La strana crisi del governo Berlusconi

Perchè il governo è in crisi?

Perchè il governo è in crisi?

E’ cominciato il conteggio alla rovescia per il governo Berlusconi? Tutto fa pensare di sì eppure, da più parti, si continua a dire che non si ricorda nei tempi passati un altro governo con la maggioranza che questo ha avuto dalle elezioni del 2008 .

Perchè allora il governo è in crisi ? Se si guarda ai numeri , con la scissione dal PDL del gruppo di Fini, Futuro e Libertà , se i deputati ed i senatori di questo gruppo non votano più a favore del governo , questo perde la maggioranza alla Camera ed è in bilico al Senato. A questo punto è normale chiedersi :ma perchè adesso il gruppo di Fini è contrario al PDL e su cosa?

Nelle assemblee costitutive di Futuro e Libertà Fini ha indicato in particolare tre punti : federalismo ; politica estera , in particolare gli accordi con la Libia ; riforma della giustizia .C’è da dire che in precedenza , sia al momento della fondazione del PDL , con scioglimento di Forza Italia e AN ,sia negli anni successivi e sia nel dibattito interno al Popolo della Libertà, sempre che si possa parlare di dibattito , queste posizioni non erano mai emerse . Se a ciò si aggiunge la posizione del tutto defilata di Fini alle recenti elezioni regionali, il sospetto che l’ancora attuale presidente della Camera avesse già in mente da tempo lo strappo è inevitabile. L’uscita del suo gruppo dal popolo della libertà viene oggi utilizzata dai partiti di opposizione per chiedere le dimissioni del governo ma soprattutto per un cosiddetto governo “tecnico” o di “transizione”,governi per i quali , occorre dire ,nessuno aveva votato alle elezioni del 2008.

Cosa succederà dunque il 14 dicembre , il giorno del voto di fiducia al governo e dopo? Continue reading

Dove vanno le ferrovie italiane

DOVE VANNO LE FERROVIE ITALIANE

Convegno sul trasporto in Toscana il 27 novembre a Grosseto

Dove vanno le ferrovie italiane e cosa sarà del  trasporto ferroviario locale? Sono domande che sorgono spontanee  quando assistiamo allo scambio di frecciate  fra l’amministratore delegato di FS Moretti e quello che si appresta a diventare il principale concorrente privato, Montezemolo, co-fondatore con Della Valle e Punzo, principali azionisti della società NTV nata con fondi lussemburghesi e treni prodotti in Francia, che viaggeranno con un  software francese. Domande cui solo una visione globale del trasporto nazionale all’interno di un sistema europeo integrato può dare risposte positive,  con un ribaltamento del rapporto che c’è oggi tra trasporto su strada e su rotaia ed anche su mare,ovvero più treni e navi e meno automobili e camions.

Il convegno che si terrà sabato 27  presso la sala del consiglio comunale di Grosseto sui trasporti della Toscana , promosso dal Movimento Bene Comune e dal Comitato di solidarietà dalla parte dei lavoratori e dei disoccupati , si preannuncia come una iniziativa utile a porre la questione dei trasporti  tra le priorità del nostro paese e a trovare  le soluzioni rispondenti agli interessi dei lavoratori del settore e dei cittadini .Riportiamo di seguito  il documento preparatorio a cura del Comitato di solidarietà .

Continue reading