Libia : la compagnia francese Total riprende la produzione petrolifera

Il finanziamento italiano alla guerra in Libia scade il 30 settembre . Chi si oppone al rifinanziamento ?

Sul Sole – 24 ore del 24 settembre, a pag.15 , in una piccola nota, leggiamo una notizia che non ci sorprende affatto. La compagnia petrolifera francese Total, riprende la produzione petrolifera sulla piattaforma di Al Jurf al largo della Libia, gestita in cooperazione con la compagnia libica National Oil Corporation e la tedesca Wintershall. Dunque la precedenza alla Francia, il paese che più si è distinto, assieme all’azionista di maggioranza, gli USA e agli altri soci di minoranza come l’Inghilterra ed il Qatar in questa vergognosa guerra coloniale cui hanno partecipato anche i governanti del nostro paese concedendo le basi e partecipando ai bombardamenti. Guerra coloniale contro cui non solo non vi è stata opposizione ma che  ha visto proprio visto da parte della cosiddetta sinistra una spinta all’intervento militare .Il nostro blog , indipendentemente dagli esiti militari di questa guerra, continuerà ad occuparsi dell’argomento perchè ciò che accade in quel paese e nell’intero Nord Africa è legato ai rapporti tra questi popoli ed i popoli europei e  alla necessità di una nuova politica che sconfigga il colonialismo e faccia del Mediterraneo un mare di pace senza la presenza di navi con missioni aggressive. In questo senso ospiteremo articoli e prese di posizioni diverse ma con un comune intendimento : arrivare ad un cessate il fuoco; condannare la violazione del diritto internazionale ; favorire una soluzione pacifica che escluda le forze fantoccio delle potenze neo-coloniali ; creare un rapporto di collaborazione pacifica tra Unione europea e l’Organizzazione delle nazioni africane.           Ospitiamo di seguito stralci  di un articolo di Francesco Ravelli pubblicato sul n. 8 di Oltre il Ponte, periodico a cura dell’Assopace di Novara .

Brevi considerazioni a margine della criminale aggressione alla Libia

La recente criminale aggressione alla Libia porta con sé l’esigenza di trattare, seppur brevemente, alcuni problemi politici ormai non più procrastinabili. Ci sarebbe l’imbarazzo della scelta, ma per forza di cose ci dovremo soffermare soltanto su alcuni di essi. Quasi impossibile non cominciare dal tradimento della sinistra politica e culturale italiana. Se sull’ideologia interventista di personaggi filoamericani come D’Alema o la “star” Napolitano non c’erano più dubbi, forse un poco diverso ci sembrava il caso di elementi quali la Rossanda, Fo e Ingrao. Ci sbagliavamo, e di grosso. Costoro, non capendo evidentemente nulla della situazione internazionale, hanno appoggiato senza riserve l’attacco ad un paese sovrano voluto dal Premio Nobel per la Pace Obama e attuatosi principalmente per iniziativa dell’ignobile consorteria anglo-francese. La sinistra italiana, ivi compresa quella cosiddetta radicale, è una miserabile sentinella a tutela degli interessi di Washington, e il cui unico orizzonte di riferimento, l’antiberlusconismo militante, è ormai assurto al livello di un vero e proprio manto ideologico volto all’oscuramento delle reali criticità del nostro tempo, il capitalismo finanziario e una variante particolarmente sofisticata di colonialismo.

…..

L’altro “credo” che sull’affare Libia ha fatto pomposamente mostra di sé è stato l’astratto moralismo d’anima bella, subito pronto a rimarcare tutta la sua vuota equidistanza sia dall’impero americano sia da Gheddafi. Continue reading

Lettera a “Appello.Dobbiamo fermarli “

La crisi finanziaria partita dagli USA sta colpendo duramente l’Europa , mettendo in gravi difficoltà le attività produttive , ovvero quella che viene chiamata  economia reale. I più colpiti da questa crisi sono le nuove generazioni che non hanno davanti a sè prospettive di lavoro e le donne che già vengono penalizzate  nel mondo del lavoro. In alcuni paesi europei , in particolare Grecia e Spagna , si è sviluppata la protesta dei giovani contro la politica della Banca centrale europea e dei governi di scaricare sulle masse popolari i costi di una  crisi  che appare sempre più non come una semplice crisi ciclica , ma come una crisi dell’intero sistema .Gli  indignados hanno indetto  per il 15 ottobre manifestazioni nelle principali città europee . Nel nostro paese si preparano varie iniziative di sostegno a queste manifestazioni e una di queste  è l’ assemblea che si terrà a Roma il 1 ottobre cui il nostro blog ha inviato come contributo alla discussione la lettera che pubblichiamo .

LETTERA A ”DOBBIAMO FERMARLI”

Siamo pienamente solidali con il movimento degli indignados spagnoli, ci impegniamo a dare il nostro contributo per la riuscita della manifestazione europea da loro proposta per il 15 ottobre.

Nel nostro paese è stata smantellata, svenduta, delocalizzata la grande industria – tranne la FIAT che si è americanizzata e il residuo di industria di stato che rischia la privatizzazione e lo spezzatino – e da vari decenni i grandi capitali, con la benedizione dei governi di centrodestra e di centrosinistra, hanno invece scelto la rendita speculativa e immobiliare e i redditi sicuri delle reti (telefonica, autostradale, elettrica ecc).

Occorre ricostruire un tessuto industriale: rafforzare quello esistente e creare industrie innovative (automazione, nanotecnologie, energie rinnovabili ecc.); solo così possiamo dare lavoro a tutti, ampliare i redditi della popolazione e i consumi interni e affrontare il peso del debito pubblico.

L’Italia è ormai organicamente inserita nell’UE, che garantisce una moneta stabile e un ampio mercato nella realtà europea caratterizzata da alto sviluppo economico, tecnologico e culturale. La crisi è globale e strutturale, si è aperto un periodo regressivo; per uscirne occorre una lotta dei popoli per una strategia comune dell’Europa, che difenda i risparmi dei cittadini dalle speculazioni bancarie e salvaguardi le industrie fermando le delocalizzazioni e lo shopping nei paesi più deboli per creare invece delle imprese cooperanti a livello europeo (ad es. nell’industria aeronautica e dell’auto,nell’industria energetica e in particolare, dopo i fatti di Libia, quella petrolifera, così come occorre una decisione comune sulla sicurezza degli impianti nucleari esistenti). Occorre:

  1. Diminuire drasticamente la tassazione sui lavoratori dipendenti (ora in Italia è di circa il 40%) e aumentare considerevolmente quella sulla rendita speculativa – assicurazioni, banche, borse – e immobiliare (ora pagano circa il 20%, quando non evadono le tasse o esportano capitali); abbassare i tassi sui mutui per la prima casa, agevolare gli affitti per i ceti popolari e i giovani. I vari piani industriali e patti “per la crescita” tra Confindustria e sindacati non possono sostituirsi ai contratti nazionali né intaccare i diritti democratici dei lavoratori.
  2. Investire nello sviluppo industriale, che non può essere abbandonato nelle mani delle banche e della speculazione di borsa e finanza: occorre gestire i fondi mediante stringente controllo pubblico, e agevolare i prestiti alla piccola e media industria, all’agricoltura e all’allevamento. Colpire la rendita speculativa e immobiliare attraverso il controllo dei flussi di capitali e la pianificazione territoriale di industrie, reti commerciali e di servizi, edilizia popolare.
  3. Investire nella ricerca scientifica e tecnologica, e nella scuola e formazione permanente mediante presalari per tutti gli studenti e i disoccupati e cassintegrati che devono riqualificarsi. Gli stages e i contratti atipici non possono portare al precariato a vita ma devono essere un apprendistato per l’occupazione stabile . L’istruzione deve basarsi su una seria analisi dei settori produttivi e delle loro esigenze, nonché dei bisogni che esprime la società.
  4. Contrastare il processo di globalizzazione diretto dagli USA, creare un rapporto non coloniale con gli altri paesi: costruire infrastrutture e industrie chiavi in mano per pagare le importazioni aiutando il loro sviluppo per equilibrare il patrimonio industriale nel pianeta, ripudiare la guerra come strumento di rapina delle risorse di altri popoli, camuffata da intervento umanitario o “esportazione della democrazia”.
  5. Razionalizzare gli sprechi nei servizi e nella pubblica amministrazione e investire i risparmi nella formazione e nell’innovazione. Garantire un elevato livello dei servizi sociali.

Intendiamo essere presenti all’incontro del 1° ottobre, per discutere questi punti e tutte le proposte di analisi e di organizzazione che vi saranno presentate. A presto.

15/09/2011 la redazione del blog pennabiro

www.pennabiro.it info@pennabiro.it