Dopo l ‘assemblea del comitato NO DEBITO del 17 dicembre

    

Alcune osservazioni sui contenuti politici

 di Iglis Restani

 L’assemblea di Roma del 17 dicembre ha presentato alcune novità rispetto a quella precedente del 1 ottobre : dal nome , che ora è NO DEBITO-NO MONTI , ad indicare una opposizione all’attuale Presidente del Consiglio individuato come esecutore della politica stabilita dalla banca centrale europea , alle iniziative programmate per i mesi di gennaio e febbraio .I comitati nodebito parteciperanno infatti allo sciopero indetto dai sindacati di base il 27 gennaio , a quello della FIOM l’11 febbraio e organizzeranno due manifestazioni contro il debito una a Milano e l’altra a Napoli .

Soprattutto vi è stato , a partire dalla relazione di Cremaschi e nei vari interventi , un approfondimento del dibattito e una maggior definizione delle posizioni . In particolare , oggetto della discussione è stato il primo punto dei 5 che compongono la piattaforma , quello del non pagare il debito .

Avendo partecipato ad entrambe le assemblee , faccio queste osservazioni all’insieme della discussione , tenendo conto che il debito , inteso come l’insieme del debito pubblico e del sistema finanziario , è in parte debito che proviene dall’esterno e in parte dall’interno. Parliamo intanto di quello che proviene dall’esterno anche se dovremo comunque porci il problema di quanta sia la spesa pubblica improduttiva nel nostro paese a partire dai costi della burocrazia dello stato che la manovra del governo Monti , per non dire governo Monti-Napolitano , non ha toccato . Come è noto, i tagli sono stati fatti alle pensioni e ai redditi medio-bassi .

Innanzitutto ritengo necessario e utile ribadire che la crisi finanziaria che si è poi trasferita al sistema produttivo è partita dalle grandi banche e dai grandi fondi di investimento americani .

Perchè ribadire questo concetto ? Perchè il grande capitale finanziario anglo-americano ha il comando delle operazioni finanziarie e gli altri si devono adeguare , questo è il succo di quanto sta accadendo nel mondo e quindi le altre monete , in particolare l’euro , o si allineano o continuerà l’attacco .E’ lui il nemico principale ma affermare questo non significa che la Banca Centrale Europea non è contro i lavoratori europei . Significa che le sue decisioni , che la lettera inviata a luglio al governo Berlusconi ,non solo hanno un contenuto antipopolare ma che hanno anche accettato un diktat che viene dall’esterno , dagli USA , i cui interessi sono diversi dall’Europa . Perchè proprio la dipendenza che esiste in vasti settori in Europa nei confronti degli USA porta a tacere sulla responsabilità che questi hanno avuto ed hanno nella crisi e quella delle grandi banche europee a loro collegate .C’è una questione di cui nessuno parla più e coè che alcune di queste grandi banche di vari paesi europei , compresa l’Italia , hanno nei loro conti quantità di titoli tossici americani . Ancora oggi , a distanza di 4 anni dal crollo della Lheman Brothers i lavoratori , i cittadini europei non sanno quanti e dove sono questi titoli tossici che sono come un cavallo di Troia dentro l’Europa .Questo è debito americano , quando si dice che non si deve pagare il debito , bè questa è sicuramente una parte di quel debito che non si deve pagare .

C’è poi un’altra versione di come a mio avviso si vuole influenzare la politica italiana da un punto di vista di uomini politici americani e che è stato introdotto in un intervento nell’assemblea del 17 a Roma . E’ quella per cui la critica , condotta devo dire in modo impeccabile alla BCE e alla diminuzione della sovranità nazionale dei paesi europei , arriva però alla richiesta della fine del sistema dell’euro . Attenzione , con tutte le critiche che possiamo portare all’euro, questo potrebbe essere un trabocchetto , abbellito da belle parole ma in definitiva funzionale al dollaro ed al capitale finanziario americano , se proprio un domani si dovesse decidere di abolire l’euro lasciamo che siano gli europei , i popoli europei a sbrigare la questione . Detto questo occorre vedere la questione della banche anche da un altro punto di vista , quello della recessione che è stata giustamente chiamata in causa nel corso del dibattito e arrivo ad un’altra osservazione . Continue reading

Una notizia comparsa su internet :  la Corea del nord consentira’ l’ingresso alle delegazioni provenienti dalla Corea del sud per i funerali di Kim Jong- Il

 

Secondo quanto pubblicato su alcuni siti , il governo della Corea del Nord intende aprire le frontiere per permettere a delegazioni provenienti dalla Corea del Sud di partecipare ai funerali del segretario del Partito del Lavoro Kim Jong-IL . L’augurio nostro è che le relazioni tra i due paesi migliorino e che vada avanti il processo di riconciliazione in modo che venga superata la storica divisione che si è creata in  questo paese .Un trattato di pace tra i coreani del nord e i coreani del sud cesserebbe le sofferenze di questo popolo e  favorirebbe il processo di pace in quell’area del Pacifico . Pace che invece viene messa a repentaglio dalla politica di ingerenza e di pressioni militari da parte dell’amministrazione americana. Al Partito del lavoro ed al popolo della Corea del Nord le nostre condoglianze.
                                                                                                                          La redazione