Gli immigrati : problema dell’Italia o dell’Europa ?

di Iglis Restani

L ‘Europa , l’Unione Europea,è una parola vuota? La questione non è nuova, non si pone solo oggi con gli sbarchi a Lampedusa e le decine di migliaia di immigrati provenienti dal Nord Africa . L’Unione Europea dichiarata a Maastricht nel 1992 , dopo essere stata Comunità Economica Europea , è al momento soprattutto un’insieme di regole economiche e la moneta unica entrata in vigore nel 2001.La situazione è sotto gli occhi di tutti. Quando si tratta di affari economici, di deficit pubblico,la UE si comporta da federazioni di stati con una unica autorità,la Banca centrale europea. Quando si tratta di affari interni e di politica estera ogni paese si comporta come meglio crede.

Nel caso degli immigrati che stanno arrivando da noi provenienti dal Nord Africa il nostro governo si richiama agli accordi firmati nel 1995 in una cittadina del Lussemburgo, Schengen, che riguardavano la libera circolazione dei cittadini degli stati aderenti. Appunto, quegli accordi si riferivano al libero movimento dei cittadini europei all’interno dei paesi firmatari degli accordi. Sono cittadini europei i somali,eritrei,tunisini, egiziani e fra poco libici che arrivano sulle nostre coste? Evidentemente no .

E soprattutto : siamo di fronte ad un afflusso eccezionale di sfollati a causa di rivolgimenti politici e quindi entra in vigore la direttiva 55 del 2001 della UE che prevedeva in casi del genere l’intervento del consiglio europeo oppure no? La risposta da parte dei rappresentanti dei governi europei è stata negativa.

A questo punto a cosa è ricorso il governo italiano ? Ha pensato di concedere un permesso di soggiorno agli immigrati arrivati sul nostro territorio entro i primi giorni di aprile in modo da rientrare nei parametri di Schengen .

Ma   il problema non può essere risolto con questa scappatoia anche perchè gli immigrati vengono poi respinti alle nostre frontiere.

La questione è innanzitutto politica e riguarda un punto fondamentale : c’è e se sì qual’è la politica comune della UE verso l’insieme dei paesi del Nord Africa ?

Nel 1995 fu istituita una conferenza tra i paesi europei con alcuni paesi dell’Africa mediterranea e del Medio Oriente, Marocco , Algeria , Tunisia,Egitto,Israele,Autorità Palestinese,Giordania,Siria,Libano,Turchia.

Obiettivi ?Carta per la stabilità e la sicurezza nel Mediterraneo , collaborazione economica e finanziaria,cooperazione nei settori sociali .La Libia , dopo alcune critiche iniziali verso la UE, accusata di voler far passare solo i suoi progetti economici , aderì nel 2000. Che fine ha fatto quella Conferenza ? Continue reading

Importante iniziativa della Confederazione Unitaria di Base il 15 aprile

La  C.U.B. , Confederazione Unitaria di base , sindacato che da anni  si batte per dare ai lavoratori un sindacato alternativo , promuove per la giornata di venerdì 15 aprile uno sciopero  c0ntro l’uso delle bombe contro i popoli e per la difesa dei diritti dei lavoratori.

Nel silenzio assordante  dei sindacati confederali CGIL-CISL-UIL e mentre  la dirigenza dei partiti di  ” opposizione ” a partire dal  PD  nonchè gran parte della stampa sostiene l’intervento militare in Libia , questa iniziativa si segnala come un contributo importante all’opposizione a questa che è una vera e propria guerra .Opposizione che esiste tra i giovani, i lavoratori , gli immigrati , che  lottano per il lavoro , per il salario , per l’istruzione .

La solidarietà del nostro blog a questa giornata di lotta.

sciopero 15 aprile

 

Le principali Manifestazioni :
Milano – Largo Cairoli ore 9,30
Palermo – Piazza Politeama ore 10,30
Torino – Via Livorno, 49 ore 9,30
Napoli  Ore 9.00 Telecontrolli Casoria; Ore 11.00 Aiazzone di Mariglianella
Sabato  16  Ore 14.00  Piazza del Gesù
Pontedera (PI) ore 10,00   c/o PIAGGIO
Bologna ore 10,00  prefettura in via Roosvelt.

Genova ore 9,30 Piazza Caricamento .

Roma ore 10 Ministero Tesoro; ore 17 P.zza Esquilino