DISASTRO FERROVIARIO IN ARGENTINA

Riceviamo e pubblichiamo un articolo inviato da due lavoratori ferrovieri che , prendendo spunto dal recente incidente in Argentina, indicano i rischi analoghi che corrono le ferrovie italiane

La naturale conseguenza delle privatizzazioni


Nel suo documentario <<La pròxima estaciòn>> il regista argentino Fernando Ezequiel Solanas, partecipando nel 2008 al primo festival dei diritti umani di Napoli, ha raccontato della dissoluzione del patrimonio ferroviario in Argentina (ferrovie tra le più estese del mondo, secondo Wikipedia, ma progressivamente ridotte per lo sviluppo del trasporto su strada): “una truffa colossale passata prima attraverso la privatizzazione, poi allo smantellamento della maggior parte delle tratte, con smembramento di macchinari e altro, tutto letteralmente rubato da aziende voraci quanto i rapinatori”. Il problema secondo Solanas è che «dopo venti, trenta anni di neoliberismo gli stati non sono più in grado di controllare alcunché», infatti nel filmato chi dovrebbe indagare, incriminare, inchiodare alle responsabilità gli autori dello scempio cade letteralmente dalle nuvole oppure è preso da un senso di impotenza.

Il presidente Menem(1989-1999) contribuì alla dismissione di linee e treni ,tagliò migliaia di posti di lavoro e molte località furono ridotte a un solo nome sulla carta geografica poiché migliaia di chilometri di binari furono strappati perché più convenienti venderli ,isolando così migliaia di persone e con essi molte attività nei territori interni della nazione. Lo stesso Menem attraverso i media cominciò a raccontare che l’Argentina spendeva 1 milione di pesos al giorno per le ferrovie,che nel trasporto pubblico esistevano troppi sprechi e inefficienze ed era anche per questo che le cose andavano male nel paese . Solanes nel suo film-documentario ha denunciato invece che si era arrivati a spendere 3 milioni di pesos al giorno e il servizio si era ridotto al 20% delle sue funzioni.

Molte associazioni e cittadini, pendolari per il taglio dei treni regionali, per lo scarso conforto e degrado dell’intero sistema ferroviario argentino da tempo hanno sostenuto la tesi di Solanas . Anche alcuni incidenti sospetti avvenuti per mancanza manutenzione come l’ultimo di pochi giorni orsono alla stazione di Once sembra proprio che gli diano ragione ma saranno le autorità competenti a verificarne le cause!

Con le liberalizzazioni/feticcio di Monti qualsiasi azienda di trasporto, come la Sarmiento in Argentina, tenderà ad abbassare i costi pur di competere tenendo i margini di profitto.

Diceva Solanas: …“attraverso i vari governi che si sono succeduti sino alla perversione di Menem questo è successo in Argentina, ma non è che in Italia ……… la situazione sia poi molto diversa”. Da questo raffronto se ne deduce che le privatizzazioni si basano su:

  1. riduzione della spesa: a) per manutenzione di treni e/o linee ferroviarie; b) per costo del lavoro;
  2. appropriazione di alcune tratte e treni e chiusura della restanti che non portano profitti.

 

Su questa strada si è avviata l’Argentina e su questa strada è lanciato il governo Monti (con il ministro Passera fino a 100 giorni fa finanziatore della società privata NTV).

Con ciò si possono rilevare altri aspetti comuni dell’Italia con l’Argentina:

  1. consenso sindacale sulle scelte liberalizzatrici del trasporto ferroviario (che suonano come campane a morto per il trasporto pubblico dedicato ai pendolari e alla movimentazione delle merci nella nazione). In proposito sono molto chiari gli accordi contrattuali al ribasso con le società di trasporto private come NTV, RTC, o con Serfer ecc.;
  2. sostanziale consenso dei maggiori partiti della destra e della ex opposizione alle liberalizzazioni del governo Monti;
  3. pace sociale (derivata dal combinato partiti – sindacati confederali);

 

La natura è natura: ci sono frane e alberi che cadono sui binari; qui lo Stato dovrebbe intervenire per prevenire e ridurre al massimo i danni. Ma i danni provocati dal risparmio, per aumentare i profitti di pochi, sono tanto meno accettabili quanto sicuramente evitabili con una politica rivolta agli interessi generali anziché a quelli privati. Continue reading

Le difficoltà di costruire una opposizione al governo Monti

 

Con la giustificazione del governo “tecnico “ stanno passando nel nostro paese provvedimenti che se fossero stati soltanto accennati dal precedente governo Berlusconi avrebbero sicuramente scatenato un finimondo . Prendiamo ad esempio la questione delle pensioni . Da un lato si sono tagliati gli adeguamenti al costo della vita per le pensioni da 1400 euro lordi in su , vale a dire che tutti i lavoratori in pensione con più di mille euro netti vedranno le loro pensioni piano piano erodersi . Dall’altro , e questo riguarda non solo i lavoratori cinquantenni ma tutte le nuove generazioni , con il progressivo aumento dell’età per andare in pensione , di fatto scompare la pensione di anzianità da lavoro fissata fino all’anno scorso a 40 anni di contributi versati .

Nel 1994 Berlusconi , appena insediato nel suo primo governo che durò pochi mesi , propose una riforma delle pensioni meno punitiva di quella Fornero approvata adesso e a furor di sciopero generale indetto dai sindacati confederali fu messa da parte tranne poi ricomparire più tardi con i governi successivi di centro-sinistra . Tornato al governo Berlusconi pensò di mettere mano alla riforma del lavoro e quindi anche all’articolo 18 dello statuto dei lavoratori . Occorre ricordare che lo statuto dei lavoratori è una legge del 1970 con cui venivano riconosciuti ai lavoratori una serie di diritti dopo le lotte degli anni precedenti , anni in cui , a partire dal dopoguerra , il padronato aveva negato i diritti sindacali e attuato licenziamenti discriminatori . L’articolo 18 garantiva i lavoratori da licenziamenti senza una giusta causa e il loro reintegro con una formula di compromesso , mai risolta in seguito , e cioè che si applicava soltanto alle aziende con più di 15 dipendenti .

Sappiamo come andò a finire , la CGIL con l’allora segretario Cofferati indisse a marzo del 2002 una grande manifestazione a Roma , il governo fu costretto a lasciar perdere. Adesso invece , nonostante le dichiarazioni di facciata , i sindacati confederali , CGIL compresa, stanno trattando con il governo “tecnico “ non solo della modifica drastica degli ammortizzatori sociali e dei contratti di ingresso per i giovani ma anche del suddetto articolo 18.

Come è possibile tutto ciò , perchè se il centro-destra propone una cosa ci si oppone e se la stessa cosa la propone il centro-sinistra o un governo “ amico “ allora va bene, si può discutere ?

Sarebbero passate queste misure se a proporle fosse stato Berlusconi ? Se la risposta è no , allora si pone una questione di fondo da affrontare una volta per tutte per tutti coloro che pensano ad una società diversa in cui il mondo del lavoro sia al primo posto . E la questione è : chi rappresenta , quali interessi sociali rappresenta veramente l’attuale sinistra , il PD , la CGIL ?

La crisi economica sta mettendo a nudo i problemi del paese , non solo il debito pubblico , ma anche la debolezza dell’industria e dell’agricoltura, la mancanza di infrastrutture , l’arretratezza del sistema di istruzione ed il basso potere d’acquisto dei salari. E’ una crisi globale, partita dagli USA e che sta mettendo in seria difficoltà i paesi europei nel loro insieme. Monti rappresenta la risposta della grande borghesia a questa crisi , il suo governo , preparato come abbiamo già detto in precedenti articoli ben prima delle dimissioni di Berlusconi , si basa su parametri dell’economia globale che comprendono una compressione del tenore di vita delle masse popolari.

Di fronte a questo , in Italia , finito l’antiberlusconismo , c’è il vuoto , perchè la cosiddetta sinistra non ha un vero progetto , una vera visione alternativi a quelli del grande capitale .E’ inevitabile che ci sia quindi un disorientamento tra i lavoratori , i giovani , i precari e che ci siano proteste slegate le une dalle altre , non ultime quelle degli autotrasportatori o quelle dei taxisti . E’ un disorientamento che non può essere superato in tempi brevi e questo può spiegare le difficoltà che esistono ad organizzare iniziative di lotta , a partire dalle fabbriche che chiudono o che ristrutturano.

Alcune iniziative che vanno in controtendenza , come lo sciopero indetto per il 9 marzo dalla FIOM sulla FIAT e sull’articolo 18 o come quelle promosse dai comitati no debito per costruire una opposizione al governo Monti, si trovano a fare i conti con queste difficoltà .

Siamo all’inizio di un processo politico nuovo , in cui occorre abbandonare vecchi schemi e vecchie etichette, guardare alle contraddizioni reali e poco alla volta costruire un progetto per il paese in cui si riconoscano i lavoratori.

Rossoeblu