoi, Monti di fine giugno deve essere aggiunto stabilmente tutto quanto verrà dalla tassa sulle rendite finanziarie , la tobin tax, che la UE non può rimangiarsi.

Non possiamo però aspettarci che sia il governo Monti a portare avanti questa lotta al capitale finanziario, né tantomeno i partiti che lo sostengono in parlamento . Non possiamo nemmeno affidarci alla semplice protesta contro i partiti attuali, ma pensare ad una forza politica nuova il cui compito principale sia quello di portare il paese , i lavoratori fuori da questa crisi e di favorire  l’unità dei popoli europei.