LA CONTRORIFORMA DEL LAVORO ANDRA’ IN PARLAMENTO

 

In gioco gli interessi di tutti i lavoratori , giovani o anziani

 

di Iglis Restani

 

Venti anni fa, in presenza di un’altra grave crisi economica , il ragionamento che fece la borghesia italiana fu : innanzitutto ridurre il costo del lavoro, ridurre i salari. Così nel 1992, presidente del Consiglio Giuliano Amato, venne abolita definitivamente la scala mobile che era lo strumento con cui le buste paga recuperavano automaticamente parte degli aumenti dei prezzi di alcuni beni di consumo .Quell’accordo , è bene ricordarlo ancora una volta , fu firmato dalle maggiori organizzazioni sindacali CGIL,CISL e UIL. L’anno successivo il governo “tecnico” Ciampi completò l’opera con un accordo sul costo del lavoro . Accordo che , sempre firmato da CGIL-CISL-UIL, aveva come punti cardine gli aumenti salariali legati esclusivamente alla inflazione programmata ( notoriamente inferiore a quella reale ) e la sostituzione dei consigli di fabbrica con le più controllabili Rappresentanze Sindacali Unitarie , quelle tuttora esistenti.

Sono cose già dette altre volte ma che vale la pena ricordare soprattutto nel momento in cui oggi, dopo 20 anni , si ripropone , da parte del governo “tecnico “ Monti e di chi lo sostiene in Parlamento, lo stesso copione quando, dopo avere in pratica congelato le pensioni di anzianità attuali e dilazionato quelle future , si accinge a varare la cosiddetta riforma del lavoro. In cosa consiste questa cosiddetta riforma ?

Fino ad ora , al pubblico, non era stata fornito un documento ufficiale da parte della ministra Fornero e soltanto in questi giorni si è potuta leggere la relazione  approvata dal Consiglio dei ministri . In questo articolo non si vuole fare una analisi completa della relazione ma fissare intanto alcuni punti . La cosa che salta agli occhi è che , da un lato , c’è un aumento del costo per le aziende per i contratti atipici , leggi precari, di un modesto 1,4 % che non crediamo favorisca l’abbandono di questo tipo di contratti. Dall’altro , in cambio , le aziende avranno più facilità nella cosiddetta flessibilità di uscita , leggasi licenziamenti , con le modifiche all’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori.

Ricordiamo brevemente per i lettori che lo Statuto dei lavoratori è una legge del 1970 con la quale lo stato italiano , dopo l’autunno caldo dei rinnovi contrattuali del 1968-69 e le conquiste che ne seguirono, si prefisse l’obiettivo di riportare la pace sociale nel paese. Le esigenze dei lavoratori, sia come richieste salariali che di diritti e di controllo sulla produzione, non trovarono una risposta adeguata in questa legge , che era comunque un passo avanti rispetto alla situazione degli anni precedenti. L’articolo 18 in particolare , introducendo il concetto della giusta causa in caso di licenziamenti e l’intervento del giudice per ottenere il reintegro nel posto di lavoro, era una tutela per i lavoratori nei confronti dei licenziamenti che il padronato aveva condotto non solo per ristrutturare le fabbriche ma anche contro tutti i lavoratori che avevano portato avanti richieste di miglioramenti salariali e di democrazia in fabbrica . Tuttora quell’articolo costituisce una tutela, anche se il limite di essere riferito alle aziende con più di 15 dipendenti non è stato superato negli anni con l’estensione a tutti i lavoratori .E infatti , nella proposta del governo , scompare proprio la parte che diceva che il giudice , riferendosi ad una legge precedente del 1966 , “o annulla il licenziamento intimato senza giusta causa o giustificato motivo ovvero ne dichiara la nullità“ e “ ordina al datore di lavoro …… di reintegrare il lavoratore nel posto di lavoro “.

Cosa dice adesso il documento della Fornero al capitolo 3.1 “ Revisione della disciplina in tema di licenziamenti individuali ?

Nel testo pubblicato dal Sole-24 ore del 24 marzo i licenziamenti individuali vengono suddivisi in a) discriminatori, b) soggettivi o disciplinari e si aggiunge, alla lettera c), la categoria dei licenziamenti oggettivi o economici. Ed è soprattutto su questo terzo punto che si gioca la partita .Leggiamo infatti “c) Per i licenziamenti oggettivi o economici, ove accerti l’inesistenza del giustificato motivo oggettivo addotto, il giudice dichiara risolto il rapporto di lavoro disponendo il pagamento, in favore del lavoratore, di un’indennità risarcitoria onnicomprensiva, che può essere modulata dal giudice tra 15 e 27 mensilità di retribuzione , tenuto conto di vari criteri” .Di seguito , crediamo sia questa la parte aggiunta dopo un colloquio tra Monti e Napolitano è scritto :” Al fine di evitare la possibilità di ricorrere strumentalmente a licenziamenti oggettivi o economici che dissimulino altre motivazioni, di natura discriminatoria o disciplinare, è fatta salva la facoltà del lavoratore di provare che il licenziamento è stato determinato da ragioni discriminatorie o disciplinari, nei quali casi il giudice applica la relativa tutela. “ . Il testo prosegue parlando di una conciliazione tra le parti , con l’assistenza sindacale ma senza il punto essenziale e cioè quello del reintegro nel posto di lavoro.

Il contenuto è chiaro : Il giudice accerta l’inesistenza , ripetiamo , l’inesistenza del giustificato motivo oggettivo addotto ( dall’azienda ) , quindi dovrebbe dar luogo al reintegro e invece che fa ? Dichiara risolto il rapporto di lavoro e si passa all’indennità . E non è questo un licenziamento arbitrario bello e buono , senza giusta causa ? E a che serve aggiungere dopo , in completa ipocrisia, che il lavoratore potrà comunque appellarsi al giudice quando è evidente che , al massimo , potrà soltanto ottenere qualche soldo in più ? Continue reading

VERSO LA MANIFESTAZIONE DEL 31 MARZO A MILANO DEL COMITATO OCCUPYAMO PIAZZA AFFARI

Il 31 marzo si terrà a Milano una manifestazione nazionale contro la politica del governo Monti che aggrava il peso antipopolare dell’attuale crisi economica e finanziaria .
 Non è stato un partito a indirla, è stata un insieme di organizzazioni politiche, sindacati e associazioni che sentono necessario dare questa risposta, non solo a Monti e ai suoi ministri, ma anche alle passate politiche di governo e al parlamento che lo ha insediato e lo sostiene.
Che significa ciò? Cosa si prefigge questa manifestazione?
La mobilitazione in atto non vuole essere un movimento elettorale, ma vuole respingere le misure presenti e future che distruggono lo stato sociale e creare le premesse per costruire una politica rispondente alle esigenze e agli interessi del popolo: i lavoratori, le donne, i giovani, i precari, i di soccupati, i pensionati.
La lotta si deve concentrare sull’aspetto principale : impedire che la crisi della finanza internazionale partita dagli USA  e finita in Europa metta in ginocchio l’economia reale dei paesi europei e costringa, come sta già avvenendo, i lavoratori a subire gravi sacrifici . Sacrifici che comunque non sarebbero in grado di risolvere la grave crisi economica ma soltanto di tirare avanti qualche mese. Lotta che occorre tradurre in obiettivi concreti , come la riduzione delle tasse sul lavoro e l’aumento al contrario di quelle sulle rendite finanziarie , che possano migliorare le condizioni di vita della popolazione.
La politica del governo ” tecnico ” Monti non è certo quella di sganciarsi dalla grande finanza internazionale ma di ricontrattare la posizione delle grandi banche italiane  sia verso la Francia e la Germania, sia verso gli Usa e la Gran Bretagna . Per fare questo ha pianificato il taglio delle pensioni,la riduzione dei consumi interni ed oggi intende riformare i rapporti di lavoro a vantaggio del capitale. Al contrario la politica necessaria all’Italia ed all’Europa per uscire dalla crisi è una politica di indipendenza dal grande capitale finanziario , che investa nello sviluppo dell’industria , dell’agricoltura ,della ricerca e dell’istruzione, che investa in infrastrutture utili  e che ponga fine alla delocalizzazione .Occorre notare che la delocalizzazione non solo ha distrutto posti di lavoro nei paesi  europei dove risiedevano certe industrie, ma ha favorito la proliferazione dei paradisi fiscali dove si sono fermati i profitti e , riducendo le entrate erariali degli stati dove queste aziende hanno sede legale , hanno spinto questi stessi stati ad aumentare il prelievo fiscale sui cittadini europei.
 Una politica alternativa  che , sul piano internazionale, si opponga alle aggressioni coloniali condotte dalla NATO verso altri paesi come avvenuto  in Libia , in Afghanistan e  come potrebbe avvenire per altri paesi.
Dobbiamo lavorare tutti per il successo della manifestazione , per sviluppare l’opposizione popolare alla politica dettata dalla grande finanza internazionale .

                                             la redazione

I loro affari non devono più

decidere sulle nostre vite

Contro le politiche antisociali

del governo Monti e della Bce!

Per una società fondata sui diritti civili e sociali,

sul pubblico, sull’ambiente e sui beni comuni!

Misure “lacrime e sangue” sono la ricetta del governo delle banche e della finanza che, con il sostegno del centro-destra e del centro-sinistra, è ormai in carica da oltre tre mesi. Il massacro sociale del governo Monti dilagherà se verrà applicato il trattato europeo deciso dai governi Merkel, Sarkozy e Monti. Ora vogliono cambiare la Costituzione, senza consultare i cittadini e imponendo il pareggio di bilancio. Ora vogliono imporre un trattato, il fiscal compact, che impone la schiavitù del debito per vent’anni. Per vent’anni dovremo sacrificare i diritti sociali e quelli delle lavoratrici e dei lavoratori, per pagare il debito agli stessi affaristi e speculatori che l’hanno creato.

Una crisi del sistema capitalista da cui le classi dominanti non riescono ad uscire. L’individuazione di “medici” come Monti in Italia o Papademos in Grecia, che in realtà non fanno che aggravare la malattia scaricando sui lavoratori e sulle classi popolari il peso della iniqua distribuzione del reddito con il conseguente peggioramento delle condizioni di vita e l’eliminazione di diritti conquistati con anni di lotte. Per questo diciamo NO alla precarietà e alla messa in discussione dell’articolo 18, alla distruzione dello stato sociale, dei diritti, della civiltà e della democrazia. Per questo diciamo NO alla distruzione dell’ambiente, alle grandi opere, alla Tav.

Negazione della democrazia e repressione sono gli strumenti con cui le classi dominanti stanno cercando di fermare e dividere il movimento popolare che va opponendosi al dilagare della precarizzazione e della disoccupazione di massa: lo abbiamo visto in questi giorni in Val di Susa, ma anche contro molte lotte operaie e di resistenza sociale.

Chiediamo ai giovani e alle donne, alle lavoratrici e ai lavoratori,

ai precari, ai pensionati e ai migranti,

ai movimenti civili sociali e ambientali, alle forze organizzate,

di organizzare insieme una risposta a tutto questo

con una grande manifestazione nazionale a Milano il prossimo 31 marzo!

Unire le lotte per un’opposizione sociale e politica di massa, capace di incidere e contare, dal territorio, alla scuola e all’università, alle lotte per il lavoro: dalla Argol di Fiumicino alla Wagon-Lits di Milano, alla Alcoa di Portovesme, alla Fincantieri, alla Esselunga, alla Sicilia, alla Fiat e alle lotte dei migranti. Vogliamo manifestare assieme a tutti i popoli europei, schiacciati dalle politiche di austerità e dal liberismo, in particolare al popolo greco, sottomesso ad una tirannide finanziaria che sta distruggendo il paese.

Vogliamo un diverso modello sociale ed economico in Italia e in Europa, fondato sul pubblico, sull’ambiente e sui beni comuni, per riconvertire il sistema industriale con tecnologie e innovazione, per la pace e contro la guerra, per lo sviluppo della ricerca sostenendo scuola pubblica e università, per garantire il diritto a sanità, servizi sociali e reddito per tutti, lavoro dignitoso, libertà e democrazia.

Il 31 marzo tutte e tutti in piazza a Milano:

ore 14.00 manifestazione nazionale dalla Bocconi a Piazza Affari

Occupyamo Piazza Affari!
Costruiamo il nostro futuro!

Appello “Occupyamo Piazza Affari”


 

Per aderire mail a: occupyamopiazzaffari@gmail.com Continue reading