Governo in crisi e continuità col passato

Governo in crisi

Nuove elezioni o Berlusconi succederà a se stesso?

Dunque il governo Berlusconi è in crisi. Cosa dobbiamo aspettarci da un eventuale scioglimento, si andrà a nuove elezioni o qualcuno sostituirà Berlusconi o, ancora, Berlusconi succederà a sé stesso?

Per capire come potrebbero andare le cose può essere utile andare indietro di un paio di decenni, all’inizio degli anni 90. Erano gli anni di Tangentopoli che videro la distruzione dei partiti allora di governo. Dalla Democrazia Cristiana, che aveva governato quasi ininterrottamente dal dopoguerra, al Partito Socialista che era entrato nei governi dagli anni 60, al Partito Socialdemocratico, al Partito Liberale, al Partito Repubblicano, tutti in vario modo collegati al sistema delle tangenti con il mondo economico. Un terremoto politico che sciolse il cosiddetto CAF ovvero Craxi, PSI, e Andreotti e Forlani, DC.  Stranamente si salvò il PdS , ex Partito comunista, che aveva anch’esso beneficiato di aiuti economici illegali.

Continue reading

La manovra governativa. I casi FIAT e ferrovia

trenitaliaLe manovre governative di tutta Europa, Italia inclusa, messe a punto per tenere sotto controllo i debiti pubblici, sono basate su nuovi tagli ai sistemi pensionistici e agli stipendi dei lavoratori del pubblico impiego, accompagnate da nuove politiche di dismissione dei settori economici pubblici a tutto vantaggio del potere finanziario (sono coinvolti non solo aziende e servizi pubblici ma anche, e in primis, il sistema pensionistico e quello sanitario). Lo scopo è quello di favorire la grande finanza e le banche, in grave difficoltà per i danni da esse stesse provocati ma che così vengono riversati sul paese e sui lavoratori.

Continue reading